Post in evidenza

Ora puoi... aiutare MiL

Se volete aiutare e sostenere MiL, potete fare una donazione anche piccola.   Ricordiamo ai nostri lettori infatti che MiL si sostiene solo ...

mercoledì 6 maggio 2015

Il Commissario p. Volpi non è morto ma molto malato (06.05.2015 h 21:00)

Si è diffusa stamattina la notizia della presunta morte di p. Volpi, che sarebbe avvenuta ieri a seguito di un ictus. 
Se da un lato è confermato l'ictus che ha colpito pochi giorni fa p. Fidenzio, è però smentita la morte.
Le Fonti di MiL, vicinissime 
 al cappuccino e molto attendibili, hanno  confermato pochi minuti fa alla Redaziond che p. Volpi è tutt'ora vivo, se pur in condizioni di salute molto molto critiche. 

Preghiamo per lui. 

AGGIORNAMENTO H 23:00
Il sito ufficiale dei Frati Francescani dell'Immacolata conferma la notizia di MiL e smentisce la morte di p. Volpi 
Qui un nostro commento

3 commenti:

  1. Tutti gli accidenti che gli avete mandato, tutte le maledizioni che gli avete fatto, tutti gl'improperi che gli avete detto dietro: ecco il risultato!
    E poi avete il coraggio di dire che pregate per lui. Prosit (stica....)
    Ma ricordate Dio vede e provvede!

    Sanctae Romanae Ecclesiae Inquisitor

    RispondiElimina
  2. Ringraziamo le comari isteriche che danno dell'eretico pure a Ratzinger e i pavoni dell'onanismo cibernetico per aver dato una perfetta occasione alle serpi moderniste di riversare fango e odio su tanta brava gente che lavora per la riedificazione della Casa di Dio. Adesso ogni fedele della liturgia tradizionale deve spiegare perchè non c'entra nulla con certi soggetti. Grazie, grazie davvero. Ma se aveste un lavoro e una vita avreste meno tempo per internet con beneficio della tradizione e di tutti noi. Grazie anche a MiL per non aver abboccato alle puerili sparate di queste canaglie

    RispondiElimina
  3. Il castigo di Dio...Dio e giusto nel punire.

    RispondiElimina

AVVISO AI LETTORI: Visto il continuo infiltrarsi di lettori "ostili" che si divertono solo a scrivere "insulti" e a fare polemiche inutili, AVVISIAMO CHE ORA NON SARANNO PIU' PUBBLICATI COMMENTI INFANTILI o PEDANTI. Continueremo certamente a pubblicare le critiche ma solo quelle serie, costruttive e rispettose.
La Redazione