venerdì 27 agosto 2010

Il Card. Siri e l'ottavo vizio



Pubblichiamo una riflessione, apparsa anche su Libertà e persona, che l'Autore Lorenzo B. cortesemente ci invia per condividerla.


E’ da un po’ di tempo che sono persuaso del fatto che l’ottavo vizio capitale sia la superficialità. Nel 1984 il Card. Siri scriveva una lettera al suo clero - “e, se è possibile, anche al mondo” - dove finalmente ho trovato risposta precisa alla mia convinzione. Siri parla di “distrazione” per definire una mente che appunto si distrae dalle cose essenziali, per dirigersi verso quelle effimere, casuali, variabili e inconsistenti. Così l’ottavo vizio – la superficialità – trova la sua forma, ossia un continuo rivolgersi a questo e a quello senza mai approfondire, senza andare oltre alla prima sensazione, arrancando allegramente tra le cose del mondo.
Il Cardinale parlava di una “continua cinematografia” che “spinge a fare castelli (anche in aria), a moltiplicare voglie, pseudoideali, tifo, e dà la spinta a movimenti dello spirito in tutte le direzioni.” Chissà cosa direbbe oggi se potesse valutare come la “cinematografia” sia divenuta quasi uno status che riguarda ogni aspetto della vita sociale: la politica, il tran-tran famigliare, perfino certe manifestazioni ecclesiastiche. Se già nel 1984 le cause generanti la “distrazione” sono “in atto da mane a sera”, cosa direbbe oggi con l’esplosione del mondo della comunicazione attraverso la rivoluzione del web, la Tv via satellite, via cavo, I-phone e compagnia? Non solo - come egli notava 15 anni fa – abbiamo adunanze per ogni banalità, sport a tutte le ore, settimane bianche e ferie pasquali come must, ma oggi tutto ciò viene vissuto in un vero e proprio “villaggio globale”, dove si può sapere tutto di tutti e in ogni momento, live. D’altra parte lo aveva in qualche modo profetizzato dicendo che “in avvenire automatismo, informatica, computers avranno il potere, perché sono in grado di fornire all’uomo più tempo vuoto dal lavoro”. Senza voler scomodare la saggezza popolare che dice dell’ozio padre dei vizi, appare chiaro che dosi massicce di “tempo libero” siano facilmente assalite da tutti coloro che vogliono farne “business” e così si entra nel regno dei guru del marketing dove si parla non tanto alla ragione, quanto all’istinto.
Una canzonetta di qualche anno fa parlava proprio di un “battito animale” come “istinto naturale”, che non “smette di picchiare fino a quando non sarà il tuo battito normale” (Il battito animale – Raf); questo mi pare un ottimo manifesto per questa cultura della distrazione che d’altra parte il mondo dello spettacolo coltiva da tempo con molta cura. Oggi come non mai.
La superficialità attacca inesorabilmente la libertà, la capacità di far interagire volontà con ragione nel momento in cui si fa qualcosa, quella virtù della prudenza che nessuno sa più cosa sia. L’istinto non ha più nessun metro di misura, se non se stesso; per dirla con il Siri “la distrazione diminuisce la attenzione, la riflessione, la diligenza e per tale motivo può arrivare a diminuire il cosiddetto «volontario» diminuendo responsabilità e imputabilità”.
Con un impeto di spirito evangelico qui il grande Cardinale di Genova sottolineava proprio questa diminuzione di responsabilità per poter “abbassare il livello di condanna dei nostri fratelli”, aggiungendo tuttavia che non è facile “dire se questo accada molte o poche volte.”
E’ il trionfo della superficialità.
Risulta però fulminante la considerazione di Siri circa il fatto che “Dio ha disposto le cose per bene, cerchio familiare, lavoro, culto del Signore, preghiera, riposo, socievolezza, giusto svago, proprio perché gli uomini non dovessero perpetuamente vivere in una dolorosa distrazione. Tutte queste cose sono state insozzate”.
Purtroppo si è giunti a tanto perché manca la “prospettiva del silenzio”, la capacità di restare “cor ad cor” – come diceva l’ormai Beato Card. Newman – con il Creatore, con colui che permette veramente di concentrare tutto l’agire sulle cose che contano e non passano. C’è un luogo in cui il silenzio interiore può venire educato: la liturgia, lì dove il Sacro si materializza e lo si può davvero toccare con mano. Forse l’azione dell’ottavo vizio è partita proprio da qui, da quella liturgia cattolica che è sicuramente la peggior nemica di ogni “distrazione”, chissà che proprio da qui non possa ricominciare quel riappropriarsi del sacro di cui tutti noi - troppo distratti - sentiamo un profondo bisogno.

