mercoledì 19 ottobre 2011

Immagini della S. Messa a Legnano

Qui di seguito alcune delle immagini della celebrazione a Legnano della scorsa domenica.
Per altre bellissime immagini, si veda qui, e per i video, si veda qui .
Complimenti agli amici di Legnano per il loro impegno!



50 commenti:

  1. Luis Moscardò19 ottobre 2011 15:56

    Artificiosamente metto un virtuale bottone e clìcco "MI PIACE" sotto queste foto.
    Avanti: AMDG!

    RispondiElimina
  2. quando Scola liberalizzerà la SantaMessa di rito Ambrosiano "extraodinario" ?

    RispondiElimina
  3. Mah, chissà... Come ho scritto commentando un altro articolo, <span>qualche avvisaglia di cambiamento c'è già: il primo Pontificale è stato tutto in latino, totalmente bandito nell'era Tettamanzi. Un passo per volta, con calma, speriamo che le cose procedano nel migliore dei modi. In diocesi l'opera che attende l'arcivescovo è improba,  a partire dal Seminario. Negli ultimi anni la più grande diocesi del mondo ha "sfornato" un numero irrisorio di preti e l'anno scorso credo si sia toccato il minimo storico.
    </span>

    RispondiElimina
  4. Noto che anche a Legnano come in altre chiese ci sono dei candelieri monumentali (4 o 2) posti in presbiterio. Qualche esperto sa se hanno una funzione particolare e quando erano prescritti?
    Grazie

    RispondiElimina
  5. Strabo Lombardus19 ottobre 2011 19:57

    Ma è l'ANTICO MESSALE AMBROSIANO con il suo proprio LEZIONARIO o il RITO MANGANINIANO ANTICO E RIFORMATO? Sarebbe interessante saperlo.

    RispondiElimina
  6. Rito ambrosiano antico, ma con il lezionario riformato.

    RispondiElimina
  7. Ergo rito "Manganiniano", purtroppo. Ma, col tempo tornerà anche il vero Rito Ambrosiano!

    RispondiElimina
  8. Le letture sono quelle del messale di Schuster. Prima di parlare, basterebbe guardare sul blog citato (www.ambrosianeum.com) e dare un'occhiata ai "propri" di ciascuna domenica che vengono regolarmente pubblicati.

    RispondiElimina
  9. sicuro? io sapevo che erano in italiano e seguivano il nuovo lezionario.

    RispondiElimina
  10. Strabo Lombardus19 ottobre 2011 21:39

    Anche a me era giunta, da più parti e con dettagliata insistenza, la notizia della riforma manganiniana dell'antico rito ambrosiano a Legnano e anche a Induno - la qual cosa mi parve la tipica perfidia di un uomo che odia il Messale antico (romano e ambrosiano con egual protervia). Se però qualcuno può certissimamente (ai limiti della "mano sul fuoco") assicurare che così non è, non c'è che rallegrarsene!

    RispondiElimina
  11. Strabo Lombardus19 ottobre 2011 21:40

    Dunque Rito manganiniano antico e riformato...

    RispondiElimina
  12. Strabo Lombardus19 ottobre 2011 21:44

    Più importante è quel che si fa di ciò che si pibblica... ma c'è qualche legame tra il Collegium ambrosianeum e Rinascimento sacro? Tanto per capire.

    RispondiElimina
  13. Strabo Lombardus19 ottobre 2011 21:44

    <span>Più importante è quel che si fa di ciò che si pibblica... ma c'è qualche legame tra il Collegium ambrosianeum e Rinascimento sacro? Tanto per capire.</span>

    RispondiElimina
  14. Strabo Lombardus19 ottobre 2011 21:48

    <span>Più importante è quel che si fa di ciò che si pibblica... ma c'è qualche legame tra il Collegium ambrosianeum e Rinascimento sacro? Tanto per capire.</span>

    RispondiElimina
  15. Strabo Lombardus19 ottobre 2011 21:49

    <span>Più importante è quel che si fa di ciò che si pubblica... ma c'è qualche legame tra il Collegium ambrosianeum e Rinascimento sacro? Tanto per capire.</span>

    RispondiElimina
  16. All'uscita del nuovo lezionario fu imposto il rito manganiniano. Oggi credo tuttavia sia stato reintrodotto il lezionario tradizionale. Almeno, posso dire con certezza che in presenza di solennità previste dal vecchio Messale e non dal nuovo le letture sono quelle del vecchio lezionario. Anche domenica scorsa le letture erano certamente quelle del vecchio lezionario.

