Post in evidenza

Ora puoi... aiutare MiL

Se volete aiutare e sostenere MiL, potete fare una donazione anche piccola.   Ricordiamo ai nostri lettori infatti che MiL si sostiene solo ...

mercoledì 18 gennaio 2023

La vera (cattolica) preghiera per l'unità dei Cristiani. "Ut unum sint" nell'unico modo autentico e secondo Verità: con l'abiura e la conversione degli eretici e degli scismatici

La Chiesa che scaccia l'eresia
(di M. E. PEENE, 1658)

Oggi inizia la settimana (18-25 gennaio ) di preghiera per l'unità dei Cristiani (cioè perchè tutti i cristiani, abiurando e convertendosi, tornino ad essere cattolici).
Qui riproponiamo un'intervista di Cascioli a don 
Nicola Bux (per La Nuova Bussola Quotidiana, 2012) sempre attuale, ahinoi. 
Qui invece proponiamo una lettera di PaixLiturgique del 2022 un po' provocatoria ma che tocca un nervo scoperto e mostra l'incoerenza dei vertici della Chiesa: il clero cattolico "prega" tanto insieme coi ministri di culto di altre confessioni per l'unità dei Cristiani, ma poi...  emargina, critica e castiga i propri fedeli cattolici solo perchè "tradizionalisti" (si veda, ad es., Traditionis Custodes).
EXTRA ECCLESIAM, NULLA SALUS! 
Roberto

L'Ottavario per la conversione dei non cattolici (ora denominato Settimana di Preghiera per l'Unità dei Cristiani) e' una pia pratica, inizata nel 1909 dal Padre Paolo Francesco Watson (+1940), protestante episcopaliano convertito, che prevedeva la preghiera per la conversione anche di ebrei e islamici. (Qui un breve escursus sulla codificazione dall'origine al 1909).

Le intenzioni, quelle autentiche, come erano concepite nello spirito originario, sono le seguenti:
  • PRIMO GIORNO 18 gennaio, Cattedra di San Pietro (V.O. pre riforma 1960) in Roma. Pregare per la conversione di tutti coloro che sono nell'errore.
  • SECONDO GIORNO 19 gennaio, Pregare per la conversione di tutti gli scismatici
  • TERZO GIORNO 20 gennaio, Apparizione all'ebreo Ratisbonne. Pregare per la conversione dei Luterani e dei protestanti d'Europa in genere.
  • QUARTO GIORNO 21 gennaio, Sant'Agnese, Pregare per la conversione degli Anglicani
  • QUINTO GIORNO 22 gennaio, Pregare per la conversione dei protestanti d'America.
  • SESTO GIORNO 23 gennaio. Pregare per la conversione dei cattolici non piu'praticanti
  • SETTIMO GIORNO 24 gennaio. Pregare per la conversione degli Ebrei.
  • OTTAVO ed Ultimo giorno 25 gennaio Conversione di San Paolo. Pregare per la conversione degli islamici e di tutti i pagani.
Tra le preghiere tradizionalmente approvate per tale pratica, figura la seguente:

CORONCINA per l'Unita'
(Ci si serva di una comune corona del Rosario)

- Deus, in auditorium intende,
   Domine ad adiuvandum me festina

- Gloria Patri

- Sui grani del Padre Nostro recitare:

"Sacro Cuore di Gesu'. abbiate pieta'di noi e dei nostri fratelli avvolti nelle tenebre dell'errore".

- Sui granidell'Ave Maria recitare:

"Venga, o Signore Gesu', il tuo Regno, nell'unita'della Chiesa, per mezzo della tua Santa Madre".

- Si concluda con:

"Vergine Immacolata, Voi che per singolare privilegio di grazia fostepreservata dalla colpa originale, guardate pietosa ai nostri fratellidissidenti, che sono pure figli vostri. Non pochi di loro, benche' separati,conservano un qualche culto per Voi. E Voi, generosa qual siete, ricompensateli, impetrando a loro la grazia della conversione. Vittoriosa qual siete, dell'infernale serpe, fin dal principio della vostra esistenza, rinnovate, ora che piu' stringe la necessita', gli antichi tionfi, glorificate il Figlio vostro, riconducendo le pecorelle smarrite all'unico ovile, sotto la guida del Pastore universale, e sia vostra gloria, o Vergines terminatrice di tutti gli errori, aver riportato cosi' la pace in tutto il mondo cristiano. Amen.

- Salve Regina

- Oremus: Ut omnes errantes ad unitatem Ecclesiae revocare et infideles universos ad Evangelii lumen perducere digneris: te rogamus, Domine, audi nos Regina Sacratissimi Rosarii, ora pro nobis

6 commenti:

  1. E chi deve convertirsi sono sempre “gli altri”.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Sì esattamente. E dopo la conversione inizia la strada per la santificazione, che è un'altra cosa. Le parole hanno un significato, basta un dizionario.

      Elimina
    2. Lezioncina sciocca e priva di fondamento. Da quando esiste la Chiesa cattolica esistono il sacramento della Confessione, il tempo di Quaresima e le Quattro Tempora, le Rogazioni, il digiuno e l'elemosina, tutti mezzi di conversione non degli "altri" ma dei cattolici stessi. Lo spiritosone saccente vada piuttosto a chiedere alla gerarchia perché hanno ridotto il digiuno a una barzelletta limitandolo a 2 giorni l'anno e perché hanno abolito le Quattro tempora, vada a chiedere al Papa perché ha detto ai seminaristi spagnoli che anche chi non mostra pentimento dev'essere comunque assolto, e poi ne riparliamo.

      Elimina
    3. Tutti abbiamo bisogno di conversione. Ma il credo cattolico è l'unico vero interamente.

      Elimina
    4. Per l'anonimo delle ore 11:31 del 18 gennaio 2023. "Gli altri" devono sì convertirsi perché non cattolici. Questo il vero senso della settimana di preghiera per l'unità dei cristiani e il testo proposto lo allarga anche ai non cristiani. Poi è chiaro che il solo essere cattolici non basta per andare in Paradiso: in questo senso, tutti, anche i cattolici, sono chiamati ad una conversione a Dio quotidiana perché gli inganni di Satana sono sempre in agguato. Ma non può ironizzare la questione così come lei vuole intendere qui. Un saluto.

      Elimina
  2. Grazie infinite per aver ricordato il senso e l'importanza di questa settimana di preghiera: per amore di Gesù e delle anime, dobbiamo pregare perché chi cammina nell'errore o nell'ignoranza dell'unica vera fede possa convertirsi. Mettiamo tutto e tutti nel Cuore Immacolato di Maria.
    E. M.

    RispondiElimina

AVVISO AI LETTORI: Visto il continuo infiltrarsi di lettori "ostili" che si divertono solo a scrivere "insulti" e a fare polemiche inutili, AVVISIAMO CHE ORA NON SARANNO PIU' PUBBLICATI COMMENTI INFANTILI o PEDANTI. Continueremo certamente a pubblicare le critiche ma solo quelle serie, costruttive e rispettose.
La Redazione