Post in evidenza

La Messa proteiforme: a modest proposal. Risposta e proposta al Prof. Grillo

Il Prof. Grillo ha voluto gentilmente confrontarsi (v. qui ) con il nostro commento critico alla sua intervista (in cui, lo ricordiamo, el...

sabato 17 luglio 2010

'Cartellino giallo' al prete olandese della messa-pagliacciata per i mondiali

Incredibile, ma vero. E' stato meritatamente sospeso dalle funzioni parrocchiali il pretino olandese che aveva organizzato la messa(inscena) con tanto di tiri in porta durante la celebrazione (rivedetela qui). In realtà, quella non è stata la causa efficiente del provvedimento sanzionatorio (ci saremmo stupiti del contrario: non perché non sia motivo sufficiente, perfino per esser spediti a Castel S. Angelo, ma perché quell'opportuna severità in caso di gravi abusi liturgici non è più di moda, tanto meno in Olanda). E' stata però la classica goccia che ha fatto tracimare il pitale, come riferisce Cantuale Antonianum in un articolo del quale riportiamo un breve estratto:
Da quanto si apprende dal sito della parrocchia dove ministrava, era arrivato come parroco ad Obdam è già faceva parlare di sè. Pare, dunque, che la messa calcistica fosse il meno: padre Vlaar partecipava tranquillamente (ancora nel 2009) a trasmissioni TV in cui criticava il Papa, si distanziava da parecchie dottrine cattoliche, pensa di poter benedire le nozze gay infatti, dice lui, se può benedire le motociclette, perchè non queste persone? (leggete qui).
Ma solo dopo che le foto della Messa-pagliacciata hanno fatto il giro di tutti i giornali del mondo, con tante prese in giro perchè l'Olanda ha perso, il vescovo di Haarlem-Amsterdam ha imposto a padre Paul un "periodo di ritiro" e di preghiera sospendendolo dalle sue funzioni pastorali. Il sito ufficiale della diocesi dice - comunque - che "poi si vedrà" dopo questi giorni di penitenza. Inoltre viene precisato che: "Lo zelo pastorale e l'impegno del parroco non sono inoltre in questione".Il suggerimento che verrebbe dalle norme papali appena emanate è che il pastore Vlaar dovrebbe essere deferito alla Congregazione per la Dottrina della Fede, per profanazione della Santissima Eucaristia


Ecco un'altra delle sue passate prodezze: la messa per i cacciatori, con tanto di cani da caccia, falconi e gufi (fonte: Cathcon):

56 commenti:

  1. Da Enrico l'Imperatore a Enrico l'Uccellatore :)

    RispondiElimina
  2. Concordo con quanto scritto dal sito pastorle: in fondo che male ha fatto questo prete? Benedice le moto che non han certo dignità umana come i  gay, al cui amore, in fondo, fornisce una regolarizzazione canonica, sottraendoli ad una condizione di peccato, e, novello S. Francesco, parla con gufi e cani, che non han meno meriti del lupo e d'altre specie d'uccelli. Lo zelo pastorale, dunque, giustamente gli va riconosciuto.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Carissimo non viene messo in discussione lo zelo pastorale di questo sacerdote, ma la messa rimane pur sempre il rito massimo e sublime in cui viene rivissuta la Passione, Morte e Resurrezione di Nostro Signore Gesù Cristo e non va assolutamente trasformata in una pagliacciata. Seconda cosa questo articolo dice che questo sacerdote ha partecipato a molti programmi televisivi in cui criticava il Santo Padre in persona a cui lui ha giurato obbedienza e fedeltà in quanto Vicario di Cristo in Terra. Terza cosa non vedo come tu possa paragonare delle persone a degli oggetti come moto o altro.
      Che Dio ti Benedica

      Elimina
  3. Sarà...  Però lo la teologia dello sport deve essere uno "speciale  carisma" della Diocesi di Haarlem-Amsterdam visto che sulla home page del sito della diocesi l'immagine di copertina è (al momento) la partenza di una corsa ciclistica.

