Post in evidenza

Clamoroso: il Pellegrinaggio a Chartres in diretta TV (olte che su YouTube) #NDC2024 #pentecoste2024 #pentecoste

SEGUI LA DIRETTA Qui sul canale YouTube di Notre Dame de Chretienté tutte le varie dirette.  - sabato 18 maggio a partire dalle ore 6:00 la...

giovedì 29 agosto 2013

"Signore, dacci santi sacerdoti".

Don (fr.) Emil Kapaun (1916-1951) è stato dichiarato Servo di Dio nel 1993 e fu un prete cattolico,  cappellano dell'esercito degli Stati Uniti nella guerra di Corea (in cui fu anche fatto prigioniero per 7 mesi, durante i quali aiuto e confortò i propri compagni di sventura). Continuò poi il proprio ministero sacerdotale che il suo ruolo di cappellano gli chiedeva, incurante della cattiva salute, fino alla morte arrivata perchè rifiutò le cure pur di non far mancare l'assistenza spirituale e il conforto dei sacramenti ai propri commilitoni, per il bene delle loro anime.
L'11 Aprile 2013 il presidente degli USA ha conferito la Medaglia d'Onore per il servizio reso durante la Guerra di Korea.

La foto, che lo raffigura mentre celebra la Messa da campo, risale al 7 Ottobre 1950, e si può notare l'altare "particolare" 
Il sacerdote, probabilmente fu ritratto nel momento del Dominus vobiscum, prima della benedizione finale. 
 
Come don Kapaun, anche oggi ci sono tanti sacerdoti che tra mille sacrifici, santificano il popolo di Dio a.m.D.g. Ma sono sempre pochi e troppo nascosti. A loro il nostro sostegno. Dio ve ne renderà merito.
 
fonte: sito father Emil Kapaun

1 commento:

  1. "anche oggi ci sono tanti sacerdoti che tra mille sacrifici, santificano il popolo di Dio a.m.D.g. Ma sono sempre pochi e troppo nascosti." Questo blog non conosce il principio di non contraddizione.

    RispondiElimina

AVVISO AI LETTORI: Visto il continuo infiltrarsi di lettori "ostili" che si divertono solo a scrivere "insulti" e a fare polemiche inutili, AVVISIAMO CHE ORA NON SARANNO PIU' PUBBLICATI COMMENTI INFANTILI o PEDANTI. Continueremo certamente a pubblicare le critiche ma solo quelle serie, costruttive e rispettose.
La Redazione