Post in evidenza

MiL ha bisogno di voi lettori: DONAZIONI

A sx (nella versione per pc) e su palmare (voce " Donazione ") troverete la possibiltà di donare. Vi speghiamo il perchè.  Potrete...

lunedì 10 ottobre 2011

Seminario nelle Filippine sul Motu Proprio: clero diocesano e della FSSPX insieme, con la benedizione (in tutti i sensi) dell'Arcivescovo

Gli eventi si svolgono nella Chiesa con grande rapidità.
L'Arcivescovo Fernando R. Capalla, arcivescovo di Davao, nelle Filippine, aveva annunciato nel mese di agosto 2011, un incontro nella sua diocesi dedicato al motu proprio Summorum Pontificum. L'arcivescovo, nella circolare di convocazione del seminario, aveva parlato della necessità di promuovere la comprensione corretta e pastorale su questo tema, ed evitare confusioni. E aveva aggiunto che la confusione su questa materia potrebbe ssere legata alla presenza dei sacerdoti della Fraternità Sacerdotale San Pio X, "gruppo non approvato dalla Chiesa."

Ebbene, l'incontro si è svolto come previsto il 1° ottobre nella città di Davao ed è stato un successo!!
Organizzato da padre Joel Caasi, professore di liturgia su incarico dell'arcivescovo, ha visto la partecipazione di molto clero, religiosi e laici.
La grande sorpresa è stata l'arrivo dell'Arcivescovo, accompagnato da tre sacerdoti della Fraternità San Pio X, che hanno partecipato al seminario e hanno ricevuto, in ginocchio, la benedizione finale dell'arcivescovo.
Chiaramente, ogni giorno, ci sono passi verso la riconciliazione piena.

fonte: Acción Litúrgica

78 commenti:

  1. Andrea Carradori10 ottobre 2011 15:49

    Questa è una splendida notizia !
    Un unum sint !

    RispondiElimina
  2. Andrea Carradori10 ottobre 2011 16:02

    <span>Questa è una splendida notizia !  </span>
    <span>I tre Sacerdoti hanno ricevuto in ginocchio la benedizione del loro Arcivescovo !
    Ut unum sint !</span>

    RispondiElimina
  3. Luis Moscardò10 ottobre 2011 16:03

    E mi pare cosa buona e giusta e soprattutto logicamente normale, basta usare il cervello e non avere superbia e presunzione: ma in Europa ci son troppi sapientoni!

    RispondiElimina
  4. bene, la Santa Madre Chiesa ha bisogno della Fraternità San Pio X

    RispondiElimina
  5. Che bella ventata d'ossigeno!! bella notizia!!!
    avanti tutta, anche se con questi piccoli passi ma molto significativi....

    RispondiElimina
  6. Beh...


    http://kiapokspika.blogspot.com/2011/10/latin-mass-seminar-epic-success.html

    RispondiElimina
  7. Quando ci sono bravi vescovi i i membri della fsspx, non si tirano indietro.

    RispondiElimina
  8. E' bello che questo ulteriore esempio venga da un luogo geograficamente e culturalmente tanto lontano da Roma come le Filippine, a conferma che il fattore linguistico e culturale ha poco a che fare con l'amore per il Rito Antico.

    RispondiElimina
  9. ....e la Fraternità  San Pio X della Chiesa.

    RispondiElimina
  10. <span>....e la Fraternità  San Pio X della  Santa Madre Chiesa.</span>

    RispondiElimina
  11. Simon de Cyrène10 ottobre 2011 19:31

    Ecco un'ottima notizia e sono contento di vedere che i membri della FSSPX nelle Filippine siano un po' più aperti che dalle parti nostre.
    Eppure, ci sono vescovi pronti a stabilire un rapporto degno da vescovo a sacerdote non solo così lontano dallEuropa ma anche... in Francia: Mons Planet aveva addirittura offerto di dare la cresima nelle scuole della FSSPX nel sua diocesi, secondo la forma straordinaria ovviamente, ma fu mandato villanamente a quel paese. Bisoga dire che chi dirige la FSSPX è il solito.... Caquerait.
    Restiamone al lato positivissimo di questa notizia e diamone grazie a Dio e alla Madonna, insistendo presso di loro alfinchü un talle esempio diventi normalità dappertutto! Ubi Petrus Ibi Ecclesia. I.P.

