lunedì 29 novembre 2010

Ritorno trionfale per il card. Ranjith



Ritorno trionfale del card. Ranjith in Sri Lanka: per il neoporporato è stata predisposta una specialissima (e buffa) cardinal-mobile, con tanto di galero e nappine incorporate, sulla quale ha sfilato per le vie di Colombo, la capitale.

Un gesto di affezione che non può non farci piacere.


Fonte: White monks, via Eponymous flower

193 commenti:

  1. Grande uomo di Chiesa, pieno di fede! La sua nomina è stata certamente un premio meritato.

    RispondiElimina
  2. :-[  perfino commovente!!!!!
    è un Pastore che ha saputo farsi amare per la  Dottrina!!

    RispondiElimina
  3. Troppo forte la galero-mobile! Altro che chitarrine, disegnini e messe-halloween! I tradizionalisti sono i più "fashion" !!!

    RispondiElimina
  4. Sì Caterina, proprio quello che ho pensato anch'io: è un buffo allestimento che fa sorridere di gioia tanto da commuovere: è il linguaggio dei semplici, del popolo, quello che va al cuore. Eppure per far una cosa del genere si sarà pensato, speso e lavorato con cura!
    Quanto abbiamo da imparare noi che abbiamo banalizzato tutto.
    Un cardinale italiano non sarebbe mai salito su un "tafanario" del genere, non per (falsa) modestia, ma per ... non infrangere il Nuovo Codice della Strada.....

    RispondiElimina
  5. la voglio verde per il mio vescovo

    RispondiElimina
  6. per i molti vescovi endrebbe benissimo un cellulare ( non il telefonino)

    RispondiElimina
  7. <p><span>Ma è uno scherzo o la seconda puntata <span> </span>di “</span><span><span>Echi (anti)tridentini in cinematografia: "Roma" di F. Fellini</span></span><span> “ apparso il 27 novembre?</span></p>

    RispondiElimina
  8. E' l'animo (cd. elemento soggettivo in questo caso collettivizzato) ch'è diverso e marca una cosa come dissimile all'altra.
    Un buon osservatore coglie le differenze oltre le mere apparenze.

    RispondiElimina
  9. Troppo forte  ..........

    RispondiElimina
  10. Gli Episcopi italiani se la sognano una folla come quella che li accoglie quando ritornano nelle loro sedi !!! ciascuno raccoglie quello che ha seminato, chi semina vento, diceva qualcuno, raccoglie tempesta, ed ecco che da noi le folle ci sono per i nostri Vescovi, ma per contestarli !!!

    RispondiElimina
  11. .........che DIO.........lo benedica.............!!!!!!!!!!!!!!

    RispondiElimina
  12. Sembra che stia passando un circo....

    RispondiElimina
  13. E' un guaio se ci si preoccupa di essere fashion....

    RispondiElimina
  14. Cessi di sapergere veleno su questa iniziativa!

    E' chiaro a tutti che una tale manifestazione non incontra il gusto di noi Occidentali razionalisti, senza che il suo "acuto sguardo profetico" continui a ribadirlo. E' ovvio che gli Orientali hanno una sensibilità differente dalla nostra, perché non sono ammalati di "Illuminismo". A me pare commuovente. D'altra parte meglio questo "circo" - come la sua sensibilità profondamente missionaria ha avuto il buon gusto di esprimersi - piuttosto che gli squallidi algori di molte nostre liturgie occidentali semideserte.

    RispondiElimina
  15. Sia fatto Papa. Sia il prossimo, è l'unico degno.

    RispondiElimina
  16. Ben venga questo primo forse "ultimo" PAPA nero!

    RispondiElimina
  17. faranno RAVASI .......

    .......... lui si che è cattolico ........ come io sono LUIGI XIV ............

    RispondiElimina
  18. Da cristiano cerco di guardare i fatti secondo il Vangelo e non secondo i condizionamenti culturali e sociali dei popoli.
    Gesu' quando entra a Gerusalemme lo fa sopra un asino(mezzo di locomozione usato dagli ultimi)....e non sopra una mucca o cavallo( usato da condottieri e capi)
    Questa e' una pagliacciata degna di un circo di serie B...

    RispondiElimina
  19. L'avesse fatto mons. Ravasi, vi sareste strappati le vesti per l'ennesimo orrore modernista... comunque, auguri a tutti i neocardinali!

    RispondiElimina
  20. Ma quale "nero"; diciamo le cose come stanno. Nero lo è Milingo. Ranjit è invece cingalese, di lingua Pali, un vero "ariano" (è quella la patria degli indoeuropei), con più credenziali di "purezza razziale" di un germanico come Papa Benedetto XVI, che deve vedere scorrere nel proprio sangue non pochi geni slavi e financo turco/mongoli, lascito delle invasioni di Avàri e Unni. 

    RispondiElimina
  21. Ingrato di un ingrato. Non sai quel che dici.

    RispondiElimina
  22. Che Giona vada a spargere il suo sarcasmo altrove.
    È talmente irrigidito nei suoi schemi e nelle sue certezze che non si rende nemmeno conto che sta schernendo,  con animo veramente cristiano, e molta poca intelligenza, la gioia  di quelle popolazioni nell`accogliere il "loro" cardinale.

    RispondiElimina
  23. Caro Ospite...non mi permetterei mai di prendere in giro persone ingannate a tal punto da idolatrare un cardinale

    RispondiElimina
  24. Ravasi però s'è fatto un ricevimento principesco ai Musei Vaticani.
    Commovente ed "evocativa" la foto in cui lo omagga la coppia più bella del mondo
    ovvero il Commercialista di Bose e l'Arcivescovo di Martirano.
    Deus avertat!!!!!

    RispondiElimina
  25. <span>Ma quale "nero"; diciamo le cose come stanno. Nero lo è Milingo. Ranjit è invece cingalese, di lingua Pali, un vero "ariano" (è quella la patria degli indoeuropei), con più credenziali di "purezza razziale" di un germanico come Papa Benedetto XVI, che deve vedere scorrere nel proprio sangue non pochi geni slavi e financo turco/mongoli, lascito delle invasioni di Avari e Unni. </span>

    RispondiElimina
  26. Carissimo Giona, il mezzo di locomozione usato da Gesù nell'entrata REGALE a Gerusalemme era quello usato nei trionfi e nelle intronizzazioni dei sovrani orientali, con tanto di acclamazioni di popolo in festa e gesto di sottomissione che il Signore Gesù Cristo non ha rifiutato, anzi a chi gli ordinava di far tacere i bambini che lo acclamavano RE MESSIA da una risposta alquanto indelicata... mi sa che lei stia guardano i fatti non secondo il Vangelo ma secondo i suoi propri condizionamenti culturali, sociali e ideologici. Per quanto riguarda le pagliacciate di serie B, le preferisco di molto, rispetto alle cavolate di serie A.

    RispondiElimina
  27. Solo una cosa, Martirano è antica sede episcopale, non arcivescovile!!! sul resto sono d'accordo con lei.

    RispondiElimina
  28. Quando Gesu' entra a Gerusalemme il popolo non accoglie il messaggio di liberazione portato da Gesù.
    E Gesù si trova come un ostaggio. Scrive l’evangelista “Quelli che precedevano e quelli che seguivano”, Gesù si trova in mezzo, non è più Gesù a indicare il cammino, ma è la folla che l’ha preso come in ostaggio.
    Sia quelli che lo precedono che quelli che lo seguono “gridavano”… E perché l’evangelista adopera il verbo gridare per quello che è un salmo, il salmo 118, “Osanna, benedetto colui che viene nel nome del Signore”? Avrebbe dovuto usare il verbo ‘acclamare’, invece la folla grida, grida come gli spiriti immondi che rifiutano l’azione del Signore. E grida come il cieco di Gerico che vede in Gesù il Messia Figlio di Davide (“Figlio di Davide, abbi pietà di me”). E questi che gridano “Osanna al Figlio di Davide”, quando si renderanno conto di aver sbagliato persona, perché Gesù non è il Figlio di Davide - ‘figlio’ in quella mentalità significa colui che assomiglia al Padre – ebbene Gesù non è il Figlio di Davide, ma il Figlio del Dio vivente.
    Non toglie la vita, ma dona la sua. Quando si accorgeranno di aver sbagliato persona, le stesse persone che ora hanno acclamato Gesù gridando “Osanna”, saranno quelli che grideranno “Crocifiggilo!”

    RispondiElimina
  29. E chi sei tu per giudicare la fede, l'affetto e la sanità mentale (il termine "ingannate" è molto forte) dei fedeli di Colombo? Che poi a me lasci un po' perplesso la Galero-Mobile, non lo nascondo, ma, oltre a non essere io nessuno per giudicare, non posso che essere strafelice e per il Cardinal Ranjith (che, veramente, si merita il nostro appoggio, e soprattutto la contentezza dei suoi fedeli) e per i suoi fedeli, che sono orgogliosi di lui.
    Lo Sri Lanka è terra di missione, e non mancano le difficoltà economiche, sociali e politiche per i cristiani locali, e per guadagnarsi il rispetto e, soprattutto, l'amore (perchè si può anche rispettare senza amare) dei suoi fedeli, vuol dire che si è comportato veramente da "servo buono e fedele", da "benedetto dal Padre"...

