Post in evidenza

MiL ha bisogno di voi lettori: DONAZIONI

A sx (nella versione per pc) e su palmare (voce " Donazione ") troverete la possibiltà di donare. Vi speghiamo il perchè.  Potrete...

mercoledì 27 gennaio 2021

II parte - Gli ordini minori nel rito antico: origine, storia e significato spiegati magistralmente da mons. Schneider

 Qui la prima parte

 

Oggi la II parte del magistrale excursus di Mons. Schneider sugli ordini minori (e sul diaconato) nella sacra liturgia antica e nuova e sugli errori in merito nel dopo concilio (Vaticano II).

Purtroppo i nostri lettori conoscono il recente motu proprio di Papa Francesco "Spiritus Domini"  (10.01.2021) sull'istituzione liturgica e canonica dei ministeri del lettorato e dell'accolitato per le donne, con modifica del relativo canone 230 § 1 del Codex Iuris Canonici (da cui è stato cancellato con un colpo di penna "di sesso maschile"). 
Gli amici di NLM hanno chiesto a Mons. Schneider un'anticipazione della sua analisi che parte dalla funesta scelta di Paolo VI (col Motu Proprio Ministeria Quaedam) di "laicizzare" quelli che, addirittura per tradizione apostolica, erano gli antichissimi ordini minori riservati giustamente al clero, per giungere alla "disastrosa" decisione di Papa Francesco di "mulierizzarli", passando Benedetto XVI che invece (col Motu proprio Omnium in Mentemaveva felicemente corretto i canoni 1008 e 1009 sul diaconato limitandone la funzione  e definendone il carattere sacramentale.
Riportiamo qui una nostra traduzione, sottolineati e grassetti nostri.
Roberto 

(Segue) 

di A. Schneider

4. Il diaconato 

Una testimonianza molto chiara e importante di questo parallelismo tra i gradi gerarchici dell'Antica e della Nuova Alleanza si trova nei riti di ordinazione. I testi dei riti di ordinazione risalgono a tempi molto antichi, come si è visto nel caso della Traditio Apostolica e poi dei Sacramentari della Chiesa Romana. Questi testi e riti sono rimasti pressoché immutati nelle loro formule essenziali, per molti secoli, fino ai nostri giorni. Le prefazioni o preghiere consacratorie di tutti e tre gli ordini sacramentali si riferiscono all'ordine gerarchico e liturgico dell'Antica Alleanza. Nel rito della consacrazione episcopale, l'antico Pontificale Romanum pronuncia questa essenziale affermazione: “La gloria di Dio deve essere servita con gli ordini sacri” (gloriae Tuae sacris famulantur ordinibus). L'antico Pontificale stabilisce espressamente il parallelismo tra Aronne, il sommo sacerdote, e l'ordine episcopale; nel nuovo Pontificale Romanum c'è solo un riferimento generico a questo. Nell'ordinazione presbiterale di entrambi i Pontificale si fa esplicito riferimento ai settanta anziani, aiutanti di Mosè nel deserto. Riguardo al diacono, l'antico Pontificale dice espressamente che i diaconi hanno il nome e l'ufficio dei leviti dell'Antico Testamento: “quorum [levitarum] et nomen et officium tenetis”. L'antico Pontificale afferma ancora più chiaramente: “Sii eletto all'ufficio levitico” (eligimini in levitico officio). Il nuovo Pontificale nell'orazione dell'ordinazione paragona anche il diaconato ai leviti. Nel culto dell'Antico Testamento, i leviti eseguivano tutta una serie di servizi liturgici secondari di aiuto e assistenza ai sacerdoti. I diaconi avevano lo stesso compito, come testimoniano la fede orante e la pratica liturgica della Chiesa fin dai primi secoli. Chi non avesse ricevuto una solenne designazione per il culto divino non poteva svolgere alcuna funzione liturgica, anche se questa funzione era secondaria o semplicemente di assistenza. Queste funzioni secondarie e assistenti erano svolte dai diaconi, i leviti del Nuovo Testamento, che non erano considerati sacerdoti. Così ha sempre creduto e pregato la Chiesa: il diacono è ordinato “non ad sacerdotium, sed ad ministerium” (Traditio Apostolica, 9). La stessa Traditio Apostolica (II-inizi III secolo) dice ancora: “Il diacono non riceve lo spirito al quale partecipa il sacerdote, ma lo spirito per essere sotto l'autorità del vescovo” (n. 8).

