martedì 19 ottobre 2010

Messainlatino fu profeta sul Concistoro.

Oggi indulgiamo all'autocelebrazione. Ma come trattenersi, visto che tra qualche ora avremo la conferma (così dicon tutti, salve improvvise smentite che sarebbero, per inciso, il giusto contrappasso alla nostra hybris) del fatto che non solo non ci siamo sbagliati nel predire, primi tra tutti, la data del concistoro, ma che un nostro auspicio di nomina cardinalizia ha trovato fattivo ascolto.

Ma andiamo con ordine. Tra qualche ora sarà annunziata la data del prossimo concistoro per la nomina di nuovi cardinali e il nome dei prescelti. Ebbene: in un post del primo ottobre scorso, prima che chiunque avanzasse anticipazioni se non generiche sul concistoro, vi indicammo la data: il 20 e 21 novembre di quest'anno. Grazie all'acume di un attento osservatore di cose vaticane, introdotto quanto basta, che molti conoscono ma il cui nome non farò, fu possibile risalire a quella data sulla base del fatto che era in preparazione una Messa papale solenne, non prevista dal calendario delle celebrazioni del Sommo Pontefice, per la solennità di Cristo Re del 21 novembre. E si è fatto due più due. Secondo quanto scopriremo oggi, abbiamo fatto quattro.

Ancor più emozionante: in un altro post del 3 ottobre, scrivemmo: "vorremmo avanzare un'idea, per quanto ardita, maturata dopo che nei giorni scorsi abbiamo dato la notizia di un Concistoro da tenersi il 21 novembre prossimo. Eccola: perché non onorare con la porpora colui che, sulla carta, è e rimane il 'Direttore perpetuo' della Cappella Sistina, il successore di Perosi, nominato ad vitam (secondo la consuetudine) da Papa Pio XII, ma in modo vergognoso ed ingeneroso destituito dalla cricca liturgo-modernista che spadroneggiava durante il pontificato precedente? Ci riferiamo, ovviamente, al maestro Domenico Bartolucci [..] E' una proposta che ameremmo davvero veder realizzata".

Incredibile ma vero, questa nomina da noi richiesta ed auspicata, cui nessuno aveva pensato nei precedenti concistori (benché anche all'epoca il Maesro fosse già over 80 e quindi non vi fossero problemi di numero chiuso), si avvererà oggi: più di una fonte ce lo anticipa e conferma. Qualcuno ha voluto ascoltare la flebile voce dei tradizionalisti!
Enrico

52 commenti:

  1. Beh allora io sono più profeta di voi perchè avevo previsto questo articolo.

    RispondiElimina
  2. Tenebrae factae sunt20 ottobre 2010 01:12

    Ecco una cosa profondamente inutile tanto quanto la nomina del volatile.

    RispondiElimina
  3. quindi, ricapitolando, l'unico trombato è Miserachs, complimenti!

    RispondiElimina
  4. Il passo successivo, accodandoci ai padri del Sinodo delle Chiese Cattioliche medio-orientali, è quello di chiedere che una nostra rappresentanza partecipi al prossimo, lontanissimo, conclave!!?

    RispondiElimina
  5. Anselmo d'Aosta20 ottobre 2010 08:14

    Aspettiamo: si spengano gli entusiasmi, ma  si fermano le inutili polemiche.

    Nella nomina di Palombella, il Santo Padre ha utilizzato l'ermeneutica della "rottura" per togliere ancora amici troppo stretti del fu Piero e della sua cricca che cacciarono a suon di schiaffi e  pedate il buon Bartolucci.  ma in quella cacciata un ruolo importante pare che lo ebbe il card. V. Noè, allievo della "Banana".

