domenica 16 ottobre 2011

Grave dissidio tra il vertice della FSSPX e il vescovo Williamson


E' stato diffuso in internet, sul sito Maurice Pinay, una lettera a firma mons. Fellay, Superiore della Fraternità S. Pio X, al suo confratello Williamson. I toni sono particolarmente aspri e danno piena spiegazione di quanto avevamo riferito (v. qui), ossia che l'assenza del controverso vescovo dal recente incontro ad Albano dei vertici della Fraternità derivava da ragioni di disaccordo. La lettera che segue confermerebbe oltre ogni immaginazione quanto anticipato. Usiamo il condizionale poiché l'autenticità di tale lettera non è al momento sicura, anche se lo stesso sito riporta una successiva missiva di Williamson che confermerebbe la genuinità di quella del Superiore Generale, pur deprecando che sia stata resa pubblica da coloro cui l'aveva inviata confidenzialmente.
Noi non siamo in grado di attestare l'autenticità della cosa (la lettera di Fellay, e quella di Williamson al sito in discorso), ma il testo girava già da alcuni giorni e, ora che è pubblicato, non vi è più ragione di riserbo. Certo, possiamo confermare il pessimo stato delle relazioni tra i due vescovi (Fellay aveva già pubblicamente minacciato Williamson di espulsione, in occasione della sua scelta di un avvocato neonazista per la tutela nel processo sul negazionismo delle camere a gas); così come è un fatto significativo che ad Albano Williamson non si sia recato. E' opportuno comunque precisare che il sito che ha pubblicato la lettera è molto vicino alle posizioni di Williamson ed estremamente critico verso i vertici della Fraternità.
Traduzione nostra.

Enrico


Testo della (presunta) lettera di mons. Fellay a mons. Williamson
 
23 Settembre 2011
 
Eccellenza,

Sarei lieto di invitarLa alla riunione dei superiori della FSSPX che si terrà in Albano all'inizio del mese di ottobre, visto che la natura e la composizione della riunione è stata in qualche modo modificata a causa degli eventi in corso. Sarei lieto di inviarLe un testo da Roma per cui vogliono una risposta. Tuttavia, mi trovo obbligato a fissare condizioni a ciascuno di questi punti.

In primo luogo, circa il testo, Le chiedo un giuramento per iscritto che non comunicherà a nessuno né il testo né il relativo contenuto. Troppo spesso in passato Ella ha mancato di discrezione, così sono costretto a sottometterla ad una procedura di questo tipo, cosa che non sono felice di dover fare.

In secondo luogo, circa la riunione di Albano, posso invitarLa a partecipare solo a condizione che smetta di pubblicare i commenti Eleison [il nome della newsletter di Williamson, n.d.r.]. Gliene è già stata data la ragione più volte, così come l'ordine di smettere. Ella ha ritenuto che per il bene della predicazione e la difesa della Fede aveva bisogno di non prestarvi alcuna attenzione, con il pretesto che nessuno aveva il diritto di fermare un vescovo dall'adempiere il suo dovere di predicare e difendere la Fede. Ma tale predicazione e difesa della Fede sono inserite in circostanze concrete che ben possono autorizzare i superiori ad intervenire. Inoltre, nessun altro vescovo della FSSPX pubblica una lettera circolare e non si considera per ciò solo ostacolato dall'esprimere se stesso.

Inoltre le conseguenze del Suo atteggiamento sono dannose per la FSSPX: Ella trasuda diffidenza verso il vertice della Fraternità e il Superiore Generale. Non può trattenersi dal comunicare questa sensazione a coloro che La circondano. Nessuna rivoluzione potrebbe fare un lavoro migliore per minare l'autorità… e questo lo fa in nome di un supposto possibile tradimento da parte del Superiore Generale... La cosa è molto seria.

Soprattutto quando un certo numero di indicazioni mostra che la Sua azione non si limita alla teoria:

1 Ad un sacerdote argentino Novus Ordo che chiede il Suo consiglio, raccomanda che non si unisca alla FSSPX.

2 Ad un laico americano scrive che l'apostasia della Chiesa ufficiale è ancor più avanzata di quella della FSSPX. Come si possono scrivere queste cose, false e ingiuste, contro la Fraternità di cui Ella è ancora un membro?

3 Esiste nei circoli anglosassoni una rete di infiltrati nella FSSPX che preparano una secessione. Portano avanti Lei come capo di questo movimento, che è l'amico dei suoi leader e sta facendo il loro gioco.

E poi accusa noi di essere biforcuti! Circa l'unità della FSSPX, quello che più la mette in pericolo è proprio Lei, Eccellenza! Sempre in nome della difesa della Fede. In un momento così grave come il confronto ora in corso tra noi e la Santa sede, la cui conclusione sarà decisiva per il nostro futuro e non senza conseguenze per tutta la Chiesa, Le chiedo quindi, una volta di più, di rimanere in silenzio fino a ulteriori ordini. Se dovesse rifiutare di prestare attenzione a questa direttiva, significherebbe sia non essere invitato all'incontro di Albano sia l'avvio della procedura canonica volta all'esclusione dalla FSSPX. Pertanto attendo la Sua risposta.[n.d.r.: i Commenti Eleison dopo questo ultimatum non sono affatto cessati e appaiono, anzi, sempre più deliranti].

Tutto questo è estremamente triste e non ha nulla a che fare con il confronto [con Roma] di cui ho accennato, checché Ella ne pensi. La perdita di uno dei suoi vescovi è una delle cose peggiori che potrebbero accadere alla FSSPX. Dipende interamente da Lei di risparmiarle una tale disgrazia. Creda, Eccellenza, nella mia fervente preghiera al Sacro Cuore di Gesù,
BpF.
 
Testo della (presunta) lettera di mons. Williamson al sito Maurice Pinay
 
Caro Maurice Pinay,

La prego di pubblicare sul blog stesso su cui ha pubblicato la lettera del 23 settembre del Vescovo Fellay, il seguente messaggio:
 
La lettera del 23 settembre di mons. Fellay a me indirizzata, come pubblicata sul blog Maurice Pinay, è autentica, ma è stata messa in internet a mia insaputa e senza il mio permesso. Avevo inviato una copia ad amici per chiedere loro consigli o per dire loro perché non ero presente alla riunione di Albano, ma mai avrei voluto che quella copia apparisse in pubblico. Non ho idea di chi l'abbia fatto, né me lo chiedo.

Mons. Richard Williamson, Londra, 14 ottobre 2011

226 commenti:

  1. Filippo Burighel16 ottobre 2011 04:40

    Non mi stupisce affatto. E' noto da parecchio che Williamson sia ormai un "cane sciolto", come si usa dire. Francamente, non capisco dove voglia arrivare.

    RispondiElimina
  2. Tutto come previsto e come avevo scritto in un thread postato nei giorni scorsi.
    Con buona pace dei soliti "falchi" che volteggiano in questo blog (e che seguiranno Williamson nel caso di una eventuale secessione all'interno della FSSPX). 

    RispondiElimina
  3. Trovo ripugnante che questo sito faccia eco a chi pubblica illegittimamente lettere private tra vescovi! Anche ammesso che il tutto fosse vero, ciò non è di competenza dei fedeli né, del pubblico, né,  tantomeno, di siti e blog. 
    Se questo sito fosse intellettualmente onesto, avrebbe subito cestinato questa notizia, invece di farne un titolone a tutta pagina, per perseguire il solito meschino fine di screditare la Fraternità S. Pio X (anche grazie alla puntuale difesa di certi commentatori particolarmente avvelenati). Purtroppo, facendo così, vi accumunate a quei giornalisti che non temono di rovinare la vita alle persone pur di arrivare allo "scoop". 
    Complimenti: per creare allarmismo ed inutili nervosismi non vi batte nessuno!

    RispondiElimina
  4. <span>Preferisco non dire il fondo del mio pensiero su chi ha messo su internet quella lettera, userei termini troppo forti, e aggiungo che avrei preferito che questo blog non se ne facesse l`eco, pubblicandola.  
    Partendo dall`ipotesi che quelle lettere siano vere, l`autore di quella "fuga", e il blogger stesso, non possono  essere che dei nemici di Mons. Fellay e, sopratutto, accaniti oppositori della riunione con Roma, si potrebbe immaginare che così facendo pensano e sperano in un`espulsione di Williamson che guiderebbe poi una nuova  "formazione" che rifiuterebbe di seguire la FSSPX, se e quando l`accordo venisse firmato.  
    Mi si permetta poi di avere qualche dubbio anche sull`ingenuità di mons. Williamson che mostra quella lettera....se la cava dicendo che non vuole nemmeno sapere chi è l`autore di quel tradimento, se di tradimento si tratta ....  
    Se poi Mons. Williamson ha fatto veramente prova di imprudenza, spero si ricrederà su coloro che considerava degli amici e che, in realtà, non farebbero di lui che una marionetta al servizio dei loro deliri sedevacantisti.  
    Comunque la pubblicazione di quella corrisponenza fra due vescovi, è semplicemente indecente e vergognosa e, ripeto, avrei fatto a meno di vederla pubblicata su questo blog. 
    </span>

    RispondiElimina
  5. Tutto giusto,
    1. ma se la lettera già circolava non mi pare che la Redazione abbia fatto scoop...
    2. ho sempre avuto rispetto per Sua Eccellenza (vedo che Enrico ancora di mentica il suo leggittimo titolo) Mons. <span>Williamson tuttavia è opportuno che si comprendano i termini della questione, quindi è un bene questo post anche perchè ci sono altri ospiti del forum, come me, che non leggono per principio i c</span><span><span>ommenti Eleison</span></span><span>.</span>
    3. gli episodi presentati da Sua Eccellenza Mons. <span>Fellay </span><span>sono gravissimi, mi auguro che sia tutta una montatura, diversamente, spero che </span>Sua Eccellenza Mons. <span>Williamson si riti a vita privata senza carta penne frncobolli telefoni e internet. </span><span></span>

    RispondiElimina
  6. <span><span>Mi si permetta poi di avere qualche dubbio anche sull`ingenuità di mons. Williamson che mostra quella lettera....se la cava dicendo che non vuole nemmeno sapere chi è l`autore di quel tradimento, se di tradimento si tratta ....    
    Se poi Mons. Williamson ha fatto veramente prova di imprudenza, spero si ricrederà su coloro che considerava degli amici e che, in realtà, non farebbero di lui che una marionetta al servizio dei loro deliri sedevacantisti.
       </span></span>

    Assolutamente sì!

    RispondiElimina
  7. <span>E così... ci si basa su due supposte (lettere).  
     
    Meglio sarebbe se delle supposte si facesse solo ed esclusivamente il debito uso.  
     
    Ha ragione Luisa, la pubblicazione è semplicemente indecente e vergognosa!</span>

    RispondiElimina
  8. La macchina del fango si è accesa...

    RispondiElimina
  9. Rombo di tuono16 ottobre 2011 10:26

    Maurice Pinay non esiste. Era lo pseudonimo di un gruppo di preti messicani, poi diventati sedevacantisti, che pubblicarono in varie lingue negli anni 1960 il libro "Complotto contro la Chiesa"
    Oggi vogliamo il Cagliari capolista!

    RispondiElimina
  10. Simon de Cyrène16 ottobre 2011 10:27

    Premetto che penso che questa lettera sia una bufala perchè ne ha tutte le caratteristiche e il linguaggio non mi sembra essere al livello dell'usuale curialese di Fellay.
    Un altro elemento che fa pensare ad una bufala sono tutti gli argomenti che porterebbe Fellay contro l'agire di Williamson inducente affievolimento dell'unità, della fedeltà e increscioso aumento della diffindeza verso i vertici della FSSPX: orbene si potrebbe riscrivere lo stesso testo immaginandolo scritto da un cardinale di curia a Fellay stesso, mutatis mutandis e cioè i nomi e FSSPX con Chiesa cattolica. Questi elementi di testo sembrano quindi più una presa in giro di Fellay che altro: se l'avesse scritto per davvero vorrebeb dire che mancherebbe di totale spirito di autocritica e che lui stesso sarebbe un bue che chiama cornuto un'asino.

    Di certo però rivela quel che tutti sappiamo: che c'è in questo vero momento una lotta interna tra le differenti fazioni e che questa lettera sia veridica o una buffala mostra l'implicazione di gente che ben conosce cosa vi succede.
    Ma l'esistenza di questi conflitti interni è una certa garanzia che Fellay vuole davvero che la FSSPX si convertisca e torni a Roma: in questo senso una frase molto pertinente del bloggista Anacoreta in seguito alla riunione di albano qualche giorno fa è da ricordare per la sua finezza, e cioè che se i responsabili della FSSPX fossero davvero uniti allora vorrebbe dire che non vogliono prendere la mano tesa loro dal dolce Vicario di Cristo in terra.

    A discolpa di Williamson, dobbiamo ricordarci che  non è mai stato cattolico, ma si che si è convertito dall'anglicanesimo al lefebvrismo e, come lo msotrano i suoi scritti, il suo pensiero non è mai stato romano nella vera e tradizionale accezione del termine. Ubi Petrus Ibi Ecclesia. I.P.

    RispondiElimina
  11. <span>Rorate Caeli è stato molto più serio. Conosceva l'originale inviatogli contemporaneamente a chi lo ha pubblicato, ma non ha voluto pubblicare, trattandosi di "supposta" corrispondenza per di più privata.  Non solo, ma ha dichiarato che avrebbe cancellato ogni intervento sull'argomento.   Me lo ero già tradotto giorni fa. 
    E' chiaro che il contenuto riguarda una situazione, anche pubblica, sulla quale convergono molte attenzioni, alcune  di attesa ed altre malevole.      
    Sarebbe stato molto meglio ignorare.      
    Del resto, cui prodest, se non ad attirare ulteriori strali nei confronti della Fraternità?      
    Se ci saranno dolorose fratture al suo interno, purtroppo non ci rallegra; ma si dovrà andare fino in fondo. Preghiamo che ci si arrivi secondo la volontà di Dio!</span>

    RispondiElimina
  12. "<span><span>Ad un laico americano scrive che l'apostasia della Chiesa ufficiale è ancor più avanzata di quella della FSSPX. </span><span>Come si possono scrivere queste cose, false e ingiuste, contro la Fraternità di cui Ella è ancora un membro?"</span></span>
    Chi la fa, l'aspetti

    RispondiElimina
  13. Non so se i testi in questione siano autentici o meno. Ciò che è indiscutibile sono i principali rilievi che vengono mossi a Williamson. Personalmente trovo molto spiacevole che uno sparuto gruppo di blogger, che scrive incessantemente qui, sia più schierata con la FSSPX che con la Chiesa, ma soprattutto che sia schierato con la SPX in toto, non distinguendo quella parte, che mi auguro maggioritaria, che opera positivamente per il rientro nella Chiesa, e quella parte che fa capo a figure e figuri come Williamson. Questo è un vero peccato perché i toni accesi, fastidiosamente apocalittici, tavolta violenti e prepotenti, spessissimo offensivi verso la Chiesa e il Papa che carateruzzano i loro interventi finiscono con il dare un'immagine distorta del blog e delle centinaia di persone che lo leggono con profitto. Giustamente la Redazione dà spazio a tutti, quindi invito caldamente l "maggioranza silenziosa" dei lettori a esprimene le proprie opinioni. Infatti un lettore occasionale che non conoscesse le dinamiche del blog potrebbe pensare che questo sia un sito di esaltati estremisti che sostiene la parte più intollerante della SPX.

