Post in evidenza

MiL ha bisogno di voi lettori: DONAZIONI

A sx (nella versione per pc) e su palmare (voce " Donazione ") troverete la possibiltà di donare. Vi speghiamo il perchè.  Potrete...

giovedì 7 luglio 2011

la Tradizione e il Pellegrinaggio a Rio de Janeiro

Diamo con piacere una comunicazione di un'iniziativa che ci è stata segnalata dai nostri colleghi del SudAmerica. Dato che abibamo lettori anche negli Stati sudamericani, speriamo che questo post possa aiutare a diffondere la notizia. Il Santuario del Cristo Redentore festeggia 80 anni, e il prossimo 30 Ottobre 2011, nel calendario V.O. del Rito Romano straordinario la santa Chiesa cattolica celebra il giorno di Cristo Re. E' prevista la salita dei giovani cattolici al Cristo Redentore di Rio in pellegrinaggio con striscioni e musica in onore di Cristo Re!
Chiediamo a tutti di essere presenti!
Il nostro pellegrinaggio seguirà le caratteristiche di quello di Châtres (Francia) e di Luján (Argentina).
Nel frattempo, son stati ottenuti solo 50 biglietti omaggio per entrare nel santuario, il che significa che il resto dovrebbe essere pagato. Contattateci tramite e-mail: cristoredentor.contato@gmail.com
Questo pellegrinaggio è appoggiato da questi due siti: SalvemALiturgia.com e VidaSacerdotal.com.
Fr Anderson da Silva Batista sarà con noi come direttore spirituale e celebrerà la Santa Messa al termine del pellegrinaggio.
Pe. Anderson Batista, Niterói (nella foto).

Su Facebook La pagina UFFICIALE de la Peregrinación
Contamos con su presencia! Fuente:Salvem a Liturgia Viva CRISTO REY!

2 commenti:

  1. Ma si deve pagare il biglietto per entrare nel santuario? =-O

    RispondiElimina
  2. Luis Moscardò8 luglio 2011 18:28

    Paese che vai, usanza che trovi... anche nella Cattedrale di Pisa si paga il biglietto... salvo entrarci per assistere a una liturgia (nom) del clero pisano, nel qual caso sarebbe il fedele a dover essere pagato!

    RispondiElimina

AVVISO AI LETTORI: Visto il continuo infiltrarsi di lettori "ostili" che si divertono solo a scrivere "insulti" e a fare polemiche inutili, AVVISIAMO CHE ORA NON SARANNO PIU' PUBBLICATI COMMENTI INFANTILI o PEDANTI. Continueremo certamente a pubblicare le critiche ma solo quelle serie, costruttive e rispettose.
La Redazione