    RispondiElimina
  30. Mariae in Ecclesia29 novembre 2010 15:32

    La penso esattamente come te Giona ... uno squallore.

    RispondiElimina
  31. Rob...io non giudico le persone ma i fatti....ad accusare questa messa in scena non sono io ma le Scritture

    RispondiElimina
  32. Mariae in Ecclesia29 novembre 2010 15:56

    Appunto ... era un puledro d'asino ... tutt'altro che un mezzo per essere esaltato ...

    RispondiElimina
  33. Sì: sta passando il circo dei bonghi e delle chitarre, delle mani alzate verso il tè; della teologia della liber(r)azione, delle teologhesse teologanti, della casule in terital con sotto i pantaloni Euronova, il circo dei pagliacci, dei nani e dei prestidigitatori di banconote.... sta passando mesto verso i titoli di coda salmodiando tristo un ritornello di due note in terza minore "Vivalconcìlio/vivalconcìlio....".

    RispondiElimina
  34. sono molto  contento per il card. Ranjith, sia per la porpora, sia per le accoglienze ricevute al suo ritorno. Sull'automobile preparata per accoglierlo avrei qualche dubbio non sulla pompa, ma sullo stile.
    Comunque la mia ammirazione per Ranjith è tale che parlando coi miei amici dico sempre: Ranjith dovrebbe esser fatto coadiutore del Vescovo di Roma.

    ;)

    p.s. Per chi non ha dimistichezza col diritto canonico: il coadiutore è di diritto successore del vecovo che coadiuva.

    8-)

    RispondiElimina
  35. ovvia...! fra qualche giorno comincia la Quaresima dunque...! godiamoci allora questi giorni di carnevale...

    RispondiElimina
  36. ricordo tutte le battutacce lette riguardo ai "mezzi di locomozione" usati o fatti usare a Papa Giovanni Paolo II, specialmente nei suoi anni di malattia. Parole che non oso ripetere talmente erano piene di veleno...
    ora invece è tutto bello... mah
    de gustibus...

    RispondiElimina
  37. Alla luce di quanto afferma capisco il perché è dubbioso: il dubbio è se ha senso per lei continuar a ritener d'esser cattolico.... Abbracci il buddismo, caro mio, se ha tanto in uggia il cattolico folklore.

    RispondiElimina
  38. <span>ricordo tutte le battutacce lette riguardo ai "mezzi di locomozione" usati o fatti usare a Papa Giovanni Paolo II, specialmente nei suoi anni di malattia. Parole che non oso ripetere talmente erano piene di veleno...  
    ora invece è tutto bello... mah  
    de gustibus...</span>

    RispondiElimina
  39. Il kitsch è un'autentica cifra dell'estetica indiana e paraindiana (Michaux scriveva che l'India è l'unico posto del mondo in cui il ricco conserva anche a distanza di molte generazioni il gusto dell'arricchito. Ma aveva viaggiato poco). Ma l'altra autentica cifra, da noi persa da secoli, è il senso immediato della lievitazione simbolica. Nel "tafanario" di sapore vagamente viareggino si trovano combinati in modo alquanto scoperto l'uno e l'altro elemento. Laggiù sta bene così. Qui, con il più sentito e commosso ossequio al linguaggio dei semplici, si sarebbe imposta una rapida riesumazione dei Panzerfaust di zio Gottfried.

    RispondiElimina
  40. Luis Moscado
    ti credevo più maturo.
    certo viva il Concilio, sempre! sia il primo e sia l'ultimo Concilio:
    Un cristiano cattolico non sceglie nè può scegliere solo i Concili che gli garbano ma li accoglie tutti e soprattutto non nè deride manco uno

    RispondiElimina
  41. Dai ora non esagerare. Non è uno schifo ma una cosa che desta perplessità si!

    RispondiElimina
  42. Veramente è più probabile che Ranjith per provenienza e per tratti somatici sia un dravida. La patria degli indoeuropei non è né l'India né tanto meno Sri Lanka.

    La quali puntualizzazioni hanno carattere puramente informativo e non tolgono né aggiungo alcunché all'alta statura spirituale di questo straordinario Cardinale.

    RispondiElimina
  43. A questo si e' ridotta la fede in Gesu'....a folklore.

    RispondiElimina
  44. Sottosegretariante29 novembre 2010 17:10

    Questi progressisti: terzomondisti  a parole, ma pronti  a sparare sul kitch del Terzo mondo quando questo nasce come affetto alla Chiesa e ai suoi rappresentanti.
    Eurocentrici e sprezzanti al punto di non capire che, per un povero paese insulare dell'Asia avere uno dei suoi figli che diventa cardinale di S. Romana Chiesa è motivo d'orgoglio nazionale e non di idolatria.
    Mah!

    RispondiElimina
  45. Ravasi e' fatto della loro stessa pasta

    RispondiElimina
  46. Se conoscete un pò il Card. Ranjith e avete letto qualche sua intervista, sapete che egli è un gran bravo pastore. E' un Vescovo che ama la verità e la dottrina della Chiesa, non ha paura di parlar chiaro e di correggere gli errori, è vicino al Santo Padre. La porpora è un giusto e meritato riconoscimento del suo valore. Se la Chiesa potesse contare su un numero maggiore di Vescovi così, se ne vedrebbero delle belle.
    Per noi è facile fare i moralisti basandosi sull'apparenza di una foto. E' più arduo, forse, intravvedere l'affetto e l'entusiasmo di quelle persone - compresi musulmani e buddisti, andate a vedere il sito della diocesi di Colombo! - per il 'loro' Cardinale che, indirettamente, onora tutti gli srilankesi (questo è, d'altra parte, l'intento del Santo Padre quando cerca di nominare i Cardinali tenendo conto della 'geografia' del mondo).

    RispondiElimina
  47. Mi dispiace assai deluderti: non sono un "cattolico adulto".
    Comunque tu mi attribuisci concetti che non ho espresso. Mi spiego, sai la mia immaturità penalizza pure il modo di spiegarmi: per me i Concilii sono 21; per altri, la chiesa invece ha una palingènesi in un solo concilio, l'ultimo scorso, per esser precisi. Sono dunque loro  -non io- a vederne uno solo e a sceglierlo come unica e sola fonte al di sopra d'ogni cosa: son loro che cantano "vivaLconcìlio, vivaLconcìlio" pesti e mesti... io al limite canterei (in terza maggiore) "viva'oncìli" (omettendo per bambinesca enfasi l'articolo plurale "i" e la pronuncia della "c" dura....

    RispondiElimina
  48. E questo cosa c'entra? possibile che siate tanto a corto d'argomenti da spostare in continuazione il focus del parlare? Fate quasi tenerezza se non si pensasse che lo fate a bella posta....

    RispondiElimina
  49. <span>E questo cosa c'entra? possibile che siate tanto a corto d'argomenti da spostare in continuazione il focus del parlare? Fate quasi tenerezza se non si sapesse che lo fate a bella posta....</span>

    RispondiElimina
  50. <span><span>Riformulo per chi fa finta di non capire e s'attacca agli argomenti peregrini: </span></span>
    <span><span>Abbracci il buddismo, caro mio, se ha tanto in uggia quello che lei ritiene appartenere al cattolico folklore.</span></span>
    <span><span></span></span>
    <span><span>Possibile che siate tanto a corto d'argomenti da spostare in continuazione il focus del parlare? Fareste quasi tenerezza se non si sapesse che lo fate a bella posta....</span></span>

    RispondiElimina
  51. Giona, la fede non è ridotta a folklore ma la fede non disdegna il folklore, espressione del carattere e della cultura di un popolo, ed è segno quantomeno di ineducazione lo sghignazzare scomposto con la scusa del Kitsch! Lei che invita al rispetto delle scritture cominci a rispettare chi appartiene a culture diverse dalla nostra. Sono sicuro, sicurissimo che ad un Ravasi, che festeggia nella magnificenza dei Musei Vaticani, e il cui motto avrebbe potuto essere l'oraziano "odi profanum vulgus" non sarebbero dispiaciute le folle osannanti di Colombo. Per quanto mi riguarda trovo assai più ridicola la sacra carriola sulla quale veniva spinto in S. Pietro. Immagino poi non abbia aeeicciato il naso neamche un po' quando il succitato Pontefice si vestiva con tutte le penne (letteralmente)  disponibili. Ora non se ne abbia a male se le rinnovo il consiglio che le avevo rivolto tempo fa, torni nel ventre del grosso pesce, mediti sulla fede dei semplici e, quando sarà rivomitato, si vesta di sacco e predichi  penitenza ...

    RispondiElimina
  52. Il galero potrebbe tornare essendo il vero copricapo dei cardinali, la berretta non era imposta ma il galero . Una curiosità: i pendagli che s'intrecciano formano una rete, la rete dei pescatori di uomini di evangelica memoria, questo è il significato dei fiocchi a rete.

    RispondiElimina
  53. Eppure  lei è quel che fa, con un giudizio molto poco cristiano, son spesso stupita dall`arroganza , dalla malevolenza di chi cita il Vangelo come una spada che ferisce, di chi si erge in perfetto testimone del messaggio evangelico.

    RispondiElimina
  54. Con quel nick molto impegnativo che si è scelta dovrebbe fare molta attenzione a ciò che scrive.
    Di squallido ci sono solo certi giudizi saccenti e arroganti.