    RispondiElimina
  4. Però dovete ammettere che la trovata del calcio di rigore era geniale! :D :D :D :D :D :D :D

    RispondiElimina
  5. Ciò che mi inquieta in casi simili non sono le sceneggiate inventate durante la messa; ciò che mi inquieta sono i fedeli che, di fronte a simili fatti (non dico che protestino perché per protestare ci vuol coraggio) non voltano le spalle e se ne vanno, lasciando il pretino da solo con i suoi palloni e i suoi grifoni.
    Anzi, si trattengono compiaciuti e sorridenti di fronte alle pagliacciate fatte dal prete mentre Cristo si immola.

    RispondiElimina
  6. ....non resisto alla domanda, perdonatemi....
    se l'Olanda avesse vinto il mondiale, avrebbero preso oggi la decisione di ammonirlo? :-D

    Sono sempre più confusa, forse perchè nel ruolo del genitore non mi sono mai ridotta ai rigori....ossia ho sempre tentato di PREVENIRE il gol con tanto di fallo da parte dei figli....comprendo l'arbitro di questa partita strana (il vescovo in questo caso), tuttavia se questo "giocatore" (il sacerdote in questione) già si comportava in maniera scorretta, perchè non l'hanno ammonito prima?
    Eì così che si rovinano le squadre (le comunità), quando si persiste a lasciare gli elementi corrotti....
    La sana e SANTA E BENEDETTA  disciplina è indispensabile per ogni uomo.....
    TUTTI facciamo un lavoro di squadra, san Paolo ben ammonisce come ci si deve comportare con gli elementi recidivi....
    Questo Sacerdote non ha compreso bene il ruolo che gioca, occorre anche vedere come è stato preparato e chi sono (e chi sono stati) e come si comportano i suoi...allenatori!

    RispondiElimina
  7. Questo stregone andava solo ridotto allo stato laicale,con accompagno di una sana scomunica. Il fatto di aver celebrato una xxxxx (mi rifiuto di chiamarla messa)per i cacciatori e i loro cani, e' ancora piu' grave del rito calcistico, in quanto la caccia e' un grave peccato contro la creazione di Dio, e' violenza immotivata contro esseri viventi che pur inferiori all'uomo, non sono staticreati per dare a dei sadici la gioia di uccidere impunemente. Gli manca solo di andare in Spagna a benedire i toreri e le corride,e perche' no, in Giappone a benedire le baleniere e in Colombia a benedire i narcos, cosi' la sua smania di protagonismo e di eresia sara' soddisfatta.

    RispondiElimina
  8. Nel video i fedeli sono tutti o quasi anziani...molto probabilmente della generazione del dannato e famigerato "Catechismo Olandese", abituati a 40 anni di lavaggio del cervello modernista....il problema, dunque, a mio avviso, non è tanto dei fedeli (anche se, di fronte a certe pagliacciate, è lecito domandarsi l'assenza anche di semplici domande...), quanto dei sacerdoti e, quindi, dei direttori dei seminari e dei vescovi che non controllano, non educano, non formano...si ritorna quindi, purtroppo, alle solite questioni...

    RispondiElimina
  9. Se il ritiro é presso una casa di cura per all(leggi i)enati va pure bene! 

    RispondiElimina
  10.  Savonarola, gli animali Dio lnon li ha creati per dare " a dei sadici la gioiadi uccidere impunemente" è vero; li ha creati per sostentarci.
    Se tu conosci un metodo per mangiare una bella bistecca alla fiorentina senza uccidere un vitello se vuoi puoi farcelo partecipe.
    Ci interesserebbe parecchio.

    Se non conosci metodi simili allora vai a fare il pacifista-francescan-ecologista-animalista da un'altra parte; qui hai sbagliato posto.

    E stai pure attento: non si tratta di esser favorevoli alla caccia (neppure io lo sono); si tratta di vedere le cose secondo gli occhi di Dio. E Dio, se ha fatto gli uomini onnivori vuol dire che gli animali li ha creati anche per nutrircene. Altrimenti ci avrebbe fatto erbivori oppure ci avrebbe fatto campare d'aria.

    Un conto è battersi per evitare l'estinzione di molte specie (limitando o proibendo la caccia per quelle specie), e credo che siamo tutti d'accordo.
    Un'altro conto è definire peccato ciò che invece Dio vule che l'uomo faccia: cioè nutrirsi anche degli animali; e per farlo bisogna pur, in qualche modo , ammazzarli!

