martedì 22 gennaio 2019

Innsbruck: alla messa del vescovo i ragazzi si sono comunicati fra di loro

Innsbruck (Austria) Il 20 gennaio scorso numerosi bambini ed adolescenti  hanno preso parte alla messa presieduta dal vescovo diocesano Mons.Hermann Glettler (v.foto 2 sotto) celebrata nella palestra di un ginnasio gestito dalle suore e ripresa dall’emittente televisiva ZDF
All’offertorio, gli allievi della scuola superiore prendendo il microfono hanno spiegato
che stavano “preparando la tavola”.  
La foto 1 a destra ( "in rete" assieme al  video QUI ) mostra la comunione che i ragazzi si sono dati fra di loro. 
I bambini hanno "dovuto" ingoiare l'irriguardosa "novità" proposta e permessa dal loro vescovo: nel video si vedono chiaramente le  espressioni contrariate dei bambini che appena ricevuta la comunione da un loro compagno  si allontanano velocemente facendo il segno di croce.
Altri invece si sono avvicinati ai due improvvisati "ministri" con le classiche risatine adolescenziali...
Una vergogna di cui è responsabile davanti a Dio e davanti la Santa Chiesa  il vescovo di Innsbruck Mons.Hermann Glettler.

Avevamo già notato le stranezze "artistiche" di quel nuovo vescovo "creativo" (Cfr.MiL QUI) ma non avremmo mai immaginato che egli potesse permettere in una sua celebrazione che la  comunione  fosse stata distribuita dai ragazzi stessi.
Nel video si vede pure un ragazzo che regge al Vescovo la pisside con le particole consacrate mentre un immancabile complessino strumentale esegue della musica new age.
Questo è il "livello" spirituale raggiunto in Austria:  una nazione che fu splendente di devozione e di  coraggiose testimonianze a difesa della vera fede.
Non temendo di essere tacciati come neopelagiani o come ipocriti - meglio essere ritenuti tali che conturbatori della fede dei più piccoli - possiamo dire che questo modo scismatico di concepire la liturgia è anche pericolosamente diseducativo per i giovani oltre che  essere  motivo di scandalo per l'intera comunità ecclesiale? 
Cosa aspettano i fedeli di Innsbruck a rivolgersi alle competenti Congregazioni vaticane (  la Congregazione per il Culto Divino e la Disciplina dei Sacramenti e la Congregazione per i Vescovi) onde tutelare la propria fede e soprattutto per  proteggere quella dei loro figli e nipoti?
Non ci resta che piangere e pregare per le vistose rovine della fede e della spiritualità cattolica dell' Austria. 
AC 

Fonti: Gloria TV ( QUI ) e  La fede quotidiana ( QUI )

8 commenti:

  1. "Cosa aspettano i fedeli di Innsbruck a rivolgersi alle competenti Congregazioni vaticane,onde tutelare la fede e proteggere quella dei loro figli e nipoti?". Ma vogliamo scherzare?Le "competenti" Congregazioni vaticane stanno col "vescovo" Glettler! Lo si vuol capire una volta per tutte che la chiesa cattolica ufficiale è ormai un carrozzone di mestieranti del "nuovo"?

    RispondiElimina
  2. scandaloso!!!! Non serve pregare...ma prendere un bel bastone e cacciarli via!!!

    RispondiElimina
  3. E voi pensate che se qualche fedele di Innsbruck provasse a rivolgersi alle Congregazioni vaticane otterrebbe una risposta ? Ma ci siete o ci fate ?

    RispondiElimina
  4. A Innsbruck la piazza prospiciente un ingresso dell'università è intitolata, guarda caso a Karl Rahner.

    RispondiElimina
  5. Piangete e mai smettete fino a quando non annegherete nelle vostre lacrime, tiepidi e inconcludenti piagnoni! I vostri piagnistei fanno un baffo all'usurpatore Bergoglio e ai bergogliani ben saldi al potere.

    RispondiElimina
  6. Gulp!...e poi ci lamentiamo se avvengono i terremoti...ah!.. ma certo " Dio è solo buono la sua giustizia giammai!!!"

    RispondiElimina
  7. pensavo che il fondo l'avessimo toccatoda quel dì...
    e invece ogni giorno si sprofonda oltre il concepibile!

    RispondiElimina
  8. Ma questo vescovo lo ha voluto Bergoglio?

    RispondiElimina

L'inserimento senza moderazione dei commenti è limitato ai soli post usciti nella medesima giornata di inserimento e nel giorno precedente. Per i post più vecchi, i commenti saranno sottoposti a moderazione.
Qualora fosse attiva la moderazione, possono passare anche alcuni giorni prima del controllo da parte della Redazione.