    RispondiElimina
  6. Se da un lato questa notizia non può che rallegrarci, per l'onore - sebbene tardivo, anzi tardivissimo - con cui gli viene riconosciuto il suo ruolo in favore della musica sacra e liturgica, non possiamo non osservare dall'altro che tale eventuale cappello, viene dopo il fattaccio della ... Cappella!
    Bartolucci ha 93 anni e per quanto il Signore gli vorrà concedere lunga vita, non potrà certo esercitare a lungo il suo patronato sulla Cappella Sistina.
    Spiace è vero che il M° Miserachs - che nel campo della musica sacra e liturgica seria ha detto più di qualche parola di valore negli ultimi 40 anni e soprattutto da quando è a capo del PIMS - non raccolga qualche meritato premio.
    Ma evidentemente il suo carattere garabto non paga: Bartolucci che ancora spacca teste a destra e a manca - parlando con il dovuto rispetto e con grande ammirazione - seppure allontanato in quel modo barbaro, oggi raccoglie una palma.
    Palombella, sul cui carattere molti hanno scritto cose inverosimili, con la preparazione infinitesimale di Bartolucci, ha raccolto un intero palmeto.
    Miserachs ebbe solo il torto, qualche tempo fa, in una conferenza tenuta al nord, di dissentire vigorosamente da alcuni atteggiamenti della S. Sede in materia liturgico-musicale e il card. Bertone (sempre lui) non mancò, alla prima occasione, di sottolinearlo recisamente.
    Trattamento evangelico: la paglia nell'occhio di Miserachs .....
    Chissà dov'era la trave!?!

    RispondiElimina
  7. o della BUAN-ana?

    RispondiElimina
  8. Mah! Io ho sempre in mente che i cardinali nominati saranno i futuri elettori in Conclave e dunque potenziali futuri papi.
    Per due o tre nomi che mi rassicurano, quanti mi fanno fremire ?
    Non penso ci sia bisogno che li nomini.

    RispondiElimina
  9. una piccola sconfitta di hybris la avaete ricevuta quando, a Fatima, BXVI ha de facto smentio le versioni bertoniane del segreto, versioni sulle quali vi eravate pronunciati pro

    RispondiElimina
  10. Anselmo d'Aosta20 ottobre 2010 09:36

    Certo quel Romeo è fuori luogo.
    A questo punto il clero palermitano ha avuto più coraggio del bertone, se il clero come da fonte autorevole curiale palermitana mi è stato riferito, si è dissociato delle malefatte del suo arcivescovo non partecipando al festino di santa Rosalia nel luglio 2009.

    Ed in più il buon Romeo, calcolatore , ha predisposto per la visita del papa i "suoi" ragazzi degli scout affinchè si rcassero in massa a Palermo, nella paura che qualcuno preparasse una bidonata. ma poichè a preparar ogni cosa è stato il buon Russotto, vescovo nisseno, ecco che i pronostici di Romeo sono saltati. Il connubio Russotto -Benedetto XVI ha funzionato a meraviglia.
    Non contento, Romeo ha disposto ai suoi uomini di far intervenire  addirittura la DIGOS per la rimozione di uno striscione che omaggiava Benedeto XVI per il MP.Incredibile! 
    Mi meraviglio che il papa lo voglia privilegiare concedendo la porpora. Una sua entrata in conclave ( certa!) creerebbe seri problemi allo Spirito Santo.

    RispondiElimina
  11. Anche se umanamente ci possono essere motivi per aver paura, il Papa lo elegge Dio! E Dio è più forte di chiunque. Dobbiamo pregarli insistentemente perchè abbia pietà e non ritiri la sua mano per il disgusto che gli suscitiamo

    RispondiElimina
  12. <span>Anche se umanamente ci possono essere motivi per aver paura, il Papa lo elegge Dio! E Dio è più forte di chiunque. Dobbiamo pregarLo insistentemente perchè abbia pietà e non ritiri la sua mano per il disgusto che gli suscitiamo</span>

    RispondiElimina
  13. Ammazza oh! E adesso quel semi-dio di Bartolucci chi lo tiene più... Lui che darebbe lezioni a Bruckner e Mahler, ora con la berretta rossa sai che roba!

    RispondiElimina
  14. Mah, magra consolazione, se è vero che nella lista ci sono Romeo e soprattutto Ravasi...

    RispondiElimina
  15. Allora invece di invitare Favella o Frisina invitiamo Bartolucci a tenerci il famoso corso al Convento e gli offriamo lo scambio dei segretari: noi ci prendiamo don Cilia e gli diamo Suor Eufemia che è sorda così lui ne avrebbe da sbraitare talmente e non romperebbe più le Pasque agli altri.
    Almeno suor Eufemia, che è anche ottima lavandaia e stiratrice, oltre che brava stenografa e dattilografa (ma ha bisogno del dittafono) gli terrebbe bene in ordine la cappa magna e tutti gli amminnicoli cardinalizi....