14 commenti:

  1. ............ho....46 anni..........da ragazzino andavo con mia nonna alla domenica ai vesperi....con i salmi.....che alla fine terminavano con un bellissimo canto...Magnificat.....ma il piu' bel ricordo rimasto....a Natale...mentre il coro cantava il Magnificat...il prete con tutto il suo seguito incensava e benediva tutti gli altari...laterali.....ora son spariti i salmi...i vesperi....grazie alla pigrizia e la superficialita' dei preti!!!! Mi spiace dirlo....non ho mai visto il nostro parroco dopo la Santa Messa a fermarsi e adorare in silenzio il Signore!!!! Ma corre in ufficio...perche' i fedeli prenotano le messe per i defunti...si e' lodato che la nostra parrocchia dalle 800 messe e' passata a 1000 messe annuali....considerando che da noi in Istria...le messe hanno un prezzo stabilito!!!!UN bel businees...visto che il fedele non puo' fare l'offerta........tutto sommato....che tristezza in tutto...prevale Dio denaro!!!!!!!!!!!!!!!!

    RispondiElimina
  2. Ah! il Card. Siri...lui è stato veramente un Papa ...in rosso.
    L'ultimo Doge di Genova e con Joseph Ratzinger l' ultimo vero grande cardinale di Santa Romana Chiesa...
    Preghiamo perché presto si addivenga alla sua beatificazione!

    RispondiElimina
  3. BELLO QUESTO COMMENTO DI SIRI E LA RIFLESSIONE DI  Lorenzo B. in genere non mi piacciono i teologi tomisti, perché sono lontani dai padri della Chiesa, pieni di inutile filosofia, ma questo articolo è proprio bello (tranne per quel che riguarda il discorso sul lavoro: da quando lavoro di meno ho più tempo per studiare i padri della Chiesa). I miei complimenti alla redazione,  una volta tanto avete pubblicato qualcosa che valga la pena di leggere.
    Perché non provate a proporre qualcos'altro di analogo ?
    Grazie
    Pippo Trolley

    RispondiElimina
  4. Che Gelida Manina28 agosto 2010 09:04

    La superficialità oggi è la criminalizzazione preventiva dell'uso di I-phone e internet.

    Ci sono tanti tradizionalisti che pensano essere Grande Spiritualità il disprezzare l'informatica, illudendosi che internet significhi solo donne nude, Facebook e ancora donne nude, e che perciò va proibitissimo nei loro seminari.

    RispondiElimina
  5. ? ? ? non comprendo... un vero ed autentico teologo tomista non può non citare i Padri della Chiesa...
    quanto al fatto che egli sia "pieno di filosofia"  non la definirei una cosa inutile giacchè la rovina del nostro tempo è anche  colpa di una certa filosofia modernista privata proprio del tomismo.... ;)

    RispondiElimina
  6. Bellissime riflessioni, un grazie alla Redazione!
    accanto all'ottavo vizio identificato nella SUPERFICIALITA', ci aggiungerei anche MEDIOCRITA'....

    Moltissime pastorali di questo tempo sono piene e zeppe di superficialità e MEDIOCRITA'... si preferisce una fede mediocre che non disturbi troppo il libero arbitrio del fedele...
    Il mediocre è colui che sta nel mezzo, che non si decide in una scelta che, nel nostro caso, possa condurre al martirio... o molto più cattolicamente ad essere quel segno di CONTRADDIZIONE che fa della Chiesa stessa quella istituzione che sta nel mondo, ma non è del mondo...
    Il "vivi e lascia vivere" o il "volemose bene" producono superficialità e mediocrità nelle azioni comportamentali della Chiesa stessa, sia dell'alto o piccolo prelato, quanto all'ultimo fedele....così come del teologo... e i frutti sono i "castelli in aria", un esempio? L'ATTIVISMO che impegna i preti a tal punto da non avere più il tempo per sostare in adorazione davanti al Santissimo, o per stare nel Confessionale... e i frutti? NIENTE VOCAZIONI....
    La stessa superficialità e mediocrità nel trattare argomenti scottanti come l'etica e la morale non fa altro che continuare a produrre coppie di divorziati-risposati.... e poichè a breve se continuiamo così, nelle nostre Parrocchie non ci saranno più tante persone a cui dare l'Eucarestia, ecco la superficiale soluzione: un condono, una amnestia e diamo la Comunione a tutti!!