    RispondiElimina
  55. UNA BELLA CORREZIONE A MARIA IN ECCLESIAE E COACERVO: se credete che gesù sia entrato in gerusalemme su un asinello per umiltà, siede da rimandare al catechismo, cari i miei ignorantoni!! L'asino è un simbolo REGALE. Gesù in gerusalemme ci entra come messia  e re.... infatti non mi sembra che abbia impedito ai pueri hebraeorum portantes ramos olivarum di stendere le loro vesti al suo passaggio...stesso valore ha l'asino nel presepio e abbiamo persino delle arcaiche crocifissioni con un Gesù dalla testa asinina. E i cardinali sono Principi. Punto.

    RispondiElimina
  56. Primo....io rispetto l'uomo....non le culture che rinnegano il Vangelo.E quando una cultura fa male agli uomini sarei veramente scemo se la rispettassi in nome di un buonismo  sdolcinato
    Per quanto riguarda Ravasi non so cosa centra.....il fatto che anche Ravasi voglia essere osannato come un dio in terra giustifica il fatto che un altro cardinale oltre a volerlo lo abbia addirittura permesso???

    RispondiElimina
  57. Ecco che puntualmente Luis prova a non rispondere  sviando con i discorsi e cambiando argomento....

    RispondiElimina
  58. Il Vangelo e' una spada che ferisce i prepotenti....non certo gli ultimi....del resto si sa:Dio resiste ai superbi.

    RispondiElimina
  59. FRAPE . 

     ci devi scusare , infatti siamo come i pomodori , a forza di dirlo  , siamo diventati tanti .......... S. MARZANI . !!!!!!!!!!!

    RispondiElimina
  60. Ahahahaha! Non so se fraintendi appositamente le mie parole...di questo schifo non e' responsabile la gente che viene trattata da popolo bue

    RispondiElimina
  61. Sottolineo e ribadisco cio' che ho gia scritto....possibile che il folklore sia piu' importante della Verita????

    RispondiElimina
  62. ti ringrazio per la premura sulla mia cattolicità ma non ho dubbi i proposito...se la scena mi fa sorridere e ridere non è colpa mia: va ben anche cosi', dico solo che personalmente lo trovo di dubbio gusto e valore poichè il cattolicesimo ha bisogno, è vero, anche di folklore (come tutte le manifestazioni umane) ma non ha bisogno di esaltare le persone per sottolineare  l'importante e umile compito che la Chiesa  ha loro assegnato ...quella scena somiglia vagamente alla cappa magna di qualcuno si ostina ancora oggi a tirar fuori dalla naftalina...

    RispondiElimina
  63. come per la Liturgia , quando si antepone l'  Apparenza alla Sostanza ecco che i Simboli cadono ......... 

    RispondiElimina
  64. perchè "a bella posta"? qui spesso si ride e si scherza sui vestiti e anche i sacri paramenti di molti prespiteri...
    <span>Ti ringrazio per la premura sulla mia cattolicità ma non ho dubbi i proposito...se la scena mi fa sorridere e ridere non è colpa mia: va ben anche cosi', dico solo che personalmente lo trovo di dubbio gusto e valore poichè il cattolicesimo ha bisogno, è vero, anche di folklore (come tutte le manifestazioni umane) ma non ha bisogno di esaltare le persone per sottolineare  l'importante e umile compito che la Chiesa  ha loro assegnato ...quella scena somiglia vagamente alla cappa magna di qualcuno si ostina ancora oggi a tirar fuori dalla naftalina...</span>
    <span></span>

    RispondiElimina
  65. come per la LITURGIA , quando si antepone l' APPARENZA alla SOSTANZA , ecco che i SIMBOLI cadono ....... il breve post di '' ROMA ,, insegni ..........

    RispondiElimina
  66. Si possono trovare mille modi di essere simpatici, "fashion" , accattivanti....basta evitare che lo si faccia in chiesa, durante le S.Messe, le liturgie. Già don Bosco, fuori dai contesti liturgici intratteneva i ragazzi con canti e recite. Un conto è fare le schitarrate e le batterie in chiesa...

    RispondiElimina
  67. Placentium la cavalcatura regale nella Bibbia e' la mula(1 Re 33.38.44) o il cavallo(Est 6.8  e 1 Re 20.20)
    Che Dio abbia scelto appositamente un asinello(mezzo di locomozione dellagente comune non e' un caso....gia prima la folla ha provato a eleggere Gesu' come Re d'Israele...e Lui che ha fatto??Si ritira di nuovo sul monte(Gv 12, 13)

    Punto.

    RispondiElimina
  68. un bel GRAZIE a Giona e Maria in Ecclesiae che hanno trasformato una simpatica discussione che poteva essere di augurio al neo-cardinale, in un pantano di discorsi degni di Jorge.  MA fatevi furbi per favore.

    RispondiElimina
  69. infatti io mica parlavo della Bibbia: l'asino è regale per indoeuropei e semiti. la tua argomentazione  sulla mula traballa non poco. per quanto riguarda quanto hai detto sul gridare poco sopra ti rispono solo "con la bocca dei bimbi e dei lattanti proclami la tua lode", e riguardo alla digressione sul gridare e l'acclamare, dovresti riportare il testo originale, ma dubito che l'evangelista avrebbe mai usato il verbo<span> ἐπευφημέω essendo il registro dei vangeli molto semplice.
    </span>

    RispondiElimina
  70. E' da quando ha ricevuto il pallio che attendevo la porpora cardinalizia per mons.Ranjit!
    Che bell'accoglienza affettuosa e festosa; la "galero-mobile" sara' forse ridicola ai nostri occhi, ma e' una sincera e ruspante manifestazione d'affetto dei suoi fedeli, e su questo chiudo volentieri un'occhio.

    RispondiElimina
  71. <span>infatti io mica parlavo della Bibbia: l'asino è regale per indoeuropei e semiti. la tua argomentazione  sulla mula traballa non poco, <span>a parte che non esiste nessun capitolo 33 nel primo libro dei re</span>. per quanto riguarda quanto hai detto sul gridare poco sopra ti rispono solo "con la bocca dei bimbi e dei lattanti proclami la tua lode", e riguardo alla digressione sul gridare e l'acclamare, dovresti riportare il testo originale, ma dubito che l'evangelista avrebbe mai usato il verbo<span> ἐπευφημέω essendo il registro dei vangeli molto semplice.MI SCUSO CON AMASHIRO: NON HO LETTO IL TUO INTERVENTO E HO SCRITTO PRATICAMENTE LE STESSE COSE.
    </span></span>

    RispondiElimina
  72. guardi troppa TV

    RispondiElimina
  73. La galeromobile e' un'omaggio forse un po' puerile, ingenuo e ruspante, ma di sincero affetto da parte dei fedeli di Monsignore. Non si puo' ricondurre alle carnevalate dei modernisti, mosse da ben altri intenti...

    RispondiElimina
  74. Oh...ma ecco il cristiano ad hoc, l`identikit del perfetto cristiano, che sa che cosa dicono le Sacre Scritture,che sa che  cosa accusano le Sacre Scritture...abbia almeno la decenza e l`umiltà  di non ergersi in esegeta infallibile e arrogante del messaggio evangelico, l`uso che lei fa del Vangelo, con la sua personalissima interpretazione, per schernire la gioia di quel popolo, espressa a modo loro, non le fa onore.
    E che cosa ne pensa della cariola sulla quale sale  il Santo Padre durante la processione del Corpus Domini?Ammesso e non concesso  che lei sappia di che cosa  io stia parlando.

    RispondiElimina
  75. ma non sucessore di diritto del Papa

    RispondiElimina
  76. Definire "circo" i festeggiamenti per un Cardinale la cui nomina rende onore all'intera nazione mi sembra assai poco rispettoso.  Che agli occhi di noi occidentali possano sembrare di dubbio gusto ecc. non sminuisce la inopportunità del giudizio, ed è comunque inelegante esprimersi a quel modo verso manifestazioni di fede semplice (e per questo più sicura di tanti addottorati). Si sente nei suoi commenti quel senso di superiorità tipico dei progressisti sedicenti "colti" di cui Ravasi è esmplare tipico.
    Non è detto che il Card. Ranjith abbia voluto quella manifestazione nè avrebbe potuto rifiutarla senza offendere i suoi conpatrioti. E rifiutarla poi in nome di che cosa? Il Vangelo proibisce forse di festeggiare gli avvenimentui lieti? Gesù, a Cana, non andò a banchettare? Basta con le ipocrisie pauperiste. 

    RispondiElimina
  77. Quale  verità?  La sua? O quella di un eventuale maestro...? Ma per favore! Legga la Bibbia alla luce del Magistero della Chiesa cattolica, sembra che lei ne abbia un urgente bisogno.

    RispondiElimina
  78. se facessero papa ravasi dovremmo essere contenti: superbo com'è già me lo vedo che si fa incoronare tutto sete strascichi e ermellini, e portato in gestatoria sotto un baldacchino e accompagnato da flabelli con piume di pavone...

