venerdì 1 ottobre 2010

Concistoro il 20 novembre prossimo.

Vi diamo un'anticipazione. Non sicura, ma probabile. Si sta preparando in San Pietro una solenne Messa papale per la data del 21 novembre, domenica, solennità di Cristo Re (nel novus ordo). Questa Messa del Papa non era in calendario e la spiegazione più probabile è che si tratterà della Messa che tradizionalmente il Papa concelebra con i novelli cardinali, subito dopo la consegna degli anelli cardinalizi, nel giorno che segue il concistoro (che normalmente è di sabato)

Da tempo si ripete che un concistoro in autunno sarebbe probabile, essendovi vacanti nel collegio cardinalizio una ventina di posti (che diverranno 25 entro primavera), rispetto al tetto, peraltro non vincolante, di 120 cardinali elettori, ossia di età inferiore ad 80 anni.

Certo, il toto-nomine è un gioco avvincente. Ma ci limiteremo per ora ad una piccola valutazione. Nella scelta dei cardinali il Papa influenzerà in maniera diremmo decisiva il futuro corso della Chiesa. Direttamente, poiché i nominati saranno gli elettori di un futuro (e speriamo remoto) conclave e perché l'investitura conferisce loro un'autorità affatto peculiare nella gerarchia ecclesiastica. Ma ancor maggiore appare l'influenza indiretta di queste nomine: se Benedetto XVI riuscirà finalmente a premiare solo chi si è mostrato leale nei suoi confronti, l'effetto a catena sull'alto clero sarà dirompente: l'innato carrierismo e il diffuso conformismo faranno sì che molti presuli scoprano un animo ortodosso e tradizionale, che finora sfuggiva perfino alla loro autocomprensione.

Facciamo solo due nomi, tra i molti 'cardinabili', che definiranno l'orientamento complessivo delle future nomine. Uno in positivo, l'altro in negativo. Il primo è l'arcivescovo di Colombo, ed indimenticato ex Segretario al Culto Divino: mons. Ranjith Patabedinge, colui che si è rivelato come il più acceso sostenitore della riforma liturgica cara a questo Papa. Colombo, capitale dello Sri Lanka, non è sede cardinalizia: la nomina quindi, oltre che un doveroso (ci permettiamo di dirlo) gesto di stima del Santo Padre ed anche un dovuto 'risarcimento' per l'allontanamento dalla Curia, sarebbe un segnale inequivocabile.

Il secondo nome, in negativo, è quello dell'arcivescovo di Palermo, mons. Paolo Romeo. Settantadue anni, notorio oppositore del motu proprio Summorum Pontificum e a suo tempo (quand'era Nunzio in Italia) organizzatore di un discutibile 'referendum' consultivo tra i vescovi italiani per scegliere il successore di Ruini alla CEI (allorquando la nomina spetta esclusivamente al Pontefice), l'arcivescovo palermitano ha già dovuto 'saltare un turno' nel 2007. La spiegazione ufficiale fu che Palermo aveva già due cardinali elettori, gli emeriti De Giorgi e Pappalardo; ma tutti, invece, videro nell'episodio una sanzione per l'opposizione al motu proprio; tanto che per un certo tempo le persecuzioni antitradizionali si affievolirono. Se anche questa volta il galero dovesse sfuggirgli, significherebbe che Benedetto fa davvero sul serio.

Enrico

137 commenti:

  1. Allora ci provocate, a parlare di Romeo... ;-)

    Comunque io sono dell'idea che ormai nemmeno i cardinali li fa più il papa; così come di liturgia decide la Cei. Sono già decisi da tempo. Il papa non può fare altro che firmare, e alla minima obiezione mossa con libertà verrà tenuto sotto il severo comando di coloro che hanno già deciso.

    RispondiElimina
  2. Christus Spes Mea1 ottobre 2010 08:42

    Ne più ne meno come Paolo VI.

    RispondiElimina
  3. <span>Benedetto XVI ha detto come il rinnovamento della Chiesa "non si ottiene con  “cambi di strutture,ma con la penitenza”; è necessario dunque un “cammino operoso di conversione”. (Udienza generale del 8 sett.)
    </span>

    Non diamo troppi significati a queste nomine, quasi da momento epocale "dentro o fuori!" pena la catastrofe totale.
    Nessun scandalismo o catastrofismo banalmente giornalistico.

    Su questo sito troppo spesso questa verità si dimentica e si fossilizza il vescovo o cardinale di turno nel suo essere tradizionalista o progressista come uno dei morti di Spoon River: irrimediabilmente perduto.
    Ma non è così.

    <span>Anche il peggior cardinale, con le preghiere di fedeli devoti e ardenti si può trasformare in un grande santo.</span>

    Siamo chiamati a questo, non ai giochini sul toto-cardinale.

    Quelli lasciamoli ai fanatici del superenalotto.

    RispondiElimina
  4. Ho una richiesta da fare, anche se non riguarda la notizia pubblicata.
    QUALCUNO SA CHI E' O CHI SONO I CURATORI DEL BLOG UNA FIDES?
    Scusate e grazie!

    RispondiElimina
  5. Non dorm itabit1 ottobre 2010 08:54

    Effettivamente, anche san Carlo Borromeo ebbe una "conversione" proprio con la sua nomina cardinalizia ad Arcivescovo di Milano. Che il Buon Dio doni vita e salute al Santo Padre, e doni dociltà filiale ai vescovi, sacerdoti, diaconi e tutto il popolo cristiano.

    RispondiElimina
  6. Dalle nomine vedremo di che pasta è fatto il Papa.
    Romeo DEVE RESTARE FUORI. Andrà ora a impetrare favori e raccomandazioni nel viaggio del Pontefice a Palermo. Io ebbi modo di definirlo pappone, secondo il primo significato che appare nel vocabolario.
    Non solo da questo si misurerà il corso del Pontificato ma anche da due nomine chiave, Torino e Milano.

    Per l'annuncio si attendono dunque 3 settimane. Tanto decide tutto il pagliaccio Bertone.

    RispondiElimina
  7. Colombo nello Sri Lanka è già stata una volta sede cardinalizaia (che brutta definifione, quasi che una sede automaticamente fosse cardinalizia e un'altra no) col card. Cooray O.M.I., creato e pubblicato cardinale da Paolo VI.
    Quanto a Romeo ... speriamo che il papa si decida a ridurre ancor più il numero dei cardinali italiani 

    RispondiElimina
  8. Anselmo d'Aosta1 ottobre 2010 09:02

    IL Santo Padre avrà grande attenzione per coloro che non amano il carrirismo.

    Quanto a Romeo. Non si salverà avendo sul capo la berretta cardinalizia. La storia ha già dato il suo verdetto! Cardinale o no darà ricordato come uno dei peggiori pastori della diocesi siciliana.  

    RispondiElimina
  9. La Porpora viene concessa all'Arcivescovo del nobile popolo palermitano e siciliano (a cui non appartengo) e non alla persona di Mons. Romeo. ERGO, malgrado tutto, l'Arcivescovo di Palermo spero venga CREATO Cardinale di Santa Romana Chiesa.

    RispondiElimina
  10. così Kiko Arguello potrà essere di nuovo presente in prima fila alla prima messa dopo la nomina, come fu per il suo insediamento a Palermo. Questo già dice molto...