    RispondiElimina
  14. Sua Eccellenza Mons. Williamson si sbaglia: la FSSPX non è apostata <span>ma eretica</span>

    RispondiElimina
  15. Scusa rombo, leggere prima di parlare no, eh? l'articolo della redazione dice: pubblicato sul sito Maurice Pinay, al quale linka. Ma naturalmente si è già messa in  moto la macchina del complotto contro Williamson... Pover'uomo! Gliene capitano di tutti i colori. I gironalisti cattivi gli tendono trappole, la stampa perfida gli estorce dichiarazioni sui più vari e temi e lui ci casca sempre, ora gli scrivono pure false lettere. Povera stella, lui così candido ci casca sempre!

    RispondiElimina
  16. Se qualcuno del giro di Mons. Williamson l'ha messa in giro - vera o finta che sia - per seminar zizzania, forse ha ottenuto l'opposto: la frattura tra Williamson e gli altri e' una prova della serieta' con cui la maggioranza della FSSPX sta affrontando il momento. E' difficile che, nel portare avanti decisioni storiche, siano tutti d'accordo: se Williamson vuol fare il "Giuda" della situazione, e mettere insieme una sua privata combriccola sedevacantista, peggio per lui. Non vedo che "tragedia" sarebbe per la FSSPX la perdita di un vescovo (di la' dall'ovvio dispiacere umano), quando sull'altro piatto della bilancia ci fosse una prelatura personale, con possibilita' di portare avanti nel tempo la successione episcopale di Lefevbre.

    C.B.

    RispondiElimina
  17. Non è questo il senso dei nostri interventi. Williamson non è senza responsabilltà. Ma è diventato un facile bersaglio di strumentalizzazione per rimestare le acque a scapito della Fraternità. In questo momento, difficile e delicato, su cose del genere sarebbe più prudente glissare, per evitare di esasperare le situazioni già di per sé difficili.

    RispondiElimina
  18. Non lo dico per difendere la FSSPX, ma eretici sono coloro che vedono eresie nella Fraternità.
    Qui non c'è un partito pro-Fraternità. C'è amore per la Chiesa, per la Verità e per la Fede non 'spuria' che, si dà il caso, la Fraternità custodisce.

    RispondiElimina
  19. Ha forse visto difese ad oltranza di Mons. Williamson, per fare un intervento del genere?
    Alcuni si sono espressi sulla opportunità o meno proprio di dare esca a scalmanati sia a favore che contro...

    RispondiElimina
  20. <span><span>...ma non ha voluto pubblicare</span></span>

    Hai fatto bene ... vedo che il tempo porta consiglio!

    RispondiElimina
  21. Messainlatino.it e' oramai allo sbando. Pubblicare una lettera cosi' senza essere sicuri che sia vera e' di una scorrettezza e cattiveria notevole. Ma io li ho gia' smascherati......questo blog fantomatico Tradizionalista serve ad attaccare la FFSPX occupando lo spazio mediatico che veri tradizionalisti potrebbero occupare e presentandosi come baluardo della Tradizione ...annacquando e colpendo quando occorre ..oltre alla superbia nel far sempre notare  ..."che loro lo avevano detto...che loro sanno questo...sono ammanicati con l'Ecclesia Dei...avete visto che noi lo sapevamo"..criticano di qua' e di la' come se fossero un Sant'Uffizio on line.....dimostra superbia che poco a a che fare con il Cristianesimo.

    E poi il blog Maurice Pinay....chi e'? Maurice Pinay e' lo pseudonimo usato da sacerdoti credo  messicani  per il libro "Complotto contro la Chiesa"...quindi Maurice Pinay non esiste!!!!

    Per me la lettera e' una bufala, e non essendo sicuro non faccio giudizi .....non si mettono per scritto certe cose ed anche il linguaggio e' poco consono all'autorita' di Fellay.

    Messainlatino.it e redazione....!!! Passo falso!

    RispondiElimina
  22. IL PAPA INDICE L'ANNO DELLA FEDE.... damose da fà..... :-D

    http://difenderelafede.freeforumzone.leonardo.it/discussione.aspx?idd=9966248&a=2#last

    e offriamo una ROSA ROSSA per i Peccatori:
    http://www.gloria.tv/?media=205235

    :)

    RispondiElimina
  23. Sono andato a leggere gli interventi di Mgr Willamson sul Eleison . Mi dispiace ma si tratta di spirito scismatico che puzza di eresia.Quando Mgr parla  "dei romani" e afferma che la vera fede è unicamente nella FSSPX dimostra di non aver fede nella Santa Chiesa Cattolica , una e santa che per volontà diCristo è edificata sulla roccia di Pietre e i suoi successori legittimamente eletti  nei quali risiede il carisma dell' infallibilità sulle cose riguardanti la fede e la morale. E contrario alla fede cattolica affirmare che la FSSPX è l'organo che deve decidere di ciò che è cattolico e ciò che non lo è. Uno può pensare il contrario ma deve avere il corraggio delle sue opinioni scismatiche . La simpatia per il tradizionalismo non può fare a meno della Verità sulla Chiesa e il ministero di Pietro




    e

    RispondiElimina
  24. Lasci perdere Romano! Sorvolo su Williamson, non mi interessa dire altro su di lui e anche sulle sue errate e false insinuazioni sulla FSSPX; ma non posso fare a meno di chiedermi a cosa lei si riferisca quando nomina la Chiesa Una Santa, che di certo non è ad Econe, ma che purtroppo a Roma è molto oscurata...

    RispondiElimina
  25. <span>Lasci perdere Romano! Sorvolo su Williamson, non mi interessa dire altro su di lui e sorvolo anche sulle sue errate e false insinuazioni sulla FSSPX, che celebra "una cum" il Papa; ma non posso fare a meno di chiedermi a cosa lei si riferisca quando nomina la Chiesa Una Santa, che di certo non è solo ad Econe, ma che purtroppo a Roma è molto oscurata...</span>

    RispondiElimina
  26. La Fraternità San Pio X è il regnum in se divisum, dove una casa cade sull'altra....speriamo che vada in rovina totalmente, prima dell'accordo con la Santa Sede. Così non ci sarà più nessuno con cui trattare

    RispondiElimina
  27. E' ora che le persone come lei, Mic, tolgano la maschera. Rispondo qui in una volta sola anche a quanto Lei scrive sopra. Giù la maschera e basta con le ambiguità e i colpi uno al cerchio l'altro alla botte. Lei e quelli che la pensano come Lei sono schierati con la SPX  e in fondo questo pensate, che la vera Chiesa stia più là che a Roma. E quando poi scrive che certe notizie non si dovrebbero pubblicare, è proprio il colmo: bisognerebbe pubblicare solo quello che fa comodo? Invece no, cara signora, questo è proprio il momento decisivo, quello in cui non si può più giocare. E' ora che i nodi vengano al pettine, che si veda bene chi pensa cosa. Così deve venir fuori ben chiaramente chi la Chiesa sta pensando di accogliere: deve venir fuori ben chiaramente se sta per accogliere i Williamson e i loro seguaci o se sta per accogliere persone che Williamson e i loro seguaci non li vogliono con sé. Parlate tanto di chiarezza, Lei e alcuen sue colleghe/i poi ogni giorno salite sul pulpito per predicare il rigore assoluto a tutto e a tutti, ma i primi a non essere chiari siete voi. Vediamo dunque di chiarire che cosa vogliamo accogliere nella Chiesa: la Tradizione? Oppure il tradizionalismo? Vogliamo accogliere coloro che hanno difeso l'antico rito e si sono opposti a un ceterminato andazzo della Chiesa postconciliare o vogliamo accogliere quelle frange che occchieggiano pòiticamente alla destra, che ammiccano all'antiebraismo, che hanno nostaglia del potere temporale ecc. ecc.? Ecco, questo è quello che ora deve venir fuori. Se la Chiesa Cattolica e Apostolica Romana deve riaccogliere gli scismatici di Econe, cosa di cui io sarei felicissimo, deve essere certa di accogliere chi viene con umiltà, cuore puro e disponibilità totale. Non abbiamo certo bisogno di figuri gonfi di rancora, di profeti di sventura, di pseudo inquisitori come Williamson e le sue deliranti lettere "Eleison" (che, nomen/omen, si può dire facciano proprio "pietà") e come coloro che qui e altrove le apprezzano. E' chiaro? Bene, ora fate chiarezza voi, fra di voi.

    RispondiElimina
  28. Peraltro almeno Lei, fra i blogger criptolefevriani del sito, mi sembra quella che almeno è d'accordo sul fatto che la perdita di Williamson non sarebbe affatto una perdita, per la SPX.

    RispondiElimina
  29. <span>anche la Chiesa intera è ormai un regnum in se divisum, da 48 anni, grazie all'ecumenismo ad INTRA, con tutte le specie di eresie e deviazioni pastorali-dottrinali-<span>movimentiste</span>,  ovvero inclusività di tutto e di più, ovvero RELATIVISMO imperante, dottrinale-liturgico, morale, lei non se ne è accorto  ?</span>

    RispondiElimina
  30. <span>infatti Gesù Cristo ha detto: <span>Chi non è con Me è contro di Me.</span>  
    Ma <span>Lui solo, Signore e Giudice dei vivi e dei morti,</span> DISCERNERA', come si separa il grano dalla zizzania,  e manifesterà CHI realmente - a fatti e parole - è con LUI e nella vera Chiesa da LUI fondata, e chi non lo è: e LUI soltanto sceglierà AD UNO AD UNO, chiamandoli per nome, e mettendoli a DURA PROVA DI FEDE  (=>  amare LUI al di sopra ogni cosa, di tutti gli affetti umani, dei CONSENSI DELLE FOLLE e dei potenti del mondo,<span> anche al di sopra della reputazione personale</span>, come accadde per Mons. Lefebvre e S. Padre Pio) i suoi fedeli che formeranno il piccolo Gregge, quello presagito anche da Paolo VI, quando disse:<span> "Prevarrà un giorno nel mondo cattolico un pensiero NON-cattolico, ma esso NON SARA' mai la Chiesa."</span>
    Gesù Cristo  purificherà i suoi seguaci tra grandi tentazioni e LOTTE per conservare la FEDE, così come  il ferro viene forgiato e purificato <span>nel fuoco,</span> e farà loro lavare le vesti nel Sangue dell'Agnello, tra grandi tribolazioni, (morali e spirituali piuttosto che fisiche).  
    Si sta avverando giorno per giorno la visione della Beata Emmerick.</span>

    RispondiElimina
  31. <span>Angelo, l'unica maschera che porto è lo sconcerto per tanti detti e fatti nella nostra Chiesa, che non esito ad esprimere, anche se cerco di temperare le espressioni più scatenate al riguardo, che non mi sono congeniali e trovo controproducenti.  
    Se qualche volta posso apparire anch'io cerchiobottista: paradossale, perché è quello che spesso mi sconcerta e mi suscita interrogativi da parte del del Papa, è il fatto che mi sento cattolica Romana e non Econiana anche se, in coscienza, riguardo alla dottrina e a certe prassi ho più cose da rimproverare a Roma, intesa come chiesa post-conciliare (che non è tutta la Chiesa), che ad Econe che, pure, ha dal canto suo degli irrigidimenti.   
    Insomma se proprio lo vuole sapere, la domanda che maggiormente mi risuona dentro in questo momento, e che è un grido del cuore, è: Signore, da chi andremo? Perché è ovvio che ci affidiamo sempre a Lui, ma ci ha dato una Chiesa, anche visibile, nella quale incontrarlo Vivo e Vero...  
    Francamente, in questo momento vedo tanto oscuramento delle verità fondanti della nostra fede e, soprattutto tante ambiguità. Se non credessi alla Chiesa-Mistero, quella Una Santa e sempre Viva nel Suo Signore, e non conoscessi delle "oasi" in cui trovare ristoro (mi riferisco al Santo e Divino Sacrificio celebrato come Cristo comanda) mi sentirei più disorientata.  
    Quanto a Williamson mi pare di essere stata più che chiara.   
    Saranno la Fraternità e la Santa Sede a doversi assumere le proprie responsabilità davanti al Signore ed alla sua Chiesa e io sono ancora qui a dire: Signore, da chi andremo?</span>

    RispondiElimina
  32. <span>ed è certo che la maschera, OGNI MASCHERA, ognuno di noi la dovrà togliere davanti a CRISTO GIUDICE DEI VIVI E DEI MORTI, non davanti a lei egr. sig. Angelo, che non è Dio !  
    e ogni uomo, ogni cristiano soprattutto la toglierà nel momento della morte, davanti al Giudizio particolare, e se la toglie ogni giorno <span><span>nell'esame di coscienza, e nella Confessione dei peccati</span>, nella penitenza e mortificazione quotidiana, rinuncia alle seduzioni di satana</span>: questo è il vero smascherare se stessi e gli altri, per riconoscimento delle menzogne che vengono suggerite dal maligno, spesso come MALE SOTTO FORMA DI BENE ! (questo accade nella Chiesa a partire dal CV2, col mitico dialogo ecumenico.....)  
    Ed infatti coloro che sempre hanno gettato ogni maschera sono I SANTI, che quotidianamente si sono messi davanti a Gesù Crocifisso dai nostri peccati, offrendo a LUI ogni giorno la propria<span>mortificazione</span>, nella carne e nello spirito,  RINNEGAMENTO DI SE' PER LA SUA GLORIA, unendosi alla sua Morte di Croce per espiare i peccati  personali e di altri, del mondo: questi, caro Angelo, sono coloro che tolgono tutte le maschere, i SANTI E I MARTIRI, che testimoniano Nostro Signore fino a disprezzare e donare la propria vita per Lui, che ha versato tutto il suo Sangue per riscattarci dalla dannazione eterna.  
    Quindi,<span> togliersi la maschera vuol dire  diventare SANTI: </span>solo questo Gesù Cristo chiede a tutti noi, di seguirlo nella vica Crucis, per ottenere da LUI la vera libertà, liberazione dal peccato e da ogni menzogna e ambiguità: solo la conformazione alla sua Morte di Croce ci rende VERI e liberi, cioè Santi.  
    NOn siamo appartenenti ad una fazione politica: la Chiesa Cattolica non è un partito politico, ma è la COMUNIONE DEI SANTI, non lo dimentichi, caro amico.  
    Ed è questa Via Crucis, come rinnegamento ed offerta totale di sè, sacrificio vivente gradito a Dio, in Cristo,  proprio ciò che ha fatto mons. Lefebvre, come tutti i Santi e Martiri della storia. </span>

    RispondiElimina
  33. l'ultima newsletter di williamson mette in seria difficoltà i rapporti con roma

    RispondiElimina
  34. Grazie della Sua risposta, ma non dovrebbe fare questa domanda. Cmq staremo nella nostra Chiesa, operando dall'interno come io e penso anche Lei faccia perché non prevalgano gli elementi che hanno dominato negli ultimi 45 anni e per ricostruire ciò che merita di esere ricostruito, portando ciascuno di noi il nostro piccolo mattoncino.

