Post in evidenza

Ora puoi... aiutare MiL

Se volete aiutare e sostenere MiL, potete fare una donazione anche piccola.   Ricordiamo ai nostri lettori infatti che MiL si sostiene solo ...

domenica 8 gennaio 2023

"Benedetto XVI, amico mio", del cardinale Robert Sarah #benedettoxvi

Pubblichiamo di seguito la traduzione dell'articolo in cui il Card. Robert SarahQUI su Le Figaro, offre un personale e meraviglioso ricordo del caro Benedetto XVI, menzionando alcuni importanti eventi del suo pontificato (anche sulla liturgia) e tratteggiando un profilo della sua bella umanità e profonda spiritualità: «Mi ha incoraggiato più volte con forza: era infatti convinto che "il rinnovamento della liturgia è una condizione fondamentale per il rinnovamento della Chiesa"».
Ri
pubblicato anche QUI da Il Sismografo.
Questa traduzione è stata realizzata grazie alle donazioni dei lettori di MiL.
Luigi

"Benedetto XVI, amico mio", del cardinale Robert Sarah
Robert Sarah*, Le Figaro, 04/01/2023 

OMAGGIO - Creato cardinale nel 2010 da Benedetto XVI, il conservatore guineano Robert Sarah è stato nominato membro della Congregazione per le Chiese orientali da Papa Francesco lo scorso anno. In precedenza è stato Prefetto della Congregazione per il Culto Divino e la Disciplina dei Sacramenti.

Per la maggior parte dei commentatori, Benedetto XVI sarà ricordato come un immenso intellettuale. Il suo lavoro durerà nel tempo. Le sue omelie sono già diventate dei classici come quelle dei Padri della Chiesa. Ma a coloro che hanno avuto la grazia di avvicinarlo e di collaborare con lui, Papa Benedetto XVI lascia molto di più dei testi. Credo di poter dire che ogni incontro con lui è stato una vera esperienza spirituale che ha lasciato un segno nella mia anima. Insieme, formano un ritratto spirituale dell'uomo che considero un santo e che spero venga presto canonizzato e dichiarato dottore della Chiesa.

Quando arrivò alla Curia romana nel 2001, il giovane arcivescovo che ero - all'epoca avevo 56 anni - guardò con ammirazione alla perfetta intesa tra Giovanni Paolo II e l'allora cardinale Ratzinger. Erano così uniti che divenne impossibile separarli l'uno dall'altro. Giovanni Paolo II era stupito dalla profondità di Joseph Ratzinger. Il cardinale era affascinato dall'immersione in Dio di Giovanni Paolo II. Entrambi erano alla ricerca di Dio e volevano dare al mondo un assaggio di questa ricerca.

Joseph Ratzinger era conosciuto come un uomo di grande sensibilità e modestia. Non l'ho mai visto mostrare il minimo disprezzo. Al contrario, quando era oberato di lavoro, si rendeva completamente disponibile ad ascoltare l'interlocutore. Se sentiva di aver offeso qualcuno, cercava sempre di spiegare le ragioni della sua posizione. Era incapace di compiere qualsiasi azione decisa. Devo anche dire che ha mostrato grande rispetto per i teologi africani. Era persino felice di rendere servizi pratici o di trasmettere un messaggio a Giovanni Paolo II. Questa profonda benevolenza e rispettosa delicatezza verso tutti è caratteristica di Joseph Ratzinger.

Dal 2008 in poi, ho sostituito il cardinale Dias, prefetto della Congregazione per l'Evangelizzazione dei Popoli, in alcuni incontri, poiché era affetto da una malattia debilitante. In questo contesto, ho avuto la fortuna di avere molte sessioni di lavoro con Papa Benedetto XVI. In particolare, dovevo presentargli i piani per la nomina dei vescovi delle oltre 1000 diocesi dei Paesi di missione. A volte abbiamo avuto sessioni piuttosto lunghe, che sono durate ben più di un'ora. Abbiamo dovuto discutere e soppesare situazioni delicate. Alcuni Paesi vivevano in un regime di persecuzione. Altre diocesi erano in crisi. Mi ha colpito la capacità di ascolto e l'umiltà di Benedetto XVI. Credo che si sia sempre fidato dei suoi collaboratori. Questo ha portato a tradimenti e delusioni. Ma Benedetto XVI era così incapace di dissimulare che non poteva credere che un uomo di Chiesa fosse capace di mentire. La scelta degli uomini non è stata facile per lui.