    RispondiElimina
  11. Credo che Romeo sarà fatto comunque cardinale. Temo che in certi casi si tratti di scelte quasi obbligate. Se fosse "saltato" un'altra volta si direbbe che c'è una persecuzione contro la chiesa siciliana, contro i cattolici di una regione ove forse le chiese sono più frequentate che altrove e bla bla bla bla...D'altronde sarebbe curioso (per quanto giusto) che il Papa lo estromettesse dalla lista a pochi giorni dalla visita a Palermo!!! 

    RispondiElimina
  12. Se arriva la porpora a Romeo allora finalmente si capirà che per ricevere onorificenze e promozioni da B16 occorre insultare e bellamente osteggiare la Tradizine e il ruolo del Santo Padre.

    RispondiElimina
  13. Sono dei fedelissimi e acritici incensatori della Fraternità San Pio X pur facendo finta d'essere imparziali

    RispondiElimina
  14. Don Alfredo Morselli1 ottobre 2010 09:40

    <span>"se Benedetto XVI riuscirà finalmente a premiare solo chi si è mostrato leale nei suoi confronti, l'effetto a catena sull'alto clero sarà dirompente: l'innato carrierismo e il diffuso conformismo faranno sì che molti presuli scoprano un animo ortodosso e tradizionale, che finora sfuggiva perfino alla loro autocomprensione".</span>

    Lam 1,4
    <span>Le strade di Sion sono in lutto,
    nessuno si reca più alle sue feste;
    tutte le sue porte sono deserte,
    i suoi sacerdoti sospirano,
    le sue vergini sono afflitte
    ed essa è nell'amarezza.
    </span>
    Lam 1,6

    <span>Dalla figlia di Sion
    è scomparso ogni splendore.
    I suoi capi sono diventati come cervi
    che non trovano pascolo;
    camminano senza forze
    davanti agli inseguitori.

    </span>

    RispondiElimina
  15. a volte alcuni articoli che incensano la Fraternità oltremodo e in maniera ideale e acritica lascia pensare che ci siano dietro dei sostenitori della Fraternità San Pio X che hanno o fanno finta d'avere larghe vedute.

    RispondiElimina
  16. Don Alfredo Morselli1 ottobre 2010 09:44

    Verissimo che <span><span>Anche il peggior cardinale, con le preghiere di fedeli devoti e ardenti si può trasformare in un grande santo, </span> ma non ci capita mai un Cardinale santo che con le nostre preghiere possa diventare ancora più santo?</span>

    RispondiElimina
  17. Don Alfredo Morselli1 ottobre 2010 09:49

    il<span> nobile popolo palermitano e siciliano, come tutti i popoli, si merita un cardinale santo e obbediente; anche perché poi al conclave non vota "i</span><span>l nobile popolo palermitano e siciliano": è vero che poi lo Spirito Santo rimedia, ma aiutati che il ciel t'aiuta</span>

    RispondiElimina
  18. Con buona pace di tutti e da siciliano residente nell'Isola, vi posso tranquillamente assicurare che a nessuno di noi siciliani interessa di avere l'arcivescovo di Palermo come cardinale. A noi interessa avere vescovi fedeli e obbedienti al Santo Padre anche e soprattutto per ciò che riguarda il Motu Proprio. Avrei concesso la berretta cardinalizia all'ex arcivescovo di Catania, mons Luigi Bommarito, solo per il fatto che con una sua "ispirata" lettera pastorale mise sulle righe le comunità neocatecumenali tanto diffuse nell'Isola. E poi, non sono tanto convinto che si debba per forza premiare la sede palermitana con un cardinale, primato che spetterebbe alla sede di Siracusa. Che Roma ci dia vescovi santi per favore!

    RispondiElimina
  19. Ci sono dei momenti, come questo delle Nomine cardinalizie, in cui davvero ringrazio Dio del ruolo che mi ha assegnato... :)
    ma senza alcun dubbio le responsabilità che ho nel mio ruolo non sono da meno di quelle del Pontefice, ed è per questo che possiamo offrire i nostri sacrifici affinchè il lavoro del Santo Padre possa portare copiosi frutti!

    Premesso questo, lo confesso, tanti anni fa giocavo al Lotto, quando era ancora una estrazione settimanale e seria.... non superavo mai il badget che potevo usare e vincevo sempre....non ci ho mai rimesso.... vincevo perfino con qualche sogno, piccole somme, che  - Dio mi è testimone quanto il marito - ci permettevano di pagare le bollette a fine mese....
    Senza demonizzare o idolatrare il gioco, ho sempre riconosciuto alla Divina Provvidenza un aiuto alle nostre piccole necessità....
    perchè vi racconto questo?
    Perchè quando il gioco cominciò a farsi duro: due, tre estrazioni settimanali, e ora il superenalotto, e il bombardamento mediatico, e il correre per andare a giocare, ecc... smisi di giocare....

    Le Nomine cardinalizie sono davvero un "gioco duro"..... lo sono sempre state, l'immagine dei "Principi della Chiesa" hanno finito sempre per riempire i rotocalchi di ieri e di oggi, e non potrebbe essere diversamente perchè Essi sono L'AIUTO DEL PAPA..... e non so perchè penso a san Roberto Bellarmino... ;)  ma anche ad un Henry Newman, ad Merry Del Val, penso ad un cardinale Pacelli e dell'immane lavoro che portò avanti quando era Nunzio Apostolico e poi come Segretario di Stato quando cominciò davvero a girare il mondo del suo tempo DISPIEGANDO E PORTANDO A COMPIMENTO IL MINISTERO PETRINO che gli era stato affidato in qualità appunto di espressione, cioè, di attualizzazione... penso a ciò che fu di importanza vitale per la Chiesa la nomina a cardinale dell'allora Joseph Ratzinger....
    Insomma, quando penso ad un PRINCIPE DELLA CHIESA, vedo davvero il rosso porpora, simbolo di martirio, ma anche di fuoco ardente per aiutare il Pontefice nel suo Ministero petrino....

    Senza dubbio da 40 anni a questa parte anche queste Nomine hanno subito gli influssi della crisi della Chiesa.... hanno subito COMPROMESSI, hanno messo a dura prova la Divina Provvidenza....hanno portato noi, piccolo gregge, davvero a SCOMMETTERE E A GIOCARE sulle Nomine volgendo lo sguardo "a Colui che hanno trafitto"......
    Benedetto XVI nel suo piccolo sta "giocando" la sua partita..... le denuncie al carrierismo, le denuncie ad una "pseudo-pastorale" lontana dal Magistero ecclesiale, Egli le ha fatte e continua a farle, ora spetta a Lui mettere in pratica, dare vita, alle sue stesse ammonizioni, preghiamo tanto per questo, siamo pronti a dare qualcosa di nostro affinchè il Signore conceda alla Sua Chiesa Cardinali SANTI, autentici PRINCIPI  della Chiesa pronti non semplicemente ad indossare la porpora, ma a donare questo sangue per il bene della Chiesa e delle sue Membra...
    In questi due mesi, ottobre e novembre, ci sono molte Feste importanti: dagli Angeli Custodi alla Madonna del Rosario, dalla Festa di TUTTI i Santi a tanti altri.... in questa COMUNIONE supplichiamo Dio di mandarci Santi lavoratori nella Sua Vigna e, docilmente, non perdiamo la fiducia nè la speranza.... sosteniamo il Santo Pontefice!

