Post in evidenza

MiL ha bisogno di voi lettori: DONAZIONI

A sx (nella versione per pc) e su palmare (voce " Donazione ") troverete la possibiltà di donare. Vi speghiamo il perchè.  Potrete...

mercoledì 30 giugno 2021

I blog e i siti tradizionalisti: un ottimo (e in alcuni casi l'unico) veicolo dell'apostolato tridentino e strumento della buona battaglia

I blog e siti tradizionalisti, si sa, visto il clero riottoso, sono il moderno mezzo, utilissimo a diffondere (e a difendere) testi, documenti, rituali, usanze, calendari, foto, notizie, suggerimenti, e quant'altro riguardi il rito antico e a rendere sempre più fecondo l'apostolato tridentino (che in taluni casi diventa evangelizzazione cui seguono vere e proprie 'conversioni'). 
Vi presentiamo un'interessante analisi di Paix Liturgique (nostra traduzione) sull'importanza e sugli effetti della blogosfera tradizionale negli USA, che, mutatis mutandis, ci fa ben sperare nel corrispettivo italiano (in cui, umilmente, è inserito anche MiL), e ci sprona a continuare a.m.D.g. nella buona battaglia.  Deus vult! 
(I link nel testo, sono stati inseriti da noi ad utilità del lettore). 
Bonum certamen certavi, cursum consummavi, fidem servavi

Roberto

Lettera n. 788 del 15.03.2021

Paix Liturgique - Caro Daniele, continuiamo la nostra indagine. Di cosa vuole trattare?

Daniel Hamiche - Innanzitutto vorrei sottolineare il fatto che dall'inizio del nostro terzo millennio molte cose sono cambiate nel mondo... e una delle più importanti è l'esplosione del

fenomeno Internet. È una rivoluzione che cambia tutti gli equilibri di potere nel mondo della comunicazione, ma va detto nel mondo del potere. Tanto che ricordo di aver lanciato sul sito Americatho nel 2010, rivolto a episcopati  maliziosi in Francia e altrove: "Tu hai il potere, ma noi abbiamo Internet!" Dirlo più di dieci anni fa era uno scherzo, ma oggi è una realtà.

Questo è, soprattutto in Francia, una certezza poiché l'universo cattolico tradizionale è onnipresente su Internet mentre i media ufficiali (cattolici) stanno scomparendo nel dimenticatoio. Chi legge ancora La Croix o cosa resta di una stampa cattolica che vede scomparire ogni anno nuove testate? Mentre mai come ora il pubblico di Le Salon Beige o di Riposte Catholique è stato così importante, per non parlare anche di Le Forum Catholique, di Paix Liturgique, di La Porte Latine [FSSPX, n.d.r.] o di Renaissance Catholique.

Che rapporto con il potere dirà? Ebbene, finché coloro che comandano sono gli unici padroni dei media, hanno tutte le possibilità, soprattutto quella di mascherare la verità senza il rischio di essere contraddetti o peggio - ed è quello che un buon numero dei nostri vescovi ha fatto senza imbarazzo per mezzo secolo - di  comportarsi come se i loro avversari (fossero anche un gran numero di loro fedeli  - come ad esempio, durante il sondaggio effettuato da Le Progrès de Lyon nel 1976) non esistesse. Di Essere cioè, negazionisti. in un certo senso!

Tuttavia, questo atteggiamento oggi semplicemente non è più sostenibile con lo sviluppo di Internet, che finisce per relativizzare il potere dei piccoli marescialli oppressivi. E bene: immaginate che negli Stati Uniti il ​​fenomeno, sebbene più recente che in Europa in termini di tradizione cattolica, è ormai simile al nostro, con l'aggiunta di quel carattere di terribile efficienza proprio dei nostri cugini americani!


Paix Liturgique - Allora chi sono?

Daniel Hamiche - È difficile stabilire una gerarchia. Cominciamo, se vuole, con uno dei giocatori più anziani su Internet americano, Rorate Coeli.


Paix Liturgique - Che ha più volte rilanciato gli appelli che gli sono stati comunicati dai responsabili del pellegrinaggio Summorum Pontificum a Roma e che ha di recente, inoltre, pubblicato un corposo dossier su Paix liturgique.

