Post in evidenza

Ora puoi... aiutare MiL

Se volete aiutare e sostenere MiL, potete fare una donazione anche piccola.   Ricordiamo ai nostri lettori infatti che MiL si sostiene solo ...

martedì 20 dicembre 2022

Associated Press: investigatore del Vaticano afferma che le denunce di abusi sono vere

Ancora nuove notizie (QUI) dell'Associated Press (AP), sempre peggio: «"È ignobile pensare di ridurre le responsabilità e sminuire il male liquidando chi denuncia con giudizi sommari sulla sua salute mentale o, peggio, sulla sua serietà", ha scritto Libanori in una lettera del 4 dicembre ai membri della comunità slovena. "Semmai questo rende più grave la responsabilità di chi si è approfittato di loro"».
QUI, sullo stesso argomento, 
National Catholic Register (NCR), Tweet di Edward Pentin.
Q
UI, Silere non possum, le scandalose parole del
Prelato di Loreto nel 2019.
QUI i post pubblicati sul caso Rupnik da MiL.
Questa traduzione è stata realizzata grazie alle donazioni dei lettori di MiL.
Luigi


Investigatore del Vaticano afferma che le denunce di abusi da parte del gesuita sono vere
di NICOLE WINFIELD, Associated Press, 19 dicembre 2022

ROMA (AP) - Un investigatore nominato dal Vaticano che ha contribuito a portare alla luce accuse decennali di abusi sessuali e spirituali contro un famoso sacerdote gesuita chiede alle gerarchie che hanno nascosto i suoi crimini di "chiedere umilmente al mondo di perdonare lo scandalo".
In una corrispondenza ottenuta lunedì, il vescovo Daniele Libanori [QUI, Vescovo Ausiliare di Roma Centro, n.d.r.] ha anche affermato che le affermazioni delle donne sul reverendo Marko Ivan Rupnik sono vere e che hanno "visto le loro vite rovinate dal male subito e dal silenzio complice" della Chiesa.
Libanori ha scritto la lettera domenica ai colleghi sacerdoti dopo una settimana straordinaria in cui l'ordine religioso dei Gesuiti di Papa Francesco ha ammesso che Rupnik, un artista i cui mosaici abbelliscono chiese e cappelle di tutto il mondo, è stato scomunicato per aver commesso uno dei crimini più gravi della Chiesa: aver usato il confessionale per assolvere una donna con cui aveva avuto rapporti sessuali.

La Congregazione vaticana per la Dottrina della Fede, che si occupa dei casi di abusi sessuali, ha dichiarato la scomunica nel maggio 2020, ma l'ha revocata nello stesso mese e ha rifiutato di perseguirlo un anno dopo, quando nove donne si sono fatte avanti con altre accuse correlate. La Congregazione, che è guidata da Gesuiti, ha detto che i casi erano troppo vecchi per essere perseguiti.

Libanori, che è a sua volta un Gesuita, ha scoperto le storie delle donne quando, nel 2019, è stato inviato dal Vaticano a condurre un'indagine sulla loro travagliata comunità in Slovenia, in seguito alle lamentele sul loro attuale leader.

Rupnik, che è sloveno, aveva contribuito a fondare la Comunità Loyola di donne consacrate negli anni '80, ma nel 1993 gli era stato ordinato di andarsene per motivi che ora sembrano legati alle accuse di aver abusato sessualmente e spiritualmente delle donne sotto la sua cura spirituale.

Venuto a conoscenza delle accuse, Libanori ha esortato le donne a presentare una denuncia formale al Vaticano, dando vita al caso del 2021, che alla fine è stato archiviato perché ritenuto troppo vecchio per essere perseguito.

Nonostante il precoce esilio dalla Slovenia, Rupnik ha mantenuto alcuni sostenitori e un gruppo di donne lo ha seguito a Roma, dove ha fondato un centro di studi artistici e culturali di grande successo, il Centro Aletti, che ha un proprio marchio editoriale, Lipa Editions. Rupnik gode ancora di una fitta rete di sostenitori, alcuni dei quali hanno cercato di screditare le accusatrici slovene mettendo in dubbio la loro salute mentale, secondo un altro documento di Libanori.

"È ignobile pensare di ridurre le responsabilità e sminuire il male liquidando chi denuncia con giudizi sommari sulla sua salute mentale o, peggio, sulla sua serietà", ha scritto Libanori in una lettera del 4 dicembre ai membri della comunità slovena. "Semmai questo rende più grave la responsabilità di chi si è approfittato di loro".

Lo scandalo Rupnik ha messo in evidenza le debolezze delle politiche vaticane in materia di abusi spirituali e sessuali su donne adulte, e come i sacerdoti più potenti possano spesso contare su un sostegno di alto livello anche dopo la presentazione di accuse credibili nei loro confronti.

La corrispondenza di Libanori dimostra lo stesso schema di gioco usato da altri sacerdoti accusati - il rev. Marcial Maciel e l'ex cardinale Theodore McCarrick, per esempio - che sono riusciti a screditare i loro accusatori per decenni sostenendo che erano instabili, che volevano fare del male a loro o alla Chiesa, o che stavano semplicemente diffondendo "calunnie".

Libanori, che è anche vescovo ausiliare di Roma, ha cercato di mettere le cose in chiaro nella lettera ai sacerdoti italiani. Pur affermando che Rupnik merita l'amore e la misericordia di Dio, Libanori ha detto che le sue vittime meritano di essere credute, che tutta la verità deve ancora emergere e che coloro che hanno protetto Rupnik devono farsi avanti.

"Le persone ferite e offese, che hanno visto la loro vita rovinata dal male subito e dal silenzio complice, hanno il diritto di veder restituita la loro dignità anche pubblica ora che tutto è venuto alla luce", ha scritto Libanori. "Noi Chiesa abbiamo il dovere di fare un serio esame di coscienza, e i responsabili devono riconoscerlo e chiedere umilmente al mondo di perdonare lo scandalo".

I Gesuiti, da parte loro, chiedono a tutte le altre potenziali vittime di farsi avanti con le loro denunce.

Il caso Rupnik sembra essere un altro caso di un leader religioso carismatico che ha contribuito a fondare una nuova comunità religiosa, per poi essere accusato di aver abusato di coloro che erano sotto la sua guida spirituale. Papa Francesco ha dato un giro di vite all'esplosione non regolamentata di queste comunità, che sono fiorite dopo il Concilio Vaticano II e hanno trovato il favore di San Giovanni Paolo II.

Francesco ha avviato innumerevoli indagini sulle singole comunità, ha imposto loro una guida esterna per attuare le riforme e ha imposto limiti generalizzati alle posizioni di governo nei movimenti laici per cercare di impedire la formazione di culti di personalità.

1 commento:

  1. O troppo tardi o troppo poco,e spesso troppo poco e troppo tardi.Ogni volta la Chiesa ne esce con le ossa rotte davanti alla pubblica opinione.Perchè alla gente del gesuita sporcaccione o innocente interessa relativamente ,ma è questo dire e disdire che rende questi episodi drammatici.Tutte le volte il copione è lo stesso ed a rimetterci è sempre la Chiesa.Ma della Chiesa a chi importa veramente?

    RispondiElimina

AVVISO AI LETTORI: Visto il continuo infiltrarsi di lettori "ostili" che si divertono solo a scrivere "insulti" e a fare polemiche inutili, AVVISIAMO CHE ORA NON SARANNO PIU' PUBBLICATI COMMENTI INFANTILI o PEDANTI. Continueremo certamente a pubblicare le critiche ma solo quelle serie, costruttive e rispettose.
La Redazione