    RispondiElimina
  20. La nobilissima e fiorente comunità cristiana palermitana merita il cappello cardinalizio a prescindere dell'Arcivescovo pro tempore che ha fatto danni irrimediabili nella mia regione quando era nunzio apostolico.
    Un nome fra tutti : Mons. Luigi Conti dapprima creato vescovo di Macerata, per far completare l'incipiente seminario dei neocatecumenali e poi catapultato a Fermo sempre con il solo scopo di proteggere la nidiata neocatecumenale.
    Il solo interesse che l'ex nunzio in Italia, amico personale di Mons. Conti, ha mostrato per la regione Marche è stato per i neocatecumenali.
    Sono contento che porterà la porpora : perchè si addice con il colore che dovrebbe portare in volto .
    Rosso per la vergogna per quello che ha provocato in una piccola e fedele regione !
    Visto che ci sono perchè non danno la porpora anche a Mons. Conti promovendolo a prefetto di qualcosa nella Curia romana?

    RispondiElimina
  21. Peter Moscatelli1 ottobre 2010 10:26

    Penso anch'io che in molti casi si tratti di "scelte obbligate"; nomine a dicasteri, pontifici consigli o sedi cardinalizie già fatte tempo addietro che aspettano la porpora. La qualità dei cardinali dipende dalla qualità dei vescovi, prenderne atto e tirare fuori il rosario.

    RispondiElimina
  22. Peter Moscatelli1 ottobre 2010 10:31

    Ahinoi, Caterina, non basta dire che da 40 anni a questa parte "anche queste Nomine hanno subito gli influssi della crisi della Chiesa", in molti casi hanno determinato e acuito la crisi stessa.

    RispondiElimina
  23. A Palermo ci meritiamo di meglio, Oliveri per esempio.
    Sono contento per Ranjith!

    RispondiElimina
  24. non è piaciuto a Ospite

    RispondiElimina
  25. Padre Ercole Migliavacca1 ottobre 2010 11:03

    Speriamo che Sua Santità sia illuminato dallo Spirito Santo nelle imminenti nomine.
    Abbiamo bisogno di Cardinali Santi che eleggano (quanto più tardi possibile) un Sommo Pontefice che ricalchi le orme del mai dimenticato e Santo Giovanni Paolo I (Papa Luciani)

    RispondiElimina
  26. Redazione di Messainlatino.it1 ottobre 2010 11:05

    All'Amico: perseverare diabolicum...
    Riscrivi il tuo intervento SENZA i due insulti e cancellati da solo l'originale.
    Raccomando in ciò estrema sollecitudine.
    Enrico

    RispondiElimina
  27. DANTE PASTORELLI1 ottobre 2010 11:18

    Aiutati che Dio t'aiuta, vecchio saggio proverbio.
    Che anche i peggiori papi, cardinali, vescovi, preti e laici con le preghiere possan diventare (non che automaticamente diventino)  migliori è una verità lapalissiana che nessuno nega. Ma perché portare nel "senato della Chiesa" elementi che non han dato buona prova della loro fede, della loro lealtà verso il Papa, della loro disposizione a versar per la Chiesa il sangue che la porpora rappresenta? Perché nominar cardinali con calcoli puramente umani come i motivi diplomaitici o equilibri fra corrrenti? Cos'hanno a che fare questi calcoli con la trasmissione della Fede? Io inviterei a pregare perché il Papa elevi al cardinalato coloro che effettivamente hann'acquistato meriti dinnanzi alla Chiesa e a Dio.
    Non mi sembra che questo blog, come superficialmente è stato detto, dimentichi certe verità a fini scandalistici e catastrofici: sì, non mancan alcuni accenti di millenarismo, che certo i tempi che viviamo sembran giustificare: ma la sostanza è sempre realistica e aperta al soprannaturale.

    RispondiElimina
  28. DANTE PASTORELLI1 ottobre 2010 11:21

    DEVE RESTARE FUORI. Lo imponi tu? Il Papa nomina chi vuole, noi esprimeremo onerstamente le nostre valutazioni su queste nomine.

    RispondiElimina
  29. DANTE PASTORELLI1 ottobre 2010 11:26

    Di popoli nobili ce ne son tanti. Perché alcuni avranno il loro cardinale ed altri no? Un'offa al meridionalismo d'accatto? E perché non far cardinali il vescovo di Cosenza, di Nardò, di Oria, di Trapani, di Prato, di Pescia, di Fiesole ecc. ecc.? Son nobili decaduti? Cerchiamo d'esser seri.

    RispondiElimina
  30. DANTE PASTORELLI1 ottobre 2010 11:26

    <span>DEVE RESTARE FUORI. Lo imponi tu? Il Papa nomina chi vuole, noi esprimeremo onestamente le nostre valutazioni su queste nomine.</span>

    RispondiElimina
  31. ce lo so Peter.....e Don Morselli citando le Lamentazioni ha ben sottolineato il problema.... ;)

    RispondiElimina
  32. Non mi sembra proprio vi siano incensazioni acritiche.. è un'insinuazione un po' meschina.

    RispondiElimina
  33. DANTE PASTORELLI1 ottobre 2010 11:29

    Se le scelte sono obbligate non ici sarebbe bisogno  di una scelta pontificia. Se obbligo esiste il Papa non è libero. Un Papa in cattività non può governar la Chiesa.

    RispondiElimina
  34. DANTE PASTORELLI1 ottobre 2010 11:31

    E perché non pensionarli anticipatamente? Perché non spedirli in qualche lontana nunziatura? Da cardinali avran sempre la loro cerchia affaristica. E continueranno a far danni.

    RispondiElimina
  35. ....desideriamo una Chiesa che VADA AVANTI e non indietro.....certe nostalgie che riflettono o si riflettono esclusivamente su di una persona nella sua personalità, offendono la Provvidenza stessa che se avesse voluto avrebbe mandato avanti quel Pontificato...
    Delle volte si legge tristemente più fede nell'Uomo che non nella PROVVIDENZA....
    Le "orme del mai dimenticato" restano nel passato, ciò che va portata avanti non è un ombra MA LA TRADIZIONE VIVA e bimillenaria....diversamente continueremo con le faziosità, con le classifiche dei Papi più gettonati dimenticando che Pietro è UNO SOLO....
    ;)

    RispondiElimina
  36. DANTE PASTORELLI1 ottobre 2010 11:33

    Prefetto alle pulizie?

    RispondiElimina
  37. Ma scusate.. la vera persecuzione non è non dare la pummarola a Romeo.
    La vera persecuzione è dare Romeo alla chiesa siciliana. Levando il diritto ai fedeli siciliani di lanciarne.

    RispondiElimina
  38. DANTE PASTORELLI1 ottobre 2010 11:34

    Ranjith è, indipendentemente dalle sue posizioni sul MP, un uomo di grande fede, umile ed obbediente.

    RispondiElimina
  39. si potrebbe avere una copia della lettera?
    Ospite: grazie d'esistere..!

    RispondiElimina
  40. <span>La nobilissima e fiorente comunità cristiana palermitana merita il cappello cardinalizio a prescindere dell'Arcivescovo pro tempore</span>

    Io riformulerei così, mi perdoni:
    <span>La nobilissima e fiorente comunità cristiana palermitana merita un Arcivescovo degno di ricevere il cappello cardinalizio.  </span>
    Romeo, Romeo.. perchè sei tu, Romeo?!?!