    RispondiElimina
  11. Caro Savonarola, come la mettiamo con quei santi preti della Valtellina che erano provetti cacciatori d'alta quota? Li mandiamo all'inferno, anche se hanno salvato tante anime, perché hanno ammazzato tanti animali e li hanno cucinati con accompagnamento di polenta magna??

    RispondiElimina
  12. Lei è un cacciatore Antonello? :)
    Sono d'accordo con quanto ha scritto, ma è pur vero che oggi la caccia non viene più praticata per sostentarsi, ma per sport, per divertimento.

    RispondiElimina
  13. Magari il ritiro sarà presso un convento di suore (se in Olanda ce ne sono ancora) che a messa organizzano serissimi balletti simil tribali in  abiti discinti.

    Voi ci vedreste differenza con la messa col calcio di rigore?
    Io no.
    vene varicose a parte!

    Altro che sospensione dalle funzioni parrocchiali: sospensione a divinis ci vorrebbe; del tipo di quella che il vescovo di Evreaux darà al mitico abbè Michel fra qualche giorno.

    RispondiElimina
  14. Com'è che diceva quella pubblicità? "Potevamo stupirvi con effetti speciali...." Secondo me il problema sta tutto qui: nell'eclissi del sacro, ogni invenzione diventa buona per suscitare stupore e illudersi di richiamare così più gente in chiesa. Ma l'unico risultato che si ottiene è un'ulteriore desacralizzazione, come un vortice nel quale si viene inesorabilmente risucchiati. Bisognerebbe invece lanciare una specie di certificazione iso9001 che garantisca pubblicamente che questo o quel prete celebra la Messa (NO, ma anche VO) secondo la mens del papa, con congrua preparazione spirituale prima, ringraziamento dopo, nessuna creatività selvaggia ma rispetto delle norme liturgiche, sobrietà e raccoglimento. Non dovrebbe essere impossibile nell'era di internet...

    RispondiElimina
  15. Com'è che diceva quella pubblicità? "Potevamo stupirvi con effetti speciali...." Secondo me il problema sta tutto qui: nell'eclissi del sacro, ogni invenzione diventa buona per suscitare stupore e illudersi di richiamare così più gente in chiesa. Ma l'unico risultato che si ottiene è un'ulteriore desacralizzazione, come un vortice nel quale si viene inesorabilmente risucchiati. Bisognerebbe invece lanciare una specie di certificazione iso9001 che garantisca pubblicamente che questo o quel prete celebra la Messa (NO, ma anche VO) secondo la mens del papa, con congrua preparazione spirituale prima, ringraziamento dopo, nessuna creatività selvaggia ma rispetto delle norme liturgiche, sobrietà e raccoglimento. Non dovrebbe essere impossibile nell'era di internet...

    RispondiElimina
  16. Com'è che diceva quella pubblicità? "Potevamo stupirvi con effetti speciali...." Secondo me il problema sta tutto qui: nell'eclissi del sacro, ogni invenzione diventa buona per suscitare stupore e illudersi di richiamare così più gente in chiesa. Ma l'unico risultato che si ottiene è un'ulteriore desacralizzazione, come un vortice nel quale si viene inesorabilmente risucchiati. Bisognerebbe invece lanciare una specie di certificazione iso9001 che garantisca pubblicamente che questo o quel prete celebra la Messa (NO, ma anche VO) secondo la mens del papa, con congrua preparazione spirituale prima, ringraziamento dopo, nessuna creatività selvaggia ma rispetto delle norme liturgiche, sobrietà e raccoglimento. Non dovrebbe essere impossibile nell'era di internet...