    RispondiElimina
  12. Profeti di sventure...10 ottobre 2011 19:34

    I.P. sei viscido e fai venire il voltastomaco con la tua spocchia da omuncolo saccente.

    RispondiElimina
  13. Trovo inammissibile e incomprensibile che la redazione tolleri che il blogger Simon continui a storpiare il nome di un sacerdote in quel modo villano e disgustoso.

    RispondiElimina
  14. Che gioia, Benedico il Signore per questa notizia!

    RispondiElimina
  15. Questo è il testo della circolare del vescovo che indice il seminario:
    ...
    C'è stata confusione nella comprensione e la celebrazione della Messa in latino ora permessa ufficialmente dalla Chiesa. Questa confusione ha colpito la nostra vita e attività pastorali. La presenza di sacerdoti della Fraternità San Pio X, un gruppo non approvato dalla Chiesa, ha aumentato la confusione . Vi è quindi un urgente bisogno di cancellare la confusione e di promuovere la comprensione corretta e adeguata sollecitudine pastorale. A questo scopo abbiamo bisogno di capire di Papa Benedetto XVI Motu Proprio Summorum Pontificum. A tal fine ho richiesto fr. Joel Caasi, LSL , docente di Liturgia presso il nostro Seminario Regionale e Direttore del nostro Centro diocesano liturgico, di dare un seminario sulla Messa in latino e documenti della Chiesa relativi soprattutto riguardanti la sua teologia e valore per la vita cristiana in generale e per la vita pastorale, in particolare. Il Seminario si terrà presso il 5 ° piano del Bldg. Karpentrade....

    Almeno un vescovo che riconosce la confusione e vuol capire Papa Benedetto. 
    Ma parte da diffidenza nei confronti della Fraternità.
    Chissà se ha parlato solo il liturgista incaricato? Probabilmente, trattandosi di un seminario, avranno parlato anche i sacerdoti della FSSPX, si spera.

    RispondiElimina
  16. <span>Questo è il testo della circolare del vescovo che indice il seminario:  
    ...  
    C'è stata confusione nella comprensione e la celebrazione della Messa in latino ora permessa ufficialmente dalla Chiesa. Questa confusione ha colpito la nostra vita e attività pastorali. La presenza di sacerdoti della Fraternità San Pio X, un gruppo non approvato dalla Chiesa, ha aumentato la confusione. C'è quindi urgente bisogno di cancellare la confusione e di promuovere la comprensione corretta e una adeguata sollecitudine pastorale.  A questo scopo abbiamo bisogno di capire il </span><span>Motu Proprio Summorum Pontificum</span><span> di Papa Benedetto XVI. A tal fine ho richiesto fr. Joel Caasi, LSL , docente di Liturgia presso il nostro Seminario Regionale e Direttore del nostro Centro diocesano liturgico, di dare un seminario sulla Messa in latino e documenti della Chiesa relativi soprattutto riguardanti la sua teologia e valore per la vita cristiana in generale e per la vita pastorale, in particolare. Il Seminario si terrà presso il 5 ° piano del Bldg. Karpentrade....  </span>
    <span> 
    Almeno un vescovo che riconosce la confusione e vuol capire Papa Benedetto. E' anche la dimostrazione che un vescovo post-conciliare non capisce le vecchia Liturgia e la sua teologia...
    Il vescovo parte da diffidenza nei confronti della Fraternità, ma appare aperto e non chiuso.  
    Chissà se ha parlato solo il liturgista incaricato? Probabilmente, trattandosi di un seminario, avranno parlato anche i sacerdoti della FSSPX, si spera.</span>

    RispondiElimina
  17. Bella la benedizione finale del vescovo a tutti, compresi i sacerdoti della Fraternità :)

    RispondiElimina
  18. <span>Mi auguro che questa benedizione (che probabilmente sarà ignorata dai grandi media) sia in realtà un piccolo e prezioso seme fecondo che generi unità e riconciliazione... Le grandi cose spesso nascono proprio così, in modo silenzioso e discreto...</span>

    RispondiElimina
  19. Qualcuno sa come posso contattare <span>LDCaterina63?</span> <span> </span>

    RispondiElimina
  20. Allora c'é la speranza che in un futuro prossimo verrà rievangelizzata anche l'Italia!

    RispondiElimina
  21. <span>Quando dico che non conoscete la SPX ... queste cose succedono anche in Europa.  
     