Daniel Hamiche - Sì, questo è un sito che è stato per molto tempo il riferimento essenziale per la presenza della Tradizione in internet, e che continua ad esserlo. Il suo fondatore e direttore dal 2005, l'enigmatico "New Catholic"  (che a volte parla altrove su Forum Catholique in Francia), porta le notizie di tutti gli istituti tradizionali, siano essi Ecclesia Dei o non. Interessante anche in quanto pubblica articoli di Roberto de Mattei in inglese, riprendendo così la cronaca italiana. E le notizie inglesi trovano eco anche attraverso i contributi ad hoc di Joseph Shaw, presidente della Latin Mass Society of England and Wales, su cui torneremo.

In questa terza parte della nostra indagine, uno schizzo della tipologia del cattolicesimo americano e una panoramica della storia della reazione della Tradizione alla tempesta seguita all'ultimo concilio, parleremo della presenza della Tradizione su Internet.


Paix LIturgique - E OnePeterFive?

Daniel Hamiche - OnePeterFive, molto apprezzato da S. E. il Cardinale Burke, si situa nel movimento del "restauro della cultura cattolica" da una prospettiva tradizionalista. Di tutti i blog favorevoli all'usus antiquior, questo è probabilmente il più aggiornato. Anche qui troviamo un intero team di contributori, mediamente più giovani del New Liturgical Movement di cui parlerò un po' più avanti, che opera sotto la direzione di Steve Kojek, fondatore del sito nel 2014. Vi troveremo analisi teologiche e liturgiche , ma anche analisi mistiche o morali; alcune testimonianze di conversione a Cristo sono addirittura commoventi e aprono altrettante prospettive su quanto i giovani adulti dicono di aver guadagnato passando alla tradizione secolare della Chiesa.


Paix Liturgique - Certo, c'è anche il famoso Padre Z che è intervenuto brillantemente due anni fa durante il nostro incontro romano Summorum Pontificum…

Daniel Hamiche - So che le piace il blog di Padre Zuhlsdorf, più comunemente noto come Father Z (la "z" si pronuncia in stile americano, "zi"). Questo blog, uno dei più letti tra biformalisti e tradì, presenta due o tre articoli al giorno sulle cronache liturgiche o cattoliche in genere, sull'attualità politica e... sulla cucina del Padre (chi sa tanto farla che apprezzarla) così come nei suoi viaggi (parte spesso per Roma e regala ai suoi fan foto di chiese e piatti degustati nei ristoranti della Città Eterna). Padre Z non è allergico alle polemiche, e castiga i rappresentanti delle forze del progresso liturgico e teologico quando lo ritiene necessario, e sempre con umorismo.

Abbiamo anche cercato scoprire alcune notizie: se padre Z è domiciliato nella diocesi di Madison nel Wisconsin, è un sacerdote incardinato canonicamente in una diocesi italiana, in cui un fedele in mala fede lo aveva denunciato per aver pronunciato un esorcismo sugli aspetti fraudolenti delle recentissime elezioni presidenziali o per proporre buone ricette sul suo blog. Il tutto riportato con malcelata gioia dal National Catholic Reporter (la cui linea editoriale è più o meno quella di La Croix) (1). È meglio solo ridere.

Padre Z è stato anche una grande fonte di incoraggiamento per i seminaristi diocesani, offrendo loro molti consigli sulla discrezione e organizzando per loro, ad esempio, campagne per l'acquisto di… mollette... a cui i suoi lettori hanno risposto con generosità tutta americana.


Paix Liturgique - Chi c'è accanto a Father Z?

Daniel Hamiche - Vicini a Father Z, ma con una vera e propria scuderia di collaboratori, abbiamo il sito New liturgical Movement, fondato da Shawn Tribe nel 2005 e attualmente sotto la guida di Gregory DiPippo, americano espatriato a Roma, buon latinista, conoscitore di tradizioni liturgiche, sia romane sia milanesi (cioè del cosiddetto rito ambrosiano) ed altre. Questo sito è strettamente liturgico ei suoi archivi costituiscono un vero e proprio scrigno di articoli (di qualità ineguale ma mediamente buoni o molto buoni) su tutti gli aspetti della liturgia tradizionale. È anche su questo sito che vengono annunciati e segnalati colloqui, Nesse solenni e altri eventi di interesse per "coloro che sono legati alla forma straordinaria". I resoconti sulla Messe solenne di tale o tal'altro rito tradizionale, con numerose foto a corredo, costituiscono tanti argomenti a favore della tradizione liturgica senza che occorra fare un paragone con la Messa di Paolo VI. (si veda anche sulla “riforma della riforma” (2).


