giovedì 7 maggio 2015

Sul Comunicato dei Frati Francescani dell'Immacolata 06.05.2015

Questo è il testo ufficiale del Comunicato Stampa di ieri 06.05.2015, ore 23:00 circa con cui il sito ufficiale dei Frati Francescani dell'Immacolata, confermando la nostra fonte, aveva smentito la notizia della morte del commissario apostolico p. Fidenzio Volpi o.f.m. capp. che era stata diffusa ieri mattina.
A noi alcuni punti sembrano fuori luogo.

COMUNICATO STAMPA DEL 6 MAGGIO 2015

 La notizia del decesso di Padre Fidenzio Volpi diffusa oggi da alcuni blog e social network di orientamento tradizionalista è falsa e destituita da ogni fondamento.
La nostra famiglia religiosa prega per la conversione di quanti da tempo, speculando e strumentalizzando il commissariamento, si stanno distinguendo per una campagna di sempre più spregiudicate calunnie e diffamazioni che colpiscono in definitiva la stessa Chiesa Cattolica.
Padre Volpi che ancora oggi saluta e tranquillizza tutti con affetto era stato semplicemente colto da un malore il 29 aprile scorso con la necessità di un ricovero ospedaliero.
L’occasione vale per ringraziare Padre Fidenzio Volpi per il generoso servizio che sta prestando, insieme alla professione di devota obbedienza dei Frati Francescani dell’Immacolata alla Sede Apostolica.
 
Roma, 6 maggio 2015

Sulla parola "strumentalizzando" c'è addirittura un link al nostro post di ieri in cui smentivamo la morte di padre Volpi... 
Ringraziamo i molti lettori che ci hanno scritto (via mail e su Facebook), stupiti anch'essi da questa inopportuna polemica sollevata dai FFI in occasione di una circostanza così delicata circa la salute (e la vita) di una persona. 
Anche se pare eccessivo riferire l'opposizione di certi ambienti a p. Volpi come  un colpo esteso (addirittura) alla  Chiesa tutta, da parte nostra pensiamo che le rispettive posizioni  andrebbero tenute distinte e lontane (come abbiamo fatto noi) dall'attuale frangente, per lasciare silenzioso spazio solo alla preghiera e alle notizie sull'evolversi della situazione. 
I FFI avrebbero potuto evitare certi riferimenti ai recenti trascorsi e, soprattutto, omettere toni polemici, così inappropriati ad un comunicato sulla salute del loro Commissario...

16 commenti:

  1. Avete invocato la morte di Padre Volpi in vari commenti, dunque non è giusto parlare di strumentalizzazione, gli unici che strumentalizzano siete voi, CONVERTITEVI al VANGELO di CRISTO GESU', siete ancora in tempo. E ricordate che papa Francesco manderà a Quaresima 2016 i missionari della Misericordia che avranno il potere di confessare i peccati più gravi tra cui l'apostasia di cui siete affetti.
    Un consiglio da una persona che partecipa alla Messa Straordinaria nel rispetto dell'Autorità della Chiesa

    RispondiElimina
  2. Dai Francesco continua cosi' anzi cerca di eliminare la parola "peccato" dal vocabolario della Chiesa!! EVVIVAAAA CHE BELLO PECCARE CON LA CONSAPEVOLEZZA CHE TUTTO TI VERRA' "SCUSATO".... perché Lui e' salito al Padre e Gli mostra le piaghe come prezzo per la nostra salvezza. EVVIVA https://www.youtube.com/watch?v=BNwNiA7NYTc FRANCESCOOOOO

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Il peggiore dei peccati è aver perso il senso del peccato. Il Papa lo sa perché sennò non sarebbe il Papa. Da latinoamericano per di più conosce perfettamente l'influenza mefistofelica delle sette sataniche e il potere nefasto del demonio, da cui spesso mette in guardia. Misericordia si, ma verso chi è pentito!

      Elimina
  3. Non capisco perché tanto scandalo. Il Volpi si è buscato un coccolone e questo è un fatto. Il Volpi non è più un giovincello e morirà anche lui come tutti, spero solo che prima di lasciarci le penne definitivamente faccia un sano mea culpa per tutte le cattiverie e le sofferenze inflitte ai FFI e ai fedeli che li seguivano.
    Magari la "briscola" è un avviso misericordioso della provvidenza, prima
    della partenza definitiva. Non mancano certo a Bergoglio altri aguzzini a cui affidare il kommissariamento dei fraticelli di Manelli.
    Se e quando Volpi lascerà questa valle di lacrime, nessuno o quasi
    avrà a soffrire troppo, quindi ribadisco nel suo interesse, che almeno provveda a sistemare i conti col Padre Eterno, anche perché adesso
    coi postumi dell'ictus non credo che potrà più imperversare come "ai bei tempi".

    Neppure cade una foglia che Dio non voglia, figuriamoci il coccolone di Volpi. Stia attento pure il sudamericano anzi.... e Padre Bruno.... perché Nostro Signore è lento all'ira, ma alla fine si stufa pure lui.

    Auguri a Fidenzio di pronta conversione, perché questo è importante, se poi campa o crepa, è del tutto secondario.