    RispondiElimina
  79. Luisa suvvia....non ho mai detto di essere un cristiano ad hoc.....quindi non ha senso girare la frittata......ho 1000 difetti...ma se ho un pregio e' quello di saper riconoscere di aver sbagliato.Io cerco Dio e quiondi la Verita'...non avrebbe senso per me ignorarla per malafede.
    Inoltre ho gia puntualizzato che non ho nessuna intenzione di schernire un popolo ignorante(nel senso che ignora eh!!!) il lieto annunzio di amore incondizionato e di liberta' proposto da Gesu'.
    Della cariola su cui sale il papa ovviamente penso lo stesso.....
    Io ho a cuore la santita' mia e della Chiesa...mica il consenso delle masse

    RispondiElimina
  80. E' un Vescovo che ama la verità e la dottrina della Chiesa, non ha paura di parlar chiaro e di correggere gli errori, è vicino al Santo Padre.
    talmente vicino che lo hanno mandato lontano

    RispondiElimina
  81. Ma che ne sa lei della cultura cingalese? Che cosa ne sa lei del bene che sta facendo al suo popolo il cardinal Ranjith?
    Abbassi un pò la cresta e, pur essendo libero di non amare e anche trovare troppo vistoso quel mezzo di locomozione, abbia un pò  di rispetto per quella popolazione  in festa.

    RispondiElimina
  82. Povero Giona, vorrei dirle di vergognarsi,ma per poterlo  fare ci vorrebbe già che lei sia consapevole delle insulsaggini che sta scrivendo. 

    RispondiElimina
  83. La Verita' e' una sola....ed e' incarnta in Gesu'

    RispondiElimina
  84. Chi semina noi raccoglie indifferenza?

    RispondiElimina
  85. CARO GIONA .
    l' ASINO , in tutta l' antica cultura precristiana E' simbolo di regalita ' .
     I RE ITTITI cavalcavano l' asino ed i carri regali erano trainati da asini cosi pure lo scettro regale aveva orecchie di asino proprio perche' questo animale e' legato al sole ......... infatti puntalmente ne annuncia il sorgere ed il tramonto .........
    l' ASINO ed il BUE del PRESEPIO rappresentano la REGALITAì e la DIGNITA' SACERDOTALE di NOSTRO SIGNORE e questo è gia' testimoniato dal IV secolo .
     Mi pare logico che NOSTRO  SIGNORE , nato in GALILEA  e non in ANTARTIDE  abbia scelto questa cavalcatura perche' il SUO  ingresso in GERUSALEMME avvenisse come  RE  PACIFICATORE .

    RispondiElimina
  86. ospite è VITTORIO

    RispondiElimina
  87. LE POLTRONE sono per gli intellettuali ......... PREGO !!!!!!!!!!!!!!!!!!!!

    RispondiElimina
  88. Cattolico terra terra29 novembre 2010 21:39

    Che Dio benedica il card. Ranjith e gli dia lunga vita!
    Posso aggiungere che non è affatto stato allontanato, lui che è in perfetto accordo con Benedetto XVI! Ha solo chiesto di tornare a casa per motivi di salute. Me l'aveva detto un paio di anni fa un sacerdote che lavora alla Congregazione del Culto Divino.

    RispondiElimina
  89. Cattolico terra terra29 novembre 2010 21:45

    P.S. chi critica il lusso della cardinal-mobile forse è un discendente (spirituale) di quello che sgridava la Maddalena perchè sprecava un prezioso profumo sui capelli del Signore (anzichè venderlo e dare il ricavato ai poveri)?

    RispondiElimina
  90. Giona........ sei un luterano-protestante ed eretico! Anzi dirò di più ci sono molti, ma molti luterani e protestanti migliori di te!

    RispondiElimina
  91. Caro Giona.... la mula o il mulo sei tu: esempio di cocciutaggine o testardaggine che dir si voglia......

    RispondiElimina
  92. Senza considerare che non mi pare un grande sfoggio di lusso...quanto piuttosto una maniofestazi

    RispondiElimina
  93. Areki....scrivere un post in cui ci si limita a insultare qualcuno, puo' far pensare che   non avendo nulla di costruttivo da aggiungere, scrivi qualcosa solo per far vedere che anche tu partecipi alla discussione

    RispondiElimina
  94. Palcentum scusami e' stata una svista....il capitolo di 1 Re e' il numero 1
    Il registro dei Vangeli non e' cosi semplice come credi...forse lo sono i sinottic(in particolare Matteo) ....ma quello di Giovanni ha una struttura decisamente piu' articolata e raffinata.Tanto e' vero che ancora oggi nella Chiesa e' quello piu' snobbato  :(

    RispondiElimina
  95. Cattolico Terra Terra....se leggi il Vangelo scopri che il discepolo che proponeva di vendere tutto per i poveri non era niente popo di meno che Giuda Iscariota...che aveva l'abitudine di rubare i soldi dalla cassa comune.
    E' per questo che Gesu' gli risponde cosi seccamente....la prostituta inoltre stava utilizzando quel  costoso profumo non piu' per il suo"lavoro" ma per fare del bene(in questo caso a Gesu')
    Dio e' il primo a farsi servo....e sa' bene di quanto importi a Giuda dei poveri

    RispondiElimina
  96. Il rispetto per gli uomini c'e' e rimane....il rispetto per la cultura,se contrasta con il Vangelo e quindi con il bene no.I cristiani sono chiamati ad essere luce nel mondo e sale della terra.....
    Troppo facile assecondare il mondo e dire persino che e' giusto farlo!!!!

    RispondiElimina
  97. Caro Ospite...mi dispiace veramente contraddirti ma mai nella Bibbia l'asino e' rappresentato come un animale nobile....figuriamoci regale.
    L'asino e il bue nel presepio come la stalla ecc rappresentano la modestia di un Dio che non appare tra tuoni e fulmini,ma come un bambino bisognoso di essere accudito.Inoltre la comunita di Matteo descrive la presenza di questi 2 animali non per caso....ma per ironizzare sull'incapacita di Israele di riconoscere e accogliere il Messia
    "Il bue conosce il suo possessore e l'asino la greppia del suo padrone,ma Israele non ha conoscenza.Il mio popolo non ha discernimento"(Isaia 1.3)

    <span>
    </span>
    <span>I
    </span>
    <span> </span>
    <p> 
    </p><p> 
    </p><p> 
    </p><p><span>L’ironia è data da un implicito riferimento al profeta Isaia, che scrisse: </span>
    <span>Il bue conosce il suo possessore,
    e l'asino la greppia del suo padrone,
    ma Israele non ha conoscenza,
    il mio popolo non ha discernimento
    </span>
    <span>Isaia 1:3
    </span>
    on ha aggiunto a caso questi 2 animali....lo fece per ironizzare suigli Ebrei...che furono incapaci di riconoscere e accogliere il Messia
    </p>

    RispondiElimina
  98. <span>Caro Ospite...mi dispiace veramente contraddirti ma mai nella Bibbia l'asino e' rappresentato come un animale nobile....figuriamoci regale.  
    L'asino e il bue nel presepio come la stalla ecc rappresentano la modestia di un Dio che non appare tra tuoni e fulmini,ma come un bambino bisognoso di essere accudito.Inoltre la comunita di Matteo descrive la presenza di questi 2 animali non per caso....ma per ironizzare sull'incapacita di Israele di riconoscere e accogliere il Messia  
    "Il bue conosce il suo possessore e l'asino la greppia del suo padrone,ma Israele non ha conoscenza.Il mio popolo non ha discernimento"(Isaia 1.3)  </span>
    Per quanto riguarda la Galilea...era la zona piu' malfamata Gesu' entrando in Gerusalemme si e' mostrato non come un re...ma come un liberatore

    RispondiElimina
  99. Caro Moscardò,  temo che il dubbioso riuscirebbe a disprezzare anche il folcrore buddista. Non tutti, d'altronde, riescono a cogliere nel folclore il riflesso di quella che qualcuno chiamava la "traditio perennis". E' questione di occhio, qualità che evidentemente sia lei sia Luisa sia Primo possiedono, ma in altri difetta (né possiamo far loro una colpa).

    RispondiElimina
  100. l'asino era una cavalcatura regale...

    RispondiElimina
  101. Ragazzo...guardati in un specchio, perchè in questo thread sei il solo, con il tuo seguito di cui  preferisco non nominare il nick, ad avere insultato e schernito ....e anche per il seguito del tuo contributo guardati in uno specchio perchè di costruttivo non hai proprio dato nulla.

    RispondiElimina
  102. ...prego? non ho capito a che cosa dovrei rispondere io.

    RispondiElimina
  103. SU questo argomento e sulla simbologia , potremo sempre approfondire  , quando la REDAZIONE ce ne dara' occasione !!!!!!!!!!!!

     E POI SCUSA !!!!!!!!! Ma che è la COMUNITA' di MATTEO ??? è roba che si mangia ???

    RispondiElimina
  104. ...e il bello è che si accusavano e si accusano pretestuosamente i missionari e i sacerdoti "preconciliari" di scarso rispetto verso le culture non europee...

    RispondiElimina
  105. Anche Lefebvre fu mandato lontano, nel Gabon...anche San Giovanni Vianney e Padre Pio furono spediti in parrocchie sperdute...eppure, quanto bene hanno fatto, e continuano a fare!!

    RispondiElimina
  106. ...parole in libertà.

