Post in evidenza

Clamoroso: il Pellegrinaggio a Chartres in diretta TV (olte che su YouTube) #NDC2024 #pentecoste2024 #pentecoste

SEGUI LA DIRETTA Qui sul canale YouTube di Notre Dame de Chretienté tutte le varie dirette.  - sabato 18 maggio a partire dalle ore 6:00 la...

giovedì 8 gennaio 2009

Buona nomina a Detroit

Detroit è importante sede arcivescovile, solitamente connessa con il galero cardinalizio.

E' quindi con letizia che abbiamo appreso della nomina come nuovo arcivescovo, lo scorso 5 gennaio, di mons. Allen Vigneron, finora vescovo di Oakland e a fianco rappresentato.

Elementi significativi in suo favore sono l'ortodossia dottrinale e il classicismo liturgico, che lo ha portato ad accogliere nella diocesi di Oakland l'Istituto di Cristo Re (la cui sede madre, come noto, è in Italia a Gricigliano ed è recentemente divenuto di diritto pontificio). Particolare importante: Mons. Vigneron aveva aperto le porte all'Istituto tradizionalista prima ancora dell'emanazione del motu proprio (anzi: prima della nomina di Benedetto XVI, il che esclude una 'conversione' interessata), quindi applicando - caso raro - con larghezza - caso ancor più raro - il vecchio indulto Ecclesia Dei. Il Nostro è inoltre amico di mons. Burke, recentemente chiamato in curia a Roma, e anche questa è una rassicurante circostanza. Il neo-eletto, infine, non ha mai disdegnato di celebrare in forma straordinaria ed ha conferito cresime col rito tradizionale (qui tutte le immagini).

Mons. Vigneron mentre celebra col rito antico

Mille di queste nomine!

Occam



ADDENDUM 9.1.2008: il New Liturgical Movement riporta una testimonianza su Mons. Vigneron di un sacerdote che fu suo allievo al Seminario, rev. Rob Johansen. Il quale ricorda l'impegno di Mons. Vigneron per la restaurazione della liturgia e in particolare affinché i seminaristi cantassero le antifone del Proprio della Messa (come d'altronde prevede il Messale attuale, quale scelta preferenziale). Questa posizione, benché ben accolta dai seminaristi, gli aveva attratto critiche e nemici nell'establishment arcidiocesano. Ma egli ha tirato dritto.

1 commento:

  1. Grazie Gesù, grazie Santo Padre. Lunga vita al nuovo Arcivescovo e speriamo anche per le nostre diocesi italiane.... anche la mia!

    RispondiElimina

AVVISO AI LETTORI: Visto il continuo infiltrarsi di lettori "ostili" che si divertono solo a scrivere "insulti" e a fare polemiche inutili, AVVISIAMO CHE ORA NON SARANNO PIU' PUBBLICATI COMMENTI INFANTILI o PEDANTI. Continueremo certamente a pubblicare le critiche ma solo quelle serie, costruttive e rispettose.
La Redazione