    RispondiElimina
  41. <span>La nobilissima e fiorente comunità cristiana palermitana merita il cappello cardinalizio a prescindere dell'Arcivescovo pro tempore</span>

    Io riformulerei così, mi perdoni:
    <span>La nobilissima e fiorente comunità cristiana palermitana merita un Arcivescovo degno di ricevere il cappello cardinalizio.  </span>
    Romeo, Romeo.. perchè sei tu, Romeo?!?!

    RispondiElimina
  42. Beh, è un po' azzardata come richiesta..e lascia qualche perplessità, visto il pontificato "de brevitate lunae".
    Ma si sa, ognuno ha le sue:)

    RispondiElimina
  43. DANTE PASTORELLI1 ottobre 2010 11:40

    A quale ospite? Ne ne son troppi, indistinguibili.

    RispondiElimina
  44. DANTE PASTORELLI1 ottobre 2010 11:44

    Ale, non credo che fuori d'Italia le faccende vadan meglio. Forse si dovrebbe tornare al limite di 70.

    RispondiElimina
  45. DANTE PASTORELLI1 ottobre 2010 11:45

    <span>Se le scelte sono obbligate non ci sarebbe bisogno di una scelta pontificia. Se obbligo esiste il Papa non è libero. Un Papa in cattività non può governar la Chiesa.</span>

    RispondiElimina
  46. <span>
    <p><span><span><span>Volesse il Cielo, ma utopistico!</span></span></span>
    </p></span>

    RispondiElimina
  47. DANTE PASTORELLI1 ottobre 2010 11:48

    Inasomma, un Papa che se ne vada dopo un mese?

    RispondiElimina
  48. DANTE PASTORELLI1 ottobre 2010 11:49

    <span>Insomma, un Papa che se ne vada dopo un mese?</span>

    RispondiElimina
  49. Anselmo d'Aosta1 ottobre 2010 11:54

    Allora l'ho scritto tante volte e lo ripeto. Non necessariamente palermo deve essere  sede di Cardinale.

    Certo la "madre " di tutte le chiese di Sicilia è SIRACUSA. A Siracusa spetterebbe la porpora. Dopo Antiochia fu la prima comunità cristiana, fondata per volere di Pietro inviando il vescovo Marciano.Proprio in quella città, Maria si mostrò in pianto, quasi a voler suggellare così la sua attrenzione  per quel popolo che con il titolo di Immacolata la aveva elevata a Patrona del regno di Sicilia. 

    Un predecessore di Romeo, non fu fatto cardinale nè dal beato Pio IX nè tanto meno da Leone XIII. Morì da Arcivescovo. Ebbene perchè ciò non può essere per Romeo?

    Noi ci auguriamo di cuore che l'ipocrita ospitalità dell'acese Romeo, meriti tutt'altro che la porpora ma una sua  rimozione di una Chiesa che langue e piange per i suoi pastori.

    RispondiElimina
  50. Christus Spes Mea1 ottobre 2010 12:00

    Cosa?
    San Carlo Borromeo aveva dato segni di Santità e Carità già all'età di 12 anni quando fu creato abate dallo zio!
    Per favore, scherzate coi fanti ma lasciate stare i Santi!

    RispondiElimina
  51. Beh...il papa nomina chi vuole...direi che potremmo onestamente esprimere le nostre valutazioni anche su questo.

    Per don Cristiano, la porpora è un'onorificenza (e anche un onere) personale; quindi non c'entra la carica, c'entra la persona

    RispondiElimina
  52. e che facesse sul serio, in questa e altre questiooni più importanti e decisive per la Chiesa. Ma tutto, ahimé è già scritto. I contentini, questo è oramai il galero post conciliare, è come un caffé: non si nega...

    RispondiElimina
  53. A Don Morselli,

    Reverendo, non ci faccia la  morale della preghiera che conosciamo e cerchiamo d'applicare come possiamo. La necessità della preghiera non toglie nulla alla necessità di nominare con prudenza gli uomini.

    E' un peccato mortale nominare qualcuno conosciuto per indegno ad un posto di grande importanza. E' un'imprudenza in materia grave, come lo è tapparsi gli occhi davanti alla realtà e agire insensatamente perchè tanto poi ci pensa la Provvidenza. Un re non governa sperando nei miracoli, ma agendo saggiamente. Poi i miracoli si possono chiedere e anche ottenere....chissà.....

    Si ricordi della scrittura: "se qualcuno vi chiede del pane, dategli del pane. non ditegli:pregate"....troppo comodo!

    NON STRUMENTALIZZATE LA PREGHIERA per non rispondere e per non prendere posizione!

    CON L'IPOCRISIA QUASI DISGUSTATE LA GENTE DALLA PREGHIERA (che non è un modo di non prendere posizione.....)

    RispondiElimina
  54. La Redazione sa qualcosa circa Una fides?
    Grazie!

    RispondiElimina
  55. <span>Caro Cajétan,</span>
    <span></span>
    <span>        non mi pare d'essere stato meschino, ma realista, poi se dietro non c'è nessuno della Fraternità tanto meglio, ma gli articoli non sono mai firmati...</span>
    <span>Poi mettere una frase come questa per fare una postilla al recente articolo di Gherardini mi pare un pò forzare la realtà delle cose....</span>
    <span>Non è l'unico esempio caro Gaetano:</span>
    <span></span>
    <span>"Le idee nella Fraternità sono chiare e le fila sembrano davvero compatte "per la propria e l’altrui eterna salvezza".</span>
    <span>http://unafides33.blogspot.com/</span>
    <span></span>
    <span>"Fila compatte"? ma se lo sanno anche i muri che all'interno ci sono mille opposizioni e che tanti la pensano diversamente dai vertici..... </span>
    "per la salvezza propria e altrui"
    <span>Usciamo dal mito e teniamo i piedi per terra, fa sempre bene.</span>

    RispondiElimina
  56. Ma mi faccia il piacere1 ottobre 2010 14:28

    Ma prima di attaccare qualcuno perché non cerca di capire quello che è scritto?
    Lei ha travisato totalmente quello che ha scritto don Morselli

    RispondiElimina
  57. Io ho sempre saputo che le sedi che chiamiamo "cardinalizie" lo sono per tradizione, perché è usanza nominarne cardinale il presule; ma quella sede o diocesi non può vantare alcun diritto sulla nomina a cardinale del suo ordinario.

    Con questo non volevo affatto essere un buffone.

    RispondiElimina
  58. Qualcuno può degnarsi di rispondere alla gentile domanda fatta due volte da Introibo in questo post? Ci stiamo dimostrando dei gran maleducati e lo dico con amarezza. Redazione, se ci sei fatti sentire!

    RispondiElimina
  59. Amici, preghiamo perchè un altro strenuo progressista, Ravasi, nn venga fatto Cardinale. Sarebbe una sciagura.

    RispondiElimina
  60. ma quel motto era "de medietate lunae", mi pare.