    RispondiElimina
  35. Lasciamo perdere queste digressioni, signora, Lei ha capito bene cosa voglio dire: lasci in pace i santi e rispondo a tono nel merito di ciò che stiamo dicendo: stiamo parlando del fatto che è ora di dire che cosa significa riaccogliere la SPX nella Chiesa romana e chi si sta forse per riaccogliere: è Williamson e quelli come lui quelli che si dovrebbe riaccogliere? Sono i seguaci di Le Pen? Sono i matti di Verona che organizzano Messe-Carnevale con "militi" in costume e altre pagliacciate? Me lo spieghi Lei, terra terra, senza scomodare santi e martiri.

    RispondiElimina
  36. <span>Segnalo peraltro l'ennesima uscita del signore in questione (Williamson), che potete leggere sul citato blog Maurice Pinay: l'ennesima uscita antiebraica, corredata di deliranti commenti sulla Roma totalmente giudaizzata di oggi e via di seguito dei lettori di quel blog, probabilmente in linea con alcuni dei nostri estremisti. Per la stima che ho di mons. fellay mi auguro che non si attenda oltre ad espellere questo individuo dalla SPX. Mi auguro anzi che ciò sia posto come conditio sine qua non per il rientro.</span>

    RispondiElimina
  37. Le dichiarazioni sono prese dalla rubrica periodica Eleison tenuta dal succitato Williamson.

    RispondiElimina
  38. no, amico , altro che digressioni !
    Se la Chiesa è SANTA, ed è in COMUNIONE COI SANTI, NOI tutti cattolici DOBBIAMO essere Santi, per precisa volontà di Nostro Signore che ha detto : siate perfetti, com'è perfetto il Vostro Padrre Celeste !
    ùaltrimenti diventa un qualsiasi gruppo di potere terreno, e non è più quella che ha voluto Gesù Cristo.
    Il fine della Chiesa è la SALVEZZA DELLE ANIME, lei Angleo se n'è scordato ?
    LA CHIESA ci rende figli di Dio, rinati in Cristo, per la Vita eterna, non per un benessere terreno e mortale, se n'è scordato ? Essa ci dona con la Grazia dei Sacramenti la vita soprannaturale, non quella politico-sociale, mondana e transeunte, o sbaglio ?
    Davanti a Gesù Crocifisso per i nostri peccati, non si può essere neutrali o indifferenti: o con LUI o lontano da Lui, o Santi o dannati, o inferno o Paradiso .
    ...ma neanche a lei al Catechismo hanno insegnato i Novissimi, evidentemente.
    L'urgente necessità di oggi, l'essenziale è che  TUTTA LA CHIESA torni a Nostro Signore con cuore indiviso, che tutti si convertano dalle strade DISTORTE, di menzogne, peccato ed ERESIE, e che ridiventi Una Santa Cattolica e Apostolica: perchè dal CV2 non vuol essere più nè Santa, nè Una nè Apostolica, mi pare.
    E  "cattolica" è denominazione FALSATA che ormai viene assegnata anche agli eretici, non lo vediamo da 40 anni ?
    si vuol negare l'evidenza solare che nella Chiesa dell'et-et conciliare  sono detti cattolici anche gli eretici ?

    RispondiElimina
  39. <span>no, amico , altro che digressioni !  
    Se la Chiesa è SANTA, ed è in COMUNIONE COI SANTI, NOI tutti cattolici DOBBIAMO essere Santi, per precisa volontà di Nostro Signore che ha detto : siate perfetti, com'è perfetto il Vostro Padre Celeste !  
    altrimenti diventa un qualsiasi gruppo di potere terreno, e non è più quella che ha voluto Gesù Cristo.  
    Il fine della Chiesa è la SALVEZZA DELLE ANIME, lei Angelo se n'è scordato ?  
    LA CHIESA ci rende figli di Dio, rinati in Cristo, per la Vita eterna, non per un benessere terreno e mortale, se n'è scordato ? Essa ci dona con la Grazia dei Sacramenti la vita soprannaturale, non quella politico-sociale, mondana e transeunte, o sbaglio ?  
    Davanti a Gesù Crocifisso per i nostri peccati, non si può essere neutrali o indifferenti: o con LUI o lontano da Lui, o Santi o dannati, o inferno o Paradiso .  
    ...ma neanche a lei al Catechismo hanno insegnato i Novissimi, evidentemente.  
    L'urgente necessità di oggi, l'essenziale è che  TUTTA LA CHIESA torni a Nostro Signore con cuore indiviso, che tutti si convertano dalle strade DISTORTE, di menzogne, peccato ed ERESIE, e che ridiventi Una Santa Cattolica e Apostolica: perchè dal CV2 non vuol essere più nè Santa, nè Una nè Apostolica, mi pare.  
    E  "cattolica" è denominazione FALSATA che ormai viene assegnata anche agli eretici, non lo vediamo da 40 anni ?  
    si vuol negare l'evidenza solare che nella Chiesa dell'et-et conciliare  sono detti cattolici anche gli eretici ?</span>

    RispondiElimina
  40. Benissimo, vedo che lei non risponde nel merito. Poiché le mie domande le ha capite benissimo, non vuole rispondere. Eccerto: dovrebbe dire che per Lei la vera Chiesa sta più a econe che a Roma e che posizioni come quelle propagandate da Williamson e da un sito come Maurice Pinay le condivide.

    RispondiElimina
  41. OK. Comunque devo una precisazione. E' ovvio che parlavo d'impeto e ho semplificato all'osso pensando a tanti stereotipi buttati lì da molti irriducibili avversari della Fraternità per partito preso, ma devo affermare che anche a Econe si sentono " Cattolici Romani" e questo non è cerchiobottismo, ma verità.
    E non è facile con l'aria che tira oggi ricostruire ciò che DEVE essere ricostruito, altrimenti è rovina per tutti. Se ci sostiene la Speranza e comunque continuiamo a portare la nostra piccola goccia è perché confidiamo nelle promesse del Signore!

    RispondiElimina
  42. A prescindere da Williamson

    RispondiElimina
  43. tutti i mali, gli abusi, le storture che lei denuncia sono dovuti NON ad un piccolo squilibrio su cui aggiustare un po' il tiro, raggiungendo un'intesa , una via di mezzo tra  moderati 8come lei si ritiene e "fanatici"  svitati o "squilibrati" rretrogradi  (o arteriosclerotici, chi sa...) come lei probabilmente ritiene me ed altri !  
    sono mali dovuti proprio a questo : che gli uomini di Chiesa, in pastori in primis, NON VOGLIONO più additare la santità ai fedeli nè vogliono pipù essere essi stessi santi: non vogliono seguire gesù sulla via Crucis.
    vogliono aggiustare il Vangelo su una misura di "larga comodità" !
    Ma se Gesù ha detto: "Chi vuol venirre dietro a me rinneghi se stesso, prenda  ogni giorno la sua Croce e mi segua" vuol dire che quella è la VIA REGALE per essere cristiani; con Lui sulla Croce e nella Resurrezione, e così la Chiesa che è Sua Sposa ...o no  ?
    a lei sembra un'inezia ?
    certo, perchè da  molti anni già i preti hanno preso il Vangelo come una favoletta da reinterpretare secondo i tempi moderni, e si son trascinati alllievi ben formati, come lei, che al Vangelo , in fondo, non crede, perchè lo ritiene superato dai tempi,  testo da ADATTARE all'uomo moderno, e da non seguire con integralismo fanatico: perchè secondo lei, i Santi e i Martiri sono "roba del passato", stanno bene dove stanno, cioè morti, vero ?
    Lei egr. Angelo alla Comuinione dei Santi non ci crede affatto, perchè questo è l'insegnamento dei suoi maestri (poreti) modernisti: l'hanno avviata, vedo, ad uno scetticismo o relativismo , sicura via per l'ateismo pratico, che considera la Cheisa un partito politico, una costruzione umana, da  "riassestare" con strategie  e risorse umane.
    Ma ....<span><span>Se il SIGNORE non costruisce la casa, </span>invano si affaticano i costruttori<span>. </span></span>
    E Gesù ha detto: Cercate il Regno di Dio e la SUA Gloria, il resto vi sarà dato in sovrappiù.
    --------------------
    Noi dobbiamo pregare e operare per il risanamento della cheisa e  la sua riunificazione VERA, chiedendola al Signore,. perchè è opera SUA, non nsotra, che LUI compirà pèer la SUa GLoruia, con la Sua Grazia e Potenza  e Provvidenza, mentre noi Gli daremo la nostra collaborazione,  ogni giorno lottando per non perdere la Fede e la Grazia santificante, facendo penitenza per i nostri peccati, e pregando e soffrendo per quelli altrui: questo i cristiani cattolici di tutti i tempi hanno sempre fatto; in questo i Santi sono i nostri fratelli maggiori nella Fede.
    E lei li rifiuta, considerandoli SUPERFLUI  ?
    E DOVE la Chiesa dovrebbe guardare -a quali esempi e maestri- per condurre i suoi figli alla santità, se non a Nostro Signiore, alla Madonna e a tutti i Santi del Cielo ?

    RispondiElimina
  44. <span>tutti i mali, gli abusi, le storture che lei denuncia sono dovuti NON ad un "piccolo squilibrio" su cui aggiustare un po' il tiro, raggiungendo un'intesa , una via di mezzo tra  moderati (come lei si ritiene e "fanatici"  svitati o "squilibrati" , fissati retrogradi  (o arteriosclerotici, chi sa...) come lei probabilmente ritiene me ed altri !    
    quelli sono mali dovuti proprio a questo : che gli uomini di Chiesa, in pastori in primis, NON VOGLIONO più additare la santità ai fedeli nè vogliono più essere essi stessi santi: non vogliono seguire Gesù sulla via Crucis.  
    Vogliono aggiustare il Vangelo su una misura di "larga comodità" !  
    Ma se Gesù ha detto: "Chi vuol venire dietro a me rinneghi se stesso, prenda  ogni giorno la sua Croce e mi segua" vuol dire che quella è la VIA REGALE per essere cristiani; con Lui sulla Croce e nella Resurrezione, e così dovrà  in ogni tempo seguirlo la Chiesa che è Sua Sposa ...o no  ?  
    e a lei sembra un'inezia, una fissazione da vecchi bigotti ?  
    certo, perchè da  molti anni già i preti hanno preso il Vangelo come una favoletta da reinterpretare secondo i tempi moderni, e si son trascinati dietro allievi ben formati, come lei, che al Vangelo , in fondo, <span>non ci crede, perchè lo ritiene superato dai tempi,</span>  un testo come quelli solo <span>umani</span>, da ADATTARE all'uomo moderno, e da non seguire con <span>integralismo fanatico:</span> perchè secondo lei, i Santi e i Martiri sono "roba del passato", sono INTEGRALISTI E FANATICI, e stanno bene dove stanno, cioè morti,......finiti, sorpassati dal concilio V2, vero ?  
    Lei egr. Angelo, alla Comunione dei Santi non ci crede affatto, come dimostra, perchè questo è l'insegnamento dei suoi maestri (preti) modernisti: l'hanno avviata, vedo, ad uno scetticismo o relativismo , sicura via per l'ateismo pratico, che considera la Chiesa un partito politico<span>, una costruzione umana, da  "riassestare" con strategie  e risorse umane, astuzie O VIRTU' di tipo POLITICO</span>
    Ma ....<span><span>Se il SIGNORE non costruisce la casa, </span>invano si affaticano i costruttori<span>. </span></span>  
    E Gesù ha detto: Cercate il Regno di Dio e la SUA Gloria, il resto vi sarà dato in sovrappiù.  
    --------------------  
    Noi dobbiamo pregare e operare per il risanamento della Chiesa e  la sua riunificazione VERA, chiedendola al Signore, perchè la Chiesa UNA e Santa -senza ruga e senza macchia- è e sarà Opera SUA, non nostra, che LUI compirà per la <span>SUa GLoria</span>, con la<span> Sua Grazia </span>e Potenza  e Provvidenza, mentre noi Gli daremo la nostra umile collaborazione,  ogni giorno lottando per non perdere la Fede e la Grazia santificante, facendo penitenza per i nostri peccati, e pregando e soffrendo per quelli altrui: questo i cristiani cattolici di tutti i tempi hanno sempre fatto; in questo i Santi sono i nostri fratelli maggiori nella Fede.  
    E lei li rifiuta, considerandoli SUPERFLUI  ?  
    E DOVE la Chiesa dovrebbe guardare -a quali esempi e maestri- per condurre i suoi figli alla santità, se non a Nostro Signiore, alla Madonna e a tutti i Santi del Cielo ?</span>