    RispondiElimina
  17. Un P.S. a quanto ho postato sopra:
    questa notizia del prete olandese fa il pari con la sospensione a divinis del prete don Paolo Spoladore, "famoso" per i suoi canti pseudo liturgici....
    sospeso perchè sospettato di essere un padre di un bambino di 8 anni.....
    Mi fermo e mi domando: perchè trasformare l'ammonizione esclusivamente al cedimento passionale di un uomo-prete, mentre fino a quel sospetto lo si è lasciato fare ben sapendo che PREDICAVA una dottrina strana in ambito catechetico?
    Infatti fino a che non è giunto il sospetto praticamente certo della sua paternità nascosta, lo si è lasciato predicare PERMETTENDOGLI DI FARE UN CLUB ESCLUSIVO a PAGAMENTO (240 euro a persona) PER SENTIRSI DIRE COME USARE IL CERVELLO.... *DONT_KNOW*
    Ora giunge il monito del vescovo che sostiene CHE TUTTI I LIBRI (BEN ESPOSTI NELLE LIBRERIE PAOLINE) di Spoladore NON SONO STATI MAI APPROVATI DALLA CHIESA....
    Chi controllerà che le librerie paoline e della Elledici ed altre cattoliche li tolgano dagli scaffali mettendo magari un bell'avviso in bacheca con il riferimento alla decisione del Vescovo?

    RispondiElimina
  18. I cacciatori ora uccidono per SPORT!!!!! E comunque se leggete la genesi vedrete che Dio detto ad Adamo ed Eva di nutrirsi dei frutti della terra e degli alberi. Io sono diventata vegetariana perchè non sopporto il modo in cui nnoi occidentali sfruttiamo gli animali per poi ucciderli solo per soddisfare la nostra panza, non certo per sfamarci, se mangiassimo animali per sfamarci e basta non credo avrei problemi

    RispondiElimina
  19. Se succedesse nella mia parrocchia la reazione non sarebbe diversa, sarebbe solo una simpatica trovata del parroco...e sono arcisicuro, conoscendo bene l'ambiente, che le catechiste  troverebbero la giustificazione, se non anche l'apprezzamento (è una mia malignità, forse un giudizio temerario, ma quelle spasimano per pavoneggiarsi davanti al parroco la cui benevolenza è l'unico loro interesse).
    Bel frutto del concilio è la scomparsa nei fedeli di sensibilità liturgica. L'ambiguità teologica del NO produce incertezza di fede; l'incertezza di fede produce scomparsa del senso del sacro dalla liturgia che, a sua volta, indebolisce ancora di più la fede... e siamo daccapo,giro giro tondo...! 

    RispondiElimina
  20. Nella biblioteca dlla mia Parrocchia c'è una copia del famigerato "Catchismo Olandese": Deo gratias, nessuno se ne ricorda ed è da anni a prender polvere!

    RispondiElimina
  21. Facciamo prima e decidiamo che la Messa si fa solo per cose che riguardano i "santi" e non i "fanti"?

    RispondiElimina
  22. Il Vescovo di Sassari, dovrebbe prendere provvedimenti per il parroco di Santa Monica a Sorso, anche lui "celebra" la messa (inscena).

    RispondiElimina
  23. Beh amici,  nella mia  città c`è una messa speciale per i proprietari di animali che possono portare i loro gatti cani e altri compagni per farli benedire.

    RispondiElimina
  24. Se la caccia, anche se praticata per puro spirito agonistico, potesse costituire, in sé e per sé, un atto anche vagamente riprovevole sarebbe stata certamente in grave errore la Chiesa, nel porre la caccia addirittura sotto la protezione di tre distinti Santi patroni (Ubaldo, Corrado ed Eustachio) .
    Mi permetterei di mettere tutti noi sull'avviso, nei confronti dell'esasperato animalismo che (con mia somma meraviglia) ho potuto veder tralignare addirittura anche su questo forum, giacché si tratta di uno dei tanti frutti avvelenati donatici dalla "new age" e dal "neopaganesimo", per poter convertire inconsapevolmente gli animi meno vigili nella direzione dell'accoglimento dei loro erronei sistemi di pensiero. 

    RispondiElimina
  25. Le Paoline poi, pur di far soldi!
    Se però andate a chiedere un Messale Romano vi guardano in cagnesco.

    RispondiElimina
  26. <span>Se l'esercizio delle attività venatorie, quantunque praticate per puro spirito agonistico, potessero costituire, di per in sé, un atto anche vagamente riprovevole sarebbe stata certamente in gravissimo errore la Chiesa, nel porre la caccia addirittura sotto la protezione di tre distinti Santi patroni (Ubaldo, Corrado ed Eustachio) .  
    In senso più generale, mi permetterei di mettere tutti noi sull'avviso, nei confronti dell'esasperato animalismo che (con mia somma meraviglia) ho potuto veder tralignare addirittura anche su questo forum, giacché si tratta di uno dei tanti frutti avvelenati donatici dalla "new age" e dal "neopaganesimo", per poter meglio volgere gli animi inconsapevoli e meno vigili nella direzione dell'accoglimento dei loro erronei sistemi di pensiero. </span>

    RispondiElimina
  27. Si, andava ridotto allo stato laicale ma, alla don Camillo di Guareschi, con accompagno di un calcione là dove non i usa ragionare.

