sabato 5 agosto 2017

Giarratana (RG) 5 agosto Festa della “Sciuta” dono della medaglia mariana e consacrazione della Città e della parrocchia al Cuore Immacolato di Maria

Nel Sud Italia per grazia di Dio e per ferreo volere dei fedeli le feste religiose sono rimaste pressocchè intatte  non avendo subìto le irreparabili distruzioni che i modernisti  hanno apportato con forza altrove.
L'articolo che postiamo descrive la festa tradizionale della Madonna della Neve che si  svolge  ogni anno in una cittadina vicino la splendida Ragusa. 
Hanno fatto da corona alla festa tradizionale la preghiera delle Mamme che hanno avuto il dono di un figlio durante l'anno (QUI); la consegna della medaglia mariana ai giovani portatori dello splendido simulacro della Madonna ; l'omaggio floreale al Patrono Principale ab antiquo del centro ibleo : S Bartolomeo Apostolo con recita dell' Angelus e poi rientro in Chiesa Madre con il rito dei fiori a S Giuseppe e preghiera allo Sposo di Maria e , dulcis in fundo, la Consacrazione della Parrocchia al Cuore Immacolato di Maria. 
Tutto questo fra i canti del Coro Polifonico Ibleo, il suono di ottimi complessi bandistici, gli effetti di luce e la caratteristica "nevicata" dei petali e dei lustrini colorati realizzata con l'ausilio delle più moderne tecnologie.
Giorni intensi di preghiera e di catechesi vissuta nei simboli tradizionali dei padri: un antidoto contro il veleno della secolarizzazione e  dell'indifferentismo religioso.
AC



Festa della Madonna della Neve
Emozioni fantastiche. 

GIARRATANA (Ragusa)
E' uno straordinario sussulto al cuore. 

Per quello che, come ogni anno, si rivela alla stregua di un momento magico carico di significati religiosi. 


La “Sciuta” della Madonna della neve, Patrona di Giarratana, si è consumata anche quest’anno nella tradizionale data del 5 agosto, oggi cioè, poco dopo mezzogiorno, tra il fragore dei fuochi d’artificio e lo sparo dei cosiddetti “’nzaireddi”, più colorati e suggestivi che mai. 

Un mix che ha reso la cerimonia magnifica. 

E non a caso erano presenti, oltre ai fedeli e ai devoti, anche numerosi turisti.
I portatori, come se fosse una sola a mano a guidare questa moltitudine di persone, hanno fatto uscire il simulacro della Patrona dalla basilica di Sant’Antonio Abate, dopo l’incedere assordante dei tamburi di Giarratana. ( Imperdibile video "a sciuta" del 2013 QUI N.d.R.)

Un caleidoscopio di colori ha animato il prospetto dell’edificio di culto.
Tra gli applausi.
Questa fase della festa è stata preparata con la massima attenzione. Accolti dal tripudio dei numerosi presenti, i portatori hanno atteso che si completasse il rito della “Sciuta” prima di avviare la processione per le vie del centro storico.
Cominciando quasi di corsa nel breve tratto in salita che conduce nell’antico centro storico di Giarratana. Per poi portare il simulacro nella chiesa del Patrono, San Bartolomeo.
Tutti momenti molto apprezzati dai fedeli.
A guidare la processione il parroco, don Mariusz Starczewski, alla presenza del vicario, Giovanni Piccione.
 Quello di oggi è un rito che si ripete anno dopo anno con la stessa intensità per perpetuare una tradizione che affonda le proprie radici nella notte dei tempi.
Una devozione totale quella fatta registrare dai giarratanesi che hanno assistito, prima della “Sciuta”, alla solenne concelebrazione eucaristica presieduta dal vicario generale della diocesi, don Roberto Asta.
Erano presenti le massime autorità civili e militari cittadine, a cominciare dal sindaco Bartolo Giaquinta.
A fine celebrazione è stata consegnata ai devoti portatori una medaglia mariana
Il primo cittadino, inoltre, alla fine della celebrazione, ha fatto atto di consacrazione della città alla Santa Patrona


Questi sono momenti significativi – ha sottolineato il vicario generale – perché costituiscono l’identità di un polo. A maggior ragione se si celebra Maria, la donna dell’ascolto, della preghiera, dell’accoglienza, della carità e del sorriso. 
Maria è modello della Chiesa e di ogni credente cristiano”. 

Intorno alle 13, poi, c’è stato il rientro della processione in chiesa Madre con omaggio floreale a San Giuseppe.
Ma la festa non è conclusa. Proseguirà anche oggi pomeriggio.

Alle 16,30 ci sarà il giro per le vie cittadine da parte del corpo bandistico "Vincenzo Bellini- Città di Giarratana con l’esecuzione di marce sinfoniche in piazza.  (Sicuramente di gran pregio musicale come la tradizione  delle Bande del Sud Italia - in particolar modo nelle Puglie e in Sicilia- insegna! N.d.R.)

Alle 18, la sfilata lungo corso XX Settembre e corso Umberto I da parte dei tamburi di Giarratana. 

Alle 18,30 la tradizionale cena con la vendita all’asta dei doni offerti. 

Alle 20,30 la solenne celebrazione eucaristica presieduta da padre Joseph Muamba Bulobo. 

Alle 21,30, dalla chiesa Madre, la processione serale, alla presenza delle autorità civili e militari. 

Alle 23,30 nella basilica di Sant’Antonio Abate, il parroco consacrerà la parrocchia di Giarratana al Cuore Immacolato di Maria

Quindi, a seguire, il tradizionale rientro del simulacro portato a spalla e accompagnato dal canto del “Magnificat” contrassegnato da un artistico spettacolo di luci e fuochi sulla facciata della basilica a cura della ditta Fire Sud e della Basile service audio con l’Air cannon show.
Ci sarà quindi l’ingresso della processione e la riposizione del simulacro sull’altare maggiore. ... 



Fonte: Ragusa oggi

Video  "A SCIUTA" QUI

Ringraziamo un attento Lettore di MiL di Giarratana, ovviamente presente al sacro rito, che ci ha inviato alcune bellissime foto della processione mariana di quest'anno.

Nessun commento:

Posta un commento

L'inserimento senza moderazione dei commenti è limitato ai soli post usciti nella medesima giornata di inserimento e nel giorno precedente. Per i post più vecchi, i commenti saranno sottoposti a moderazione.
Qualora fosse attiva la moderazione, possono passare anche alcuni giorni prima del controllo da parte della Redazione.