domenica 18 maggio 2014

Francescani dell’Immacolata: la ( nuova ) Curia Generalizia senza carità e misericordia verso i loro Confratelli

La Curia Generalizia dei Francescani dell’Immacolata ha risposto ad un recente articolo apparso su Rorate Coeli   ( QUI ).
Il noto sito anglofono  aveva infatti scritto che “che un considerevole numero di frati FI - forse 100-150 – avrebbe presentato una petizione alla Curia romana per lo scardinamento dall’ordine di diritto pontificio ( rinunciando al diritto pontificio N.d.R) preferendo la soluzione di divenire una comunità  posta sotto la giurisdizione canonica di un vescovo diocesano ”. 
La Rev.ma Curia Generalizia dei Francescani dell’Immacolata, confermando l'uscita di Frati e di Seminaristi  dall'Ordine , anche se, secondo loro, in numero assai minore ,  ha replicato all'articolo di Rorate Coeli  dal Sito ufficiale dell’Ordine ( QUI )  adoperando un linguaggio pesantemente sprezzante e discriminante  che ignora totalmente il dolce e continuo " inno alla misericordia e alla carità " che il Santo Padre Francesco quotidianamente raccomanda ai Consacrati e ai fedeli poichè “ la misericordia divina è una grande luce di amore e di tenerezza, è la carezza di Dio” . 
Scrive la Rev.ma Curia Generalizia dei Francescani dell'Immacolata :

 "RORATE COELI",  MENTE ANCORA
 
 Il sito anglofono vicino al mondo tradizionalista "Rorate Coeli" dichiara in un post del 14 maggio 2014 (http://rorate-caeli.blogspot.com/2014/05/franciscans-of-immaculate-will-francis.html) che 100/150 frati chiedono a Roma la "dispensa dai Voti".
In realtà si tratta solo [ sic ! N.d.R.]  di una quindicina di sacerdoti e altrettanti studenti di voti temporanei sul totale di 378 frati.
 [ Per la Rev.ma Curia Generalizia dei Francescani dell’Immacolata sono i numeri che contano ! N.d.R]
La notizia serve per creare agitazione e incoraggiare eventuali titubanti attraverso la dinamica psicologica dell'emulazione. 
[la Rev.ma Curia Generalizia dei Francescani dell’Immacolata vuole proprio ignorare totalmente il disagio psicologico e spirituale della maggior parte dei loro Confratelli dopo un anno di Calvario . Lo vogliamo ricordare noi :  senza uno straccio di accusa i Fondatori e Superiori dei Francescani dell'Immacolata sono stati deposti ed isolati, il Seminario Internazionale è stato chiuso così come tante  Chiese e Conventi ... le Comunità sono state smembrate ...  Nei confronti dei Francescani dell'Immacolata è in in atto un durissimo  provvedimento che non ha euguali nella  Storia della Chiesa negli ultimi due secoli :  un  massacro spirituale di tanti giovani Frati che de facto corrono il rischio di essere mutilati del loro carisma .   E' altamente comprensibile che quei poveri Religiosi, che  hanno ricevuto nel cuore il dono di una santa “agitazione”, cercano, con la sola arma della preghiera e della penitenza, di  salvare la loro specifica vocazione religiosa e sacerdotale! N.d.R.]
I quindici chierici non avrebbero nemmeno trovato da due mesi un vescovo diocesano accogliente.
 [La Rev.ma Curia Generalizia dei Francescani dell’Immacolata è contenta di questo :  grazie ai loro “buoni uffizi” quei poveri Confratelli, pochi o tanti che siano, si trovano - ancora -  in mezzo la strada ! Che bella  notizia per la Rev.ma Curia Generalizia dell'Ordine ! Ai Consacrati membri della Rev.ma Curia Generalizia ricordiamo umilmente che il Santo Padre Francesco ha tantissime volte esortato ad abbondare in carità e in misericordia : “…l’esercizio della pazienza e della misericordia da parte della comunità è segno di maturità nella fede. La libertà di ciascuno non deve essere forzata, e si deve rispettare anche la eventuale scelta di chi decidesse di cercare ... altre forme di vita"… N.d.R.]
È solo una strategia sabotativa e distruttiva degli ex superiori che non vogliono l'uscita dalla crisi per motivi ideologici e d'interesse personale.
[crisi provocata da chi e per quali scopi ? Questi sarebbero i “toni” cristianamente caritatevoli usati da una Rev.ma Curia Generalizia di un Ordine religioso ? Sembrerebbe di aver sbagliato sito N.d.R.]
La Curia Generale
Raccomandiamo umilmente alla Rev.ma Curia Generalizia dei Francescani dell’Immacolata di ripassare il Catechismo della Chiesa Cattolica : “Gesù fa della carità il comandamento nuovo. Amando i suoi « sino alla fine » (Gv 13,1), egli manifesta l'amore che riceve dal Padre. Amandosi gli uni gli altri, i discepoli imitano l'amore di Gesù, che essi ricevono a loro volta.” (1823) e di leggere quanto Papa Francesco insegna e raccomanda, soprattutto ai Consacrati, di abbondare in carità e in misericordia.