    Davvero profetico questo passo:

    Con un impeto di spirito evangelico qui il grande Cardinale di Genova sottolineava proprio questa diminuzione di responsabilità per poter “abbassare il livello di condanna dei nostri fratelli”, aggiungendo tuttavia che non è facile “dire se questo accada molte o poche volte.
    Il Signore Gesù non ci chiese di essere superficiali e mediocri, ma nella chiamata ESIGE TUTTO, LA TOTALITA'.... senza dubbio tale scelta è difficile, ma è l'unica verità da difendere e portare avanti....o tutto o niente: san Padre Pio sapeva bene che avrebbe potuto servire il Signore anche senza le stimmate, della cui visibilità si vergognava perchè non si riteneva degno.... ma di fronte al Signore che gli chiedeva la totalità di quella missione, san padre Pio RAGIONEVOLMENTE si arrese in una obbedienza totale....

    Impariamo dai Santi a vincere la superficialità e la mediocrità della chiamata che immeritatamente abbiamo ricevuto!
    Santa Domenica a tutti!
    e chi è a Venezia e dintorni, rammenti che domani alle 11,00 abbiamo un appuntamento importante con il Superiore della FSSP...

    RispondiElimina
  7. Perdonate l'avviso, ma don Camillo e Areky hanno apportato importanti riflessioni A QUESTO THREAD più sotto, che sarebbe un peccato trascurare anche perchè ben si allacciano con questo argomento della superficialità....
    meditiamo....

    ;)

    RispondiElimina
  8. La filosofia tommasiana e il tomismo sono lo sforzo gigantesco  e unico di sistematizzazione del pensiero dei Padri, tanto che in San Tommaso d'Aquino, possiamo dire,  la patristica trova il suo completamento in modo realistico e non idealistico (Aristotele - Platone). La scuola tomistica nasce in difesa del pensiero dell'Angelico, altra cosa sono gli eclettici che molto devono a s. Tommaso, ma percorrono una riflessione tra Lui e Duns Scoto. Altra cosa  ancora le interpretazioni domenicane o suareziane, comunque gli intenti, possiamo dire sempre utili al rendere ragione della fede... Purtroppo questi tesori, oggi il mondo ecclesiastico,in larga parte, con tutto il resto ha buttato alle ortiche, nell'ottica dello spiritello della moderna pastorale.  

    RispondiElimina
  9. Quanto ad "attivismo", lei sembra non sia seconda a nessuno...

    RispondiElimina
  10. e le ricordo che lei specificava
    "sia dell'alto o piccolo prelato, quanto all'ultimo fedele"

    RispondiElimina
  11. Finalmente un Troll onesto...28 agosto 2010 12:06

    ... Che firma ! 

    RispondiElimina
  12. Basta con la SUPERFICIALITA'.

    Non fermiamoci alle apparenze, approfondiamo.

    Sprattutto prima di trinciare giudizi che alla lunga potrebbero rivelarsi 'politicamente scorretti'.

    Un esempio:

    http://www.tgcom.mediaset.it/mondo/articoli/articolo489335.shtml

    RispondiElimina
  13. Basta con la SUPERFICIALITA'.
     
    Non fermiamoci alle apparenze, approfondiamo.
     
    Un esempio:
     
    http://www.tgcom.mediaset.it/mondo/articoli/articolo489335.shtml

    RispondiElimina
  14. Il testo della lettera è per caso disponibile su Ineternet?

    RispondiElimina

L'inserimento senza moderazione dei commenti è limitato ai soli post usciti nella medesima giornata di inserimento e nel giorno precedente. Per i post più vecchi, i commenti saranno sottoposti a moderazione.
Qualora fosse attiva la moderazione, possono passare anche alcuni giorni prima del controllo da parte della Redazione.