    Per ovvi motivi non posso precisare ma quest'estate in Francia, <span>si in Francia! sotto il regno del "cattivissimo" Cacqueray e con la sua approvazione</span> (vero Simon cacaiolo ?)  
    é successa una cosa simile : un caso di grossa promiscuità diocesi-spx.  
     
    Aggiungo che la cosa vale anche nel senso inverso: a S.Nicolas du Chardonnet i tanti altari laterali sono a disposizione dei preti di passaggio diocesani che volessero celebrarvi il VO.  
    Non capita spesso (perché non sono tanti i preti coraggiosi che fanno domanda) ma ogni tanto succede...</span>

    PS - il cacaiolo invece di "de Cacqueray" scrive da mesi de "Caquerait" che é in francese é volgare ( cosi' come scrive da mesi Fêlé =pazzo invece di Fellay ...)
    allora da oggi don Simone diventa "il cacaiolo" (finché non la smette)

    RispondiElimina
  22. Le Filippine sono molto molto lontane dalla diocesi di Mogavero o dal  monastero di Bose, o da Sora, da roma, da Palermo, Chieti-Vasto, (per dirne solo alcune) . Qui vige il semprieterno Bettazzi (  usano le stessse infusioni che usavano a Breznev)  che arriverà a celebrare con grande euforia e un po di nostalgia "i migliori anni della nostra vita" identificati dal 1962 al 1978 ( i  periodi gloriosi del fai da te). Ospite d'onore Melloni , chissà se non fa una capatina Gherardini , per rovinare un po la festa!

    RispondiElimina
  23. é per questo che ci sono ancora delle esitazioni col papa ...

    RispondiElimina
  24. l'Italia é quella messa bene in Europa...

    RispondiElimina
  25. Simon de Cyrène11 ottobre 2011 08:59

    E' bello vedere che i membri della FSSPX nelle Filippine sono piû aperti che quelli dalle parti nostre e che abbiano accettato una certa comunione con il vescovo del luogo nella migliore tradizione cattolica.
    Il desiderio dei vescovi di stabilire rapporti più normali non è limitato ai soli antipodi: anche in Francia Mgr Planet aveva offerto di celebrare la cresima secondo la forma straordinaria nelle scuole della FSSPX e, addirittura, di dare giusdizione per la confessione (condizione sinequanon per la sua validità) nella sua diocesi: mandato malamente a quel paese dai soliti noti della FSSPX francese.
    Ma tutti ben sappiamo chi sia l'eretico e scismatico personaggio che dirige la FSSPX in Francia.
    Preghiamo con gioia affinchè i membri della FSSPX, ovunque nel mondo, prendano esempio dai loro colleghi nelle Filippine, e mostrino con più coraggio che la loro usuale pecorina adorazione alle loro ideologie la loro volontà di far parte dell'Unica Chiesa Cattolica Romana. Ubi Petrus Ibi Ecclesia.  I.P.

    RispondiElimina
  26. Simon de Cyrène11 ottobre 2011 09:17

    Sia benedetto hpoirot per i suoi insulti! La paura detta i suoi comportamenti, ma il suo prossimo ritorno nella Santa Chiesa sarà medicinale anche per lei. L'assicuro delle mie preghiere.  UBI PETRUS IBI ECCLESIA. In Pace

    RispondiElimina
  27. i miei insulti sono speculari a quelli che tu  fai a sua Eccellenza Mons. Fellay e all'abbé de Cacqueray da qualche mese... allora sii benedetto anche tu
    vedo tra l'altro che continui a vivere nei tuoi sogni ... et à selles ? comment allez vous ce matin ?

    RispondiElimina
  28. MgrPlanet chi ? quello che disse in un'intervista che i fra-massoni sono uomini di buona volontà ?
    quando la SPX trova la FEDE nei prelati succedonon le cose dell'articolo (che sono molto più frequenti di quello che si pensa)
    ... quando invece trova i vari MgrPlanet giustamente fa retromarcia e scappa !
    cosi' come quando trova prelati che omaggiano Lutero e indicono lo scandalo Assisi ... li' la prudenza sale a mille...

    <span>ps - cacaiolo oggi non ci benedici ?</span>

    RispondiElimina
  29. Chi si meraviglia di questo gesto, non conosce bene i sacerdoti della FSSPX, infatti dove trovano accoglienza e non porte in faccia, sono lieti di dare il loro contributo, specialmente di aiutare sacerdoti che vogliono imparare la S.Messa. Io ho visto sempre tanta cordialità nel parlare con sacerdoti o anche vescovi diocesani, pur nelle divergenze d'opinione. Speso poi il bene lo fanno in nascondimento, per acquistare i beni celesti e non l'approvazione mondana.