Papa Benedetto XVI ha portato un chiarimento dottrinale e canonico riguardo al diaconato. Con il Motu proprio Omnium in Mentem del 26 ottobre 2009, il Sommo Pontefice ha corretto il testo dei canoni 1008 e 1009 del Codice di Diritto Canonico. Il testo precedente del canone 1008 diceva che tutti i ministri sacri che ricevono il sacramento dell'ordine svolgono la funzione di insegnare, santificare e governare "in persona Christi Capitis". Nella nuova formulazione dello stesso canone sono state eliminate l'espressione in persona Christi Capitis e la menzione della triplice funzione (tria munera). Un terzo paragrafo è stato aggiunto al canone 1009: 
"Coloro che sono costituiti nell'ordine dell'episcopato o del presbiterio ricevono la missione e la facoltà di agire nella persona di Cristo Capo, mentre i diaconi sono abilitati a servire il popolo di Dio nella diaconia della liturgia, della parola e della carità (vim populo Dei serviendi)". 
Il Magistero della Chiesa ha portato questa necessaria precisazione affinché il diaconato sia inteso sia dottrinalmente che liturgicamente in modo più conforme alla tradizione apostolica e alla grande tradizione della Chiesa. San Tommaso d'Aquino, infatti, diceva che il diacono non ha il potere di insegnare, cioè non ha il “munus docendi” in senso stretto. C'è una differenza tra la natura della predica del vescovo o del sacerdote da un lato e quella del diacono dall'altro. Il diacono può predicare solo “per modum catechizantis”; invece, il “modus docendi”, l'esposizione dottrinale del Vangelo e della Fede, appartiene al vescovo e al presbitero, diceva san Tommaso (cfr S. Th. III, 67, 1, ad 1).

Riguardo all'ordine gerarchico della Chiesa, il Concilio di Trento ha operato una netta distinzione tra sacerdoti e coloro che sono chiamati ministri. Il Concilio così afferma: “Oltre al sacerdozio, ci sono altri ordini maggiori e minori nella Chiesa cattolica” (sess. XXIII, can. 2). “Nella Chiesa cattolica c'è una gerarchia stabilita per disposizione divina e composta da vescovi, sacerdoti e ministri” (ibid., Can. 6). La parola “ministri” include certamente in primo luogo i diaconi, e si evince dal citato can. 2 che anche gli ordini minori sono inclusi nella gerarchia, sebbene non appartengano al sacerdozio ministeriale come fanno l'episcopato e il presbiterio. I diaconi non sono “sacrificatori”, non sono sacerdoti, e per questo la grande tradizione della Chiesa non ha considerato i diaconi ministri ordinari dei sacramenti del battesimo e della distribuzione della santa Comunione. Tutta la tradizione della Chiesa, sia orientale che occidentale, ha sempre ribadito il seguente principio: il diacono prepara, assiste, presta il suo aiuto all'azione liturgica del vescovo o del presbitero (si veda, ad esempio, Didascalia Apostolorum, 11). Già il primo Concilio Ecumenico di Nicea affermava inequivocabilmente questa verità e questa pratica ricevuta dalla tradizione, dicendo: 
"Questo grande e santo Concilio ha appreso che in alcuni luoghi e città i diaconi amministrano la grazia della Santa Comunione ai sacerdoti (gratiam sacrae communionis). Né le norme canoniche (regula, kanòn) né le consuetudini consentono a chi non ha il potere di offrire il sacrificio (potestatem offerendi) di donare il corpo di Cristo a coloro che hanno il potere di offrire il sacrificio". (Can. 18) 
Il diacono serve, nel vescovo e nei presbiteri, il sacerdozio unico e indivisibile allo stesso modo in cui i leviti servivano il sommo sacerdote e i sacerdoti di Mosé.