    RispondiElimina
  4. Io ho celebrato la S Messa in suffragio; per non saper né leggere né scrivere, in caso per vari motivi avessero nascosto i fatti veri.
    Ai miei bambini di catechismo insegno che il Purgatorio è come un palazzo incendiato dove gli inquilini non possono uscire da soli. Noi siamo i pompieri e i suffragi sono l'acqua.
    Non possiamo ritardare i suffragi per i nostri morti
    Sarebbe gravissimo se per una firma retrodatata, o per una password che non si trova, avessero ritardato i suffragi...
    Pur non volendo credere a simili ipotesi, una Messa non fa mai male.
    Caro Padre Volpi, se sei vivo guarisci, se sei morto gli Angeli ti conducano con Abramo in Paradiso... E da lì cerca di aiutare chi soffre tanto per tutta la vicenda
    Ave Maria!
    Sac Alfredo M Morselli

    RispondiElimina
  5. Ma per quanto tempo i FFI avranno bisogno di un commissario? Auguro a P Volpi di guarire e di riposarsi e rilassarsi.Questo incarico lo lasci a qualche altro.Tanto la Chiesa di questi tempi è piena di ....misericordiosi.

    RispondiElimina
  6. Sui soliti 3-4 piccoli blog ultraconservatori ne hanno dette di tutti i colori contro padre Volpi ed hanno festeggiato in modo velato alla sua dipartita. I fedeli sensibili alla tradizione devono prendere una posizione seria verso questi fanatici, pena l'isolamento dei tradizionalisti.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. X Il Nuovo : la posizione, chiarissima della Redazione di MiL sta proprio in questo post che trasuda in modo inequivocabile il "sensus ecclesiae" che pervade non solo lo staff di MiL ma anche la totalità dei fedeli che si riconoscono nella Liturgia disciplinata dal Motu Proprio Summorum Pontificum, legge della Chiesa.
      Questa chiarezza, questo "sentire cum Ecclesia" e anche questa normalissima etica sociale di civiltà umana e cristiana ha prodotto una solitaria stonatissima nota. Ci è stato infatti modo di leggere in un blog questo inarmonioso intervento : " “Quanto alla spirale discendente del blog Messainlatino, è dovuta all'ossessione di essere accondiscendenti a tutti i costi con certi vescovi. Evidentemente qualcuno della redazione ha interessi più importanti della Messa in latino...” .
      Penso che la frase in oggetto si commenta da sola nella sua stridente realtà di aspra provocazione fine a se stessa.

      Elimina
    2. Non sempre può valere il detto: de mortuis nihil nisi bonum.
      Non mi son rallegrato alla notizia della sua morte e non mi rallegro nel sapere ch'è vivo ma in cattive condizioni. Ho detto qualche preghiera per lui. Affidiamolo alla misericordia divina.

      Elimina
    3. Ma " Il Nuovo" non risponde quando non gli fa comodo ...
      Ripeto . questa volta MiL si è comportata eticamente e cristianamente BENE.

      Elimina
  7. Ah Quanta Cura bisogna oggi la Chiesa militante ! E quanta confusione. In quanto a Messa in latino non conosco altro blog piu' onesto. Ma come dice la verita' ed e' imparziale... In Spagna si dice: DI LA VERDAD Y PERDERAS LA AMISTAD. Piu' vale perdere le amicizie degli uomini, anche se occupano Altissimi posti terreni, che la Amicizia di DIO VIVO ET VERO.
    Ad multos annos blog carissimo e senza deviazione ne a destra ne a sinistra!

    RispondiElimina
  8. Un pessimo servizio è stato reso agli amanti della Tradizione per colpa del coinvolgimento ossessivo dei nostri blog alla vicenda di padre Volpi e dei Francescani dell'Immacolata. Alla fine noi dobbiamo spiegare a tanti chi siamo e cosa facciamo, prendendo le distanze da coloro che non mostrano un minimo di rispetto e di pietà cristiana verso gli altri infangando e facendo perdere di credibilità tutti noi.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Esattamente caro Anonimo del 14 maggio... esattamente come ha fatto MiL.. però riflettiamo ben bene ... " un pessimo servizio è stato reso agli amanti della preghiera e della chiesa" : non sono state neppure chieste preghiere per la guarigione di un religioso ... accade che quando uno sta male i compagni di fabbrica, di condominio o di quartiere si radunano per pregare per la sua guarigione. Questo non è stato fatto dai confratelli di P.Volpi almeno pubblicamente. Preghiamo noi allora ...

      Elimina
    2. In questa occasione caro Anonimo del 14 maggio MiL si è comportata nobilissimamente bene " sentire cum Ecclesia".

      Elimina
    3. VERGOGNATEVI CAMBIATE RELIGIONE, MI SENTO NAUSEATA CHE I CATTOLI MA MANIACALI MANELLIANI SI COMPORTINO IN QUESTO MODO. VI PREGO PUBBLICATE IL COMMENTO

      Elimina
  9. Bravo anonino condivido manelliani rivestitevi di veste nuova abbandonate il peccato----

    RispondiElimina

L'inserimento senza moderazione dei commenti è limitato ai soli post usciti nella medesima giornata di inserimento e nel giorno precedente. Per i post più vecchi, i commenti saranno sottoposti a moderazione.
Qualora fosse attiva la moderazione, possono passare anche alcuni giorni prima del controllo da parte della Redazione.