    RispondiElimina
  28. <span><span>Se l'esercizio delle attività venatorie, quantunque praticate per puro spirito agonistico, potesse costituire, di per sé, un atto anche vagamente riprovevole sarebbe stata certamente in gravissimo errore la Chiesa, nel porre la caccia addirittura sotto la protezione di tre distinti Santi patroni: Ubaldo, Corrado ed Eustachio .    
    In senso più generale, mi permetterei di mettere tutti noi sull'avviso, nei confronti dell'esasperato animalismo che (con somma meraviglia) ho potuto veder tralignare addirittura anche su questo forum, giacché si tratta di uno dei tanti frutti avvelenati donatici dalla "new age" e dal "neopaganesimo", per poter meglio volgere gli animi dei soggetti inconsapevolmente meno vigili nella direzione dell'accoglimento dei loro erronei sistemi di pensiero. </span></span>

    RispondiElimina
  29. Certo per incentivare il turismo!

    RispondiElimina
  30. "Non sapete che quelli che corrono nello stadio, corrono bensì tutti, ma uno solo riporta il premio? Correte dunque, affine di riceverlo" (I Cor)

    RispondiElimina
  31. Io, che non son né cacciatore né animalista (gli animali van trattati da animali, non si dovrebbe comprar per gatti e cani il filetto) fo mie le osservazioni dell'Ospite delle 15.10. Tuttavia non si può non esecrare la crudeltà nei riguardi degli animali.
    Riicordo una lontana e focosa campagna degli animalisti volta a distogliere gl'italiani dal mangiar l'agnello a Pasqua. Intervenne il dotto e arguto card. Palazzini, teologo moralista di prim'ordine, che la smantellò con poche parole: A Pasqua mangiate l'agnello, che è immagine di Cristo.

    RispondiElimina
  32. Caterì, ma i libri di Mancuso dove li trovi in vetrina in bella mostra ed in più copie?

    RispondiElimina
  33. Australopithecus phlippoides misanthropicus17 luglio 2010 alle ore 17:21

    Mah, non capisco.... Se non è contro la caccia allora non è un prete progressista!  In ogni caso a me piacciono gli animali. Più animali e meno uomini ! Signori, non fate più figli, basta! Se continuiamo così il mondo diventerà un'enorme  pattumiera, non ci sarà più posto per gli altri esseri viventi.  Anziché  l'agnello, per Pasqua, potremo mangiare al massimo qualche ratto catturato nelle discariche. Che ne dice professore, una bella fiorentina di ratto, al sangue, non le stuzzica l'appetito ???  ;)
    A Gricigliano, invece, passeranno dal patè de foie gras al patè de rat.

    RispondiElimina
  34. Australopithecus philippoides misanthropicus17 luglio 2010 alle ore 17:35

    <span>Mah, non capisco.... Se non è contro la caccia allora non è un prete progressista!  In ogni caso a me piacciono gli animali. Più animali e meno uomini ! Signori, non fate più figli, basta! Se continuiamo così il mondo diventerà un'enorme  pattumiera, non ci sarà più posto per gli altri esseri viventi.  Anziché  l'agnello, per Pasqua, potremo mangiare al massimo qualche ratto catturato nelle discariche. Che ne dice professore, una bella fiorentina di ratto, al sangue, non le stuzzica l'appetito ???  ;)  
    A Gricigliano, invece, passeranno dal paté de foie gras du Périgord al consommè des souris et escargots.</span>

    RispondiElimina
  35. Australopithecus philippoides misanthropicus17 luglio 2010 alle ore 17:36

    <span><span>Mah, non capisco.... Se non è contro la caccia allora non è un prete progressista!  In ogni caso, a me piacciono gli animali. Più animali e meno uomini ! Signori, non fate più figli, basta! Se continuiamo così il mondo diventerà un'enorme  pattumiera, non ci sarà più posto per gli altri esseri viventi.  Anziché  l'agnello, per Pasqua, potremo mangiare al massimo qualche ratto catturato nelle discariche. Che ne dice professore, una bella fiorentina di ratto, al sangue, non le stuzzica l'appetito ???  ;)    
    A Gricigliano, invece, passeranno dal paté de foie gras du Périgord al consommè des souris et escargots.</span></span>

    RispondiElimina
  36. No davvero, non mi stuzzica l'appetito. E il fois gras non mi piace. Preferisco il patè di fegatini di pollo di cui son ormai uno specialista.