    RispondiElimina
  61. Ragazzi, chiedo scusa per l'intromissione. Ho conosciuto da poco tempo il portale 'Petrus', che raggiungo attraverso il link www.papanews.it , ed ero curioso di sapere se appartenga o meno all'ala conservatrice dell'informazione cattolica in rete. Grazie

    RispondiElimina
  62. in questo momento sono ben 187 (elettori e non elettori). Col prossimo concistoro salirebbero a oltre 200 DUECENTO. Troppi, troppi, troppi. Ok tornare al limite di 70 però per alemno 15 anni bisognerebbe non nominarne alcuno ... gli appetiti cardinalizi sono però fortissimi

    RispondiElimina
  63. Andrea Carradori1 ottobre 2010 15:10

    Interessante la notazione di storia ecclesiale della stupenda Siracusa.
    Nella situazione attuale, essendo Palermo, l'indiscussa Capitale ( anche per bellezza e opere d'arte) di quella fetta di paradiso che è la Sicilia perchè si dovrebbero infastidire i siciliani negando il cappello cardinalizio alla sede più importante dell'Isola?
    Già fu fatto un imperdonabile errore togliendo l'antichissima sede Metropolitana all'Arcidiocesi di Monreale, speriamo che non ne facciano altri ...
    Se si debbono ridurre le sedi cardinalizie in Italia che le forbici colpiscano anche il Nord e non il Sud fin troppo penalizzato dall'avversa storia post unitaria !
    Il Sud è fatto soprattutto di storia e di tradizioni, la maggior parte delle quali sono vive e vegete, i fedeli del Sud ancora sono contenti, a differenza del nord, delle loro radici e dei privilegi antichi , alcuni dei quali di antichissima origine.
    Se governate bene le popolazioni del sud, assai generose nei confronti della Chiesa, potrebbero essere vessillifere di nuovi corsi ecclesiali legati alla tradizione !

    RispondiElimina
  64. bisogna prima capire che cosa intende lei per "ala conservatrice".

    RispondiElimina
  65. Andrea Carradori1 ottobre 2010 15:25

    Non lo so ma mi piace leggere spesso gli articoli su Una fides soprattutto quelli del Dott. Francesco Agnoli.

    RispondiElimina
  66. DANTE PASTORELLI1 ottobre 2010 15:37

    CANTORE, la competenza di queste nomine è esclusivamente del Papa. Su questo non c'è niente da dir da parte nostra. Faccia lui. Spero che si consigli con persone a buon motivo fidate. Le scelte potranno esser discusse, perché non impegnano l'infallibilità.

    RispondiElimina
  67. Redazione di Messainlatino.it1 ottobre 2010 15:40

    Personalmente non lo so.

    Francesco

    RispondiElimina
  68. Redazione di Messainlatino.it1 ottobre 2010 15:41

    Direi di sì.

    Francesco

    RispondiElimina
  69. DANTE PASTORELLI1 ottobre 2010 15:41

    Conidivido. Don Morselli si è espresso con grande correttezza.

    RispondiElimina
  70. DANTE PASTORELLI1 ottobre 2010 15:44

    Gradualmentre, grazie anche a sorella morte e all'età, il numero degli elettori scenderebbe.

    RispondiElimina
  71. DANTE PASTORELLI1 ottobre 2010 15:46

    Per me sarebbe un'opera di sano realismo, cioè presa di coscienza della realtà.

    RispondiElimina
  72. Eccone un altro che vuole insegnare il mestiere al Papa, indicandogli addirittura quali suoi atti potrebbero essere peccato mortale. Mai nick name è stato più appropriato: ma mi faccia il piacere!!? 

    RispondiElimina
  73. Caro professore, s'è dimenticato l'arcivescovo di Cagliari!!?

    RispondiElimina
  74. Redazione di Messainlatino.it1 ottobre 2010 16:11

    Io sì. Ma quel segreto è chiuso in me e il nome lor nessun saprà...
    Enrico

    RispondiElimina
  75. Redazione di Messainlatino.it1 ottobre 2010 16:17

    Mmm... prevedo ritorsioni in sede d'esame (in materia 'scolastica') per il buon Cajetan...
    Enrico

    RispondiElimina
  76. Redazione di Messainlatino.it1 ottobre 2010 16:20

    In effetti don Morselli la pensa precisamente come il secondo "ospite", che per errore l'attacca: basta rileggere il suo intervento in risposta al primo ospite che invita a tacere e pregare.
    I guasti del fuoco amico.
    Enrico

    RispondiElimina
  77. Redazione di Messainlatino.it1 ottobre 2010 16:25

    Ma Andrea, nessuno dice di declassare la sede palermitana. Si tratta di attendere ancora un tre anni, pensionare l'attuale e nominare un nuovo arcivescovo cui dare subito la berretta
    Enrico

    RispondiElimina
  78. Redazione di Messainlatino.it1 ottobre 2010 16:28

    Già. In questo momento i più accaniti conservatori dello status quo sono i neoterici conciliaristi.
    Enrico

    RispondiElimina
  79. ospite (che chiede scusa a Don Morselli)1 ottobre 2010 16:42

    Chiedo scusa per il fraintendimento, non avevo capito che anche Don Morselli spera che Romeo non sia nominato Cardinale.

    <span>questo per corretteza è quel che ho scritto e che rettifico in relazione all'errato destinatario che evidentemente non piò essere Don Morselli, ma l'altro ospite:  </span>
    <span></span>
    <span> non ci faccia la  morale della preghiera che conosciamo e cerchiamo d'applicare come possiamo. La necessità della preghiera non toglie nulla alla necessità di nominare con prudenza gli uomini.  
     
    E' un peccato mortale nominare qualcuno conosciuto per indegno ad un posto di grande importanza. E' un'imprudenza in materia grave, come lo è tapparsi gli occhi davanti alla realtà e agire insensatamente perchè tanto poi ci pensa la Provvidenza. Un re non governa sperando nei miracoli, ma agendo saggiamente. Poi i miracoli si possono chiedere e anche ottenere....chissà.....  
     
    Si ricordi della scrittura: "se qualcuno vi chiede del pane, dategli del pane. non ditegli:pregate"....troppo comodo!  
     
    NON STRUMENTALIZZATE LA PREGHIERA per non rispondere e per non prendere posizione!  
     
    CON L'IPOCRISIA QUASI DISGUSTATE LA GENTE DALLA PREGHIERA (che non è un modo di non prendere posizione.....)</span>

    RispondiElimina
  80. ospite (che chiede scusa a Don Morselli)1 ottobre 2010 16:45

    Chiedo scusa, non avevo afferrato che Don Morselli fosse con noi d'accordo sull'inopportumità di dare la porpora a Romeo.Avevo frainteso.

    Me ne scuso e chiedo perdono

    RispondiElimina
  81. Christus Spes Mea1 ottobre 2010 17:23

    Propongo Mons. Filoni Nunzio Apostolico al Polo Nord!

    RispondiElimina
  82. E un giorno eleggeranno il futuro Papa!

    RispondiElimina
  83. <span>"Se anche questa volta il galero dovesse sfuggirgli, significherebbe che Benedetto fa davvero sul serio."
    Scrive Enrico.E se non dovesse sfuggirgli, che cosa significherebbe?
    </span>

    RispondiElimina
  84. Padre Ercole Migliavacca1 ottobre 2010 18:55

    Non un Papa che se ne vada dopo un mese ma un papa come Albino Luciani che governi la Chiesa così come Egli avrebbe fatto rinnovandola sin dalle fondamenta.
    Ricordiamo anche le parole del Card. Benelli: "E' vero che lo Spirito Santo opera in conclave ma.. bisogna che i Cardinali gli diano una buona mano"
    Questo anche per rispondere alla gentile LDCaterina63, che pare in disaccordo con me. Assicuro che non avevo la più pallida intenzione di offendere la Divina Provvidenza!!

