lunedì 12 gennaio 2015

Papa Francesco "ad Deum" nella Sistina

Riporta un'agenzia di stampa:

CdV, 11 gen. - Papa Francesco e' nella Cappella Sistina per celebrare la Festa del Battesimo del Signore e amministrare il sacramento del battesimo a 33 neonati, 20 bambine e 13 bambini, figli di dipendenti vaticani. Nell'occasione non e' stato collocato sul presbiterio l'altare volante che consente di celebrare rivolti al popolo, come normalmente si fa dopo il Concilio Vaticano II e quindi Bergoglio per la prima volta celebra di spalle come avveniva con il rito antico. Lo stesso aveva fatto negli ultimi anni Benedetto XVI in occasioni analoghe, ma il nuovo Papa, fino ad oggi, in Sistina si era sempre servito dell'altare mobile (che oggettivamente non si inserisce in modo armonico nel luogo affrescato da Michelangelo con le sue opere piu' importanti) ed e' la prima volta dunque che celebra pubblicamente con le spalle al popolo dopo la sua elezione al Pontificato. (AGI) .

La notizia, ripresa con una certa sorpresa e clamore da parecchi quotidiani, ci fa certamente piacere, ma anche sorridere laddove considera la celebrazione (parzialmente) ad Deum (o spalle al popolo, se preferite) una novità assoluta per papa Francesco. L'anno scorso, nella medesima circostanza, aveva fatto lo stesso: si legga questo nostro post, con tanto di prova fotografica.

le foto sono prese da Salvem a Liturgia 

Il fatto che anche Papa Francesco abbia celebrato ad Deum, avvalla la validità e la fecondità di tale orientamento, più corretto e più adatto alla celebrazione dei divini misteri, e manifesta l'infondatezza degli astrusi convincimenti di certi vescovi e preti che prediligono la celebrazione ad populum fondandola su distorte teorie che, a lor dire, meglio esprimerebbero la "concelebrazione" dei fedeli (che comunque resta solo "spirituale" e non certo sacramentale, propria invece del solo sacerdote).
Quindi quei vescovi che si oppongono alla celebrazione ad Deum, lo fanno solo per motivi ideologici, non sussistendone di teologici o di pastorali, visto che nella Sistina anche Papa Francesco questa volta, non ha voluto l'altare mobile come le volte scorse, ma ha scelto di celebrare rivolto al Crocefisso.Vuol dire che riconosce la bontà della cosa.




26 commenti:

  1. ormai per la stampa tutto quello che fa Papa Francesco è una novità assoluta!
    Il primo Papa che celebra a oriente nella sistina , il primo papap che accarezza i bambini, il primo papa che si preoccupa dei malati, che condanna la mafia, che si fa intervistare da un girornalista, che scambia il proprio zucchetto... che si veste di bianco, che vive a Roma, che vuol bene alla mamma! Tutto!

    RispondiElimina
  2. Ha celebrato anche sulla tomba di San Giovanni Paolo II. Ma tutto ciò che significa?

    RispondiElimina
  3. Ma dove sta scritto che si debba per forza celebrare di fronte al popolo (o meglio, più politicamente corretto: all'assemblea?)?. Sembra si scopra ogni volta l'acqua calda! Comunque queste levate di scudi, questa agitazione verso la celebrazione coram deo mi confermano ogni volta che la Messa è sempre il nocciolo della questione cattolica!

    RispondiElimina
  4. Notare l'antropocentrismo del commento "spalle al popolo".

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Già! Non è questa la celebrazione "strana" sono tutte le altre che voltano le spalle al Dio Uno e Trino! Si vergognino coloro che hanno così platealmente calpestato la sacra liturgia e persino le prescrizioni della Sacrosantum Concilium!

      Elimina
  5. 33 bambini? ho capito bene??? è incredibile! una scelta non-casuale. un omaggio alla Massoneria: il 33° Grado è il più alto e gioioso (l'anno della morte del Salvatore...) Solo a chi raggiunge quel grado viene rivelato il più grande segreto.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ne hai di tempo da perdere...

      Elimina
    2. Commento degno di Chiesa Viva... Facciamoci due risate!