    RispondiElimina
  37. Hai ragione Dante..... :-D
    ma anche per questo non mi scandalizza la pallina da calcio nè la nascita di un figlio in stato di tradimento alla Sposa....
    certo alla fine tutto si associa, chi navi naviga controcorrente alla fine questi sono i frutti....
    Ma le Paoline (come altre libreire cattoliche di stampo modernista) sono intoccabili!! sono infallibili più del Papa....sono infallibili più del Cristo in Persona...

    RispondiElimina
  38. "<span><span><span>...giacché si tratta di uno dei tanti frutti avvelenati donatici dalla "new age" e dal "neopaganesimo", per poter meglio volgere gli animi dei soggetti inconsapevolmente meno vigili nella direzione dell'accoglimento dei loro erronei sistemi di pensiero".</span></span></span>

    Devo, per onestà, dire che per quanto mi riguarda il "neopaganesimo"  non c'entra. Sono stato 'sviato'  dalla scuola elementare negli anni '50. :(
    <span><span><span>Chiedo scusa ai Santi Ubaldo, Corrado ed Eustachio ma tutte le volte che sento parlare di caccia mi tornano in mente, da allora, i versi di Pascoli:
    </span></span></span>

    Ritornava una rondine  al tetto:
    l'uccisero: cadde tra spini;
    ella aveva nel becco un insetto:
    la cena de' suoi rondinini.

    RispondiElimina
  39. <span>"Non sapete che quelli che corrono nello stadio, corrono bensì tutti, ma uno solo riporta il premio? Correte dunque, al fine di riceverlo" (I Cor)</span>

    RispondiElimina
  40. ...si tratta di uno dei tanti frutti avvelenati donatici dalla "new age" e dal "neopaganesimo"

    Devo dire, per onestà, che per quanto mi riguarda il "neopaganesimo" non c'entra. Sono stato sviato dalla scuola elementare negli anni '50. :(
    Da allora, e di ciò chiedo scusa ai Santi Ubaldo, Corrado ed Eustachio, ogni volta che sento parlare di caccia mi tornano alla mente i versi di Pascoli:

    Ritornava una rondine  al tetto:
    l'uccisero: cadde tra spini;
    ella aveva nel becco un insetto:
    la cena de’ suoi rondinini.

    Non ho comunque avuto consapevolezza, fino a oggi, della gravità della cosa e anche se questo in parte (forse) mi giustifica, andrò a confessarmi. Spero solo che non mi venga imposta, per penitenza, la partecipazione a un safari,

    RispondiElimina
  41. <span>..si tratta di uno dei tanti frutti avvelenati donatici dalla "new age" e dal "neopaganesimo"  
     
    Devo dire, per onestà, che per quanto mi riguarda il "neopaganesimo" non c'entra. Sono stato sviato dalla scuola elementare negli anni '50. :(  
    Da allora, e di ciò chiedo scusa ai Santi Ubaldo, Corrado ed Eustachio, ogni volta che sento parlare di caccia mi tornano alla mente i versi di Pascoli:  
     
    Ritornava una rondine  al tetto:  
    l'uccisero: cadde tra spini;  
    ella aveva nel becco un insetto:  
    la cena de’ suoi rondinini.  
     