    RispondiElimina
  85. Una sede cardinalizia per il Sud (Napoli) è più che sufficiente. Il Nord Italia ha, alle spalle, una gloriosa e millenaria storia di città-stato che ha dato origine alla civiltà comunale, all'Umanesimo e al Rinascimento e che il Sud non ha. Inoltre, se devo essere onesto, la religiosità meridionale è spesso piagnona e superstiziosa e non ha quella profondità spirituale che caratterizza, invece, il Nord Italia, il quale, non a caso, ha dato molteplici Papi negli ultimi secoli.

    RispondiElimina
  86. Temo che a noi tradizionali si prepari l'ennesima doccia fredda: Romeo cardinale e Ranjith dimenticato. D'altra parte, pareva che Ratzinger papa i neocat e il loro mons. Cordes non avrebbero avuto vita facile, e invece i primi approvati e il secondo porporato.

    RispondiElimina
  87. Dove sarà Arguello a farsi baciar la mano dal neo cardinale?

    RispondiElimina
  88. Non conterei tanto su novembre, quanto su febbraio prossimo per il Concistoro. Per quanto riguarda Mons. Romeo, sarà Cardinale a Palermo per essere sostituito al termine del 75° anno da Mons. Calogero La Piana SDB, attuale Vescovo di Messina.

    RispondiElimina
  89. DANTE PASTORELLI1 ottobre 2010 23:30

    L'ho taciuto di proposito perché toscano.

    RispondiElimina
  90. DANTE PASTORELLI1 ottobre 2010 23:39

    Senz'altro lo Spirito Santo opera, ma non è detto che tutti i cardinali ne seguano il soffio.
    Quanto a G.P.I  non credo che si possano esprimer molti giudizi fondati. Come sarebbe stato il suo pontificato chi lo può dire?

    RispondiElimina
  91. DANTE PASTORELLI1 ottobre 2010 23:43

    Io non capisco tutto questo lustro derivante da una nomina cardinalizia. Firenze era Firenze anche quando i suoi vescovi non eran cardinali. La "tradizione" cardinalizia è recente.

    RispondiElimina
  92. DANTE PASTORELLI1 ottobre 2010 23:46

    Ullallà! Dio Po e cardinali.

    RispondiElimina
  93. Nobis quoque peccatoribus2 ottobre 2010 02:01

    I Vespri siciliani...

    RispondiElimina
  94. Per cortesia, il superenalotto è una cosa seria ! Cerchiamo di non mischiare il sacro col profano! Grazie

    RispondiElimina
  95. Anche io vorrei convertirmi. Per il bene della mia anima domando umilmente a Sua Santità di impormi il sacro galero !

    RispondiElimina
  96. Don Cristiano, ma che c....o dici?

    RispondiElimina
  97. Il Papato sta vivendo la sua seconda cattività, la "cattività modernista".

    RispondiElimina
  98. A Palermo, come altrove, ci vorrebbe....................Torquemada!

    RispondiElimina
  99. Infatti sono stati i "civilissimi" piemontesi ad invadere lo Stato Pontificio ed a farsi scomunicare.

    RispondiElimina
  100. Avevamo già il cattorazzista, ci mancava il cattoleghista. Come mai non ha proposto di sostituire la Croce  col sole celtico ed il rosso porpora col verde lega?

    RispondiElimina
  101. egr. ospite,
    chi la autorizza a dare (tranciare) questo giudizio massificante, estremamente superficiale, nonchè palesemente razzista ? su quali argomenti inconfutabili si fonda ?
    In verità esso appare equivalente alle note becere definizioni del tipo: "i meridionali sono tutti ignoranti, terroni, primitivi".... e dunque incapaci di vita intellettuale e/o culturale e spirituale"  ?
    Dal suo ragionamento si dovrebbe anche evincere che Cristo non ama farsi conoscere a sud di una certa latitudine d'Italia, e che da quel parallelo, da lei determinato, opite nordico, NON  SIANO mai nati e cresciuti Santi, nè mai potrà fiorire la santità !
    Dunque: a <span>Nord tutti profondi, colti e intelligenti,</span> e -dunque- spirituali e idoei alla santità;
    a Sud tutti negati alle realtà soprannaturali  !
    Chi nasce "a Sud del ***parallelo" NON CONOSCERA' mai il Signore Gesù Cristo !
    Questo giudizio, egr. Ospite, le è stato suggerito direttamente dallo Spirito Santo ?
    se è così, me lo spieghi più dettagliatamente : e con profondità di dottrina, come lei dice di possedere, per cortesia.
    GRAZIE.

    RispondiElimina
  102. <span>egr. ospite,  
    chi la autorizza a dare (tranciare) questo giudizio massificante, estremamente superficiale, nonchè palesemente razzista ? su quali argomenti inconfutabili si fonda ?  
    In verità esso appare equivalente alle note becere definizioni del tipo: "i meridionali sono tutti ignoranti, terroni, primitivi".... e dunque incapaci di vita intellettuale e/o culturale e spirituale"  ?  
    Dal suo ragionamento si dovrebbe anche evincere che Cristo non ama farsi conoscere a sud di una certa latitudine d'Italia, e che da quel parallelo in giù, da lei determinato, opite nordico, NON  SIANO mai nati e cresciuti Santi, nè mai potrà fiorire la santità !  
    Dunque: a <span>Nord tutti profondi, colti e intelligenti,</span> e -dunque- spirituali e idoei alla santità;  
    a Sud tutti negati alle realtà soprannaturali  !  
    Chi nasce "a Sud del ***parallelo" NON CONOSCERA' mai il Signore Gesù Cristo !  
    Questo giudizio, egr. Ospite, le è stato suggerito direttamente dallo Spirito Santo ?  
    se è così, me lo spieghi più dettagliatamente : e con profondità di dottrina, come lei dice di possedere, per cortesia.  
    GRAZIE.</span>

    RispondiElimina
  103. <span><span>egr. ospite,    
    chi la autorizza a dare (tranciare) questo giudizio massificante, estremamente superficiale, nonchè palesemente razzista ? su quali argomenti inconfutabili si fonda ?    
    In verità esso appare equivalente alle note becere definizioni del tipo: "i meridionali sono tutti ignoranti, terroni, primitivi".... e dunque incapaci di vita intellettuale e/o culturale e spirituale"  ?    
    Dal suo ragionamento si dovrebbe anche evincere che Cristo non ama farsi conoscere a sud di una certa latitudine d'Italia, e che da quel parallelo in giù, da lei determinato, opite nordico, NON  SIANO mai nati e cresciuti Santi, nè mai potrà fiorire la santità !    
    Dunque: a <span>Nord tutti profondi, colti e intelligenti,</span> e -dunque- spirituali e idonei alla santità;    
    a Sud tutti negati alle realtà soprannaturali  !    
    Chi nasce "a Sud del ***parallelo" NON CONOSCERA' mai il Signore Gesù Cristo !    
    Questo giudizio, egr. Ospite, le è stato suggerito direttamente dallo Spirito Santo ?    
    se è così, me lo spieghi più dettagliatamente : e con profondità di dottrina, come lei dice di possedere, per cortesia.    
    GRAZIE.</span></span>

    RispondiElimina
  104. secondo il grande intellettuale nordico ospite, dotato di profonda spiritualità, OVVIAMENTE, anche San Padre Pio è un piagnone superstizioso, senza alcuna profondità di Fede e vita spirituale, non è vero ?
    e così dicasi per tutti i Santi e Beati che si venerano dal.... (?.....da quale fiume, mi dica, ospite? dal Tronto? dal Sangro ?   dal trigno ?   oppure dal Po ?....) fino alla Sicilia:
    TUTTI I SANTI che nella storia della Chiesa sono nati e vissuti in 1/3 (o metà? o 2/3?) dell'Italia non sono altro che persone piagnone, superficiali e superstiziose: perchè la religiosità di quella ampia parte dell'Italia che in delimitazioni diverse molti chiamano "SUD" non è altro che superficiale, piagnona e superstiziosa !
    Viva il NORD, che <span>per definizione</span> fa tutti buoni coloro che vi nascono  !