    RispondiElimina
  45. <span>tutti i mali, gli abusi, le storture che lei denuncia sono dovuti NON ad un "piccolo squilibrio" su cui aggiustare un po' il tiro, raggiungendo un'intesa , una via di mezzo tra  moderati (come lei si ritiene e "fanatici"  svitati o "squilibrati" , fissati retrogradi  (o arteriosclerotici, chi sa...) come lei probabilmente ritiene me ed altri !      
    quelli sono mali dovuti proprio a questo : che gli uomini di Chiesa, in pastori in primis, NON VOGLIONO più additare la santità ai fedeli nè vogliono più essere essi stessi santi: non vogliono seguire Gesù sulla via Crucis.    
    Vogliono aggiustare il Vangelo su una misura di "larga comodità" !    
    Ma se Gesù ha detto: "Chi vuol venire dietro a me rinneghi se stesso, prenda  ogni giorno la sua Croce e mi segua" vuol dire che quella è la VIA REGALE per essere cristiani; con Lui sulla Croce e nella Resurrezione, e così dovrà  in ogni tempo seguirlo la Chiesa che è Sua Sposa ...o no  ?    
    e a lei sembra un'inezia, una fissazione da vecchi bigotti ?    
    certo, perchè da  molti anni già i preti hanno preso il Vangelo come una favoletta da reinterpretare secondo i tempi moderni, e si son trascinati dietro allievi ben formati, come lei, che al Vangelo , in fondo, <span>non ci crede, perchè lo ritiene superato dai tempi,</span>  un testo come quelli solo <span>umani</span>, da ADATTARE all'uomo moderno, e da non seguire con <span>integralismo fanatico:</span> perchè secondo lei, i Santi e i Martiri sono "roba del passato", sono INTEGRALISTI E FANATICI, e stanno bene dove stanno, cioè morti,......finiti, sorpassati dal concilio V2, vero ?    
    Lei egr. Angelo, alla Comunione dei Santi non ci crede affatto, come dimostra, perchè questo è l'insegnamento dei suoi maestri (preti) modernisti: l'hanno avviata, vedo, ad uno scetticismo o relativismo , sicura via per l'ateismo pratico, che considera la Chiesa un partito politico<span>, una costruzione umana, da  "riassestare" con strategie  e risorse umane, astuzie O VIRTU' di tipo POLITICO</span>  
    Ma ....<span><span>Se il SIGNORE non costruisce la casa, </span>invano si affaticano i costruttori<span>. </span></span>    
    E Gesù ha detto: Cercate il Regno di Dio e la SUA Gloria, il resto vi sarà dato in sovrappiù.    
    --------------------    
    Noi dobbiamo pregare e operare per il risanamento della Chiesa e  la sua riunificazione VERA, chiedendola al Signore, perchè la Chiesa UNA e Santa -senza ruga e senza macchia- è e sarà Opera SUA, non nostra, che LUI compirà per la <span>SUa GLoria</span>, con la<span> Sua Grazia </span>e Potenza  e Provvidenza, mentre noi Gli daremo la nostra umile collaborazione,  ogni giorno lottando per non perdere la Fede e la Grazia santificante, facendo penitenza per i nostri peccati, e pregando e soffrendo per quelli altrui: questo i cristiani cattolici di tutti i tempi hanno sempre fatto; in questo i Santi sono i nostri fratelli maggiori nella Fede.    
    E lei li rifiuta, considerandoli SUPERFLUI  ?    
    E DOVE la Chiesa dovrebbe guardare -a quali esempi e maestri- per condurre i suoi figli alla santità, se non a Nostro Signore, alla Madonna e a tutti i Santi del Cielo ?</span>

    RispondiElimina
  46. e semplificando all'essenziale le ricordo:


    la Chiesa deve parlare di Vita eterna, di Paradiso, di nostra  salvezza e beatitudine nella partecipazione alla Gloria di Dio, non di politiche socio-umanitarie (terrene) e larghe intese con le false religioni.
    Altrimenti diventa<span> sale scipito:</span> inutile, degno solo di essere gettato a terra e calpestato.
    ....mentre ora questo di essere presi a calci, gettati a terra è il destino riservato alle immagini di Maria SS.ma e Gesù  Crocifisso !
    quel mondo violento e sacrilego che fa quelle cose è figlio di satana......  e noi DOVE siamo, con chi   ci riuniamo ?
    di quale UNIONE vogliamo auspicare, sotto quali  segni e auspici ?
    la Chiesa è quella dove stanno e regnano Gesù e Maria: senza di loro NON c'è Chiesa, ma solo riunioni di demoni, come abbiamo visto in TV !
    Dove sono Gesù Cristo e Maria SS.ma, lì sarà la vera Chiesa Cattolica; ma per ora sono entrambi considerati pietra da scartare, se si pensa alla "nuova strana chiesa" che si inizia a costruire ad Assisi3,   dove <span>Maria e Gesù non saranno nè nominati nè presenti, nè graditi</span>, perchè sono "causa di divisione" tra i popoli diversamente credenti.
    Inevitabile.
    In futuro, quando Dio vorrà, ancora vedremo che "la pietra scartata dai costruttori diventerà testata d'angolo"; quando avverrano il Trionfo del Cuore Immacolato di Maria e il Regno di Gesù Cristo sull'universo, quando Egli avrà messo sotto i piedi tutti i suoi nemici (interni ed esterni alla Chiesa).

    RispondiElimina
  47. Si parla degli ebrei, e con i tempi che corrono e, dati i precedenti e con i tempi che corrono, mons. Williamson più che imprudente è stato impudente.
    Tuttavia, mi sembra che scandalosamente (!) egli fa notare la differenza tra l'appartenza teologale (propria dei cristiani) al Popolo della Salvezza operata da Cristo che l'ha portata a compimento e l'appartenenza etnica, che tuttora gli ebrei -che Lo hanno rifiutato- rivendicano secondo il famoso trinomio Dio-popolo-terra, che ora è purtroppo portato avanti nemmeno dall'ebraismo, ma dal "sionismo", che fino a prova contraria è una ideologia come altre. E relative implicazioni.
    Questo non è antisemitismo, è riconoscere la verità storica e teologica. 
    Non possono non esserci conseguenze da quel che dice o non dice il Papa, a prescindere da Williamson che effettivamente ce la sta mettendo tutta per tirare in ballo elementi di rottura. Il comportamento non è gradevole; ma io mi metterei la maschera se lo contraddicessi. Tanto più che al link che ho messo, c'è un po' la sintesi delle mie riflessioni (non di oggi, ma di allora) sulle conseguenze del discorso del Papa in visita alla Sinagoga di Roma il 17 gennaio 2010, che precede quanto ha scritto (come dottore privato e quindi criticabile) nel suo ultimo libro.

    RispondiElimina
  48. In realtà tecnicamente nessuno di questi vescovi validamente consacrati avrebbe diritto a titoli ed insegne episcopali. Non potrebbero nemmeno predicare. Semplicemente perché sono stati consacrati senza il mandato apostolico. Un vescovo consacrato illecitamente è vescovo solo a livello sacramentale ma è privo di giurisdizione e della dignità relativa al rango di un vescovo cattolico.

    RispondiElimina
  49. <span>Si parla degli ebrei, e con i tempi che corrono e, dati i precedenti, mons. Williamson più che imprudente è stato impudente.  
    Tuttavia, mi sembra che scandalosamente (!) egli fa notare la differenza tra l'appartenza teologale (propria dei cristiani) al Popolo della Salvezza operata da Cristo che l'ha portata a compimento e l'appartenenza etnica, che tuttora gli ebrei -che Lo hanno rifiutato- rivendicano secondo il famoso trinomio Dio-popolo-terra, che ora è purtroppo portato avanti nemmeno dall'ebraismo, ma dal "sionismo", che fino a prova contraria è una ideologia come altre.  E relative implicazioni.  
    Questo non è antisemitismo, è riconoscere la verità storica e teologica.   
    Non possono non esserci conseguenze da quel che dice o non dice il Papa su certi temi, a prescindere da Williamson che effettivamente ce la sta mettendo tutta per tirare in ballo elementi di rottura. Il comportamento non è gradevole; ma io mi metterei la maschera se lo contraddicessi. Tanto più che al link che ho messo, c'è un po' la sintesi delle mie riflessioni (non di oggi, ma di allora) sulle conseguenze del discorso del Papa in visita alla Sinagoga di Roma il 17 gennaio 2010, che precede quanto ha scritto (come dottore privato e quindi criticabile) nel suo ultimo libro.  </span>

    RispondiElimina
  50. <span>Si parla degli ebrei, e con i tempi che corrono e, dati i precedenti, mons. Williamson più che imprudente è stato impudente.    
    Tuttavia, mi sembra che scandalosamente (!) egli fa notare la differenza tra l'appartenza teologale (propria dei cristiani) al Popolo della Salvezza operata da Cristo che l'ha portata a compimento e l'appartenenza etnica, che tuttora gli ebrei -che Lo hanno rifiutato- rivendicano secondo il famoso trinomio Dio-popolo-terra, che ora è purtroppo portato avanti nemmeno dall'ebraismo, ma dal "sionismo", che fino a prova contraria è una ideologia come altre.  E relative implicazioni.    
    Questo non è antisemitismo, è riconoscere la verità storica e teologica.     
    Non possono non esserci conseguenze da quel che dice o non dice il Papa su certi temi, a prescindere da Williamson che effettivamente ce la sta mettendo tutta per tirare in ballo elementi di rottura. Il comportamento non è gradevole; ma io mi metterei la maschera se lo contraddicessi nei contenuti. Tanto più che al link che ho messo, c'è un po' la sintesi delle mie riflessioni (non di oggi, ma di allora) sulle conseguenze del discorso del Papa in visita alla Sinagoga di Roma il 17 gennaio 2010, che precede quanto ha scritto (come dottore privato e quindi criticabile) nel suo ultimo libro.  </span>

    RispondiElimina
  51. <span>Si parla degli ebrei, e con i tempi che corrono e, dati i precedenti, mons. Williamson più che imprudente è stato impudente.      
    Tuttavia, mi sembra che scandalosamente (!) egli fa notare la differenza tra l'appartenza teologale (propria dei cristiani) al Popolo della Salvezza operata da Cristo che l'ha portata a compimento e l'appartenenza etnica, che tuttora gli ebrei -che Lo hanno rifiutato- rivendicano secondo il famoso trinomio Dio-popolo-terra, che ora è purtroppo portato avanti nemmeno dall'ebraismo, ma dal "sionismo", che fino a prova contraria è una ideologia come altre.  E relative implicazioni.      
    Questo non è antisemitismo, è riconoscere la verità storica e teologica.       
    Non possono non esserci conseguenze da quel che dice o non dice il Papa su certi temi, a prescindere da Williamson che effettivamente ce la sta mettendo tutta per tirare in ballo elementi di rottura. Il comportamento non è gradevole; ma io mi metterei la maschera se lo contraddicessi nei contenuti. Tanto più che al link che ho messo, c'è un po' la sintesi delle mie riflessioni (non di oggi, ma di allora) sulle conseguenze del discorso del Papa in visita alla Sinagoga di Roma il 17 gennaio 2010, che precede quanto ha scritto (come dottore privato e quindi criticabile) nel suo ultimo libro</span>

    RispondiElimina
  52. Noi abbiamo il Papa che governa bene ed è punto essenziale di unità.... mentre la Fraternità San Pio X ha solo gentaglia come Williamson

    RispondiElimina
  53. Coi black bloc ci vedrei bene Williamson e i profeti di sventure come lui e come te

    RispondiElimina
  54. Profeti di sventure...16 ottobre 2011 17:04

    Fariseo

    RispondiElimina
  55. Profeti di sventure...16 ottobre 2011 17:05

    L' antigiudaismo culturale e' un peccato?

    RispondiElimina
  56. Profeti di sventure...16 ottobre 2011 17:06

    O meglio ancora, e' un peccato l'antigiudaismo teologico? O non e' piu' un peccato il deicidio?

    RispondiElimina
  57. Evasio Sbergnocloni16 ottobre 2011 17:35

    Pollice verso alla Redazione di MIL.

    RispondiElimina
  58. E ridai con la fissa della conversione della FSSPX!
    Solo chi alberga un astio viscerale per la FSSPX può continuare a scrivere quella falsità  come se fosse un`evidenza e una verità assoluta e incontrovertibile.
    A che cosa dovrebbe convertirsi la Fraternità dal momento che i suoi membri non fanno che insegnare e praticare ciò che noi cattolici abbiamo studiato, imparato, applicato e testimoniato fino al 1965? 
    Forse che i contenuti, i concetti fondamentali della fede cattolica, sono cambiati?
    Forse che tutti i cattolici, che hanno vissuto prima del mitico evento conciliare, se dovessero "rinascere", dovrebbero convertirsi ? Ma per favore!

    RispondiElimina
  59. <span>E ridai con la fissa della conversione della FSSPX!  
    Solo chi alberga un astio viscerale per la FSSPX può continuare a scrivere quella falsità come se fosse un`evidenza e una verità assoluta e incontrovertibile.  
    A che cosa dovrebbe convertirsi la Fraternità dal momento che i suoi membri non fanno che continuare ad insegnare e praticare ciò che noi cattolici abbiamo studiato, imparato, applicato e testimoniato fino al 1965?   
    Forse che i contenuti, i concetti fondamentali della fede cattolica, sono cambiati?  
    Forse che tutti i cattolici, che hanno vissuto prima del mitico evento conciliare, se dovessero "rinascere", dovrebbero convertirsi ? Ma per favore! 
    </span>

    RispondiElimina
  60. Ma quanto Le brucia, caro Ospite delle 11,07, che i colloqui tra la FSSPX e la Santa Sede possano andare a buon fine!!! Vedo che Lei mette le mani avanti e alza una cortina fumogena sulla Verità e dichiara eretica la Fraternità! Chi pesca nel torbido e ingarbuglia la Verità un tempo veniva chiamato con un solo nome: IL MENTITORE

    RispondiElimina
  61. Sono d'accordo.
    Anzi, due pollici versi, il primo per le supposte che per quanto mi riguarda rispedisco al mittente, il secondo per aver consentito ancora una volta che commenti contenenti insulti verso una persona che, a tutt'oggi, è un Vescovo della Chiesa cattolica.