    RispondiElimina
  107. Cattolico terra terra29 novembre 2010 23:57

    Appunto

    RispondiElimina
  108. Cattolico terra terra29 novembre 2010 23:59

    Sarà un caso, ma i più grandi pauperisti che conosco, quelli che vorrebbero la chiesa "povera", sono gente che vive in lussuose ville e non ha mutui da pagare

    RispondiElimina
  109. Uhmmm, credo che un po' di umiltà e il tentativo di capire cosa voglia dire per quella gente avere espresso nei suoi figli un principe della Chiesa (e detto tra noi, uno dei migliori) si possa pretendere come minimo sindacale anche dai cattomodernisti dubbiosi (che non siano in malafede)....

    RispondiElimina
  110. Costui -se non ha un formulario FAQ- m'impressiona! (non in positivo)

    RispondiElimina
  111. Giona, un domanda: lei è cattolico ?

    RispondiElimina
  112. che cos'è quel carro trionfale per noi occidentali, una forma di <span>inculturazione</span> del rituale di accoglienza festante a un prelato ?
    ma certo: in quell'ambito (che non è liturgico) tutto la kermesse si può certamente osservare con un sorriso di rispetto per culture diverse dalla nostra.
    Mi colloco nella schiera dei sinceri ammiratori di mons. Ranjith, anche se quell'apparato anche a me sembra pacchiano e ridicolo: concordo con Eugen, che rileva il <span>sapore vagamente viareggino.</span>
    Non "vagamente!": ai nostri occhi è proprio un carro carnevalesco, ma quello è il gusto, IL FOLKLORE di quel popolo: è cultura e tradizione popolare che USA FESTEGGIARE CON QUEI COLORI e quelle modalità rutilanti e trionfalistiche che ci fanno tanto sorridere, dalla nostra europea "adultità": noi ci sentiamo bambini cresciuti che non credono più a Babbo Natale...e sta bene !
    Lasciamo che quei popoli usino le loro parate LOCALI TRADIZIONALI, che non fanno danno a nessuno, nè alla Fede cattolica, perchè NON si tratta della Santa Messa, questo è il punto importante !
    Ha detto bene Primo : l<span><span>a fede non disdegna il folklore.</span></span>
    E per questo, vorrei precisare sul rilievo di Moscardò<span><span>, che lo definisce folklore cattolico: io direi piuttosto</span></span>
    <span>folklore indiano</span> usato come ESPRESSIONE FESTOSA in una cerimonia pubblica cattolica: è un evento sociale, civile e religioso insieme (ma non riguarda la Liturgia o la Dottrina).
    La Fece cattolica è (deve essere) UNA in tutta la Chiesa: ma il folklore è sempre LOCALE, poichè attiene al gusto di un popolo, alla sua specifica cultura, l'insieme delle tradizioni popolari.

    RispondiElimina
  113. <span>che cos'è quel carro trionfale per noi occidentali, una forma di <span>inculturazione</span> del rituale di accoglienza festante a un prelato ?  
    ma certo: in quell'ambito (che non è liturgico) tutto la kermesse si può certamente osservare con un sorriso di rispetto per culture diverse dalla nostra.  
    Mi colloco nella schiera dei sinceri ammiratori di mons. Ranjith, anche se quell'apparato anche a me sembra pacchiano e ridicolo: concordo con Eugen, che rileva il <span>sapore vagamente viareggino.</span>  
    Non "vagamente!": ai nostri occhi è proprio un carro carnevalesco, ma quello è il gusto, IL FOLKLORE di quel popolo: è cultura e tradizione popolare che USA FESTEGGIARE CON QUEI COLORI e quelle modalità rutilanti e trionfalistiche che ci fanno tanto sorridere, dalla nostra europea "adultità": noi ci sentiamo bambini cresciuti che non credono più a Babbo Natale...e sta bene !  
    Lasciamo che quei popoli usino le loro parate LOCALI TRADIZIONALI, che non fanno danno a nessuno, nè alla Fede cattolica, perchè NON si tratta della Santa Messa, questo è il punto importante !  
    Ha detto bene Primo : l<span><span>a fede non disdegna il folklore.</span></span>  
    E per questo, vorrei precisare sul rilievo di Moscardò<span><span>, che lo definisce folklore cattolico: io direi piuttosto</span></span>  
    <span>folklore indiano</span> usato come ESPRESSIONE FESTOSA in una cerimonia pubblica cattolica: è un evento sociale, civile e religioso insieme (ma non riguarda la Liturgia o la Dottrina).  
    La Fede cattolica è (deve essere) sempre UNA in tutta la Chiesa: ma il folklore è sempre LOCALE, poichè attiene al gusto di un popolo, alla sua specifica cultura, l'insieme delle tradizioni popolari.</span>

    RispondiElimina
  114. il sig. Giona parla esattamente come i neocat, deformando gli insegnamenti della Chiesa secondo il verbum-diktat-kikianum.
    Piccolo appunto a Giona: ma voi modernisti non eravate quelli che applaudono sempre e comunque alle diverse culture e interpretazioni della Fede cattolica ? ma che strano....in quest'occasione dove non c'è nulla di male, disapprovate, perchè ? perchè dovete ribattere il chiodo del pauperismo a sproposito, pure se stiamo ammirando le tradizioni di un popolo di poveri, cher però festeggiano con gaudio visibile un Principe della Chiesa ?
    .....ah, capisco: è proprio questo che vi dà fastidio: il trionfo della Chiesa cattolica, espresso in quelle forme vivaci e colorate da un popolo più "arretrato" di noi, che non ha ancora imparato a contaminare (o demolire) col marx-prezzemolo qualsiasi cerimonia civile o religiosa ! ...aahh...allora si spiega tutto....:)

    RispondiElimina
  115. ecco dal sito della Diocesi di Colombo altre immagini dell'arrivo trionfale del neo-cardinale
    (foto qui sotto )

    Quei personaggi in costume locale, il dignitario che "decora" il card. con l'onorifica ghirlanda, tutto l'apparato di festeggiamento secondo gli usi locali manifesta l'intenzione di <span>rendere omaggio pubblico,</span> doveroso, affettuoso e solenne, anche pomposo, a quell'amato prelato (già popolare nel suo paese) che è stato eletto <span>Principe della Chiesa</span>: segno di omaggio e venerazione a Nostro Signore, che quel Pastore, davanti a quel popolo, rappresenta.
    (non c'entra niente l'idolatria: penso e spero che quei festosi abitanti di Colombo l'abbiano capito meglio di tanti cattolici adulti italiani ed europei che arricciano il naso....)

    RispondiElimina
  116. mi correggo: folklore cingalese, ovviamente.

    RispondiElimina
  117. Bhe.....un cristiano che richiama alla poverta evangelica la Chiesa e' un incoerente se e' il primo a vivere nella bambagia.
    Grazie a Dio ho avuto modo di conoscere anche tanti cristiani coerenti 8-)

    RispondiElimina
  118. Paese che vai.....penso che non ci sia nulla di piu' sciocco che applicare un bollino su una categoria di persone.Questo indubbiamente e' piu' comodo in quanto non prevede che si spremano le meningi....per valutare un caso in se'.Basta tirare fuori dal cassetto un pregiudizio e voilat!!!Il pensare diventa inutile :-D
    Inoltre non sono neocatecumenale.
    Per di piu' io non applaudo a nessuna cultura se contrasta con il Vangelo....altrimenti dovrei anche applaudire l'infibulazione presente in alcune culture.
    In quest'occasione(e' la 20sima volta che lo dico..ma si sa' che non c'e' peggior sordo di chi non vuol sentire)non ce l'ho con il popolo.....poverino...e' cresciuto con questa idea....magari neanche e' a conoscenza di quando s.Pietro si prostra davanti a un semplice Angelo che gli dice di non farlo,in quanto non e'Dio.
    Figurarsi se immagina che questa carnevalata sia anti evangelica.....sono sicurissimo riguardo la buona fede dei semplici.
    <span>I miei appunti vanno al card. Ranjith che sicuramente ha conoscenze ben piu' solide rispetto alla povera gente.E che tutto cio' sia stato fatto da un Cardinale(che dovrebbe essere un cardine) e' la cosa che forse scandalizza di piu'.</span>
    L'unica cosa che mi da fastidio e' vedere cosi tante persone ingannate

    RispondiElimina
  119. No Vittorio tranquillo ;)
    ....il Vangelo di Matteo non e' stato scritto solo da s.Matteo ma anche dai suoi discepoli ed era indirizzato alla comunita della chiesa dove era presente s.Matteo

    RispondiElimina
  120. Luisa non credo proprio che la Scrittura insulti qualcuno....del resto io non ho paragonato nessuno a un mulo solo perche la pensa diversamente da me

    RispondiElimina
  121. Sarebbe uno spettacolo patetico ugualmente

    RispondiElimina
  122. Certo che sono cattolico!!!!
    Faccio del mio meglio per essere un cristiano universale....libero da denominazioni e/o visoni particolari

    RispondiElimina
  123. Rob per caso tu rispetti l'asettica cultura individualista occidentale???
    Cerchiamo di non fare gli ipocriti

    RispondiElimina
  124. Areki....non sono protestante e quindi neanche luterano.....per quanto riguarda l'eretico....lo prendo come un complimento.
    Del resto Gesu' mostra come esempio ai suoi discepoli(scandalizzati) non un pomposo sacerdote,non un pio e devoto fariseo....ma un samaritano cioe' un eretico :-D 8-) :-D

    RispondiElimina
  125. E intanto ..........  gia' si sente padrone in ''CASA  SUA ,,  ........

