martedì 3 gennaio 2012

La nuova Costituzione Ungherese parla di Dio: riconosciuto ruolo e importanza del Cristianesimo, difesa di famiglia e della vita umana

Negli anni scorsi dall'Ungheria erano giunte già diverse buone notizie in ambito religioso-liturgico:
-
il pontificale in Rito Antico del Vescovo Ausiliare di Vac presso la Basilica di Mátraverebély-Szentkút (10 aprile 2010);
- la esemplare decisione dell'episcopato ungherese di obbedire al Papa e di procedere alla correzione del Messale N.O. del
pro multis (da "mindenkiért" a "sokakért") (06 ottobre 2011);
- la celebrazione di SS. Messe in Rito Antico per i militari ungheresi (23 dicembre 2011).
Ma quella del 1° gennaio 2012 è oltremodo straordinaria, se pur riguarda un fatto politico.
E' entrata in vigore la nuova Legge Fondamentale dell'Ungheria (equivalente alla nostra Costituzione), con le modifiche "cristiane", che erano state proposte dal Premier V. Orban e dalla Fidesz i mesi scorsi.
La Costituzione era stata approvata con 262 voti favorevoli, 44 controe 1 astensione. Il testo era stato poi promulgato dal Presidente della Repubblica ungherese, Pal Schmitt, il 25 aprile 2011 e sarebbe entrato in vigore, appunto, il 1° gennaio 2012.
Nel nostro post in cui ne davamo notizia (qui) illustravamo i cambiamenti di fondo e di principio, e le peculiarità cristiane introdotte.
Oggi vi proponiamo direttamente il testo di cui parlammo e le modifiche salienti e di nostro maggior interesse. (la versione integrales i può trovare a questo link, nella traduzione in inglese).

Non servono commenti per esprimere la gioia nel leggere che da qualche parte in Europa l'orgoglio Cattolico non è fonte di vergogna o, peggio, bandito, e che un popolo si dichiari orgoglioso di essere cristiano cattolico e che invochi la benedizione di Dio.

Roberto

"Preambolo (omissis)

Dio benedica gli ungheresi!
[...]
Siamo orgogliosi che il nostro re Santo Stefano abbia costituito lo Stato ungherese su un terreno solido e reso il nostro paese una parte dell'Europa cristiana mille anni fa
[...]
Riconosciamo il ruolo del cristianesimo nel preservare la nazione. Apprezziamo le varie tradizioni religiose del nostro Paese
[...]
Noi non riconosciamo la sospensione della nostra Costituzione storica a causa di occupazioni straniere. [...] Noi non riconosciamo la costituzione comunista del 1949, dato che era la base per il dominio tirannico, quindi noi proclamiamo che sia valido

articolo L
(1) L'Ungheria proteggere l'istituto del matrimonio come l'unione di un uomo e una donna stabilito dalla decisione volontaria, e la famiglia come base della sopravvivenza della nazione.(2) L'Ungheria incoraggia l'impegno di avere figli
[...]

LIBERTA 'E RESPONSABILITA'
articolo II
La dignità umana è inviolabile. Ogni essere umano ha il diritto alla vita e alla dignità umana, la vita embrionale e fetale sono soggette alla protezione dal momento del concepimento."

fonte: Rorate Caeli blog

Nessun commento:

Posta un commento

L'inserimento senza moderazione dei commenti è limitato ai soli post usciti nella medesima giornata di inserimento e nel giorno precedente. Per i post più vecchi, i commenti saranno sottoposti a moderazione.
Qualora fosse attiva la moderazione, possono passare anche alcuni giorni prima del controllo da parte della Redazione.