    RispondiElimina
  17. don michele somaschini19 ottobre 2011 22:03

    Come rsponsabile del Collegium Liturgicum di Legnano vorrei precisare quanto segue:
    Il messale usato a Legnano è quello del Beato Card. Schuster.
    Il calendario liturgico è quello anteriore alla riforma.
    Le letture proclamate sono quelle del Messale e bengono proclamate in italiano.
    Il tutto come da accordi presi con Mons. Manganini.
    Il calendario liturgico per il prossimo anno è quello del 1928, corripsndente al 2012, recuperato presso la biblioteca capitolare del Duomo di Milano su indicazione dello stesso Mons. Manganini.
    Lo stesso Mons. Manganini ha più volte celebrato a Legnano e non ha nessuna preclusione o avversione al rito Antico.
    Il Collegium di Legnano non ha nessun rapporto ( se non di conoscnza) con Rinascimento Sacro.

    AMDG

    RispondiElimina
  18. don michele somaschini19 ottobre 2011 22:04

    <span>Come responsabile del Collegium Liturgicum di Legnano vorrei precisare quanto segue:  
    Il messale usato a Legnano è quello del Beato Card. Schuster.  
    Il calendario liturgico è quello anteriore alla riforma.  
    Le letture proclamate sono quelle del Messale e vengono proclamate in italiano.  
    Il tutto come da accordi presi con Mons. Manganini.  
    Il calendario liturgico per il prossimo anno è quello del 1928, corripsndente al 2012, recuperato presso la biblioteca capitolare del Duomo di Milano su indicazione dello stesso Mons. Manganini.  </span>
    <span>http://www.ambrosianeum.com/wp-content/uploads/2011/09/CALENDARIUM-AMBROSIANUM-PRO-ANNO-DOMINI-BISEXTILI-MCMXXVIII-DIM.VAR_..pdf</span>
    <span>
    Lo stesso Mons. Manganini ha più volte celebrato a Legnano e non ha nessuna preclusione o avversione al rito Antico.  
    Il Collegium di Legnano non ha nessun rapporto ( se non di conoscnza) con Rinascimento Sacro. </span>

    RispondiElimina
  19. Andrea Carradori19 ottobre 2011 22:14

    Pur non essendo territorialmente interessato al venerabile Rito Ambrosiano ringrazio il Reverendo don Michele per la cortesissima e interessante risposta, condita da interessanti riferimenti storici, che ha voluto donare a tutti noi lettori.
    Un esempio di garbata chiarezza che merita un particolare ringraziamento.

    RispondiElimina
  20. Lo sai Angelo che a Venegono - alcuni seminaristi lo vorrebbero - non è possibile inossare abitualmente l'abito talare?
    Solo in chiesa la possono indossare!

    RispondiElimina
  21. Andrea Carradori19 ottobre 2011 22:25

    <span>Purtroppo non conosco il venerabile Rito Ambrosiano. </span>
    <span>Mi sento tuttavia di ringraziare  il Reverendo don Michele le interessanti puntualizzazioni, di carattere storico-liturgico, che ha voluto cortesemente comunicarci.</span>
    <span>Grazie !</span>
    <span>( Se qualcuno mi indica un sito dove poter apprendere qualcosa sul Rito Ambrosiano, ne sarò molto grato ).</span>

    RispondiElimina
  22. Andrea Carradori19 ottobre 2011 22:27

    Interessante notizia questa del Pontificale del Cardinale Arcivescovo "tutto in latinno".
    Quando c'è stato ?

    RispondiElimina
  23. Andrea Carradori19 ottobre 2011 22:28

    <span>Interessante notizia questa del Pontificale del Cardinale Arcivescovo "tutto in latino".  
    Quando c'è stato ?</span>

    RispondiElimina
  24. Caro don Michele,
    grazie per le puntuali e confortanti notizie.
    L'anno scorso avevamo letto - proprio in questo blog - che a un sacerdote del Belgio (di passaggio a Seregno) era stato imposto di celebrare secondo il VO "a porte chiuse".
    Motivazione: "per non suscitare meraviglia nei fedeli" (Mons. Manganini).
    Riporto la notizia come era stata presentata in questo blog  

    RispondiElimina
  25. Non c'è mica da arrabbiarsi!
    Chi è "pratico" di queste faccenda sa i problemi che ci sono a Milano. E' inutile star qui a sfogliar verze e far finta di nulla.
    Ciò detto buon lavoro a voi legnanesi! Di cuore!

    RispondiElimina
  26. don michele somaschini19 ottobre 2011 23:07

    Mica mi sono arrabbiato.
    Penso che i problemi maggiori per la Tradizione a Milano siano dati dai comportamenti di certi c.d tradizionalisti....