5. Il diaconato e gli ordini minori 
 Senza essere effettivamente sacerdote, il diacono appartiene tuttavia all'ordine sacramentale e gerarchico. Questo fatto esprime la verità che le funzioni liturgiche subordinate o inferiori appartengono anche all'unico vero sacerdote Gesù Cristo, poiché egli, nell'esercizio del suo sacerdozio, attraverso il sacrificio della Croce, si è fatto servo, ministro, “diacono”. Infatti, durante l'Ultima Cena, Cristo disse ai suoi apostoli, ai sacerdoti della Nuova Alleanza: "Io sono in mezzo a voi come uno che serve (ho diakonòn)" (Lc 22,27), cioè come un "diacono". Per svolgere i servizi di assistenza durante la liturgia, cioè le funzioni che non richiedono un adeguato potere sacerdotale, per ordinanza divina è stata istituita nella Chiesa un'ordinazione sacramentale che è il diaconato. I servizi liturgici del diaconato, ad eccezione della proclamazione del Vangelo, sono stati nel tempo distribuiti ad altri ministranti per i quali la Chiesa ha creato ordinazioni non sacramentali, in particolare il suddiaconato, il lettorato e l'accolitato. Pertanto, non è valido il principio secondo cui si dice che tutte le funzioni liturgiche che non richiedono un adeguato potere sacerdotale appartengono, per legge e per natura, al sacerdozio comune dei fedeli. Inoltre, questa affermazione contraddice il principio stabilito dalla Rivelazione Divina nell'Antica Alleanza, in cui Dio istituì (tramite Mosè) l'ordine dei leviti per le funzioni inferiori e non sacerdotali, e nella Nuova Alleanza, in cui istituì (attraverso gli apostoli) l'ordine dei diaconi per questo scopo, cioè per le funzioni non sacerdotali nella liturgia
Il servizio liturgico del diacono contiene in sé anche le funzioni liturgiche inferiori o più umili, poiché esprimono la vera natura del proprio ordine e del proprio nome: servo, diákonos. Queste funzioni liturgiche inferiori o più umili possono essere, ad esempio, portare candele, acqua e vino all'altare (suddiacono, accolito), la lettura (suddiacono, lettore), assistere a esorcismi e pronunciare preghiere esorcistiche (esorcista), vegliare a le porte della chiesa e suonare le campane (ostiario). Ai tempi degli apostoli erano i diaconi a svolgere tutti questi servizi inferiori durante il culto divino, ma già nel secondo secolo la Chiesa, con una disposizione saggia, usando un potere che Dio le ha conferito, iniziò a riservare ai diaconi le funzioni liturgiche superiori non sacerdotali, e ha aperto, per così dire, il tesoro del diaconato, distribuendone la ricchezza, scomponendo il diaconato stesso e creando così gli ordini minori (cfr Dom Adrien Gréa, L'Église et sa divina costituzione, prefazione di Louis Bouyer de l'Oratoire, ed. Casterman, Montréal 1965, p. 326).

Si è così potuto preservare a lungo un ristretto numero di diaconi moltiplicando gli altri ministri inferiori. Nei primi secoli la Chiesa di Roma, per venerazione verso la tradizione degli Apostoli, non ha voluto superare il numero sette per i diaconi. Così, a Roma nel III secolo papa Cornelio scrisse che la Chiesa romana aveva sette diaconi (cfr. Eusebio, Storia ecclesiastica, I, 6:43). Sempre nel IV secolo un sinodo provinciale, quello di Neocesarea (tra il 314 e il 325 aC), stabilì la stessa norma (cf. Mansi II, 544). Dom Adrien Gréa ha dato questa spiegazione spiritualmente e teologicamente profonda per il legame organico tra il diaconato e gli altri ordini inferiori o minori: "Man mano che l'albero della Chiesa cresceva, questo ramo principale del diaconato, obbedendo alle leggi di un'espansione divina, si apriva e diviso in più rami, che erano l'ordine subdiaconato e gli altri ordini minori” (op. cit., p. 326). 
 Quale può essere il motivo della mirabile fecondità del diaconato, per il quale sono nati gli ordini inferiori? La risposta secondo Dom Gréa sta nel fatto che c'è una differenza essenziale tra il sacerdozio e il ministero. Possiamo vedere questa differenza essenziale nel fatto che solo il sacerdozio agisce in persona Christi Capitis; il ministero del diaconato, invece, non può farlo, come ha ribadito Papa Benedetto XVI nel Motu proprio Omnium di MentemIl sacerdozio è semplice e per sua natura indivisibile. Il sacerdozio non può essere comunicato parzialmente, sebbene possa essere posseduto a vari gradi. Il sacerdozio è posseduto dal vescovo come capo e dal presbitero come partecipante. Nella sua essenza, il sacerdozio non può essere smembrato (cfr Dom Gréa, op. Cit., P. 327). Il ministero, invece, è pienamente posseduto dal diaconato, ed è aperto alla condivisione a tempo indeterminato, poiché le molteplici funzioni dei ministri sono tutte dirette al sacerdozio, che devono servire. La saggezza divina ha impresso il carattere di divisibilità nel servizio liturgico non strettamente sacerdotale e lo ha fondato nel  diaconato sacramentale, lasciando però alla Chiesa la libertà di distribuire, secondo i bisogni e le circostanze, in modo non sacramentale, le diverse parti del diaconato che si trovano negli ordini inferiori o minori, specialmente i ministeri del lettorato e dell'accolitato.