    RispondiElimina
  30. e lei qundi e' benedetto quando insulta? ora ho capito perche' lo fa cosi' spesso verso Cacqueray e Fellay

    RispondiElimina
  31. hai un dono nel semplificare avvenimenti complessi

    RispondiElimina
  32. Simon,

    non sono mai stato tenero con la superbia di certi esponenti della FSSPX, ma va detto che tra di loro ci sono tantissimi che non la condividono a loro volta. Specie tra i giovani, ci sono molti sacerdoti e seminaristi in gambissima che soffrono per questa situazione, non credono che il papa sia "modernista", non si sognano di chiedegli di "convertirsi" e vogliono solo poter vivere la loro vocazione senza doversi sentire discriminati. Dio benedica l'arcivescovo di Davao. Sono sicuro che se le persone giuste saranno messe a interfacciarsi con i vescovi diocesani, queste cose bellissime succederanno più spesso.

    Molti vescovi che non sarebbero pregiudizialmente ostili ai gruppi e alla liturgia tradizionali li abbiamo fatti diventare ostili noi conc erti atteggiamenti. Non dico che le persecuzioni cesserebbero, anzi. Più le cose miglioreranno, e più i nemici del Papa e della Chiesa si scateneranno.

    E d'altra parte, la parte più in gamba della FSSPX sarà inevitabilmente bollata come "traditirice" allorchè la sospirata riconciliazione sarà ottenuta. Tanto più se sarà sincera e non le due parti che fanno finta di ignorare differenze inammissibili.

    RispondiElimina
  33. <span>Simon,  
     
    non sono mai stato tenero con la superbia di certi esponenti della FSSPX, ma va detto che tra di loro ci sono tantissimi che non la condividono a loro volta. Specie tra i giovani, ci sono molti sacerdoti e seminaristi in gambissima che soffrono per questa situazione, non credono che il papa sia "modernista", non si sognano di chiedegli di "convertirsi" e vogliono solo poter vivere la loro vocazione senza doversi sentire discriminati. Dio benedica l'arcivescovo di Davao. Sono sicuro che se le persone giuste saranno messe a interfacciarsi con i vescovi diocesani, queste cose bellissime succederanno più spesso.  
     
    Molti vescovi che non sarebbero pregiudizialmente ostili ai gruppi e alla liturgia tradizionali li abbiamo fatti diventare ostili noi conc erti atteggiamenti. Non dico che le persecuzioni cesserebbero, anzi. Più le cose miglioreranno, e più i nemici del Papa e della Chiesa si scateneranno.  
     
    E d'altra parte, la parte più in gamba della FSSPX sarà inevitabilmente bollata come "traditirice" allorchè la sospirata riconciliazione sarà ottenuta. Tanto più se sarà sincera e non le due parti che fanno finta di ignorare differenze inammissibili.</span>

    Che il Signore benedica l'arcivescovo di Davao!

    RispondiElimina
  34. <span>la Santa Madre Chiesa ha bisogno della Fraternità San Pio X <span>ma non puo' essere indispensabile!</span></span>  
    altrimenti vorrebbe dire che la verità ce l'ha solo la SPX e  che Roma l'ha persa?

    in questo senso io credo che l'accordo non sia né urgente né cruciale.

    RispondiElimina
  35. Profeti di sventure...11 ottobre 2011 10:47

    I.P. sei proprio un vigliacchetto

    RispondiElimina
  36. MgrFellay (e non MgrWilliamson) critica duramente Assisi3...


    http://www.youtube.com/v/Rnz7BUd-7Hs" type="application/x-shockwave-flash" width="170" height="140


    la spx é molto più unita di quello che immaginate...

    RispondiElimina
  37. Simon de Cyrène11 ottobre 2011 11:33

    E' vero, Ospite delle 10:44. Lo ammetto e concordo con il suo intervento.  I.P.