      Elimina
    3. Questo commento è stato eliminato dall'autore.

      Elimina
    4. siete gente senza immaginazione, né perspicacia: ve la fanno addosso e non vi accorgete di niente. solo così i cattivi possono conquistare il mondo: contando su gente come voi: lo "Sheeple" (pecorume) che non vede e non sente.

      Elimina
  6. un colpo al cerchio e uno alla botte.....

    RispondiElimina
  7. Meglio girare spalle al popolo che a DIO!

    RispondiElimina
  8. Notizia non esatta: lo fece già lo scorso anno per la medesima occasione.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Sì grazie. Lo abbiamo scritto e messo pure il link alla notizia.

      Elimina
  9. Adesso non esageriamo, fossero 66 potrei essere d'accordo, 33 sono anche gli anni di NSGC.

    RispondiElimina
  10. Ho trovato su un autorevole forum cattolico che "è la quarta volta che Papa Francesco celebra (pubblicamente o in forma "semipubblica") ad orientem:
    Messa presso la tomba dell'allora Beato Giovanni Paolo II (31 ottobre 2013)
    Messa nella Cappella Sistina in occasione della festa del Battesimo del Signore (12 gennaio 2014)
    Messa nella Cappella della Delegazione Apostolica di Istanbul (30 novembre 2014)
    Messa nella Cappella Sistina in occasione della festa del Battesimo del Signore (11 gennaio 2015)"

    RispondiElimina
  11. Non mi piacciono per niente i microfoni sull'altare (in generale), ma quelli sono proprio ingombranti!!! ... bisognerebbe metterne degli altri più esili...!
    O comunque trovare una soluzione tecnologica migliore perchè appoggiarli così sull'altare è una cosa che (a me) proprio dà molto fastidio...non trovate...?

    RispondiElimina
    Risposte
    1. La soluzione c'è eccome. Esistono i microfoni piatti, addirittura da mettere sotto le tovaglie. Ma un mio amico diceva: "Il microfono è diventato siluppellettile liturgica al pari di candelieri, patena e calice!" E io aggiungo: Al centro, pari dignità ,e più, della Croce.

      Elimina
    2. D'altronde: la comunicazione è tutto!
      ...anche perchè: "il Verbo si è fatto carne"!
      Ok, tutto torna: microfono al centro. Grazie! :-(

      Elimina
  12. come ci ha insegnato Benedetto XVI, non "spalle al" popolo, bensì "alla testa del" popolo.

    RispondiElimina
  13. E comunque anche Papa Francesco sarà anti-Tradizionale ma almeno un po' di cultura del bello ce l'ha: l'altare posticcio nella Sistina non si poteva proprio vedere!!!

    RispondiElimina
  14. Non capisco tutto questo entusiasmo. Potrebbe anche celebrare solo messe in latino, ma se poi dice che Dio non è cattolico, si pone in "silenziosa adorazione" in moschea sotto gli occhi del mondo, non difende i cristiani... Non posso fare tutto l'elenco, troppo lungo. Perché vi illudete? Vi ricordo che la Cappella Sistina è stata da poco affittata alla Porche per una cena.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Il tuo commento è azzeccato e opportuno. Brava!

      solo una cosa: "non difende i cristiani" è fuorviante, oggi è necessario specificare. Non difende i cristiani da mussulmani tagliagole che li massacrano.
      Tutta un'altra cosa.

      Il silenzio davanti a questo fatto, cioè che i musulmani uccidono i cristiani, è un sacrificio offerto sull'altare dell' Ecumenismo, la nuova chiesa che chiede riti e sacrifici pieni di sangue CRISTIANO che in moschea non va.
      Cordialità

      Elimina
  15. E allora? La nuova "messa", se detta ad orientem, va bene? Basta così poco per farvi contenti?

    RispondiElimina

L'inserimento senza moderazione dei commenti è limitato ai soli post usciti nella medesima giornata di inserimento e nel giorno precedente. Per i post più vecchi, i commenti saranno sottoposti a moderazione.
Qualora fosse attiva la moderazione, possono passare anche alcuni giorni prima del controllo da parte della Redazione.