    RispondiElimina
  62. <span>Sono d'accordo.  
    Anzi, due pollici versi, il primo per le supposte, graditissime da alcuni ma che, per quanto mi riguarda, rispedisco al mittente, il secondo per aver consentito ancora una volta commenti contenenti insulti verso una persona che, a tutt'oggi, è un Vescovo della Chiesa cattolica.</span>

    RispondiElimina
  63. Ha ragione Williamson. E' un dato di fatto che la Chiesa sia giudaizzata. Detto questo vorrei aggiungere che io non sono affatto antisemita, anzi. Mi sto rendendo conto che sono uno sfigato a non essere ebreo. Vorrei essere un membro della dinastia dei Rotshild.

    RispondiElimina
  64. <span>Una fonte assai diretta mi ha confermato l'autenticità della lettera di Sua Eccellenza Mons. Fellay.</span>

    Sono arrabbiato per due motivi

    1. perchè ritenevo in questi mesi le farneticazioni dei commenti Eleison solo manipolazioni del pensiero di S.E.M Williamson quando in realtà è tutta farina del suo sacco.

    2. perchè tutto il bene che è scaturito da quella meschina macchinazione dell'intervista (manipolata solo ordita per screditare la fraternità) si è perso per sempre. Se SEM Williamson si staccherà dalla FSSPX tutte le battaglie storiche politiche di critica della vulgata-storiografia-post-bellica, che hanno fortemente influenzato il nostro OGGI, saranno perse per sempre.

    Mi spiace che SEM Williamson abbia fatto pubblicare questa corrispondenza assai dura verso di lui, (questo mi fa capire che già si sta consumando questo scisma interno alla Fraternità) ma il contenuto della lettera è assolutamente condivisibile da tutti quei sacerdoti cattolici che voglio bene a Gesù Cristo e alla sua Sacrosanta Tradizione.

    <span>Assoluta solidarietà quindi a </span><span>Sua Eccellenza Mons. Fellay e a tutti i sacerdoti in comunione con lui (che magari hanno avuto SEM Williamson come </span><span>eccellente professore)</span><span> che in questo momento stanno passando un momento molto, ma molto, doloroso e difficile, <span>amici e fratelli si va avanti: il Calvario dove c'è Gesù che attende è vicino e oramai indietro non si torna !!!!</span></span><span>
    </span>

    RispondiElimina
  65. Traditioestveritas16 ottobre 2011 19:54

    Se ci sarà una spaccatura nella SPX, mi dispiace, ma spero comunque  che la maggior parte delle persone abbiano il buon senso di seguire Monsignor Fellay che tanto ha fatto per riallacciare i contatti con Roma, e portare a Roma tante buone idee legate alla difesa della Tradizione Cattolica.
    Non bisogna dimenticare che se la Tradizione è stata conservata, ed ora anche all'interno della Chiesa vi sono tante persone che iniziano a ragionare, rimenttendo in discussione tante cose, tanti orientamenti dottrinali, che erano dati per scontati fino a poco tempo fa, il merito è della San Pio X.
    E rientrare non significa tradire la tradizine, ma continuare la Giusta Battaglia dall'interno...
    E' giunto il momento  di fare il grande passo, e chi sabota i colloqui in questo momento decisivo, e crea solo problemi alla San Pio X, come fa Williamson, è giusto che venga isolato ed emarginato...
    Se ci fosse una divisione, spero siano in pochi a seguire quell'estremista di Williamson..
    Intano noi preghiamo, come è giusto per Monsignor Fellay e per la Fraternità San Pio X!!

    RispondiElimina
  66. Rombo di tuono16 ottobre 2011 20:22

    Ma mons. Williamson scrive(rebbe) "Caro Maurice Pinay"... che è un po' come se scrivesse "Caro Rombo di tuono".
    Accidenti, il Cagliari non ha vinto!

    RispondiElimina
  67. Viva la sedia gestatoria. Abbasso la pedana mobile.

    RispondiElimina
  68. Profeti di sventure...16 ottobre 2011 21:13

    No non sei uno sfigato. Sei solo un superficiale.

    RispondiElimina
  69. E il piccione viaggiatore no?? Magari avete due computer e tre cellulari a testa santa pazienza..

    RispondiElimina
  70. OT, ancorchè...
    Assisi si avvicina, qui per chi legge il francese il programma di Assisi secondo la CEF.
    Si dice voler evitare il sincretismo, ma una lettura attenta rivela certe suggestioni che non portano un altro nome se non quello di sincretismo!

    http://www.leforumcatholique.org/message.php?num=611408

    RispondiElimina
  71. Simon,
    grazie per la  "gratitudine" espressa a me e a Rinaldo in un altro thread . Il Suo post di ieri contiene osservazioni giuste , anche se po trae delle conclusioni pesantucce, che non posso condividere.  Per fortuna che Mic e Luisa non hanno letto (hanno deciso - e me ne dolgo - di interrompere il confronto, molto civile,   con me e Rinaldo (altrimenti chissà che attacco di bile).

    RispondiElimina
  72. Esatto Rombo, quell`osservazione mi farebbe propendere per una bufala, come se Williamson non sapesse che non esiste un signor Maurice Pinay....

    RispondiElimina
  73. Mic,
    il suo ragionamento non mi sembra logico.
    E dissento da chi dice che la Redazione è contro la Fraternità.
    C'è bisogno di chiarezza:
    La Redazione (e altri blogger) stanno alla compontente moderata della Fraternità  come i "falchi" di questo blog stanno a Williamson.
    E' bene che la Fellay dica chiaramente che Willliamson  non è più "rappresentativo" per la FSSPX.
    E chi dà risonanza  a tutto ciò,  fa solo il bene della Fraternità stessa. Non ci possono essere equivoci.

    RispondiElimina
  74. @Angelo
    Condivido al 100% e l'ho scritto in questo thread, rispondendo a Mic (che come dici tu è un po' cerchiobottista: Wlliamson farà qualche "erroruccio", ma - povera stella - c'è accanimento). Incredibile
    La Fraternità non ha spazio nella chiesa cattolica romana con un vescovo - vero esaltato!!!! - come Williamson.
    Willimson un po' come Milingo....   

    RispondiElimina
  75. @Luisa
    Non capisco. Si lamentava del fatto che ci sia stata la pubblicazione di questa lettera e ora vedo che ha dato ilsuo "placet" all'ottimao intervento del signor Bollani, che sottolinea la necessità della chiarezza (per il bene dell aFraternità stessa).
    Mi compiaccio che nel corso della giornata abbia cambiato idea e la saluto caramente  

    RispondiElimina
  76. Ottime riflessioni Mic. Ma perchè non parla sempre così?
    Ogni tanto m sembra che emergano in lei delle rigidità che forse derivano dalle sue passate frequentazioni cnc.
    Con simpatia 

    RispondiElimina
  77. Extra Ecclesiam nulla Salus16 ottobre 2011 23:15

    Abito ad Assisi :'( ,poi vi farò sapere.

    RispondiElimina
  78. Saranno anche consacrati illecitamente, ma il Santo Padre ha rimesso loro la scomunica, e francamente preferisco questi Vescovi "illeciti" ma fedeli alla Tradizione che certi pagliacci (dei quali a destra abbiamo un nutrito elenco) che sono "in comunione con Roma" (???) ma in realta' sono contro il Papa, la Dottrina ed il Magistero infallibile e che basano la loro pastorale facendo numeri da squallido cabaret o vomitando eresie al cospetto delle quali Lutero e' un ridicolo pivello!!!

    RispondiElimina
  79. Da qualunque parte la si guardi non va mai bene... stretta non mi va, larga non mi piace.
    Per i sedevacantisti la FSSPX ha gia' tradito da tempo, ora sta completando l'opera... per i modernisti la FSSPX e' una setta di pericolosissimi estremisti...
    Non nego di temere un "addomesticamento" della FSSPX, e che possa diventare l'ennesima "riserva indiana" di Tradizionalisti, e spero che la FSSPX non si pieghi ai ricatti di Roma, come gia' Mons.Lefebvre fece... se non ricordo male gli proposero di dargli tutto quello che voleva se avesse anche SOLO UNA VOLTA concelebrato una Messa NO; lui si rifiuto'.

    RispondiElimina
  80. Cerchiamo di non peccare di ingenuita' e di non offendere le intelligenze altrui...
    E' risaputa e strarisaputa la posizione di Mons.Williamson in seno alla FSSPX, le lettere potrebbero essere anche delle bufale, ma la sostanza dei fatti non cambia; ci sara' uno scisma della FSSPX da parte di coloro che non accetteranno il rientro a Roma, e non mi si venga a dire che Mons.Williamson restera' nella FSSPX: o se ne andra' o verra' espulso!

    RispondiElimina
  81. in inglese si usa "dear" per qualsiasi destinatario, che sia persona fisica o entità morale...

    RispondiElimina
  82. il Papa che governa bene?? non avete gentaglia nella "comunione con Roma"???? leggiti un po' la trahison des clercs qui a fianco, buffo figuro

    RispondiElimina
  83. ragiona così: meglio un bel cocchio d'epoca o la Trabant?

    RispondiElimina
  84. Io ho fatto quella precisazione  in riferimento alla disquisizione sui titoli che spetterebbero o meno al Williamson. 

    RispondiElimina
  85. Boooom! Hai  sparato la cavolata delle 17.00.02.

    RispondiElimina
  86. Sì, molto superficiale.

    RispondiElimina
  87. Potremmo chiedere ai  black bloc di andare ad Assisi...
    In fondo l'ecumenismo viene imposto alla gente come la globalizzazzione.

    RispondiElimina
  88. <span>"Noi abbiamo il Papa che governa bene ed è punto essenziale di unità.... mentre la Fraternità San Pio X ha solo gentaglia come Williamson".</span>
    <span></span>
    <span>Mi spiace che il furore ideologico, anche pro-ecclesia, porti a questi eccessi: da una parte tutto bianco, dall'altra tutto nero.</span>
    <span></span>
    <span>Williamson dovrebbe chiudersi in qualche remoto monastero e autoimporsi clausura usque ad mortem per i problemi che ha creato alla fraternita' e al Papa. Comunque, e' un vescovo: non va schernito, ma compatito e il piu' possibile "circoscritto".</span>
    <span></span>
    <span>C.B.</span>

    RispondiElimina
  89. Ok ma perchè se ti piace il passato frequenti i blog di internet?? Magari c'è un gruppo di tridentini anche su facebook e twitter!!  E intanto che ci siamo perchè tutte queste donne favellano liberamente?' A casa a far la calza e a cucinare non a riempire di commenti i blog. In effetti avevano ragione gli uomini del passato che volevano tenerle nell'ignoranza, non ci saremmo riempiti di teologhe fai da te.

    RispondiElimina
  90. E' triste vedere che mentre Cristo è sotto attacco anche noi tradizionalisti facciamo di tutto per dividerci. Portiamo solo acqua al mulino del demonio.

    RispondiElimina
  91. Un vescovo non va schernito? Ma cosa state facendo su questo blog se non schernire i vescovi che non vi piacciono, a volte con toni che dire grevi è dire poco?

    RispondiElimina
  92. @ OT
    Ieri abbiamo fatto una gita "fuori porta" con destinazione Reggio Emilia.
    Volevamo  rivedere l'avanzamento dei lavori di restauro della cattedrale.
    Vi assicuro che è un disastro: la mensa e la cattedra sono ancora occultate in grossi cassoni di legno, ma sono di una bruttezza incredibile.
    Il clero - mi è stato detto - è spaccato in due. 
    Caprioli ha scelto di non parlare più in proposito.
    Mi è stato detto che non ha il coraggio di esporre il crocifisso "sincretista" dell'artista giapponese (verosimilmene shintoista) preferendo che sia il suo successore a decidere. Sembra che bellissimi crocifissi (anche del '500) siano appesi in sgabuzizni non accessibili ai fedeli. Anche l'autore (un greco: verosimilemnte ateo o ortodosso) della cattedra  ha imposto che essa venga messa di "traverso", minacciando, in caso contrario,  di andarsene. Comunque piu che una cattedra è una "cassetta  per la frutta".
    L'inaugurazione avverrà il 20 novembre e verrà pubblicato da un architetto reggiano un libro "Assassinio della cattedrale".
    Credo che sarebbe opportuna una presenza con striscioni per manifestare disaccordo.
    Da ultimo. due chiese del centro storico (" Il Cristo" e " San Giorgio" ) distanti 50 metri l'una dall'altra sono in mano agli ortodossi.
    Il vescovo Socche si gira sicuramente nella tomba e anche qualche sacerdote reggiano (ve ne sono ancora alcuni che indossano abitualmene la talare) cresciuto alla sua scuola.

    RispondiElimina
  93. Da quanto leggo sembrerebbe che Mons. Williamson sia il problema della Chiesa. Fate ridere. Abbiate rispetto per un uomo che rischia di brutto per non essere servile come molti di coloro che pubblicano idozie su questo blog del piffero. Enrico, dato che sei tanto fedele al papa, rispondi a queste domande:
    1) Andrai ad Assisi?
    2) Quante volte il papa ha celebrato in rito antico pubblicamente?

    RispondiElimina
  94. Secondo me ciò che rende Mons. Williamson odioso a tanti è il fatto che non scende a compromessi. E' fedele alla Verità e non la adegua alle mode del momento, al politicamente corretto.
    Rischiando in prima persona.
    Un comportamento da UOMO che, di questi tempi non è tollerabile.
    Ma, grazie a Dio, i tempi cambiano.

    RispondiElimina
  95. Le risponde una teologa non fai da te, costretta a parlare perché ci sono in giro maschi come lei. Non ho usato il termine uomini di proposito, ma maschio non è un insulto. In questo caso è una diminutio.
    Perché le diverse donne (teologhe, psicologhe ed altro: ma quel che conta non è il titolo sono i contenuti) che "favellano liberamente su questo blog" non le confuta nel merito di quello che dicono, invece di insultarle?