    RispondiElimina
  38. se un giovane oggi (non nel 1987) entra nella FSSPX, specie se proviene da un background diverso, come è generalmente il caso in Italia e non solo, è ovvio che ritiene il Papa un modernista. Se no potrebbe andare alla San Pietro, a Gricigliano, o dove gli pare

    RispondiElimina
  39. <span>Ma tutti ben sappiamo chi sia l'eretico e scismatico personaggio che dirige la FSSPX in Francia. </span>
    Simon, a lei che parla tanto di ossequio al magistero, ricordo che la Pontificia commissione Ecclesia Dei, nella persona del suo ex Segretario mons. Parl, ha esplicitamente dichiarato che la FSSPX non è mai stata dichiara formalmente scismatica dalla Chiesa.
    Inoltre se conosce il significato di "eretico", nel senso di colui che prende dalla dottrina alcune cose e ne tralascia altre, mi dica cosa ha tralasciato la FSSPX che custodisce INTEGRO il "Depositum fidei" cattolico.
    Se non ha accettato qualcosa di post-conciliare, allora abbiamo la prova evidente che sono state introdotte cose "nuove", ergo non accettabili, in quel Deposito, del quale purtroppo se ne stanno tralasciando e diluendo parecchie. Non sto a dir quali, che lo abbiamo evidenziato miriadi di volte.

    RispondiElimina
  40. <span><span>Ma tutti ben sappiamo chi sia l'eretico e scismatico personaggio che dirige la FSSPX in Francia. </span>  
    Simon, a lei che parla tanto di ossequio al magistero e che non riesce ad abbandonare il suo mantra di "eresia e scisma" inappropriatamente affibbiatto alla FSSPX, ricordo che la Pontificia commissione Ecclesia Dei ha esplicitamente dichiarato che la stessa non è mai stata dichiarata formalmente scismatica dalla Chiesa.  
    Inoltre se conosce il significato di "eretico", nel senso di colui che prende dalla dottrina alcune cose e ne tralascia altre, mi dica cosa ha tralasciato la FSSPX che custodisce INTEGRO il "Depositum fidei" cattolico.  
    Se la Fraternità non ha accettato qualcosa di post-conciliare, allora abbiamo la prova evidente che sono state introdotte cose "nuove", ergo non accettabili, in quel Deposito. E abbiamo altrettante preve che purtroppo se ne stanno tralasciando e diluendo parecchie. Non sto a dir quali, che lo abbiamo evidenziato miriadi di volte.</span>

    RispondiElimina
  41. esattamente, il bene è sempre silenzioso e ama il nascondimento, mentre il male suona la grancassa e ADORA la visibilità, i media per avere risonanza ecc.
    anche io mi accodo a chi dice che sono cose normali per la FSSPX: quando un vescovo o un sacerdote è disponibile sono i primi a tendere la mano alla collaborazione. Alla faccia di chi dice che stanno nella torre d'avorio e non vogliono sporcarsi le mani...

    RispondiElimina
  42. figuriamoci se era messa male, caro hpoirot !

    RispondiElimina
  43. ma è la solita tecnica mistificatrice predicata dal "tollerante" Voltaire:
      <span> calunniate, calunniate .... qualcosa resterà  </span>!

    il quale, da bravo illuminsta predicava questo metodo per sobillare i suoi  estimatori con il suo feroce odio anticattolico<span> (diceva: «écraser l'infame», schiacciare l'infame, riferito a Cristo e alla sua Chiesa) e raccomanda a tutti di seminare odio e disprezzo verso il cattolicesimo, ricorrendo anche alla calunnia SISTEMATICA, che sicuramente avrebbe dato i  suoi frutti, screditando e diffamando chi ne era l'oggetto, per affossarlo nella pubblica opinione !</span>
    <span>Ora sta avvendendo dentro la Chiesa, ad opera dei catto-modernisti, sedicenti tradizionalisti, che usando lo stesso sistema della menzogna calunniosa per programma, inculcato come metodo di "lotta" nelle loro anime dall'imperante<span> relativismo</span>, mira a screditare con ogni mezzo il presunto avversario, ovvero i semplici "cattolici di sempre", aderenti alla dottrina perenne e a Nostro Signore senza se e  senza  ma.</span>

    RispondiElimina
  44. <span>ma è la solita tecnica mistificatrice predicata dal "tollerante" Voltaire:  
      <span> calunniate, calunniate .... qualcosa resterà  </span>!  
     