    RispondiElimina
  27. Strabo Lombardus20 ottobre 2011 07:45

    Caro don Michele,

    la vicenda di Seregno fu seguita e guidata si dall'inizio dalla Commissione Ecclesia Dei. Una relazione dettagliata e documentata in ogni suo passaggio fu mandata alle Congregazioni romane competenti (come sa non ci fu indifferenza). Il suddetto Arciprete mosse una guerra furibonda e odiose nei modi e nelle parole a un pio sacerdote della Diocesi di Malines (e prossimo all'ICRSS) il quale di certo le parlò della vicenda.

    So per certo (e lei credo sappia) che questo sacerdote e il Circolo Culturale John Henry Newman si comportarono con la dovuta gentilezza con il Prevosto Mons. Motta e l'interlocutore della Curia milanese. Prendersela con "certi tradizionalisti" (e non dire quali) e difendere Mons. Maganini, la cui fama lo precede ovunque, non è né caritatevole né saggio.

    RispondiElimina
  28. Strabo Lombardus20 ottobre 2011 07:49

    <span>Caro don Michele,  
     
    la vicenda di Seregno fu seguita e guidata sin dall'inizio dalla Commissione Ecclesia Dei. Una relazione dettagliata e documentata in ogni suo passaggio fu mandata alle Congregazioni romane competenti (come sa non ci fu indifferenza). Il suddetto Arciprete mosse una guerra furibonda e odiosa nei modi e nelle parole a un pio sacerdote della Diocesi di Malines (e prossimo all'ICRSS) il quale di certo le parlò della vicenda.  
     
    So per certo (e lei credo sappia) che questo sacerdote e il Circolo Culturale John Henry Newman che l'aveva invitato, si comportarono con la dovuta gentilezza con il Prevosto Mons. Motta e l'interlocutore della Curia milanese. Prendersela con "certi tradizionalisti" (e non dire quali) e difendere Mons. Maganini, la cui fama lo precede ovunque (fra moltissimi tradizionalisti anche in queto blog), non è né caritatevole né saggio.</span>
    <span></span>
    <span>Grazie per la sua opera.</span>

    RispondiElimina
  29. Domenica scorsa: la terza domenica di ottobre è l'anniversario della Dedicazione del Duomo.

    RispondiElimina
  30. Mi risulta che da poco  anche a Legnano - come a Induno e, da sempre, in san Rocco al Gentilino - non si usi più il lezionario riformato.
    Non si tratta di 'disobbedienza' all'arciprete o presa di posizione, semplicemente lo stesso Manganini ha evidentemente cambiato indirizzo: l'agosto scorso ho assistito proprio alla messa di Legnano con mons. Manganini celebrante, e lui stesso ha utilizzato il lezionario proprio del Rito Ambrosiano antico.

    RispondiElimina
  31. Don Michele, a cosa o chi si riferisce esattamente? Essendo della diocesi Ambrosiana e frequentando il più possibile il Rito Antico mi farebbe piacere saperlo.

    RispondiElimina
  32. Purtroppo il Lezionario nuovo e' stata usata come arma di ricatto alle richieste di Legnano e Induno Olona; noi vi diamo la Messa Antica pero' dovete usare il nuovo Lezionario! Non si poteva veramente ottenere di piu', e mi rivolgo a coloro che contestano l'uso del lezionario manganiniano nelle Messe in Ambrosiano Antico, benignamente concesse da Tettamanzi, che ora potra' finalmente concelebrare in Viale Jenner col suo amico imam in rito cattoislamico...

    RispondiElimina
  33. Al Gentilino hanno fatto bene a rifiutare il Lezionario nuovo, non condivido pero' il metodo con cui lo hanno fatto; occorreva si' fermezza ma non aperta platealita'. Un deciso ma sereno "No grazie!".

    RispondiElimina
  34. La conferma nell'uso del Lezionario Antico a Legnano non puo' che rallegrarmi sommamente! Anche Mons.Manganini, stando a quanto riferitomi, non e' piu' apertamente ostile al Rito Antico, e' conciliante e dialogante... miracolo o scaltro tatticismo?!? Ai posteri...

    RispondiElimina
  35. La sacrosanta critica del Rev.do don Michele è rivolta certamente ai tanti che, peccando contro il supremo comandamento della carità, hanno fatto critiche a non finire, anche su questo blog, un po' a tutti incominciando dal Rev.mo Arciprete della Metropolitana il quale si è difeso come poteva...

    RispondiElimina
  36. Mi sembra un po' vago.

    Se ci si riferisce alle critiche mosse a Mons. Manganini relativamente all'imposizione del nuovo lezionario, in generale sono state critiche ben legittime, tant'è vero che lo stesso Arciprete è poi tornato sui suoi passi, aderendo alla mens del Santo Padre. Ciò di cui ci rallegriamo e di cui lo ringraziamo sentitamente.