    RispondiElimina
  126. <span>..."Non ce l'ho con il popolo.....poverino..." Quel "poverino" dice tutto sul suo pensiero. Ogni commento è superfluo!</span>

    RispondiElimina
  127. . scusa GIONA .. allora , se puoi dirci  come ci sei riuscito , sei da prendere ad esempio ....... berbacco !!!!!!!!  

    RispondiElimina
  128. grazie per  le foto e del sito ... saranno anche poveri ma hanno molta piu' dignita' ed aristocrazia di noi !!!!!!!!!!!!!!!!

    RispondiElimina
  129. Vittorio... Sono riuscito a far cosa???

    RispondiElimina
  130. Uau....non credevo che bastasse una semplice parola a racchiudere un pensiero.......

    <span><span> Hai scritto "Ogni commento è superfluo!" Quel "OGNI" parla da se'!!</span></span><span><span>!</span></span> :-D

    RispondiElimina
  131. Una volta , al tempo delle favole , si diceva '' VANGELO SECONDO SAN MATTEO , poi FINITI QUEI TEMPI , per far contento qualcuno si è detto '' VANGELO SECONDO MATTEO ,, ...... Adesso , per essere alla moda , '' COMUNITA' DI MATTEO ,, .........


    OHI LA 'LA' ........ ma quanto dovro'  aggiornarmi e fare tanto CAMMINO !!!!!!!!  ....... 

    RispondiElimina
  132. E che "cosa" è per lei essere cattolico? 
    Accetta il Magistero perenne della Chiesa? Accetta di leggere la Sacra Scrittura alla luce del detto Magistero?
    Che "cosa" è per lei la Santa Messa? 
    Fra le visioni e denominazioni particolari lei include anche i  dogmi cattolici?

    RispondiElimina
  133. vedi la tua affermazione di oggi 10.15.26

    RispondiElimina
  134. Vittorio ti chiedo la gentilezza di riscrivermelo perche non lo trovo....

    RispondiElimina
  135. Essere Cattolico significa essere Cristiani.Accettare Gesu' come Signore e Salvatore,impegnarsi a vivere il Vangelo e a fare la Volonta di Dio....che vuole unicamente il nostro bene e la nostra felicita.

    Accetto le parti del Magistero che non contrastano il messaggio del Vangelo.
    Accetto di leggere le Sacre Scritture alla luce del Magistero...fintanto che parli a nome dello Spirito Santo
    La Santa Messa e' la parte culminante della vita di un cristiano....che dopo  aver servito gli altri lascia che il Signore si metta a loro servizio ristorandoli ed  entrando in comunione fisica e spirituale attraverso l'eucarestia.
    Per quanto riguarda le visioni intendo le visioni di fede...evangelica,ortodossa cattolica(intesa come chiesa romana) ecc

    RispondiElimina
  136. "Inoltre non sono neocatecumenale."
    Via non s'abbatta: lo diverrà, lo diverrà!

    RispondiElimina
  137. Comunque ecco dove tira Giona:
    "<span>I miei appunti vanno al card. Ranjith che sicuramente ha conoscenze ben piu' solide rispetto alla povera gente.E che tutto cio' sia stato fatto da un Cardinale(che dovrebbe essere un cardine) e' la cosa che forse scandalizza di piu'"</span>
    <span></span>
    <span>Quindi se i miei figli mi preparano una festa di compleanno e si sono impegnati a fare dei disegni infantili, un cappello ridicolo con i palloncini colorati, io -che arrivo bell'incravattato dall'ufficio- che devo dire? "Bimbi scusate, ma non mi sembra proprio il caso! Non istà! Buoni, via, che figura ci faccio se mamma mi fa le foto e le fa vedere alle colleghe? E se le vede il Presidente?"</span>

    RispondiElimina
  138. "cristiano universale libero da visoni" un animalista? :-D :-D :-D 8-)

    RispondiElimina
  139. una piccolissima domanda a proposito di folklore: perchè tante persone di agtano quando nelle manifestazioni religiose dei paesi africani ci sono donne che si muovono coi seni all'aria? Anche quello è folklore anzi direi cultura che si esprime nell'uso del corpo...
    Esiste un folklore con imprimatur e uno senza? E arriviamo noi e siamo in grado di giudicare e/o censurare il folkore
    perchè non è allineato coi nostri canoni? Per favore lasciamo perdere,in buona fede, le definizioni di principi della Chiesa: la gente ha bisogno di ben altro...

    RispondiElimina
  140. Se Dio vuole....ben venga!!! :-D

    RispondiElimina
  141. Di tutto quello che ho scritto ti sei focalizzato su un errore di battitura??? O_O

    RispondiElimina
  142. Luis....non fare finta di non capire.
    Se anche il cardinale fosse salito su una limousine occidentalissima e avesse sfilato come una rock star  tra le strade sporgendosi dal tettuccio sarebbe stato altrettanto patetico O:-)

    RispondiElimina
  143. <span>Luis....non fare finta di non capire.  
    Se anche il cardinale fosse salito su una limousine occidentalissima e avesse sfilato come una rock star  tra le strade sporgendosi dal tettuccio sarebbe stato altrettanto patetico <img></img></span>
    E' gia triste quando lo fanno calciatori,modelle,attori ecc...figuriamoci se lo fa un cardinale

    RispondiElimina
  144. <span><span>Luis....non fare finta di non capire.    
    Se anche il cardinale fosse salito su una limousine occidentalissima e avesse sfilato come una rock star  tra le strade sporgendosi dal tettuccio sarebbe stato altrettanto patetico </span></span>
    <span><span></span>
    </span> O:-) <span></span>
    <span>E' gia triste quando lo fanno calciatori,modelle,attori ecc...figuriamoci se lo fa un cardinale</span>

    RispondiElimina
  145. Non è l'unico "degno" di diventare papa...
    Certo, personalmente io spero che sia uno dei favoriti.

    RispondiElimina
  146. <span>Fanno tutte le loro azioni per essere veduti dagli uomini. Portano, infatti, larghe le loro filatterie e mettono lunghe frange nei mantelli; amano i primi posti nei convitti e i primi seggi nelle Sinagoghe; vogliono essere salutati nelle pubbliche piazze ed essere chiamati maestri dalla gente.</span>

    RispondiElimina
  147. Un fariseo e un publicano stavano pregando e il fariseo diceva: Grazie Signore che non sono come loro!



    Che belle le foto con i monaci buddhisti che lo salutano sorridenti senza sincretismi equivoci... sono molto più eloquenti e accoglienti di tanti sedicenti Cattolici (cattolico significa universale, è bene ricordarselo) che con arroganza tuttaltro che evangelica arricciano il naso sprezzanti usando in modo ideologico le Sacre Scritture. 

    Ritornando agli asini basta leggersi Esodo 13, 13 dove solo l'asino e l'uomo sono da riscattare in modo diverso rispetto a tutti gli altri primogeniti, chissà perchè? basta ricordare l'asina di Balaam e la mascella di asina di Sansone, basta ricordare anche tutte le volte che il possesso di asini sia sinonimo di ricchezza, e non di povertà o semplicità, in Giudici 5,9-10 è descritta come la cavalcatura dei principi d'Israele (oppure al capitolo 10 dove si parla dei 30 figli di Iar che cavalcano 30 asinelli e governavano 30 città come anche i 40 figli e i 30 niboti di Abdon al cap 12), è anche la cavalcatura di Abigail in 1Sam 25 che diventerà moglie di Davide, e non è certamente una donna povera, in 2 Sam 17 è presentata come la cavalcatura del nobile Achitofel per non parlare alla fine proprio dei Vangeli che riprendendo Zaccaria 9 e chiamano chiaramente RE colui che lo cavalca. 