    RispondiElimina
  16. <span><span>Anche se umanamente ci possono essere motivi per aver paura, il Papa lo elegge Dio!</span></span>

    Credo che considerando quello che hanno fatto gli ultimi quattro Pontefici prima di Benedetto XVI e lo stato in cui - alla luce della nuova dottrina vaticanosecondista -  hanno ridotto la Chiesa, l'unica cosa che possiamo umanamente (e cristianamente) dire è: sia fatta la volontà di Dio.

    RispondiElimina
  17. <span> le versioni bertoniane</span>

    Come andò che mastro Ciliegia, falegname, trovò un pezzo di legno, che piangeva e rideva come un bambino.
    C'era una volta...

    RispondiElimina
  18. ....che vuol dire "c'era una volta" ?
        che forse il segreto di Fatima, non svelato fin dal 1960 sarebbe una favola e quello che ci hanno detto nel 2000 sarebbe la verità ?
    che la Madonna aveva detto: "L'apostasia nella Chiesa comincerà dai vertici" sarebbe una favola ?
    che la Madonna sarebbe una profetessa di sventura e suor Lucia una gran contaballe ?

    RispondiElimina
  19. <span>....che vuol dire "c'era una volta" ?  
        che forse il segreto di Fatima, non svelato fin dal 1960 sarebbe una favola e quello che ci hanno detto nel 2000 sarebbe la verità ?</span>


    Assolutamente no.
    Mi riferivo alla 'versione bertoniana'.
    Ha mentito sapendo di mentire.

    RispondiElimina
  20. E' facile prevedere la nomina cardinalizia di Bartolucci...il contentino, dopo aver nominato Palombella.

    Ma più dolore di ogni altro sarà leggere quel nome (cos'è un nome?...)....

    ROMEO

    :'(

    RispondiElimina
  21. sì, certo..... il  Papa lo elegge Dio, ma si serve degli uomini, che spesso fanno infine a modo loro....
    come nel 1958, quando accadde, (non si sa come e perchè) che uscì prima dal comignolo della Sistina una fumata bianca, come riferito qui:
    "....si levò del fumo bianco dal camino della Cappella Sistina per circa  cinque minuti; la radio vaticana annunciò l’elezione del nuovo papa: “Il fumo è bianco, non c’è dubbio. Un nuovo papa è stato eletto”; anche il segretario del Conclave, mons. Santoro, confermò in un telefonata con il maresciallo del Conclave, la fumata bianca. In seguito, dopo un’inutile attesa da parte dei fedeli e dei media,  pare che la fumata sia diventata nera. Anche sul Corriere della Sera si legge in un articolo del 28 ottobre che “la stufa dove vengono bruciate le schede del conclave ha funzionato oggi molto meglio di ieri e le due fumate di oggi non hanno provocato quegli equivoci […]"
    Si può leggere quell'articolo. e si può dubitare che ci sia qualcosa di vero, ma certo ancora oggi non si capisce la verità dei fatti accaduti....da llora non si è mai capito bene come sia andato quel conclave, visto che ancora circolano dubbi sull'elezione del 1958....quindi Dio sì è presente, ma gli uomini decidono spesso al di là della Sua volontà, mi pare, e Lui permette e tollera tante cose che noi vogliamo realizzare, con o senza di Lui.
    da tanti anni non capisco fino a che punto gli uomini discernono ed eseguono la volontà di Dio e dove inizia a prevalere la volontà "politica" di certe elezioni, anche nei conclavi....
    e dove si ferma l'intervento di Dio, che rispetta la  libertà umana....

    RispondiElimina
  22. Il concistoro è stato annunciato in questo momento

    RispondiElimina
  23. C'è Romeo, Ravasi e Bartolucci.

    RispondiElimina
  24. cocnordo  in pieno.

    RispondiElimina
  25. concordo in pieno.

    RispondiElimina
  26. Bne Burke, Bartolucci...malissimo Romeo

    RispondiElimina
  27. Anselmo d'Aosta20 ottobre 2010 12:23

    Romeo, purtroppo . Un affronto alla Martire Chiesa di Sicilia

    RispondiElimina
  28. Anche Ranjith, e, oserei dire, sorpresa Piacenza, nominato 20 giorni fa alla Congregazione per il Clero e già cardinale.