    RispondiElimina
  96. Profeti di sventure...17 ottobre 2011 10:10

    Unisciti a loro

    RispondiElimina
  97. <span>Le risponde una teologa non fai da te, costretta a parlare perché ci sono in giro maschi come lei. Non ho usato il termine uomini di proposito, ma maschio non è un insulto. In questo caso è una diminutio: la pienezza di uomini (e donne) la riceviamo da Cristo e non si esprime in certi termini. 
    Perché le diverse donne (teologhe, psicologhe ed altro: ma quel che conta non è il titolo sono i contenuti) che "favellano liberamente su questo blog" non le confuta nel merito di quello che dicono, invece di insultarle?</span>

    RispondiElimina
  98. Probabilmente neppure il Papa andrà ad Assisi, pare vada in Africa in tal periodo.

    RispondiElimina
  99. Condivido in tutto. Secondo me, e questo per veramente voler parlare fra noi in modo positivo e non più polemico, dando per primi un buon esempio, il percorso di rientro della SPX, che comporterà inevitabilmente qualche contrasto e qualche sacrificio, è fondamentale. Proprio per questo deve essere estremamente limpido: per prima la SPX deve rientrare senza scorie; dopodiché sarà la Chiesa a doversi liberare delle sue. Cerchiamo tutti di contribuire per quanto possiamo!!! Grazie

    RispondiElimina
  100. Ospite, questonon è vero: ecco, prima mi tocca litigare con gli ultras tradizionalisti che considerano Williamson al massimo una povera vittima dei media, ora mi tocca litigare con gli ultras progressisti che ritengono gentaglia gli altri..,. Ma lo capite o no che continuando così non si andrà da nessuna parte????????????????

    RispondiElimina
  101. Cara Annarita, non credo che le date coincidono, ma è vero che circolano voci secondo lequali il Papa non andrebbe a Assisi ma celebrerebbe una veglia di preghiera in San Pietro, a sostenere quelle voci è anche  l`assenza del viaggio a Assisi nel programma mensile del Papa pubblicato dalla Santa Sede, ma come sempre sono solo voci che è preferibile non alimentare, ancor più che non credo che quel genere di viaggio, che non è pastorale, figuri nel programma del Papa, vedremo il 27 ottobre; io sono sopratutto un pò preoccupata che facciano subire a Benedetto XVI le fatiche di un viaggio in Africa, nel Benin, ha ancora avuto un anno pieno, con viaggi importanti, e lo aspetta il programma ben riempito del mese di dicembre e gennaio, prego affinchè  il Signore  dia al nostro Papa le forze per affrontare anche quel viaggio e tutti gli impegni che lo aspettano nel futuro.

    RispondiElimina
  102. Invece di incontrare i fomentatori dell'odio contro gli "infedeli", forse ha deciso di confortare la comunità Copta in Egitto?

    RispondiElimina
  103. Cesare, leggi ciò che scrive questo individuo e poi dimmi se questo è essere uomo o essere fanatico. Io di un vescovo così avreei paura. Di un pastore così avrei paura. Il Cattolicesimo non è certo la festicciola buonista in voga con il postconcilio, ma nemmeno il rigorismo fanatico, amaro, pessimista e cattivo di Williamson e di chi la pensa come lui, cioè il contraltare cattolico del fanatismo islamico.

    RispondiElimina
  104. Sono d'accordo, anche a me sembra che stiano esagerando con viaggi, discorsi, incontri ecc.

    RispondiElimina
  105. scusate, questa vicenda di williamson e' marginale  conti fatti anche se potrebbe portare ad un mini scisma, allarghiamo lo sguardo.

    http://vaticaninsider.lastampa.it/homepage/vaticano/dettaglio-articolo/articolo/chiesa-iglesia-church-evangelizzazione-evangelization-evangelizacion-papa-el-papa-pope-9045/


    non leggo nulla sui siti tradizionalisti, questo dicastero se non lo avete capito diventera' una super diocesi sovranazionale, si passa dalla pastorale diocesana, ad una pastorale missionaria -di fatto- cosa ne pensate?

    leggo inoltre, lo stretto legame che viene proposto tra "nuova evangelizzazione e missio ad gentes", chi e come fare la nuova evangelizzazione? chi e come fare la missio ad gente?

    RispondiElimina
  106. <span>scusate, questa vicenda di williamson e' marginale a conti fatti anche se potrebbe portare ad un mini scisma, allarghiamo lo sguardo.  
     
    http://vaticaninsider.lastampa.it/homepage/vaticano/dettaglio-articolo/articolo/chiesa-iglesia-church-evangelizzazione-evangelization-evangelizacion-papa-el-papa-pope-9045/  
     
     
    non leggo nulla sui siti tradizionalisti, questo dicastero se non lo avete capito diventera' una super diocesi sovranazionale, si passa dalla pastorale diocesana, ad una pastorale missionaria -di fatto- cosa ne pensate?  
     
    leggo inoltre, lo stretto legame che viene proposto tra "nuova evangelizzazione e missio ad gentes", chi e come fare la nuova evangelizzazione? chi e come fare la missio ad gentes?</span>

    leggo i nomi dei relatori dell'altro giorno da zenit:

    Kiko Argüello, fondatore e rappresentante del Cammino neocatecumenale, ha riferito di come le famiglie stiano svolgendo un immenso ruolo di nuova evangelizzazione.
    Kiko ha raccontato che in luoghi in cui la fede sembra scomparire lui inviava catechisti e presbiteri, e questo venivano respinti. Poi ha inviato le famiglie e queste hanno compiuto il miracolo: non solo non sono state respinte ma riescono nell’opera di conversione e trasmissione della fede con risultati incredibili.
    Julian Carrón, di Comunione e liberazione, ha spiegato come la fede plasmi e arricchisca la cultura.
    Se non c’è fede non si sviluppa la cultura, ha precisato, e la fede è vera e incide nella storia di un popolo solo quando riesce a diventare cultura.
    Adriano Roccucci, della Comunità di Sant’Egidio, ha rilevato come il nostro Paese stia invecchiando e la più alta percentuale di popolazione giovane non sia italiana. Per questo motivo, bisogna fornire una risposta nella carità, “che è il primo dei messaggi evangelici”.
    Don Gigi Perini, parroco della chiesa di Sant’Eustorgio a Milano e ideatore delle “cellule dell’evangelizzazione”, ha invece ricordato le parole del beato John Henry Newman.
    “È necessario – ha detto – che quel gigante addormentato che è la parrocchia si risvegli! Una parrocchia dinamica, carica dell’amore di Dio, che affascina i suoi fedeli e li spinge all’evangelizzazione è possibile”.
    Franco Miano, dell’Azione cattolica italiana, ha rivolto dal canto suo un appello all’unità di tutte le realtà associative,
    Monsignor Donald Wuerl, Vescovo di Washington (Stati Uniti), ha chiesto di “evangelizzare gli evangelizzatori, poiché questi “non possono essere tali se non hanno una fede profonda”.
    Salvatore Martinez, del Rinnovamento nello Spirito, ha infine suggerito di “formare in Cristo uomini nuovi, in grado di fare nuova pure la politica” per “liberare il nostro tempo dalla moltiplicazione delle strutture di peccato”.

    http://www.zenit.org/article-28335?l=italian

    Non pervenuta una proposta tradizionale all'evangelizzazione....

    RispondiElimina
  107. ..........come vedete l'unico che ha portato un esempio concreto di "evangelizzazione" e' Arguello..... mettetevi nei panni del prelato che ascolta..... chi chiamera' a svolgere il compito nella sua sfera di influenza?


    c'e' un servizio "chiavi in mano", alla fsppx tra una reprimenda a mezzo raccomandata con ricevuta di ritorno e un incontro "doroteo", che si fa'? che si propone?

    RispondiElimina
  108. Leggo da tempo i settimanali commenti di Mons. Williamson tradotti sul sito Una Vox. In tutta coscienza non vi ho mai trovato nulla che non fosse pienamente rispondente alla dottrina cattolica che mi è stata trasmessa.
    Non capisco, sinceramente, che cosa in essi autorizzi qualcuno a definirli "deliranti".
    Se tu Angelo hai rilevato in essi qualcosa di eretico, dillo.
    Questo Vescovo, forse questo è quello che scandalizza, dice ancora qualcosa di "cattolico".  Uno dei pochissimi ormai.
    I termini "integralista", "fondamentalista", pur nella accezione negativa che loro viene oggi attribuita, non dovrebbero spaventarci o suscitare ripulsa.
    Un cristiano, un cattolico, tale dovrebbe essere, o almeno cercare di esserlo in ogni momento della vita di tutti i giorni, riguardo alla dottrina e riguardo all'adesione ad essa, valutando e agendo conseguentemente, in ogni situazione, non soltanto quando si va la domenica alla S.Messa e poi scordarselo.

    RispondiElimina
  109. Senso della giustizia17 ottobre 2011 11:31

    Che senso della giustizia di Mons. Fellay é mai questo?

    <span>Mons. Williamson é un vescovo e doveva essere ad Albano, s'é cercato di non farcelo andare, </span>perché? Troppo schietto avrebbe detto troppe cose ?

    RispondiElimina
  110. <span>Chi di fango ferisce, di fango perisce....
    </span>

    RispondiElimina
  111. Senso della giustizia17 ottobre 2011 11:34

    Mons. Williamson avrà detto qualche stupidaggine sugli ebrei, ma é un uomo onesto per il resto. <span>Se la Fraternità lo tratta in tal modo é semplicemente scandaloso</span>!!

    Scandaloso!! Che lo caccino via allora e se ne assumano la responsabilità !

    Cosa non si fa per politica....

    RispondiElimina
  112. Senso della giustizia17 ottobre 2011 11:39

    Questa Mic poi...é sempre gelosa se un blog pubblica quel che lei, tanto pia, non ha voluto pubblicare...ma già sapeva da tempo. <span>E che scherziamo? La sora Mic non é informata? Non sia ma detto!</span>

    Bene ha fatto Messainlatino a pubblicare, <span>le sue logiche di censura fasci-comunista sono ridicole.</span> Brava Redazione che ha pubblicato almeno vediamo come Mons. Fellay tratta i suoi vescovi.

    <span>Che vergogna, sbarazzarsi di Williamson dopo averlo usato</span>, quasi un vecchio calzino!

    RispondiElimina
  113. <span>Leggo da tempo i settimanali commenti di Mons. Williamson tradotti sul sito Una Vox. In tutta coscienza non vi ho mai trovato nulla che non fosse pienamente rispondente alla dottrina cattolica che mi è stata trasmessa.  
    Non capisco, sinceramente, che cosa in essi autorizzi qualcuno a definirli "deliranti".  
    Se tu Angelo hai rilevato in essi qualcosa di eretico, dillo.  
    Questo Vescovo, e forse questo è quello che scandalizza, dice ancora qualcosa di "cattolico".  Uno dei pochissimi ormai.  
    I termini "integralista", "fondamentalista", pur nella accezione negativa che viene loro oggi attribuita, non dovrebbero spaventarci o suscitare ripulsa.  
    Un cristiano, un cattolico, tale dovrebbe essere, o almeno cercare di esserlo in ogni momento della vita di tutti i giorni, riguardo alla dottrina e riguardo all'adesione ad essa, in pratica valutando e agendo conseguentemente a questa sua appartenenza in ogni situazione, non soltanto quando si va la domenica alla S.Messa e poi scordarselo.</span>
    E soprattutto non scendere a compromessi. Per nessun motivo. Mai.
    Anche se può costare caro.

    RispondiElimina
  114. Senso della giustizia17 ottobre 2011 11:43

    Arieccola la Luisa, tutta colpa dei falchi...ma <span>questo povero Williamson aveva o no il diritto d'andare ad Albano senza minacce</span>! Non ce l'hanno mandato a Albano, ormai é membro della Fraternità solo per dargli ordini....peggio dei comunisti!

    Brava redazione, la verità non ci fa paura

    RispondiElimina
  115. Senso della giustizia17 ottobre 2011 11:52

    Don Camillo lei é un servo del potere, adesso abbandona pure Mons. Williamson. Bravo.

    Segua sempre il vinvitore, come quando dice la Messa nuova per accontentare il Vescovo. Bravo, stessa stringente logica, quella dei pavidi!

    RispondiElimina
  116. Senso della giustizia17 ottobre 2011 11:54

    "Mulieres taceant in Ecclesia"...Redazioneeeee   ;)

    RispondiElimina
  117. temo che mons. Williamson non sappia nemmeno lui dove sta nadando, La mia sensazione è che si sia legato a dei gruppi che lo tengo ostaggio e che lo stanno usando per portare zizagna all'interno del grosso movimento che è la FSSPX. Sapete il nemico non sta con le mani in mano mentre vede il gran Bene che potrà portare la Fraternità nella Chiesa. Preghiamo per lui e la sua anima.

    RispondiElimina
  118. @Mic  perchè non capisce le battute?

    RispondiElimina
  119. Senta Taddeo, diciamo le cose come stanno, anche se sono... scomode. La FSSPX potrà portare GRAN BENE nelle Chiesa solo e se non si discosterà nemmeno di una infinitesimale frazione di millimetro dalla bimillenaria dottrina dalla quale, il concilio vati.ii ha preso le distanze.

    Più che per l'anima di Mons. Williamson, che ha ampiamente testimoniato la sua fedeltà a quella dottrina e pertanto credo che non abbia nulla da temere, preghiamo per coloro la cui fede è stata sviata dal 1965 in avanti.
    Per i "traviatori", Iddio mi perdoni, non mi sento di pregare. Li rimetto al giudizio e alla giustizia di Dio.

    RispondiElimina
  120. Scusate l'OT: è stata fissata la data di beatificazione di S.S. PIO XII ?

    RispondiElimina
  121. Aggiungo.
    Sembra che il nome dell'artista che ha scolpito la nuova mensa si "Sederi".
    Nome indovinatissimo!

    RispondiElimina
  122. A parte che son donna!! Io nel presente ci vivo benissimo, ogni mattina mi alzo e ringrazio per la lavatrice, l'asciugatrice, la lavastoviglie, il bagno in casa, il riscaldamento, l'acqua calda, la mia macchina e il fatto di aver potuto studiare  votare e dire la mia. Infatti non cerco archeologismi pure che sono laureata in  toria medievale e ho un diploma in paleografia e diplomatica. Le pergamene sono bellissime ma senza internet non comunicherei con lei che in effetti non ho mai visto di persona.
    Il massimo dei lefebvriani è questo: rifiutano il presente, ma volendo sanno come utilizzarlo al meglio (compreso il dialogo ecumenico che si sta mettendo in pratica con loro, nel medioevo, magari finivano al rogo in quanto scismatici. Bei tempi).

