Post in evidenza

Clamoroso: il Pellegrinaggio a Chartres in diretta TV (olte che su YouTube) #NDC2024 #pentecoste2024 #pentecoste

SEGUI LA DIRETTA Qui sul canale YouTube di Notre Dame de Chretienté tutte le varie dirette.  - sabato 18 maggio a partire dalle ore 6:00 la...

mercoledì 1 febbraio 2023

Mons. Gänswein ha celebrato la S. Messa per il defunto Benedetto XVI presso la sua tomba nelle Grotte Vaticane

Ieri mattina (31.1.2023) nelle Grotte Vaticane, presso la tomba di Benedetto XVI, mons.  Georg Gänswein ha offerto la S. Messa in suffragio della sua anima, nel trigesimo della morte del papa emerito. 
Le foto sono state scattate da Grzegorz Galazka e son tratte da Fontazione Vaticana Joseph Ratzinger Benedetto XVI
Roberto 






9 commenti:

  1. ...Ah... non celebra in rito tridentino...

    RispondiElimina
    Risposte
    1. E certo, cosa credevi? Guarda che almeno due terzi del polverone attorno a Mons. Gänswein è stato montato dai tradizionalisti.

      Elimina
  2. Ovviamente il povero monsignore è stato costretto a celebrare con il novus ordo!!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. L’avranno minacciato!
      Il concelebrante, in realtà è un funzionario dei servizi segreti vaticani pronto ad arrestarlo se tira fuori un messale tridentino.


      Certo che a farvi cinema tutti vostri non vi batte nessuno!

      Elimina
  3. Costretto ah ah ah ah. È il coraggio che manca

    RispondiElimina
  4. Nella cappella del monastero ha sempre concelebrato con Benedetto XVI in lingua volgare.

    RispondiElimina
  5. Non si può costringere nessuno!

    RispondiElimina
  6. Mons. Ganswein un "novu sordo"

    RispondiElimina
  7. Mah! L'importante è pregare e offrire suffragi per i defunti!

    RispondiElimina

AVVISO AI LETTORI: Visto il continuo infiltrarsi di lettori "ostili" che si divertono solo a scrivere "insulti" e a fare polemiche inutili, AVVISIAMO CHE ORA NON SARANNO PIU' PUBBLICATI COMMENTI INFANTILI o PEDANTI. Continueremo certamente a pubblicare le critiche ma solo quelle serie, costruttive e rispettose.
La Redazione