    RispondiElimina
  29. NOOOO! Ho visto il nome del Vescovo Marx! Ai lettori di questo blog tutt'altro che sconosciuto!

    RispondiElimina
  30. Tutto confermato...
    ma perché è stato nominato CARDINALE un uomo che già è strano che sia stato nominato vescovo: RAVASI. Forse l'unico vescovo (almeno la sua APOSTASIA NON E' LATENTE) che fino ad oggi HA NEGATO CHE LA RISURREZIONE SIA UN FATTO STORICO???

    RispondiElimina
  31. Manca Betori, però...

    RispondiElimina
  32. vatican inside20 ottobre 2010 12:39

    Complimentoni, Enrico. Un vero veggente...
    Peccato tu come al solito abbia visto tutto con la testa quadra del "tradizionalista" perchè ti sono sfuggiti dei dettagli molto, molto importanti.
    Chi loda, s'imbroda.

    RispondiElimina
  33. Piuttosto, la cosa incredibile è che Ravasi non aveva alcun diritto di nomina che vincolasse il pontefice. In altri blog, è stato messo in evidenza da alcuni lettori che semmai più di lui aveva diritto mons. Coccopalmerio, più anziano e a capo di un dicastero ben più importante. Per di più esistevano sedi con diritto di nomina, come Detroit, con un ottimo arcivescovo, grande amico della Tradizione, e con un emerito ultra-ottantenne. Dunque non esistevano motivi di scegliere Ravasi. E' stata una volontà esclusiva del Papa, al quale va tutta la responsabilità di questo gesto. Si poteva capire Romeo, dato il pasticcio già compiuto (la sua nomina), così come possiamo fin d'ora metterci l'anima in pace quanto a Nosiglia, ma per Ravasi, in questa tornata, non dovevano esserci chances. Perchè anteporre Ravasi a Betori, quando a Firenze mancano cardinali votanti? Verrebbe anche da chiedersi allora, se ballottaggio doveva farsi, perchè Romeo e non Betori? Non parliamo poi della Polonia, nella quale è stato premiato colla porpora un nemico (anche se mascherato) del rito antico come Nycz, quando peraltro il primate di Polonia è a Gniezno, altra diocesi, e sarebbe stato assai preferibile come vescovo.
    Mi pare che abbiamo pochi motivi per esultare, purtroppo.

    RispondiElimina
  34. vatican inside20 ottobre 2010 12:49

    <span>"non solo non ci siamo sbagliati nel predire, primi tra tutti, la data del concistoro, ma che un nostro auspicio di nomina cardinalizia ha trovato fattivo ascolto..." non è che stai entrando un po' nel delirio della megalomania in tutto questo tuo narcisismo da blogger? ribadisco: </span><span>Peccato tu come al solito abbia visto tutto con la testa quadra del "tradizionalista" perchè ti sono sfuggiti dei dettagli molto, molto importanti.  </span>

    RispondiElimina
  35. Redazione di Messainlatino.it20 ottobre 2010 12:50

    Dove si possono leggere quelle affermazioni di Miserachs?
    Enrico

    RispondiElimina
  36. Redazione di Messainlatino.it20 ottobre 2010 12:53

    Se ci fai la grazia di condividerli con noi, questi dettagli...

    RispondiElimina
  37. Redazione di Messainlatino.it20 ottobre 2010 13:09

    Spiegaci allora questi dettagli

    RispondiElimina
  38. Si porta avanti col lavoro, così Milano avrà un Arcivescovo già Cardinale e via.

    RispondiElimina
  39. vatican inside20 ottobre 2010 13:26

    A te? e perchè? Mi dispiacevo solo di come riesci a tirare il Maestro sotto una bandiera come se fosse roba tua. "<span>Qualcuno ha voluto ascoltare la flebile voce dei tradizionalisti!" e che vuol dire? Che il Papa si è degnato perchè glielo hai detto tu, perchè, sai, nessuno ci aveva pensato prima? Che i "tradizionalisti" finalmente hanno un cardinale solo che glielo hanno dato ultranovantenne perchè, ops!, si sono sbagliati, ce ne serviva uno giovane? Ma perchè a dare del tradizionalista a tutti quelli che ti piacciono e "dei modernisti" a tutti quelli che non ti piacciono? Ai miei tempi queste cose le giudicava il Sant'Uffizio, con uno dei processi più equi che la storia del Diritto ha mai conosciuto. Adesso ce lo facciamo dire da te. Evvabbè.</span>

    RispondiElimina
  40. Non sono addentro a queste cose e domando a chi ne sa più di me:
    anche in queste nomine dobbiamo dare per certa l'assistenza dello Spirito Santo?