Definendo dogmaticamente la struttura gerarchica divinamente istituita, il Concilio di Trento ha scelto il termine "ministri" accanto ai termini "vescovo" e "sacerdoti", evitando il termine "diaconi". Probabilmente il Concilio ha voluto includere nel termine “ministri” sia il diaconato che gli ordini minori, per dire implicitamente che gli ordini minori fanno parte del diaconato. Questa è la formulazione del canone 6 della sessione XXIII: "Se qualcuno dice che nella Chiesa cattolica non esiste una gerarchia stabilita da una disposizione divina, che è composta da vescovi, sacerdoti e ministri, sia anatema". 
Si può dire, quindi, che gli ordini inferiori o minori come il lettorato e l'accolitato hanno la loro radice nel diaconato dall'istituzione divina, ma sono stati formati e distribuiti in più gradi dall'istituzione ecclesiastica (cfr Dom Gréa, loc. cit.).

6. Lo sviluppo storico degli ordini minori 
Già nel II secolo l'ufficio distinto del lettore si ritrova nelle celebrazioni liturgiche come categoria stabile di ministri liturgici, come testimonia Tertulliano (cfr Praescr. 41). Prima di Tertulliano, san Giustino menziona coloro che hanno l'ufficio di leggere la Sacra Scrittura nella liturgia eucaristica (cfr 1 Ap. 67,3). Già nel III secolo nella Chiesa romana esistevano tutti gli ordini minori e maggiori della tradizione successiva della Chiesa, come testimonia una lettera di Papa Cornelio dell'anno 251: “Nella Chiesa romana ci sono quarantasei presbiteri, sette diaconi, sette suddiaconi, quarantadue accoliti, cinquantadue esorcisti, lettori e ostiarii ”(Eusebio di Cesarea, Storia ecclesiastica, VI, 43, 11). 

Va tenuto presente che questa struttura gerarchica con i suoi vari gradi non poteva essere un'innovazione, ma rifletteva una tradizione, poiché tre anni dopo Papa Stefano I scrisse a San Cipriano di Cartagine che nella Chiesa romana non ci sono innovazioni, formulando la famosa espressione: "nihil innovetur nisi quod traditum est" (in Cipriano, Ep. 74). Eusebio di Cesarea descrisse l'atteggiamento di papa Stefano I, che certamente caratterizzò anche i suoi predecessori, i Romani Pontefici, con queste parole: "Stephanus nihil adversus traditionem, quae iam inde ab ultimis temporibus obtinuerat, innovandum ratus est" (eventuali innovazioni contro la tradizione, che ha ricevuto dai tempi precedenti) (Storia ecclesiastica, VII, 3: 1).

ordinazione di un suddiacono - rito bizantino
In un aspetto di grande peso come la struttura gerarchica, l'esistenza dei cinque gradi di ministri inferiori al diaconato non poteva essere un'innovazione contro la tradizione a metà del III secolo. La pacifica esistenza di questi gradi al di sotto del diaconato presupponeva quindi una tradizione più o meno lunga e doveva risalire nella Chiesa romana almeno al II secolo, cioè all'immediato periodo post-apostolico. Secondo la testimonianza di tutti i documenti liturgici e dei Padri della Chiesa dal II secolo in poi, il lettore e poi anche gli altri ministeri liturgici inferiori (ostiario, esorcista, accolito, suddiacono) appartenevano al clero e l'ufficio veniva conferito su di loro tramite un'ordinazione, anche se senza l'imposizione delle mani. La Chiesa d'Oriente usava e usa ancora due espressioni diverse. Per le ordinazioni sacramentali di episcopato, presbiterio e diaconato si usa la parola cheirotenia, mentre per le ordinazioni di chierici minori (suddiaconi, accoliti, lettori) si usa la parola cheirotesiaAl fine di designare che le funzioni dei ministri inferiori al diacono sono, in un certo modo, contenute nel ministero del diacono stesso e da questo derivano, la Chiesa ha anche attribuito ai ministri liturgici inferiori il termine ordo, lo stesso termine con cui sono designati i ministri gerarchici dell'ordine sacramentale, sia pure con la specificazione di “ordini minori” per distinguerli dai tre “ordini maggiori” (diaconato, presbiterio, episcopato) che hanno carattere sacramentale.

(Continua, qui la III parte

Nessun commento:

Posta un commento

L'inserimento senza moderazione dei commenti è limitato ai soli post usciti nella medesima giornata di inserimento e nel giorno precedente. Per i post più vecchi, i commenti saranno sottoposti a moderazione.
Qualora fosse attiva la moderazione, possono passare anche alcuni giorni prima del controllo da parte della Redazione.