Da questi lunghi e ripetuti colloqui, ho capito meglio l'anima del Papa bavarese. C'era in lui una perfetta fiducia in Dio, che gli dava una pace tranquilla e una gioia continua. Giovanni Paolo II a volte ha mostrato una santa rabbia. Benedetto XVI ha sempre mantenuto la calma. A volte era ferito e soffriva profondamente nel vedere le anime allontanarsi da Dio. Era lucido sullo stato della Chiesa. Ma era pieno di una forza pacifica. Sapeva che la verità non è negoziabile. In questo senso, non amava l'aspetto politico della sua funzione. Mi ha sempre colpito la gioia luminosa dei suoi occhi. Aveva anche un umorismo molto gentile, mai violento o volgare.

Ricordo l'Anno sacerdotale che ha decretato nel 2009. Il Papa ha voluto sottolineare le radici teologiche e mistiche della vita dei sacerdoti. Ha affrontato con verità e coraggio le prime rivelazioni sulla pedofilia nel clero. Voleva arrivare alla fine del processo di purificazione. Quest'anno è culminato in una magnifica veglia in Piazza San Pietro. Il sole al tramonto inondava di luce dorata il colonnato del Bernini. La piazza era piena. Ma a differenza del solito, niente famiglie, niente suore, solo uomini, solo sacerdoti. Quando Benedetto XVI è entrato in papamobile, tutti hanno iniziato ad acclamarlo per nome. Era impressionante, tutte quelle voci maschili che cantavano all'unisono "Benedetto". Il Papa era molto commosso. Quando si è voltato verso la folla dopo essere salito sulla piattaforma, le sue lacrime scorrevano a fiumi. Gli è stato portato il discorso preparato, ma lui lo ha lasciato da parte e ha risposto liberamente alle domande. Che momento meraviglioso! Il padre saggio stava insegnando ai suoi figli. Il tempo sembrava essersi fermato. Benedetto XVI si è confidato con noi. Quella sera ha avuto parole definitive sul celibato sacerdotale. La serata si è poi conclusa con un lungo momento di adorazione del Santissimo Sacramento. Perché ha sempre voluto condurre alla preghiera coloro che incontrava.

Benedetto XVI amava appassionatamente i sacerdoti. La crisi del sacerdozio, la purificazione del sacerdozio era la sua Via Crucis quotidiana. Amava incontrare i sacerdoti, parlare con loro in modo familiare.

Era anche particolarmente affezionato ai seminaristi. Raramente era più felice di quando era circondato da tutti quei giovani studenti di teologia che gli ricordavano i suoi giorni da insegnante. Ricordo un incontro memorabile con i seminaristi degli Stati Uniti, in cui rideva ad alta voce e scherzava con loro. Mentre cantavano "We love you", la voce del Papa si è rotta e ha detto loro con emozione paterna: "Prego per voi ogni giorno".

La preghiera e l'adorazione sono state al centro del suo pontificato. Come dimenticare la GMG di Madrid? Il Papa era raggiante di gioia davanti a una folla entusiasta di oltre un milione di giovani provenienti da tutto il mondo. La comunione tra loro era palpabile. Mentre iniziava il suo discorso, si scatenò una terribile tempesta. L'arredamento minacciava di crollare e il vento ha fatto volare via il berretto bianco di Benedetto XVI. Il suo entourage voleva portarlo al sicuro. Si è rifiutato. Sorrise sotto la pioggia battente da cui un povero ombrello lo proteggeva a malapena. Sorrise guardando la folla nel vento e nella tempesta. È rimasto fino alla fine. Quando gli elementi si sono calmati, il cerimoniere gli ha portato il testo che doveva pronunciare, ma lui ha preferito omettere il discorso preparato per non interrompere il tempo destinato all'adorazione eucaristica. Pochi istanti dopo la tempesta, il Papa era in ginocchio davanti al Santissimo Sacramento, trascinando la folla in un silenzio impressionante e fervente.