    RispondiElimina
  105. <span>secondo il grande intellettuale nordico ospite, dotato di profonda spiritualità, OVVIAMENTE, anche San Padre Pio è un piagnone superstizioso, senza alcuna profondità di Fede e vita spirituale, non è vero ?  
    e così dicasi per tutti i Santi e Beati che si venerano dal.... (?.....da quale fiume, mi dica, ospite? dal Tronto? dal Sangro ?   dal Trigno ?   oppure dal Po ?....) fino alla Sicilia:  
    TUTTI I SANTI che nella storia della Chiesa sono nati e vissuti in 1/3 (o metà? o 2/3?) dell'Italia non sono altro che persone piagnone, superficiali e superstiziose: perchè la religiosità di quella ampia parte dell'Italia che in delimitazioni diverse molti chiamano "SUD" non è altro che superficiale, piagnona e superstiziosa !  
    Viva il NORD, che <span>per definizione</span> fa tutti buoni e "profondamente religiosi" e santi coloro che vi nascono  !</span>

    RispondiElimina
  106. Erano proprio i leghisti,  anni fa, che volevano l'indipendenza della "Chiesa padana"  da quella romana.  L'ignoranza   di queste persone  per quel che concerne le questioni religiose è un fatto conclamato.  Che poi al sud ci sia molta superstizione ed ignoranza  è pure vero, ma non credo manchino in una certa misura neppure al nord. Ho l'impressione che per certi partiti( forse tutti), sia  nel Meridione quanto nel Settentrione,  la religione sia solo un pretesto per ammantare di una qualche pseudo-sacralità le proprie ideologie ed irretire le menti meno acute.  Purtroppo però, anche se forse non è sincera la fede cattolica ostentata da taluni, è solitamente più autentica quella non espressa a parole ma nei fatti, ovvero la fede nel dio denaro. Ma non temete, cari cattolici apostolici padani, potete tranquillamente secedere da Roma e farvi una vostra Chiesa. Potrete anche scegliere di venerare solo i santi nordici; i vostri preti potranno portare delle sottane verdi  e  battezzare i vostri pargoli immergendoli nelle sacre acque del dio Po. Potrete fare tutto questo e tanto altro perché  verrà il giorno in cui Roma vi chiederà perdono per le incomprensioni del passato e vi riaccoglierà a braccia aperte, permettendovi di conservare le vostre nobili ed antiche tradizioni spirituali e liturgiche.

    RispondiElimina
  107. Ospite più che leghista sembra essere uno dell'Azione Cattolica! Moralismo a go go!
    MD

    RispondiElimina
  108. Così come non deve essere scontata per nessun vescovo la porpora, non dovrebbe essere altrettanto scontato che ad una determinata sede vescovile venga assegnato un vescovo proveniente dalla  medesima area geografica.   Il prossimo arcivescovo di Palermo non deve necessariamente provenire dalla Sicilia o da altre regioni del Sud. Il papa può mandare chiunque, basta che lo reputi degno di tale incarico. I campanilismi, i regionalismi ed i nazionalismi, non fanno bene alla Chiesa e sono contrari al Vangelo. Se i meridionali non vogliono essere vittima del razzismo, devono essere loro, per primi, a dare dimostrazione di apertura mentale.

    RispondiElimina
  109. <span>Così come non deve essere scontata per nessun vescovo la porpora, non dovrebbe essere altrettanto scontato che ad una determinata sede vescovile venga assegnato un vescovo proveniente dalla  medesima area geografica.   Il prossimo arcivescovo di Palermo non deve necessariamente provenire dalla Sicilia o da altre regioni del Sud. Il papa può mandare chiunque, basta che lo reputi degno di tale incarico. I campanilismi, i regionalismi ed i nazionalismi, non fanno bene alla Chiesa e sono contrari al Vangelo. Se i meridionali non vogliono essere vittima del razzismo devono essere loro, per primi, a dare dimostrazione di apertura mentale.</span>

    RispondiElimina
  110. .....Che ci sta prendendo per il....

    RispondiElimina
  111. Redazione di Messainlatino.it2 ottobre 2010 09:54

    Cristo si è fermato a... Massa Carrara?
    Evidentemente, per il nostro ospite San Pio da Pietralcina era imbevuto di "religiosità meridionale piagnona e superstiziosa", senza  quella "profondità spirituale" che caratterizza il Nord e i papi che ha espresso.
    Enrico

    RispondiElimina
  112. L'ospite trolleggia. Non coglierei l'occasione per dare la stura ai soliti diverbi tra polentoni e terroni.

    RispondiElimina
  113. Se la nomina del Rom va a segno, più che altro sarà il crepuscolo siciliano. E romano...

    RispondiElimina
  114. Nobis quoque peccatoribus2 ottobre 2010 12:16

    die Roemendaemmerung

    RispondiElimina
  115. Redazione di Messainlatino.it2 ottobre 2010 12:59

    Già. Ma anziché con sottofondo wagneriano, con le lagne dei Gen-Gen
    Enrico

    RispondiElimina
  116. DANTE PASTORELLI2 ottobre 2010 13:24

    Forse staresti meglio in una non sacra galera.

    RispondiElimina
  117. DANTE PASTORELLI2 ottobre 2010 13:27

    Filoni eletto?

    RispondiElimina
  118. DANTE PASTORELLI2 ottobre 2010 13:30

    Chi lo elegge se ne assume la responsabilità. Non mi si venga poi a parlar di papa assediato.

    RispondiElimina
  119. DANTE PASTORELLI2 ottobre 2010 13:34

    Ho letto recenti reportages che affermano superiore nel centro e nel nord il ricorso a maghi e astrologi.

    RispondiElimina
  120. E tu in un armadio di sacrestia :-D

    RispondiElimina
  121. Già! A causa dell'immigrazione .... :-D :-D :-D :-D :-D :-D :-D
    MD
    PS per coloro che di solito si stracciano le vesti è una battuta!

    RispondiElimina
  122. In media ne muoiono otto all'anno... sorella morte dovrà fare gli straordinari...

    RispondiElimina
  123. Sì, però se sarà cardinale, sarà anche papabile!

    RispondiElimina
  124. Anche Vingt-Trois dovette aspettare; poi si oppose al motu proprio Summorum pontificum e venne punito con la porpora.

    RispondiElimina
  125. Redazione di Messainlatino.it2 ottobre 2010 18:40

    Ma non auguriamoci la morte di nessuno...