    Se ci si riferisce invece ai toni con cui certe critiche sono state talvolta espresse, invece, non c'è che da essere d'accordo.

    RispondiElimina
  37. caro andrea, guardati in questo video un bell'esempio di vespri ambrosiani more antiquo con i canti della tradizione popolare: http://www.livestream.com/somasca/video?clipId=flv_f7f41b44-1518-4368-816d-42b8e1ef82c6&utm_source=lslibrary&utm_medium=ui-thumb
    Chiaramente il canto non è l'ambrosiano puro, sono le melodie e i toni che si cantavano nelle nostre cantorie di campagna e che stiamo documentando accuratamente, almeno quel poco che si può ancora ricuperare.
    Il video è brutto, però, passati i primi minuti in cui il tecnico era forse andato a bersi un caffé, rendono l'idea della cerimonia. Senti che bel Magnifcat verso il min 25 o 26...

    RispondiElimina
  38. Lo so lo so... ahimé lo so.

    RispondiElimina
  39. Ireneo, domenica prox vespri ambrosiani in latino a Premana (Lecco) con i canti litrugici della tradizione locale: per info. www.artemusicfestival.it

    RispondiElimina
  40. Chissà cosa ne pensa don Marco Paleari, docente al seminario di Milano, di questa santa Messa...
    Nel suo blog non perde occasione per sparlare dell'antico rito e appoggiare il dissenso modernista nella Chiesa. Guardate un po': http://www.seitreseiuno.net/Home/tabid/155/EntryId/2974/Sintonia.aspx#Comments

    RispondiElimina
  41. Strabo Lombardus20 ottobre 2011 23:32

    Evitiamo il ridicolo, per favore!

    RispondiElimina
  42. cambieranno le cose anche in seminario... con la calma... aspettiamo e vediamo...

    RispondiElimina
  43. @ Ireneo e Angelo

    Beh abitiamo abbastanza vicini quindi...
    E mi pare che i nostri commenti siano sempre (spontneamente) in sintonia.

    Riguardo a mons. Manganini.
    Premetto che non mi situo certo fra i "cacasentenze" di questo blog (soprattutto Angelo lo sa) e che il rispetto per la persona è sempre dato.
    Tutto ciò premesso devo però dire che il responsabile della liturgia della diocesi di Milano (o forse ex), nonchè arciprete del Duomo, non dovrebbe entrare ed uscire dal Duomo in borghese e con lo zainetto sulle spalle.
    L'ho visto io!
      

    RispondiElimina
  44. @Osservatore
    Pienamente d'accordo, d'altro canto non è dei certo peggiori, si sa quanto la talare a Milano sia un optional persino tra i canonici (con tanto di plauso a quelli che invece la indossano sempre, ve ne sono!). Almeno Mons. Manganini celebra in maniera assai dignitosa. 

    @Angelo
    Grazie, ho avuto notizia ma questa volta per me sono davvero molto fuori mano, decisamente in mezzo ai monti :)

    Già che siamo in tema, segnalo a tutti questi magnifici vespri ambrosiani antichi che ho avuto la fortuna di vedere officiati nella Basilica prepositurale di Lecco lo scorso 2 ottobre: http://www.youtube.com/watch?v=9ZJF5C6BfaY 

    RispondiElimina
  45. era prassi comune sotto Martini

    RispondiElimina
  46. forse non avrebbe funzionato, e soprattutto almeno hanno apertamente mostrato fedeltà

    RispondiElimina
  47. allora io posso capire i bloggers che invitano a non criticare il Papa etc., ma che anche la figura di Manganini diventi sacrale e inattaccabile fa ridere. Le cose che ha organizzato al Duomo tra concerti e comizi sono assurde. Informatevi se proprio siete ciechi volontari. Tatticismo in un uomo di quasi 80 anni? può darsi, c'è gente che si crede eterna

    RispondiElimina
  48. Ireneo, ma proprio qui sta il bello: a Premana si è conservato uno straordinario deposito di canti, studiati da ca. 40 anni da vari esperti. Ovviamente nessuno aveva mai chiesto loro di cantare i canti liturgici e così una ricerca tuttora in corso ha fatto emergere un vero e proprio tesoro nascosto. Il canto di Premana è un fatto unico in tutto il nord italia per lo stile e la qualità vocale, dovresti fare uno sforzo! ;-)

    RispondiElimina

L'inserimento senza moderazione dei commenti è limitato ai soli post usciti nella medesima giornata di inserimento e nel giorno precedente. Per i post più vecchi, i commenti saranno sottoposti a moderazione.
Qualora fosse attiva la moderazione, possono passare anche alcuni giorni prima del controllo da parte della Redazione.