    Non ho comunque avuto consapevolezza, fino a oggi, della gravità della cosa e anche se questo in parte (forse) mi giustifica, andrò a confessarmi. Spero solo che non mi venga imposta, per penitenza, la partecipazione a un safari.</span>

    RispondiElimina
  42. Ma alle rondini non si spara. Le leggi sulla caccia son abbastanza severe, anche troppo, mi dicono gli esperti.
    Esistono, però dei problemi, gravi e da non sottovalutare. Qui, come credo in altre regioni, si stanno moltiplicando in modo vertiginoso caprioli,  cinghiali, volpi, cornacchie ecc. I danni ai raccolti son spesso irreparabili, specie agli alberi da frutta e alle viti, ed anche ben più temibili che in passato i pericoli per chi va nei boschi a tagliar la legna. Per  strada, la sera, non è raro che, tornando a casa in auto o da una passeggiata, ci si debba fermare a debita distanza perché passa mamma cinghiala coi piccoli. E dal cancello aperto del giardino entran in un lampo i caprioli. Vederli così da lontano o in un fulmineo saltellare è uno spettacolo molto arcadico. La realtà amara no. Un conto è salvare le specie in estinzione, un conto lasciar cose e persone alla mercé di animali affamati e assetati che dai monti vengon giù a valle.
    In sostanza, in medio stat virtus.
    La penitenza del prete amante della caccia grossa puoi comunque fartela modificare da un prete animalista.

    RispondiElimina
  43. Se mai ti fosse possibile, cerca di farlo sparire per sempre !

    RispondiElimina
  44. Secondo il "Catechismo della Dottrina Cattolica" del 1957 chi fa del male, sfrutta, è crudele verso gli animali (e quindi non li utilizza per necessità), commette un grave peccato. Ad ogni modo, ogni tanto un pensierinoa San Franceso non sarebbe male.
    All'ospite delle 15.10: forse qualche secolo fa la caccia aveva un senso (molto forse, visto che la praticavano i ricchi che poi si ammalavano di gotta per la troppa carne ingurgitata), ora no, ora è solo crudeltà gratuita verso esseri indifesi creati da Dio e noi abbiamo il dovere di trattare bene (parole di Dio stesso).
    Mi meraviglio che un sacco di persone che amano tanto Dio, non rispettino la Sua parola se non gli sta bene (sempre per la famosa panza di cui sopra)

    RispondiElimina
  45. Anche se non sacerdote, una penitenza mi permetto di affibbiarglieLa io! Per riparare al poco rispetto prestato ai Santi Ubaldo, Corrado ed Eustachio: per un mese intero, pranzo domenicale a base di selvaggina.

    RispondiElimina
  46. Per me sarebbe davvero una penitenza da eremita.

    RispondiElimina
  47. Homo cogitans silvester17 luglio 2010 alle ore 22:54

    Le popolazioni di questi  erbivori selvatici  diventano sempre più consistenti  perché mancano quei  predatori come orsi, lupi e linci che le contenevano. Non è colpa della Natura se gli esseri umani si sentono i padroni del mondo e provocano squilibri.  No, Luisa cara, non sono un animalista :)

    RispondiElimina
  48. Homo cogitans silvestris17 luglio 2010 alle ore 22:58

    <span>Le popolazioni di questi  erbivori selvatici  diventano sempre più consistenti  perché mancano quei  predatori come orsi, lupi e linci che le contenevano. Non è colpa della Natura se gli esseri umani si sentono i padroni del mondo e provocano squilibri.  No, Luisa cara, non sono un animalista :)</span>

    RispondiElimina
  49. ............e' fuori di testa....................ma anche i fedeli sono proprio...stupidi.....ma stupidi!!!!!!!!!!!!!!! Ma che penitenza......fuori dalle balle!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!

    RispondiElimina
  50. Teofilo, usalo per accendere il fuoco per la brace e cucinaci costolette! Alla salute di certi vescovi cialtroni!

    RispondiElimina
  51. Se è parola di Dio non cacciare, mi indica il versetto preciso della Bibbia dove dice che è vietato?

    RispondiElimina
  52. esiste infatti l"equilibrio delle faune", quello per il quale è fisiologico che ad es.  "pesce grosso mangia pesce piccolo": principio da non applicarsi alla società umana, se non la si vuol intendere semplicemente come una "fauna"....

    RispondiElimina
  53. Se non ci pensa la natura a ristabilir l'equilibrio, bisogna che ci pensi l'uomo. Cinghiali, caprioli, lepri ecc. son commestibili e, per molti, cibi prelibati.

    RispondiElimina
  54. medico cura te stesso. il parroco di santa Monica.

    RispondiElimina