    Anche in Genesi 49 la profezia messianica regale legata alla benedizione su Giuda guarda caso parla di un asino!!!!! :(

    RispondiElimina
  148. Sinceramente presentare Gesù ostaggio della folla mi sembra alquanto azzardato visto e considerato tutte le volte in cui Gesù non s'è lasciato trascinare da essa, e ribadisco, quanto gli si intima di zittire discepoli e bambini che lo acclamano RE lui si rifiuta di farlo, bhe erano tutte persone ingannate e Gesù è responsabile di questo perchè ha loro permesso di lasciarsi trasportare e acclamare, perchè lui che doveva essere una persona preparata in quanto Rabbi non doveva permettere questo, non doveva permettere che il popolo bue gli facesse cavalcare il regale asinello e il regale puledro intronizzandolo nella Città Madre del Regno mentre lo acclamavano Re, no lui che era nato in una stalla, doveva entrare a piedi, possibilmente nudi, in Gerusalemme (e invece aveva pure i sandali) e doveva entrare in abiti semplici e poveri (e invece indossava una veste che valeva forse quanto tutta la galilea) altro che mantelli (il capo di vestiario più importante) stesi davanti a lui. E no, e dai, così non si fa, e che cavolo!!! La tua Regalità non è di questo mondo, quindi così essendo, non ci interessa cosa questo significhi, ma per favore non usare i segni di questo mondo per connotarla, per esprimerla, l'importante è che non si vede, perchè è vero che siamo in questo mondo, ma noi siamo adulti, riusciamo a vedere chiaramente l'invisibile, meglio di San Paolo che ci vedeva confuso come le immagini riflesse nei rozzi e sbiaditi specchi del suo tempo, noi riusciamo a celebrarla benissimo in modo astratto la tua regalità, non abbiamo bisogno di segni concreti che ce la fanno vedere, toccare (o non toccare, perchè anche il non toccare è un segno), odorare, gustare, sentire (o non sentire, perchè anche il non sentire è un segno), noi no, noi amiamo così tanto il corpo, perchè l'uomo è il suo corpo, che possiamo benissimo prescindere da esso, noi siamo così uniti e in comunione tra di noi, che non ci servi più tu a donarci la grazia di ritrovarci, tu al massimo puoi esprimere la realtà che già noi viviamo, ma non puoi crearla, quando eravamo piccoli, forse si c'era bisogno che tu ci insegnavi, ma come hai detto tu, ora possiamo fare cose più grandi di te, tu stai con noi, ma siamo noi che conduciamo il gioco, stabiliamo le regole, non ci interessa come tu vuoi pregato, noi ti preghiamo come ci piace a noi, non ci interessa come tu vuoi servito, non siamo servi liberi e sovrani quindi decidiamo noi come servirti, in cosa servirti e come servirci noi di te, tu sarai pure re, sacerdote e profeta, ma noi lo siamo quanto te e forse pure un poco più di te. TU hai pensato una cosa piccola che si chiama Chiesa Cattolica, noi invece pensiamo a qualcosa di più grande, conserveremo il nome, per rispetto a te, sai com'è sei stato comunque il maestro rivoluzionario che ha permesso tutto questo (nonostante noi non sappiamo di te nulla dato che i vangeli sono stati scritti dalle comunità delle origini e affibiati ai nomi degli evangelisti ma solo per dare autorevolezza alla loro esperienza di fede in te, quindi le parole e gli atti che ti sono attribuiti sono solo l'espressione della loro consapevolezza di fede e non ce ne frega niente se li hai detto o fatto quelle cose per davvero, l'importante è l'esperienza, perchè i Vangeli non raccontano una cronaca fatta di fatti ma un esperienza di fede). 

    Scusate ho sproloquiato ma sono reduce di un "dialogo" con un prete che sinceramente dopo quello che ha detto non ho capito ancora perchè continua a fare il prete, a "farlo" non ad "esserlo", infatti ha detto che lui è un presbitero non un sacerdote, perchè lui nel sacerdozio mi ha detto di non crederci, perchè, e in questo ha ragione, non essendoci sacrificio non c'è sacerdozio, tempio, altare ne tantomento [...]

    RispondiElimina
  149. <span>lascia che il Signore si metta a loro servizio ristorandoli ....</span>
    =-O =-O =-O   eeeehhhh ?
                Gesù ridotto a cameriere in un ristorante  ? ? ? ?
    la S. Messa servizio di ristorazione ???????????????

    O Gesù perdonali...non sanno quello che dicono....ma qualcuno sì che lo sa: i  loro katekisti !....
    *DONT_KNOW*

    RispondiElimina
  150. No, scusami: ho fondate argomentazioni per sostenere a buona ragione che sei tu che non capisci che quello è un gesto d'affetto offerto dal popolo al suo Pastore. Non è sfoggio di niente, è solo un segno di festa.
    Gli atteggiamenti da stars sono tipiche dei modernisti che imperversano e okkupano i media....

    RispondiElimina
  151. Si perché focalizzare quello che dici tu è come cercare di colpire con una freccetta un orso che ha scambiato lo zenzero per una supposta di Uniplus.

    RispondiElimina
  152. <span>Sì, perché focalizzare quello che dici tu è arduo come cercare di colpire con una freccetta un orso che ha scambiato lo zenzero per una supposta di Uniplus....</span>

    RispondiElimina
  153. Non mi addentro nella simbologia biblica dell'asino, se sia o no un segno di regalità, perché non me ne intendo e credo poi che sia un discorso fuorviante.
    Infatti non è in questa esatta aderenza esteriore che si deve imitare Nostro Signore, ma nella sostanza: altrimenti potremmo arrivare a dire che Gesù Cristo non portava i pantaloni, e quindi nemmeno noi dobbiamo portarli...
    Anche perché tra l'entrata in Gerusalemme ed oggi sono passati quei due millenni di storia della Chiesa che portano la situazione reale di oggi ad essere diversa da quella di allora, nonostante la Verità sia sempre la stessa.

    Quello da segnalare dell'episodio è come viene accolto Nostro Signore: la folla festante.
    E nelle foto qui sopra, vedo la gioia di un popolo che si raccoglie attorno al suo pastore, immagine questa sì del Buon Pastore (a differenza di altri nostrani che... lasciamo perdere). E sicuramente le condizioni di quella terra aiutano maggiormente a trovare nel novello cardinale una guida spirituale e morale (cosa che, ripeto, non è più così in tanti altri luoghi), capace di portare a Dio proprio perché testimonia interamente la Fede.
    Non vedo nulla di male perciò, nell'aver creato una cosa simpatica come quella galero-mobile: se, ipotesi fantascientifica e remotissima, io fossi cardinale, la apprezzerei molto anche qui in Italia (senza fare troppe elucubrazioni sul gusto estetico di questo o quel popolo: ricordiamoci dov'è nato il carnevale!)

    Ripeto infine le affermazioni gravissime che lei, Giona, fa: "persone ingannate a tal punto da idolatrare un cardinale"!!!
    Questo sa molto di protestante, nonostante lei affermi il contrario e, per quel morboso gusto (radical-chic?) di sentirsi diversi e quindi speciali, si compiaccia di essere stato definito eretico.
    In realtà, visto che lei cita così bene la Bibbia, non credo abbia usato le parole a caso. "Idolatrare" un cardinale. Ecco cosa vuol dire per lei esprimere gioia per una persona che si ritiene importante. Forse dimentica che anche qui vi fu un tempo...! Non è che lei ha in odio il cardinalato stesso, perché magari lo ritiene uno di quei retaggi medievali di cui la Chiesa è affetta?
    E poi la più grossa di tutte: "ingannati". Da chi? Questo passo è molto interessante, e meriterebbe qualche precisazione da parte sua.

    Ora non me ne voglia: dai suoi messaggi mi sembra davvero un ottimo (si fa per dire) esempio di chi utilizza il vangelo come un'arma giacobina, pronto sì a criticare e meno a comprendere (anche se in questa vicenda non capisco cosa ci sia da deplorare: non si fa forse festa nelle grandi occasioni?).
    Un po' come quelli che prima di capire perché si chiede la Messa, berciano ingiuriosi varie parole del genere di "fascisti" "reazionari" "fossili" "senza Fede" "gente che non capisce veramente Cristo" et similia...

    Da ultimo, segnalo anche l'interessante ripresa del galero: qui oggi è scomparso, e forse la gente non sa nemmeno più cos'è, tranne qualche rarissimo cardinale che l'ha usato anche negli ultimi anni.

    PS: ma quelli che dicono gioia-gggioia e trasformano le messe come carnevali della domenica, non si fanno una risata di fronte a questa simpatica (e legittima, poiché sincera ed extra-liturgica) trovata della galero-mobile? O questa è gioia troppo tradizionale?

    RispondiElimina
  154. E dopo questa battutona...mi riservo 10 minuti per riprendermi... :)

    RispondiElimina
  155. E dove Gesù Cristo dice che non possiamo gioire di qualcosa che accade nella nostra comunità?
    Il moralismo estremo e ideologico è tipico di certe letture (protestanti) del Vangelo.
    Forse quelle foto storpiano la Verità?

    In realtà, fuor dai denti, sarebbe utile sapere quale sia il vero motivo di tanto astio verso l'accoglienza del card Ranjith.

    RispondiElimina
  156. Omettendo di ragionar sulle cose più arzigogolate e pericolose di cui parla circa la S.Eucaristia,

    "Accetto le parti del Magistero che non contrastano il messaggio del Vangelo."
    Chi stabilirebbe, a suo ragionar, ciò che del Magistero sarebbe in contrasto o meno col  messaggio del Vangelo?  
    "Accetto di leggere le Sacre Scritture alla luce del Magistero...fintanto che parli a nome dello Spirito Santo"
    Chi giudicherebbe, sempre a suo ragionar, il limite per cui il Magistero "parla a nome dello Spirito Santo"?

    RispondiElimina
  157. Quindi...quando Gesu' si mette a lavare i piedi dei discepoli(un incombenza che spettava agli schiavi pagani) era un cameriere di un ristorante???ahahahahah!!!

    Mica e' Kiko a dire:" Il Figlio dell'uomo infatti NON è venuto PER ESSERE SERVITO, ma PER SERVIRE » (Mc 10.42)

    Ma pensi davvero che Dio abbia bisogno di servi????Lui...che e' l'Assoluto?
    Siamo chiamati a imitare Cristo....e quindi ad amare come Lui ama

    RispondiElimina
  158. Bhe...il fatto che lo facciano i modernisti(sembra una razza protetta) non giustifica che lo faccia anche chi non si considera tale.
    Che facciamo come bambini???L'ha fatto pure lui!!!