Paix Liturgique - Altri siti?

Daniel Hamiche - Le ho presentato i siti web più visitati negli Stati Uniti. Ce ne sono alcuni altri che meritano il massimo dei voti: la versione elettronica di Latin Mass Magazine e l'eccellente risorsa di volantini per i propri della Messa (sia del Tempo sia dei Santi), che è Maternal Heart of Mary.

C'è anche un sito che non è abbastanza frequentato, è quello di Stuart Chessmann che è l'ospite del blog Saint Hugh of Cluny. Questo blog trasmette principalmente gli orari delle messe a New York e nelle zone limitrofe. È troppo poco conosciuto, forse troppo regionale, per essere visibile nell'orizzonte Tradizionale di Internet, ma gli viene attribuita una buona responsabilità sulla storia della resistenza negli Stati Uniti di eccezionale qualità, che non esiste più. Stati.


Paix Liturgique - Ci sono anche siti pro-vita che a volte sono interessati a questioni liturgiche...

Daniel Hamiche - Abbastanza giusto. Un sito, il cui interesse principale è l'impegno contro l'aborto, ma la cui gamma di argomenti, molto variegata, ricorda Le Salone beige francofono, è Lifesite news, che si occupa anche della liturgia in senso biformalista.


Paix Liturgique - È ricchissima...

Daniel Hamiche - E anche più di quanto si possa pensare, perché perché l'inglese nulla impedisce agli americani di consultare l'inglese... Siti web in lingua inglese, i più popolari dei quali sono, da un lato, la Latin Mass Society of England and Wales i cui Position paper, hanno portato dall'ottimo presidente di questa società, il professore di logica ossoniana Joseph Shaw, danno spunti di riflessione sulla questione liturgica, e dall'altro il sito molto inglese di padre Hunwicke dell'Ordinariato anglicano. La sua erudizione latino-greca, la sua flemma, la sua sottile ironia, il suo umorismo britannico lo rendono una delizia.


Paix Liturgique - Possiamo avere un'idea del pubblico di questi blog e siti?

Daniel Hamiche - Su questo punto non sono in grado di darti una risposta precisa perché l'universo di Internet è immenso negli USA. Posso dire che questo pubblico è davvero molto importante. Quello che posso anche dire è che, con l'aiuto della nuova lingua franca inglese, il pubblico di questi siti è davvero universale. Mi sembra addirittura di aver letto nelle rubriche della Paix Liturgique che il vostro inviato speciale Joao Silveira si è sorpreso spesso di trovare negli angoli più isolati del pianeta gli appassionati di Father Z...


Paix Liturgique - Ha perfettamente ragione Caro Daniel, come in Corea, come in Angola… al punto che questi siti e blog nazionali ora hanno un'influenza universale ancora maggiore nelle regioni dell'Africa, dell'America o dell'Asia o i fedeli perplessi non trovano le risposte alla loro ricerca della verità sul posto ed è quindi via Internet che si fa questa scoperta e spesso i primi passi verso la tradizione di tanti cattolici isolati. E come ha sottolineato all'inizio di questa intervista, i nostri cugini dall'America hanno questo talento per l'efficienza che consente alle loro reti di avere davvero un pubblico internazionale.

-------------

(1) Christopher White, "Il controverso tradizionalista padre Zuhlsdorf lascerà la diocesi di Madison", National Catholic Reporter, 16 gennaio 2021.

(2) "Riformare l'irreformabile?" http://www.newliturgicalmovement.org/2014/02/reforming-irreformable.html#.XnUrjohKjIV

1 commento:

  1. Non Metuens Verbum30 giugno 2021 06:48

    Infatti El Papa non legge i siti pro-tradizione, per la sua salute mentale.

    RispondiElimina

L'inserimento senza moderazione dei commenti è limitato ai soli post usciti nella medesima giornata di inserimento e nel giorno precedente. Per i post più vecchi, i commenti saranno sottoposti a moderazione.
Qualora fosse attiva la moderazione, possono passare anche alcuni giorni prima del controllo da parte della Redazione.