Nel 2010, stavo tornando da un viaggio in India. Avevo un appuntamento con Benedetto XVI per un'udienza privata. Fu lì che annunciò la sua intenzione di crearmi cardinale nel prossimo concistoro e la mia nomina a Cor Unum (il dicastero che si occupa delle opere di carità). Non dimenticherò mai la motivazione che mi diede: "Ti ho nominato perché so che hai esperienza della sofferenza e del volto della povertà. Sarete in grado di esprimere al meglio e con delicatezza la compassione e la vicinanza della Chiesa ai più poveri". Questo Papa aveva un profondo senso cristiano della sofferenza. Ripeteva spesso che la grandezza dell'umanità sta nella capacità di soffrire per amore della verità. In questo senso, Benedetto XVI è un grande! Non si è mai sottratto alla sofferenza. Non si è mai sottratto ai lupi. Hanno cercato di metterlo a tacere. Non ha mai avuto paura. Le sue dimissioni nel 2013 non sono state il risultato di uno scoraggiamento, ma piuttosto della certezza che avrebbe servito la Chiesa in modo più efficace attraverso il silenzio e la preghiera.

Dopo la mia nomina da parte di Francesco a Prefetto del Culto Divino nel novembre 2014, ho avuto ancora l'opportunità di incontrare il Papa emerito diverse volte. Sapevo quanto la questione della liturgia gli stesse a cuore. Per questo lo consultavo spesso. Mi ha incoraggiato più volte con forza: era infatti convinto che "il rinnovamento della liturgia è una condizione fondamentale per il rinnovamento della Chiesa".

Gli ho portato i miei libri. Li ha letti e ha espresso il suo apprezzamento. Anzi, è stato così gentile da scrivere la prefazione di La forza del silenzio. Ricordo il giorno in cui gli dissi che intendevo scrivere un libro sulla crisi della Chiesa. Quel giorno era stanco, ma i suoi occhi si illuminarono. Bisogna aver conosciuto lo sguardo di Benedetto XVI per capire. Era lo sguardo di un bambino, gioioso, luminoso, pieno di gentilezza e delicatezza, eppure pieno di forza e incoraggiamento. Non avrei mai scritto senza questo incoraggiamento. Poco dopo, abbiamo collaborato strettamente alla pubblicazione della nostra riflessione sul celibato sacerdotale. Conserverò nel segreto del mio cuore i dettagli di quei giorni indimenticabili. Conserverò nel profondo della mia memoria la sua profonda sofferenza e le sue lacrime, ma anche la sua feroce e intatta volontà di non cedere alla menzogna.

Che immagine dipingono questi ricordi? Penso che convergano sull'immagine del Buon Pastore che Benedetto XVI amava tanto. Voleva che nessuna delle sue pecore andasse perduta. Voleva nutrirli della verità e non abbandonarli ai lupi e agli errori. Ma soprattutto li amava. Amava le anime. Li amava perché gli erano stati affidati da Cristo. E più di ogni altra cosa, amava appassionatamente questo Gesù a cui volle dedicare i tre volumi del suo capolavoro Gesù di Nazareth. Benedetto XVI ha amato colui che è la vita, la via e la verità.

* Prefetto emerito della Congregazione per il Culto Divino e la Disciplina dei Sacramenti. Il suo ultimo libro è Catechismo della vita spirituale (Fayard).

1 commento:

  1. Sono usciti innumerevoli articoli e si son fatti fiumi di parole sul Santo Padre Benedetto XVI ma il Cardinal Sarah è l'unico ad essere riuscito ad immortalarlo nella sua vera luce: luce di grazia per i semplici e gli umili, oscurità per i superbi e i duri di cuore dei nostri giorni.
    Grazie a MiL di questo post commovente, da salvare e diffondere!

    RispondiElimina

AVVISO AI LETTORI: Visto il continuo infiltrarsi di lettori "ostili" che si divertono solo a scrivere "insulti" e a fare polemiche inutili, AVVISIAMO CHE ORA NON SARANNO PIU' PUBBLICATI COMMENTI INFANTILI o PEDANTI. Continueremo certamente a pubblicare le critiche ma solo quelle serie, costruttive e rispettose.
La Redazione