    Francesco

    RispondiElimina
  126. Allora per don Camillo, che identifica il Sommo Pontefice con una sigla da "vitamina" almeno il "monsignorato" è garantito!

    RispondiElimina
  127. Caro ovvero, probabilmente l'ospite cattoleghista sarà figlio o nipote di emigranti borbonici, e lo dico da meridionalissimo. Pensa che quì in Sardegna è pieno di persone che disprezzano i senegalesi, dimenticando che cinquant'anni fa a Torino i bar vietavano l'ingresso a cani, negri e sardi. Ma si sà che la definizione più esatta di "oppresso" è: colui che, appena può, diventa oppressore. Detto questo ti prego: San Pio da Pietrelcina, non San Padre Pio. Altrimenti lunedì non festeggeremo San Francesco d'Assisi ma San Diacono Francesco, ti pare? Scusami per la pedanteria!

    RispondiElimina
  128. Posso dire, al termine di tutta questa discussione, di come sia stato censurato ingiustamente proprio io che sono un moderato... dicendo peraltro cose che pensano tutti.
    Che miseria, che tristezza. Ho letto certe scemenze qui dentro che offendono la dignità dell'intelletto umano: discorsi del tipo "il papa deve concedere la porpora perché Palermo non meriterebbe di essere sguarnita come sede cardinalizia".
    Sapete qual è il mio auspicio? Ascoltare la rosa dei "papabili" e non sentire l'infausto nome pronunciato, allora sì che saranno risate, e grasse...
    Ma tanto è solo una pia illusione.
    Ditemi, peraltro, se vi secca tanto che stia qui a commentare, proprio io che ho dato il materiale per uno dei post che ha raccolto più commenti in assoluto, il famoso "bordello laterano", diffuso in tutto il mondo attraverso i principali mezzi di comunicazione. Che amarezza.

    RispondiElimina
  129. Redazione di Messainlatino.it3 ottobre 2010 20:49

    La censura non è stata ingiusta, perché il commento conteneva termini offensivi.
    La tua presenza non ci secca affatto, anzi è benvenuta, fin tanto che decidi di non usare un linguaggio inappropriato.
    Ma tutte queste cose le sai benissimo.

    Francesco

    RispondiElimina
  130. Rosario Di Paola7 ottobre 2010 21:41

    Non condivido affatto alcune affermazioni, purtroppo anche di consacrati, riguardo all'arc. Paolo Romeo.

    Questo astio nei confronti, non dico di un Vescovo, ma di un cristiano la dice molto lunga riguardo alla carità evangelica che si deve ad ogni persona.

    Secondo il vostro metro, quello ciò dell'olio di ricino a chi la pensa diversamente, che succede se il prossimo Papa non è un tradizionalista?

    Mette alla berlina tutti i vescovi tradizionalisti?

    A mio avviso, far trapelare all'opinione pubblica una "politica" della ritorsione attuata dal Papa è squalificante e fuorviante nello stesso tempo.

    Che messaggio diamo a chi legge?

    Che un Papa punisce un arcivescovo perchè non  è tradizionalista?

    Riguardo alla presunta dissubbedienza di Romeo al Papa per il famoso ripristino del "Vetus ordo", anche questa è una bufala.

    Mons. Romeo espresse pubblicamente il suo pensiero, lo motivò ma da subito obbedì e ancora oggi applica le disposizioni del Papa: a Palermo, vi sono parrocchie che stabilmente celebrano una messa nel V.O.

    Dissentire è un reato? O un peccato?

    Mons. Romeo ha attuato in pieno le dispozioni del Papa verificando tutte le condizioni chieste nel "Summorum" per evitare gli abusi o le richieste sentimentalistiche.

    I risultati, comunque, sono l'immensa folla che il 3 ottobre ha accolto il Papa a Palermo.

    Se mons. Paolo Romeo e i palermitani avesssero avuto un astio non avrebbe accolto il Papa come l'hanno accolto: un apoteosi dal punto di vista pastorale e umano.

    Spero che a mons. Paolo Romeo venga data la berretta cardinalizia come collaboratore del Papa e in onore al glorioso popolo siciliano.

    E credo proprio che al prossimo concistoro questo avverrà.

    Se non avverrà... sia gloria a Dio ugualmente.

    Accolito Rosario Di Paola - Bagheria (Pa)

    RispondiElimina
  131. Rosario Di Paola24 ottobre 2010 23:15

    Sia gloria a Dio per il cardinalato di mons. Paolo Romeo.

    Accolito Rosario Di Paola - Bagheria (Pa) 

    RispondiElimina
  132. Rosario De Santis7 novembre 2010 11:53

    Ma e' possibile che ancora oggi 2010 si discute su problemi relativi a toto-cardinali e altre sciocchezze/ Non vi pare forse che la Chiesa abbia altre rogne da cui scrollarsi?/ Intanto Mons ROMEO e' diventato alla faccia dei tanti CARDINALE/ il Papa lo doveva quasi nobbligatoriamente fare. La augusta sede palermitana e' storicamente SEDE CARDINALIZIA e non poteva essere di certo Benedetto XVI a darsi la classica "zappa sui piedi". Auguro alla Chiesa Cattolica una piu' luminosa strada ed una piu' mite posizione. Bene dunque ha fatto Benedetto XVI ad anteporre a facili strumentalizzazioine l'elezione di Mons PAOLO ROMEO. Auguri EMINENZA

    RispondiElimina
  133. Quando andai a trovare a Roma monsignor ENRICO BARTOLETTI  Segretario Generale della C.E.I., il TRAGHETTATORE della Chiesa in Italia dopo il CONCILIO e grande amico di PAOLO VI (andai, come lui mi aveva detto di fare con la sua lettera 1° Novembre 1974 e già pubblicata anche su FACEBOOK), ad un certo punto della discussione, quasi un po' risentito, così mi disse dopo aver fatto un breve accenno alla sua amicizia con papa Montini che mi coinvolgeva fin dalla data in cui, per il Natale dell'alluvione, Paolo VI era venuto a Firenze.
    "Qui, il Direttivo della C.E.I. darebbe cento volte la vita per Cristo e inoltre è disposto ad ascoltare. Cosa si può volere di più!!!!".  Si trattava per lui di volere una Chiesa PROFETICA e POVERA. Morto PAOLO VI fu fatto papa l'amatissimo e stimatissimo monsignor Albino Luciani del direttivo della C.E.I. Poi Luciani morì ed allora, per non eleggere un'altro papa del direttivo della C.E.I.,  alcuni (Mons. Benelli già contrario alla Legge sul divorzio e il Cardinale di Vienna?) furono costretti a puntare su un papa straniero: e fu la fine dell'indirizzo profetico bartolettiano. Credo che papa Ratzinger senta un po' la nostalgia dei valori tanto amati dal Bartoletti, dal suo allievo mons. Albino Luciani, e da una certa fetta dei Padri conciliari.
    Per me le cose stanno così. Speriamo che col presente Concistoro si ritorni a quei tempi.
    Con un saluto.
    Giovangualberto Ceri

    RispondiElimina

L'inserimento senza moderazione dei commenti è limitato ai soli post usciti nella medesima giornata di inserimento e nel giorno precedente. Per i post più vecchi, i commenti saranno sottoposti a moderazione.
Qualora fosse attiva la moderazione, possono passare anche alcuni giorni prima del controllo da parte della Redazione.