    RispondiElimina
  123. <span>A parte che son donna!! Io nel presente ci vivo benissimo, ogni mattina mi alzo e ringrazio per la lavatrice, l'asciugatrice, la lavastoviglie, il bagno in casa, il riscaldamento, l'acqua calda, la mia macchina e il fatto di aver potuto studiare  votare e dire la mia. Infatti non cerco archeologismi anche se il passato mi piace,  sono laureata in  storia medievale e ho un diploma in paleografia e diplomatica. Le pergamene sono bellissime ma senza internet non comunicherei con lei che in effetti non ho mai visto di persona.  
    Il massimo dei lefebvriani è questo: rifiutano il presente, ma volendo sanno come utilizzarlo al meglio (compreso il dialogo ecumenico che si sta mettendo in pratica con loro, nel medioevo magari finivano al rogo in quanto scismatici. (Bei tempi).</span>

    RispondiElimina
  124. S.Ecc. Williamson già é costretto a celebrare privatamente...........ob torto collo é già a "vita privata"........ma, mi sembra bene che anche altre autorevoli persone furono obbligate a dire messa in privato........non é vero don Camillo? Poi il tempo gli dette ragione.
    Dai frutti di questi incontri riconosceremo l'albero se é buono.
    Non commento prima di vedere e leggere la stesura finale.

    Velester

    RispondiElimina
  125. <span>S.Ecc. Williamson già é costretto a celebrare privatamente...........ob torto collo é già a "vita privata"........ma, mi sembra bene che anche altre autorevoli persone furono obbligate a dire messa in privato........non é vero don Camillo? Poi il tempo gli dette ragione.  
    Dai frutti di questi incontri riconosceremo l'albero se é buono.  
    Non commento prima di vedere e leggere la stesura finale.  
     
    Velester</span>

    RispondiElimina
  126. <span>Ah, ma allora Mic è una ex-cnc ? Ma allora tutto si spiega, tutto quell'astio per quei poveretti... Forse non hanno valorizzato appieno le sue doti!
    </span>

    RispondiElimina
  127. C'era in corso i colloqui dottrinali cattolicesimo contro modernismo dove si è messo nero su bianco tutto senza sconti alcuni ben credo! S.Ecc.M Fellay ha chiesto a S.Ecc.M Williamson solo un po' di prudenza, anzi, solo un po' di buon senso!

    Sono stato il primo a difendere S.Ecc.M Williamson (e chi frequenta questo blog lo sa, senza contare le volte che ho subito la fantasmizzazione dei miei interventi da parte della Redazione) perchè ho ritenuto e ritengo inaccettabile dal punto di vista storico oscurantismo giudaico circa un riesame <span>storico</span> dei fatti avvenuti in Germania durante il secondo conflitto bellico, ma ora dopo aver avuto conferma dell'autenticità delle lettera e dopo aver sentito altri piccoli episodi sono il primo a dolermi con S Ecc.M Williamson.

    E poi... ai difensori di S Ecc.M Williamson, chiedo:

    è metodologicamente scorretto accusare gli altri tre Vescovi di concussioni con il modernismo senza prove! così come asserisce S Ecc.M Williamson. Questo, lo capisco, renderebbe S Ecc.M Williamson un martire e così vi mettereste l'anima in pace, ma questa è calunnia! ed è peccato grave!

    RispondiElimina
  128. Gesù era ebreo?

    RispondiElimina
  129. Assisi è bella, non pianga su!

    RispondiElimina
  130. Redazione di Messainlatino.it17 ottobre 2011 14:58

    Non ha mai fatto parte del CNC.

    FZ

    RispondiElimina
  131. Sarà, ma preferisco leggermi Radcliffe e, senza trovare errori di dottrina, sentire che Cristo è la mia via.

    RispondiElimina
  132. beh certo, le ultime trovate sull'11 settembre e la l'ultima lettera antiebraica sono un davvero un esempio di lucidità e di serietà! Inoltre, caro Cesare, se il tuo metro di misura delle persone è la loro ortodossia formale, siamo a posto. O meglio, il tuo posto è in un regime staliniano o fra gli ayatollah.

    RispondiElimina
  133. Bene. Diamo a Dio quel che è di Dio e a Cesare quel che è di Cesare. E speriamo che Dio sia più misericordioso di Cesare ;-)

    RispondiElimina
  134. <span>Bene. Diamo a Dio quel che è di Dio e a Cesare quel che è di Cesare. E speriamo che Dio sia più misericordioso di Cesare ;-)
    </span>

    RispondiElimina
  135. Redazione di Messainlatino.it17 ottobre 2011 15:16

    Qui le "mulieres" possono parlare.

    FZ

    RispondiElimina
  136. Redazione di Messainlatino.it17 ottobre 2011 15:17

    Guardi che qui nessuno rifiuta la tecnologia. Siamo su un blog.

    FZ

    RispondiElimina
  137. Infatti è quel che si è continuato a dire finora: siate chiari e che i sedevaticanisti vengano allo scoperto.

    RispondiElimina
  138. Profeti di sventure...17 ottobre 2011 15:26

    Si Gesù era ebreo

    RispondiElimina
  139. Sì che Gesù era ebreo, ma noi siamo cristiani. O no?
    La storia della Salvezza Lui l'ha portata a compimento. Si tratta delle nostre radici; non solo il nostro passato ma anche il nostro presente e il nostro futuro è Cristo Signore.

    RispondiElimina
  140. redazione, c'è ancora chi confonde i tradizionalisti con gli amish, prendiamo atto del loro livello e cerchiamo di essere pazienti

    RispondiElimina
  141. Alora perchè deve rifiutarla il Papa andando in gestatoria con tanto di portantini fantozziani?? 

    RispondiElimina
  142. Amish no, ma furbacchioni si. Tutti in carrozza ma con condizionatore e navigatore incorporati. :-P

    RispondiElimina
  143. La previsione proposta da arcicantore, come sua consuetudine equilibrato, è molto verosimile.

    RispondiElimina
  144. No, Angelo, non lo capiscono. E infatti non si andrà da nessuna parte, almeno finché le posizioni più estreme non saranno ricondotte a ragione.

    RispondiElimina
  145. Circolo Christus Rex17 ottobre 2011 16:38

    Quel "né me lo chiedo" finale è la chiave della scarna risposta di Mons. Williamson. Davvero di una sprezzante ironia tipicamente inglese. Bravo Monsignore!

    RispondiElimina
  146. <span>Ogni tanto m sembra che emergano in lei delle rigidità che forse derivano dalle <span>sue passate frequentazioni cnc.</span></span>

    by Osservatore

    RispondiElimina
  147. Roberto Martelli17 ottobre 2011 17:14

    Indubbiamente la pedana mobile risulta essere un salto tecnologico epocale, la più grande applicazione scientifica dopo la fissione nucleare.

    RispondiElimina
  148. Roberto Martelli17 ottobre 2011 17:17

    Risposta esagerata; alla Williamson, verrebbe da dire.

    RispondiElimina
  149. @ Velester
    Padre Pio non rilasciava interviste

    RispondiElimina
  150. Io non ho detto che Mic ha fatto parte del cnc.
    Le cose sono andate così: Rinaldo aveva supposto che Mic ne avesse fatto parte e lei ha risposto dicendo che aveva seguito un percorso neocatecumenale (o qualcosa del genere) per 3 mesi. Quindi li ha solo frequentati per un certo periodo.
    E mi chiedo come abbia fatto. Vedendo i filmati delle loro liturgie chiassose e sguaiate io sarei scappato dopo 2 minuti.

    RispondiElimina
  151. Magari non andasse!

    RispondiElimina
  152. Qui c'è qualcuno che è ossessionato dalla paura dei sedevacantisti. Qualcuno potrebbe avere la coscienza sporca?

    RispondiElimina
  153. @ Benedetto
    Mi sembra che il Papa stia bene. Si inginocchia senza problemi e non credo che faccia fatica a percorrere i 100 metri della navata di San Pietro.
    Magari l'uso della pedana mobile è un passo intermedio per tornare all'uso alla Sedia Gestatoria.
    E non si tratta di sfarzo o di cose medioevali. Lo vedrei come un segno di quasi sacralità della sua persona nell'esercizio delle sue funzioni liturgiche.
    E non dimentichiamo la componente della visibilità. Si eviterebbe che tutti abbndonassero il loro posto per buttarsi  verso le transenne e toccarlo (ciô che non dovrebbe avvenire durante le celebrazioni).
    Per il resto mi torvo benissimo con la tecnologia, pur apprezzndo certe forme e certi riti. Non vedo contraddizione alcuna.     

    RispondiElimina
  154. ... sono laureata in  storia medievale e ho un diploma in paleografia e diplomatica ...
    ... Il massimo dei lefebvriani è questo: rifiutano il presente, ma volendo sanno come utilizzarlo al meglio (compreso il dialogo ecumenico che si sta mettendo in pratica con loro, nel medioevo magari finivano al rogo in quanto scismatici. (Bei tempi) ...

    Medioevo, rogo, scismatici: se questa è la profondità di analisi e l'originalità di pensiero che Le derivano della "laurea in storia medievale" e dal "diploma in paleografia e diplomatica" ...

    RispondiElimina
  155. E io mi trovo benissimo con la  modernità tutta, pur amando il passato non mi piace affatto resuscitarlo. Se devo capire il '700 leggerò Goldoni o Alfieri non girerò con il guardainfante. :-D :-D

    RispondiElimina
  156. Boh! Che ci siano tutti questi grandi dissidi, mi par strano, sembrano tutti tanto sereni alla FSSPX.

    RispondiElimina
  157. Ospite lei si esprime da maleducato privo di rispetto.

    I portantini, servivano umilmente la Chiesa e il Sommo Pontefice !

    RispondiElimina
  158. Ecco, vedi Angelo? parli di 11 settembre 2001, di "antiebrismo" che tale in realtà non è... ma riguardo alla dottrina cattolica? ti avevo chiesto: "<span><span>Se tu Angelo hai rilevato in essi [i commenti] qualcosa di eretico, dillo".</span></span>
    Ovviamente non sei in grado, come del resto nessun altro, Enrico in testa a tutti, di farlo.
    Evidentemente per mia incapacità non sono riuscito a esprimere ciò che intendevo, non l'ortodossia formale ma il sostanziale adeguamento, il mettere in pratica, in ogni pensiero parola ed opera della nostra vita la dottrina che ci è stata trasmessa fa di noi dei cristiani, dei cattolici. E' difficile, ma a questo dobbiamo tendere.
    Sempre tesi... direbbe Verdone. Ma in questo caso, sul serio.

    RispondiElimina
  159. In compenso c'è chi sa benissimo dove sta per mandarlo...

    RispondiElimina
  160. Redazione di Messainlatino.it17 ottobre 2011 19:49

    Rispondevo all'ospite delle 14.06

    FZ

    RispondiElimina
  161. Redazione di Messainlatino.it17 ottobre 2011 19:52

    <span>Rispondevo all'ospite delle 14.06. Inoltre, se non erro (ma la diretta interessata potrà confermare più autorevolmente) Mic non ha mai seguito in persona il "cammino", neanche per un tempo limitato: è stata catechista non-NC in una parrocchia NC per un certo tempo.</span>

    <span>FZ
    </span>

    RispondiElimina
  162. Redazione di Messainlatino.it17 ottobre 2011 19:58

    Osservatore: la sua risposta dice tutto molto bene. È quello che avrei scritto io. Non c'è in effetti contraddizione alcuna. A meno che uno non la voglia vedere per forza.

    FZ

    RispondiElimina
  163. Redazione di Messainlatino.it17 ottobre 2011 19:59

    Ospite 15.37: ci si santifica anche così. E nel caso presente si guadagnano tantissimi meriti...

    FZ

    RispondiElimina
  164. <span>Infatti è quel che si è continuato a dire finora: siate chiari e che i sedevaticanisti vengano allo scoperto.</span>

    Mah... a me pare che ciò che in questi tempi viene sempre più evidentemente allo scoperto è il verminaio che da mezzo secolo infesta la Chiesa cattolica e che l'ha resa, poco alla volta ma incessantemente, quasi irriconoscibile.
    Vedi nella colonna a destra 'La trahison des clercs'.

    RispondiElimina
  165. La misericordia di Dio è infinita. Anche Cesare, che in vita sua non ha mai traviato nessuno, spera in quella.

    RispondiElimina
  166. Veramente a me pare che voi vogliate girare con il guardainfante invece di leggere Alfieri e Goldoni.

    RispondiElimina
  167. Redazione di Messainlatino.it17 ottobre 2011 20:52

    Ci rinuncio.

    FZ

    RispondiElimina
  168. Non mi pare di parlare difficile. Lei Goldoni lo legge con la parrucca?? No, magari se lo legge pure su internet, ma le sue parole vengono dal Passato, hanno una storia che ha influito anche sul presente. Ricorda l'illuminismo??
    E così la Chiesa, possono cambiare le forme, certe esteriorità ma la sostanza non cambia, non mi pare difficile.
    Voi vi fermate al vernissage, la messa non è messa senza latino, il Papa non è Papa senza la gestatoria. E questo perchè del passato vi piace il folklore, la carrozza, il dogmatismo autoritario, ma non vedete quello che del passato sussiste nel presente.
    Alla fine è vero è abbastanza stupido parlare con voi, specie in un post dove si parla di un vescovo neonazista, negazionista e antisemita.

    RispondiElimina
  169. lo spunto dell'ospite sopra e' interessante, la redazione ci dovrebbe lavorare sopra, il motu proprio parta fidei e il tradizionalismo....

    RispondiElimina
  170. Profeti di sventure...17 ottobre 2011 21:43

    Appena sento parlare di sussiste metto mano alla fondina

    RispondiElimina
  171. @ ospite delle 18'54
    qui non si parla del '700 ma del 1962 o "giù di lì".
    Dal '700 in poi i costumi si sono modificati radicalmente  (se valutati con gli occhi di oggi), ma in modo quasi impercettebile per le molte generazioni che si sono susseguite dal '700 ad oggi.
    Gli abusi liturgici del post concilio sono stati invece un'operazione chirurgica: direi di più, un'amputazione senza anestesia    

    RispondiElimina
  172. Se è vera la lettera condivido particolarmente da parte di un suo allievo.