    RispondiElimina
  41. Conformemente al suo nome, Ella esprime la stessa acribia che con ogni probabilità oggi serpeggia tra i corridoi "dentro il vaticano".
    Se il suo sfogo eccessivo è sintomatico dell'aria che si respira "inside", allora significa proprio che l'annuncio e il suo contenuto hanno scornato più d'uno!!!

    RispondiElimina
  42. Tenebrae factae sunt20 ottobre 2010 16:30

    Bartolucci è un grande della musica sacra, e non solo...ma, mi spiace, questo non può bastare per essere cardinale. Una botta al cerchio e una alla botte, sfascia il cerchio e la botte.

    RispondiElimina
  43. cosa darei x vedere la faccia di Liberto... prima cacciato via e sostituito con Palombella o cm si chiama e poi il suo predecessore fatto Cardinale... nn dv essere stata una grande settimana x lui... AHAHHAHAHHA

    RispondiElimina
  44. Redazione di Messainlatino.it20 ottobre 2010 17:09

    Primo: non lo spieghi a me ma a tutti quelli che leggono.
    Secondo: resta il fatto che questo non è né il primo né il secondo concistoro di Benedetto XVI e, prima d'ora, evidentemente, nessuno ci aveva pensato. Che poi la nomina sia solo un modo per dare un colpo al cerchio, dopo la botte Palombella, tutto può essere.
    Terzo: rileggiti l'intervista del Maestro a Disputationes Theologicae, in cui dice di non aver mai celebrato il nuovo rito che esecra, e poi discutiamo se questo vuol dire o no essere tradizionalisti.
    Quarto: prenditi una bella dose di Maalox
    Enrico

    RispondiElimina
  45. Certo, il povero Liberto avrà il morale sotto i tacchi.
    Chissà come dirigerà domenica l'ultima sua Messa a chiusura del Sinodo?!
    Forse deve avergli fatto più male la sostituzione con Palombella che la porpora di oggi a Bartolucci.
    Tutto sommato a quest'ultimo, data l'età, finisce per essere qualcosa in più della commenda di S. Silvestro Papa o dell'Ordine pro Ecclesia et Pontifice.
    Alcuni insinuano che Liberto sia stato costretto ad ingoiare il licenziamento, senza nemmeno ottenere una promozione formale (protonotario ap.co sovrannumerario è come una manciata di lupini in tasca e una pacca sulla spalla, a la manière de Bertone).
    Speriamo almeno che tenga in mano la Cappella alla Messa di domenica, altrimenti i patriarchi orientali potrebbero nominarlo alla direzione di qualche venerabile coro monastico di rito antiocheno o siro-malabarese.....

    RispondiElimina
  46. Chissa' se quella fumata bianca aveva salutato l'elezione (sempre smentita) di Siri... :'( :'( :'(

    RispondiElimina
  47. Un lettore in un altro post ha dato notizia che mercoledì Palombella e frisina hanno festeggiato la nomina.
    Avvisate Bartolucci, per favore!

    RispondiElimina
  48. Lo facciamo subito: manderò Suor Clarabella che oggi pomeriggio va a Roma a comprare il necessario per i nuovi abiti. Mi date l'indirizzo per favore?

    RispondiElimina
  49. Si capisce! Eccolo qua: Via Monte della Farina, 64

    RispondiElimina
  50. Via Monte della Farina??? ma è uno scherzo!
    E io che mi lamentavo che l'indirizzo del convento è via del Cerchio di Fuoco 17.
    In tutta quella farina allora la Palombella diventerà bianca....
    Non è che poi si crede di essere la Terza Persona..... Oh Signore!

    RispondiElimina

L'inserimento senza moderazione dei commenti è limitato ai soli post usciti nella medesima giornata di inserimento e nel giorno precedente. Per i post più vecchi, i commenti saranno sottoposti a moderazione.
Qualora fosse attiva la moderazione, possono passare anche alcuni giorni prima del controllo da parte della Redazione.