    il quale, da bravo illuminsta predicava questo metodo per sobillare i suoi  estimatori con il suo feroce odio anticattolico<span> (diceva: «écraser l'infame», schiacciare l'infame, riferito a Cristo e alla sua Chiesa) e raccomandava a tutti di seminare odio e disprezzo verso il cattolicesimo, ricorrendo anche alla calunnia SISTEMATICA, che sicuramente avrebbe dato i  suoi frutti, screditando e diffamando chi ne era l'oggetto, per affossarlo nella pubblica opinione !</span>  
    <span>Ora sta avvendendo dentro la Chiesa, ad opera dei catto-modernisti, sedicenti tradizionalisti, (infettati dall'illuminismo-massonismo) che usano lo stesso sistema della menzogna calunniosa per programma, inculcato come metodo di "lotta" nelle loro anime dall'imperante<span> relativismo</span>, mirante a screditare con ogni mezzo il presunto avversario, ovvero i semplici "cattolici di sempre", aderenti alla Dottrina perenne della Chiesa e a Nostro Signore senza se e  senza  ma.</span></span>

    RispondiElimina
  45. ma in realtà in tutta la Chiesa,  tutti hanno (abbiamo) bisogno di tornare a Gesù Cristo, (con cuore indiviso) come all' unico e sommo Bene, Dio Datore di Via Verità e Vita, senza compromessi opportunisti coi poteri di questo mondo, amando Lui sopra ogni cosa, al di sopra delle nostre opinioni preferite, della nostra personale reputazione o successo, audience o consenso "politico"; come penso che abbia fatto Mons. Lefebvre, e come, se fosse ancora in qeusta vita, farebbe costantemente in tutte le presenti e future circostanze.
    Come fanno sempre i Santi, che , conformati a Gesù Cristo, che occupa totalmente il loro cuore, (li possiede) , desiderano sempre TUTTO E SOLTANTO CIO' CHE il Signore vuole da loro,  rimanendo con il cuore e gli occhi protesi a LUI,
       ....<span>come una serva alla mano della padrona .</span>

    RispondiElimina
  46. l'importante e che tutti possano dire:
    SIA FATTA LA VOLONTA' DI DIO,
    rimanendo in attesa orante di riconoscerla, e conformarsi docilmente ad essa,
    come sempre hanno fatto Maria SS.ma e Gesù Cristo, in tutto obbediente alla volontà del Padre Celeste.

    RispondiElimina
  47. Cara mic, oramai il più grande fan della FSSPX sa che se storpia il nome Cacqueray il suo commento finisce in moderazione allora, al posto di un nome  storpiato, partorisce una frase intera e le parole eretico e scismatico erano le sole ad esprimere a pari livello la sua evidente e straripante simpatia per il Superiore del Distretto francese della FSSPX.

    RispondiElimina
  48. <span>se un giovane oggi (non nel 1987) entra nella FSSPX, specie se proviene da un background diverso, come è generalmente il caso in Italia e non solo, è ovvio che ritiene il Papa un modernista. Se no potrebbe andare alla San Pietro, a Gricigliano, o dove gli pare</span>

    Mah, non è detto. Molto dipende dal retroterra culturale e dalla situazione specifica. E non è un caso se di italiani ce ne sono pochini, a Econe. Ma per un francese o un tedesco è diverso. La' ci sono intere aree che sono cattoliche solo di nome. Situazioni talmente assurde che umanamente rendono più comprensibile una scelta del genere. E poi a molti ragazzi vengono raccontate balle sul conto della FSSP o del Buon Pastore e via dicendo. Purtoppo a forza di ghettizzazione imposta o auto-imposta il nostro mondo è spesso una calamita di matti e personaggi squallidi, come quelli che ogni tanto vediamo qui a sputare sul papa e a difendere i terroristi maomettani coi loro complotti da reparto neuro. Ma per tanti ragazzi sono spesso l'unica fonte di informazione. Se uno dice certe cose del Papa, ve lo immaginate cosa racconta in giro dei gruppi "traditori" che gli sono fedeli?

    RispondiElimina
  49. Redazione di Messainlatino.it11 ottobre 2011 20:57

    hpoirot dice:
    " <span>l'Italia é quella messa bene in Europa... "</span>

    --++-----++--

    N.D.R: Ho cancellato il suo post non per il contenuto, ma per i 'mi piace' che sono stati messi con cinque nomi insultanti verso il triestemente noto superiore francese della FSSPX. A chi inserisce quei commenti dico: Lei dimostra una scarsissima preparazione alla vita in una società civile e una maturità mentale riscontrabile facilmente in una spugna.