    RispondiElimina
  173. Hee a pensar male si fa peccato mi ci si azzecca!!!
    Pfima di tutto quale autorità ha Mons. Fellay per mandare monizioni ad n altro vescovo. Per il diritto Canonico quando un sacerdote doventa vescovo ancorché regolare non è più sottoposto ai suoi superiori, pertanto mi sa che Mons. Fellay st andando oltre misura particolarmente verso una persona che èpotrebbe essere suo padre ed è stato suo prfessore al Seminario di Econe. Poi alla fine mi sa che alcuni membri della F.S.S.P.X non hanno ancora ben letto l'Enciclica di San Pio X "Pascendi " il quale definisce i modernisti i peggiori nemici della Chiesa!

    RispondiElimina
  174. @ redazione

    non vorrei essere scorretto verso mic e riporto integralmente la frase da lei scritta in un post di un recentissimo thread.

    Eccola:

    "Io NON SONO STATA tra i neocatecumenali. Ho vissuto 10 anni e ho fatto la catechista (non neocatecumenale) in una parrocchia solo neocatecumenale. Ho ascoltato tre mesi di catechesi e tanto mi è bastato. Ho visto le dinamiche perverse, ho partecipato anche a qualche celebrazione comunitaria introdotta, come ospite, dal sacerdote."

    Ecco perchè hoparlato di frequentazione (3 mesi) e non di appartenenza.

    Lo scrivo  per onestà verso Mic e perchè sono convinto che lei non dirà nulla in proposito (come ipotizzato dalla redazione).
    Mic (e ovviamente anche Luisa) ha infatti deciso di ignorarmi e di boicottarmi, per il semplice fatto cher l'altro giorno io e Rinaldo abbiamo messo "un po' il becco" nei loro dissidi con SdC, cercando di capire le ragioni dell'uno e dell'altro.   

    RispondiElimina
  175. Ma è possibile che non ci si accorga con la situazione attuale che un accordo con "la Roma modernista" così la definì Mons. M. Lefebvre è l'annientamento della F.S.S. P.X. ci hanno tentato in tutti i modi pure offrendo la porpora allo stesso Lefebvre che la rifiutò! C'é Assisi III dietro le porte lo stesso Mons. Tissier è andato molto pesante con Benedetto XVI. Caro Don Camillo non è sempre dicendo si che si risolvono le questioni. La Chiesa ufficiale attuale è lontana anni luce da quella di Pio XII. Mons. M. Lefebvre nel 1988 diceva queste cose: " Ma se vivrò ancora po' e supponendo che tra qualche tempo Roma faccia una richiesta di rincontrarci ... sarò io a porre le condizioni ... porrò la questione sul piano dottrinale: Siete daccordo con tutte le grandi encicliche di tutti i papi che vi hanno preceduto. Siete daccordo con Quanta Cura di Pio IX, Immortale Dei e Libertas di Leone XIII, Pascendi di San Pio X , Quas primas  di Pio XI e Humani Generis di Pio XII? ... Fino a quando voi non accetterete di riformare il Concilio, prendendo in considerazione la dottrina di questi papi che vi hanno preceduto non possibile nessun dialogo . E' inutile". Fideliter Settembre 1988.

    Caro Don Camillo mi sa che Mons. Fellay ha la sindrome del ponte sul fiume Kwai, alla fine ama più il ponte che la guerra? Le ragioni per un non accordo con Roma verrano inviatre a tutti i vescovi della F.S.S.P.X. tra non molto tempo.
    Il Signore ci aiuti

    RispondiElimina
  176. Bravo si unisca anche ai <span>black bloc son già vestiti di nero.
    </span>

    RispondiElimina
  177. Ma non è quello che vogliono i nostalgici?? Le condanne, i dogmi, le esclusioni??
    Il medioevo certo non è stato solo questo ma i roghi ci son stati.

    RispondiElimina
  178. Più tortuoso d'un serpente.

    RispondiElimina
  179. ha posto per Nourrichard e Co. però, bella credibilità

    RispondiElimina
  180. più maligno e tendenzioso di un serpente....
    con la lingua biforcuta di chi vuol attirare l'interlocutore in un  tranello: come facevano i Farisei con Gesù, per poterlo esporre al ludibrio pubblico, QUALUNQUE cosa Egli avesse risposto ai loro infidi e perfidi quesiti , apparentemente  INNOCENTI (v. Vangelo di domenica scorsa.....)

    RispondiElimina
  181. @Osservatore.
    Non capisco da quale galassia l'Osservatore osservi i segni dei tempi. Personalmente non sono affatto contrario alla sedia gestatoria, ai flabelli, ai fanoni, ai troni e ai baldacchini, perché credo alla dignità e al primato del Papa molto più di chi lo ha diminuito con la pretesa democratica della collegialità. Il fatto è, però, che questi strumenti sono ormai stati messi fuori gioco da chi non avrebbe (forse) dovuto, eccezion fatta per la tiara che dovrebbe lodevolmente e facilmente ricollegarsi al sacerdozio di Cristo Re. Per il resto, ormai non si torna indietro, perché, interrottasi la tradizione, ne risulterebbe un anacronismo incomprensibile per la stragrande maggioranza dei cristiani. Un ripristino del genere procurerebbe più danno che rimedio e apparirebbe una goffaggine di pessimo gusto. Credo che ci siano nella Chiesa problemi ben più importanti di tali vaghezze e che occorrano provvedimenti ortodossi di ben altro spessore. Lo zelo smodato per la casa di Dio fa sì che, a volte, non si colga l'ironia. Peccato.

    RispondiElimina
  182. <span>Non lo dico per difendere la FSSPX</span> buahahahahaha!!!<span> ma eretici sono coloro che vedono eresie nella Fraternità pfffhahahahahaha!!!
    </span>

    RispondiElimina
  183. Il Papato ha bisogno dei lefevbriani ma anche i lefevbriani hanno bisogno del papato. La storia insegna che tutte quelle esperienze scismatiche autocefale sono destinate a fallire o di essere soggette allo Stato che ne diventa il garante e poi il padrone. Ecco perchè S.Ecc Mons. M. Lefebvre da subito ha ordinata di pregare "una cum", e questo sia per salvare il papato dallo stesso papato sia per collocare Fraternità nell'alveo della giusta battaglia.

    L'amore per il Papa e per il papato è la base della sussistenza sella Fraternità, chi si distacca da questa vocazione rischia di fallire e di morire da solo, e S.Ecc Mons. M. Fellay l'ha capito molto bene, altro che storia del ponte <span>sul fiume Kwai</span>!

    Detto questo,

    non so se la cosa andrà a buon fine, sappiamo che quando tutto sembra risolto, in realtà tutto può saltare. L'unica cosa certa è questa: siamo nel 2011 non nel 1988! Nell'88 i tempi non erano maturi, l'entusiasmo conciliare aveva reso S.Ecc Mons. M. Lefebvre piccolo e ridicolo, non si capivano i motivi del suo accanimento e proprio per questo, credo, S.Ecc Mons. M. Lefebvre ha preferito scendere nel bunker aspettando tempi migliori.

    Oggi non so se S.Ecc Mons. M. Lefebvre considererebbe i nostri tempi quelli giusti, so solo che quelle due formidabili impuntature che hanno condannato la Fraternità all'esilio hanno portato una ventata di GRAZIA per tutta la Chiesa, facendo uscire allo scoperto la Fraternità e con la Fraternità tutti i "mali della Chiesa":

    1. la liberalizzazione della Messa e
    2. la revoca delle Scomuniche.

    Nessuno neanche il Papa poteva immaginare cosa sarebbe successo da li a poco tempo da questi due eventi che sembravano solo "cosucce di lefebvriani" e ora l'unica cura per salvare la Chiesa.

    Non so se la Chiesa cambierà (vedo però tanti preti aprire lentamente gli occhi riprendendosi dalla sbornia conciliare) so solo che io sono cambiato dopo il M.P., e questo è l'unica cosa che conta per me!<span></span>

    RispondiElimina
  184. Grazie per il "serpente"  (Lei invece è un'ottima ottima persona) e per il plauso ricevuto da  chi ha tolto definitivamente la mschera (che io non avevo voluto vedere).
    Si dimostra  anche poco furba: mi era già  chiarissimo che  lei e la sua amica hanno deciso (ovviamente in tandem) di ignorarmi e il suo "placet"  dimostra che hanno letto tutto per bene. Faccia (fate) pure combriccola fra di voi: io preferisco le persone (Rinaldo, Angelo, ecc) che qui dentro dimostrano equilibrio, apertura e giusta distanza dalle cose.  

    RispondiElimina
  185. Ecco un'altra "gregaria".
    Mi viene il dubbio che Lei il Vangelo lo ascolta, ma non lo vive.
    Questi sono i commenti malvagi, non quelll (qualche volta) folcloristici di SdC.

    RispondiElimina
  186. "Williamson come Milingo": parole "ad vanveram!"

    RispondiElimina
  187. "Avanti al centro contro gli opposti estremismi, non  sono forse socialdemocratico anch'io!" ( F. Guccini - La Genesi )

    RispondiElimina
  188. Ma lei tutti questi concetti le estrapola dal manuale delle giovani marmotte o ha altre fonti ?

    RispondiElimina
  189. Ma lei  questi concetti li ricava tutti dal manuale delle giovani marmotte o ha più fonti ? 

    RispondiElimina
  190. Ha ragione ho fatto la tesi su inquisizione ed eresie, all'epoca avevo messo una novantina di titoli in bibliografia, ci sarà stato anche il manuale delle giovani marmotte. Scriva lei cosa è stato il medioevo se io non l'ho capito. E comunque ovvio che era una battuta: voi vorreste il medioevo, ma poi usufruite della libertà di pensiero, religiosa e dell'ecumenismo propria del mondo moderno. Se la fraternità rientrerà nella Chiesa sarà grazie al dialogo buonista, perchè nei secoli passati i fenomeni eterodossi non erano trattati con tanta gentilezza.

    RispondiElimina
  191. <span>Ha ragione ho fatto la tesi su inquisizione ed eresie, all'epoca avevo messo una novantina di titoli in bibliografia, ci sarà stato anche il manuale delle giovani marmotte. Scriva lei cosa è stato il medioevo se io non l'ho capito. E comunque ovvio che era una battuta: voi vorreste il medioevo, ma poi usufruite della libertà di pensiero, religiosa e dell'ecumenismo propria del mondo moderno. Se la fraternità rientrerà nella Chiesa sarà grazie al dialogo buonista, perchè nei secoli passati i fenomeni eterodossi non erano trattati con tanta gentilezza.</span>

    RispondiElimina
  192. @ Benedetto
    Ho i piedi ben piantati nel presente, contrariamente ad altri fanatici (e fanatiche) qui dentro.
    Il discorso della sedia gestatoria l'ha aperto lei (forse per celia).
    Altri blogger hanno fatto qualche allusione (inorridita) sull'uso della pedana mobile.
    A me non sarebbe venuto neppure in mente di aprire un dibattito su questo tema e ne ho solo approfittato per dire la mia opnione.
    I flabelli e i baldacchini mi farebbero solo ridere. Come mi fanno ridere i paggetti e mi fa sorridere lo strascico del pur 'ottimo card. Burke.
    Anche il ferraiolo azzurino che si usa a Griciliano lo trovo anacronistico, pur essendo amico di Gricigliano (ci sono stato 2 volte).
    Per quanto riguarda la pedana mobile o la sedia gestatoria sono di altro avviso. Danno una dimensione più solenne (e quasi sacrale) del Papa ("Dolce Cristo in terra") durante le celebrazioni.  Favoriscono la visibilità del Papa ed evitano l'abbandono delle sedie per tuffarsi verso le transenne, onde vederlo meglio e magari toccarlo (e fotografarlo: io lo proibirei durante le processioni d'ingresso in basilica).
    Punto.

    RispondiElimina
  193. Vedrete che adesso Williamson consacrerà tre o quattro vescovi allo scopo di garantire la continuità della vera fede cattolica che solo lui custodisce, verrà pertanto scomunicato da Fellay, ma tra qualche anno Fellay gli revocherà la scomunica e inizierà un tavolo di trattative per riammetterlo alla fraternità.

    RispondiElimina
  194. Roberto Martelli18 ottobre 2011 11:38

    Ahimè le università odierne non sono più quelle di un tempo: 90 titoli in bibliografia e così poco pensiero originale?

    RispondiElimina
  195. Roberto Martelli18 ottobre 2011 11:41

    Attendiamo con viva ansia le prime indiscrezioni di Tornielli sul contenuto del preambolo .....

    RispondiElimina
  196. osservando Osservatore18 ottobre 2011 11:54

    Osservando Osservatore che osserva il blog e i blogger,in particolare due blogger al femminile alle quli dedica le sue particolari attenzioni, si nota un misto di comunicazione discordante, da una parte alliscia, dall' altra affondanle sue stoccate. Getta l' esca sperando che il pesce abbocchi ma il metodo ripetitivo e prevedibile del pescatore-Osservatore sembra fare solo dei buchi nell' acqua,non capisce perche', perde pazienza, si irrita, ci riprova, migliorando e rinnovando l' esca, anche se sempre con la stessa inconfondibile miscela, ma non funziona, allora si unisce ad altri pescatori dicendosi che in coppia o in gruppo avrebbe maggior successo, e invece no, la sua esca resta inesorabilmente vuota, deluso dal suo insuccesso, e stizzito, se la prende con chi e' intervenuto sui suoi metodi, descrivendoli con precisione, il finto garbo scompare allora definitivamente per lasciar posto alla cocente irritazione, e la maschera e' lui che se l' e' tolta.

    RispondiElimina
  197. Mi rallegro per lei, coi piedi saldamente piantati nel presente. Il discorso della sedia gestatoria l'ha aperto un altro lettore, troppo convinto delle sue speranze in un articolo precedente. Io gli ho rifatto il verso per celia.

    RispondiElimina

L'inserimento senza moderazione dei commenti è limitato ai soli post usciti nella medesima giornata di inserimento e nel giorno precedente. Per i post più vecchi, i commenti saranno sottoposti a moderazione.
Qualora fosse attiva la moderazione, possono passare anche alcuni giorni prima del controllo da parte della Redazione.