    RispondiElimina
  159. <span><span>Giona</span> 
    <span>Certo che sono cattolico!!!!  
    Faccio del mio meglio per essere un cristiano universale....libero da denominazioni e/o visoni particolari</span>Today, 10.15.26 GMT+01.00<span><span>– </span>Flag</span><span><span> – </span>Mi piace</span><span><span> – </span>Reply</span></span>

    RispondiElimina
  160. caro AMASHIRO .....
    i RE orientali quando entravano in una citta' conquistata vi entravano come RE PACIFICATORI , cavalcando l' asino .......
    gli stessi ROMANI hanno preso questa tradizione , cavalcando un CAVALLO da PARATA a proposito , non il DESTRIERE che è per sua morfologia un cavallo da guerra .

    Vedi il monumento di MARCO AURELIO ..... è un cavallo bardato da parata , di razza pannonica ... sotto i suoi piedi vi era in antico un vinto .......  

    RispondiElimina
  161. Sì: esiste, mi spiace per lei, o dubbioso, delle scale estetiche e dei canoni di riferimento cui giudicare cosa è opportuno e cosa no. So pure che questo può turbare i relativisti.
    In buona fede i Cardinali sono i Principi di Santa Romana Chiesa checché lei, dall'esterno, ne pensi e la gente ha bisogno anche e soprattutto di buoni e santi Cardinali che onorino il rosso porpora (che ha un significato ben preciso).

    RispondiElimina
  162. Più duro d'un torrone dell'anno passato! I modernisti lo fanno consiamente e pavoneggiandosi, nel caso de quo contrariamente lo spirito è diverso... con un po' di sforzo si può comprendere....

    RispondiElimina
  163. :-D :-D :-D  sempre meno di quel che gli ci vuole all'orso.... ;)

    RispondiElimina
  164. Bhe...in quanto cristiano tutto mi importa tranne che ricevere applausi.....il fatto che i Vangeli siano stati iniziati dagli evangelisti e portati a termine dai loro discepoli e' un dato di fatto...che senso ha negarlo??? ;)

    RispondiElimina
  165. io sono sempre stato un sognatore e lo rimarro' fino alla morte pero' credo che la gente abbia bisogno di persone innamorate di Dio e degli uomini: l'idea di principe è un simbolo e un sentimento che appartiene (come idea) al passato, anche perchè oggi l'immagine della nobiltà ha perso il significato morale che ha avuto fino al secolo scorso (anche perchè la nobiltà ci ha messo davvero del suo per far decadere quei valori e quindi quei simboli...vedi Vittorio Emanuele III e gli altri a seguire).
    Poi ognuno è liberissimo di parlare di principi della Chiesa e altre figure similari e puo' anche cercare di prorporli come simpatici simboli, un po' meno come valori...fra la gente che frequento io (in parrocchia) sarebbe difficile farlo capire ancora come simbolo importante...molto difficile

    RispondiElimina
  166. Redazione di Messainlatino.it30 novembre 2010 15:57

    Diocesano o religioso, questo bel 'presbitero'? Di qualche gruppo o movimento?
    Enrico

    RispondiElimina
  167. Temo, Giona, che lei sia un degno rappresentante della religione fai da te.
    Essere cattolico non è precisamente ciò che lei ha indicato.
    Non è come andare al ristorante e scegliere nella carta dei menu ciò che più aggrada.

    RispondiElimina
  168. Per Grazia......ma sono costantemente in cammino...guai se mi sentissi arrivato!!!

    RispondiElimina
  169. Macche religione fai da te!!!La religione sfigura il volto di Dio.....essere cristiani significa seguire una persona concreta,fare esperienza della presenza tangibile di Cristo nella propria vita....avere fede significa fidarsi di Dio

    RispondiElimina
  170. Sottosegretariante30 novembre 2010 17:20

    Ma una balena affamata non c'è in qs. blog?

    RispondiElimina
  171. Mah, guardi, dubbioso, credo che per molti di noi le africane - o magari le polinesiane di Gauguin - che danzano con i seni al vento non costituiscano, nel loro contesto, né uno scandalo né un abominio. Ciò non vuol dire che le sciure milanesi o romane o panormite debbano prodursi in improbabili imitazioni delle colleghe esotiche.

    RispondiElimina
  172. <span>Mah, guardi, dubbioso, credo che per molti di noi le africane - o magari le polinesiane di Gauguin - che danzano con i seni al vento non costituiscano, nel loro contesto, né uno scandalo né un abominio. Ciò non vuol dire che le sciure milanesi o romane o panormite debbano prodursi in improbabili imitazioni delle colleghe esotiche.</span>

    RispondiElimina
  173. AH AH AH AH AH ........ bravo , che ci ingoi tutti ......... ohi che ridere .......

    RispondiElimina
  174. <span>concordo...sarebbe strano e ridicolo assai vedere le milanesi danzare in una cerimonia religiosa:non è nella nostra antropologia. Pero' dobbiamo rispettare anche le popolazioni per le quali è normale usare il corpo (anche svestito) per esprimere gioia e preghiera</span>
    <span>in una cerimonia religiosa (quello che a volte noi chiamiamo folklore) </span>

    RispondiElimina
  175. :-D  .. :-D :-D ... )))))))

    RispondiElimina
  176. eh, ma Vittorio....uno fra tutti è il preferito....

    RispondiElimina
  177. Difatti si ha il buon Cardinale O'Malley che rifiuta la tonaca secolare per vestirsi da religioso cappuccino che è, ma poi va a Washington a incontrare senatori democratici multimilionarii. Quello va bene. Gli Ultimi acclamanti di Ranjit, no.

    RispondiElimina
  178. Ma nella balena si stava così bene...

    RispondiElimina
  179. Giona, sei sacerdote?

    RispondiElimina
  180. A mme me piace 'o presepio30 novembre 2010 21:10

    Si sta commentando cosa?
    Sit'o gruosso propto!

    RispondiElimina
  181. Ogni cristiano e' investito del sacerdozio universale.....cmq non sono presbitero se e' questo che intendevi

    RispondiElimina
  182. Guarda Giona che  non hai il brevetto esclusivo di interpretazione della Sacra Scrittura, dì piuttosto: "da come io leggo, secondo me, da quel che io capisco, la Sacra Scrittura dice".... e poi verifica sotto la guida di un buon padre spirituale, perchè sai la sola scriptura non è cattolica, leggi la Sacra Scrittura  alla luce del Magistero cattolico.

    RispondiElimina
  183. Giona, Giona, hai bisogno di una buona formazione cattolica, spero  che troverai chi ti aiuterà.

    RispondiElimina
  184. "Accetto le parti del Magistero che non contrastano il messaggio del Vangelo."   =-O =-O

    E quali sarebbero? Un esempio? Please!

    RispondiElimina
  185. <span>"La religione sfigura il volto di Dio"<span> =-O =-O </span></span>

    Ma non ha detto di essere cattolico? Giona, Giona....

    RispondiElimina
  186. E questo chi è Er tripparolo campano?

    RispondiElimina
  187. Il "presbitero" (che secondo come termine è utilizzabile "cattolicamente" se non fosse che è stato usato in funzione anti-sacerdotale) è diocesano e non appartiene a movimenti o gruppi che io sappia. Ma le sue idee, nonostante lui le dice in modo, diciamo così, troppo "sincero" con tanti ma e distinguo, sono però idee che circolano tra molti preti e all'interno di molti movimenti... solo che loro sanno essere più diplomatici, lui invece, per lo meno, non cerca di nascondersi dietro un dito, se da una parte gli fa onore, perchè a differenza di altri è sincero, dall'altra mi dispiace per lui!!! Quando celebra la Messa cosa celebra? che succede su quell'Altare se non è un Altare? Che cos'è quel pezzo di pane se non è un OSTIA (termine prettamente sacrificale)? Cosa crede di dire quando dice " offerto in sacrificio per voi"? cosa insegna al Popolo di Dio? siamo messi male, proprio male, e lui non è un carnefice è una vittima, che Dio ci aiuti!!!! Giusto stamattina leggevo l'introduzione del Catechismo di Trento, diceva più o meno, (non ho il testo sotto gli occhi ora) se non fosse per la promessa del Salvatore che le porte degl'inferi non avrebbero prevalso, ci sembrava di crollare circondati da tanti falsi profeti predicatori di dottrine varie e peregrine.

    RispondiElimina
  188. beati qui fedeli i cui vescovi si chiamano RANJITH O ATHANASIUS SCHNEIDER.MI SI PERDONI L EVENTUALE ERRORE DI SCRITTURA DEI NOMI ma conosco molto bene la perfetta ortodossia liturgica di questi vescovi .molti nostri vescovi potrebbero o andare a casa o andare a lezione dai sopracitati vescovi

    RispondiElimina

L'inserimento senza moderazione dei commenti è limitato ai soli post usciti nella medesima giornata di inserimento e nel giorno precedente. Per i post più vecchi, i commenti saranno sottoposti a moderazione.
Qualora fosse attiva la moderazione, possono passare anche alcuni giorni prima del controllo da parte della Redazione.