    RispondiElimina
  50. Redazione di Messainlatino.it11 ottobre 2011 20:59

    Facciamo così: da ora in poi cancellerò implacabilmente qualunque commento di Simon de Cyrene (o di altri, se è per questo) che contenga cognomi storpiati ad arte, fosse anche, per il resto, il commento più saggio, illuminato, edificante, insigne per dottrina e pietà cristiana che sia mai comparso su Internet. Parimenti eliminerò qualsiasi epiteto scatologico rivolto a Simon o a chicchessia. Spero che così cessino i riferimenti a quelle basse funzioni corporali, anche se, purtroppo (c'è da giurarci), continueranno nei "mi piace", che infatti mi stavo chiedendo se disabilitare (per la seconda volta). Naturalmente gli altri moderatori saranno liberi di regolarsi come meglio credono. Inoltre, mi riferisco solo ai commenti che verranno pubblicati durante il mio turno di moderazione o che eventualmente mi capiterà di leggere al di fuori di esso.

    FZ

    RispondiElimina
  51. Luis Moscardò11 ottobre 2011 22:44

    "... queste cose succedono anche in Europa. Per ovvi motivi non posso precisare ma"... appunto <span>ma</span> in Europa ci sono troppi sapientoni.

    Condivido il richiamo della redazione FZ sulle intemperanze coprolàliche. A me piace assai scherzare sull'argomento, ma ci vuole un po' di stile oppure non ci vuole per niente stile. Questo star nel mezzo è tremendamente volgare....

    RispondiElimina
  52. Luis Moscardò11 ottobre 2011 22:45

    <span>"... queste cose succedono anche in Europa. Per ovvi motivi non posso precisare ma"... appunto <span>ma</span> in Europa ci sono troppi sapientoni.  
     
    Condivido il richiamo della redazione FZ sulle intemperanze coprolàliche. A me piace assai scherzare sull'argomento, ma ci vuole stile oppure non ci vuole per niente stile. Questo star nel mezzo è tremendamente volgare....</span>

    RispondiElimina
  53. Simon de Cyrène12 ottobre 2011 19:07

    Gentile FZ, la sola cosa che conti davvero è che si censuri chi OFFENDE il Santo Padre e i Vescovi in vera unione con lui: il giorno in cui costoro avranno capito che questo atteggiamento revulsante non è più accettabile si MIL la smetteranno anche di offendere scatologicamente gli altri.
    D'altro canto, lasci pure gli interventi di hpoirot perchè mostrano chiaramente il tipo di spiritualità di chi si nutrisce di odio verso la Cheisa cattolica e contro chi ne fa parte e La difende. I.P.

    RispondiElimina
  54. Un interessante (purtroppo) update...


    "
    <span>Tuesday, October 11, 2011</span>


    Archbishop of Davao says no to SSPX Rosary Crusade...

    Wha?

    ***

    From UCANews

    AN invitation by the Society of St. Pius X to clergy and lay people to attend their celebration of the feast of the solemnity of the Most Holy Rosary on Friday was rejected by the Archdiocese of Davao.

    Father Thomas Onoda, the head of the international Catholic traditionalist organization in the Philippines, had announced that all who wanted to join could gather in liturgy last weekend.

    Archbishop Fernando Capalla of Davao rejected the group’s invitation, and advised Catholics against joining.

    As long as the society does not have canonical status in the Church, its ministers do not exercise legitimate ministries in the Church,” he said, quoting Pope Benedict XVI’s 2009 letter regarding the organization.

    “For this reason our Catholics – priests, Religious and laity – are hereby advised not to participate in any ministry – liturgical celebration, teaching and community – of the Society of St. Pius X,” the prelate said.

    ***

    Just to pray the Rosary?!?!  The CBCP even prayed with the SSPX for the defense of life.  We saw a lot of YouTube videos about this.  Countless bishops sat with Fr. Onoda and delivered their message of support for the Rosary Crusade.

    I have heard stories of how the SSPX "crashed" a seminar about the TLM in Davao and this might have cause the Archbishop to turn down the invite.  And I think it might be justified...

    But....but....but..."


    Da: http://thepinoycatholic.blogspot.com/2011/10/archbishop-of-davao-says-no-to-sspx.html

    RispondiElimina
  55. @ Redazione

    La disabilitazione dei "mi piace" sarebbe una buona cosa, perché aggiungono poco e nulla ai commenti e possono alimentare uno spirito di fazione. Quando non c'erano, il blog non funzionava peggio. Anzi.

    RispondiElimina
  56. @ Redazione

    La disabilitazione dei "mi piace" sarebbe una buona cosa, perché aggiungono poco e nulla ai commenti e possono alimentare uno spirito di fazione. Quando non c'erano, il blog non funzionava peggio. Anzi.

    RispondiElimina
  57. Simon de Cyrène12 ottobre 2011 21:20

    Let's not dream overwhelmingly but let's stick to facts: they aren't, yet, part of the catholic Church so far and one has to accept the consequences however harsh they might look like. Ubi Petrus ibi Ecclesia. I.P.

    RispondiElimina
  58. Simon de Cyrène12 ottobre 2011 21:20

    <span>Let's not dream overwhelmingly but let's stick to facts: they aren't part of the catholic Church so far and one has to accept the consequences however harsh they might look like. Ubi Petrus ibi Ecclesia. I.P.</span>

    RispondiElimina
  59. Faremo dire una messa Vo per lei ed i suoi amici, in pace

    RispondiElimina
  60. Faremo dire una messa Vo per lei, Simon  ed i suoi amici, in pace

    RispondiElimina
  61. Faremo dire una messa Vo per la sua conversione, Simon  e per quella dei suoi amici, in pace.

    RispondiElimina
  62. Faremo dire una messa Vo per la sua conversione, Simon  e per quella dei suoi amici, in pace.

    RispondiElimina
  63. Faremo dire una messa Vo per la sua conversione, Simon  e per quella dei suoi amici, in pace.

    RispondiElimina
  64. Faremo dire una messa Vo per la sua conversione, Simon  e per quella dei suoi amici, in pace.

    RispondiElimina
  65. Faremo dire una messa Vo per la sua conversione, Simon  e per quella dei suoi amici, in pace.

    RispondiElimina
  66. Faremo dire una messa Vo per la sua conversione, Simon  e per quella dei suoi amici, in pace.

    RispondiElimina
  67. Faremo dire una messa Vo per la sua conversione, Simon  e per quella dei suoi amici, in pace.

    RispondiElimina
  68. Faremo dire una messa Vo per la sua conversione, Simon  e per quella dei suoi amici, in pace.

    RispondiElimina
  69. Faremo dire una messa Vo per la sua conversione, Simon  e per quella dei suoi amici, in pace.

    RispondiElimina
  70. Faremo dire una messa Vo per la sua conversione, Simon  e per quella dei suoi amici, in pace.

    RispondiElimina
  71. Faremo dire una messa Vo per la sua conversione, Simon  e per quella dei suoi amici, in pace.

    RispondiElimina
  72. Faremo dire una messa Vo per la sua conversione, Simon  e per quella dei suoi amici, in pace.

    RispondiElimina
  73. Faremo dire una messa Vo per la sua conversione, Simon  e per quella dei suoi amici, in pace.

    RispondiElimina
  74. Faremo dire una messa Vo per la sua conversione, Simon  e per quella dei suoi amici, in pace.

    RispondiElimina
  75. <span><span>We will</span> <span>have a </span></span><span><span>Vo</span><span> </span></span><span><span>mass said</span> <span>for his conversion</span> <span></span><span>,</span> <span>Simon and</span> <span>for the conversion of your</span> <span>friends</span><span>,</span> <span>in peace</span><span>.</span></span>

    RispondiElimina
  76. Ma non è Simon faccia pubblicità subliminale ad una marca di benzina italiana..?

    (Mette sempre IP alla fine..)

    RispondiElimina
  77. Ho il sospetto che Simon sia ancora minorenne.

    RispondiElimina
  78. Non crede che sia peccato che siano i commenti ad essere cancellati a causa di quell`intelligentone dotato per di più di una finezza senza confronti?
    Concordo con chi pensa che i placet non siano necessari a questo blog che funzionava benissimo anche prima che facessereo la loro apparizione.
    Perchè non sopprimerli?

    RispondiElimina

L'inserimento senza moderazione dei commenti è limitato ai soli post usciti nella medesima giornata di inserimento e nel giorno precedente. Per i post più vecchi, i commenti saranno sottoposti a moderazione.
Qualora fosse attiva la moderazione, possono passare anche alcuni giorni prima del controllo da parte della Redazione.