sabato 21 novembre 2009

Un vescovo favorevole al motuproprio?

Con la nomina a vescovo ausiliare de L'Aquila, pubblicata sabato scorso, entra a far parte dell'episcopato italiano don Giovanni D'Ercole FDP. Il nuovo vescovo, volto noto dell'informazione cattolica italiana, si era distinto due anni fa nel pieno delle polemiche sul Summorum Pontificum, per un articolo molto equilibrato sull'argomento e tuttora leggibile dal sito degli amici di Giovani e Tradizione: clicca qui.



Nel contempo, in attesa della consacrazione episcopale che avverrà sabato 12 dicembre nella basilica vaticana, assicuriamo a mons. D'Ercole le più fervide preghiere per il ministero che si accinge a svolgere.

14 commenti:

  1. e' una nomina che sta scatenando un mare di polemiche improntate alle solite letture attraverso la lente della politica italiana. speriamo bene...

    RispondiElimina
  2. Polemiche? passeranno! La consacrazione episcopale invece non passerà. In eterno.

    RispondiElimina
  3. Faccio notare che la seconda foto dell'articolo della rivista orionina (la prima è quella , bellissima, di Don Orione che celebra la Messa di sempre) , il sacerdote che si vede di spalle è Don Gianni Baget Bozzo, una delle volte che ha avuto occasione di celebrare in rito antico nella chiesa di San Carlo in Genova. (Tuttora si celebra a San Carlo ogni domenica alle 11, e il trasferimento -nel 2006- da una piccola cappella seminascosta alla centrale e magnifica San Carlo, si deve al cardinal Bertone, poco prima che divenisse Segretario di Stato : Don Gianni -che per un certo periodo è stato sacerdote incaricato della Messa "dell'indulto"- vi ha così celebrato qualche volta.)

    RispondiElimina
  4. ad multos annos eccelenza

    RispondiElimina
  5. Si è rimessa in moto la macchina dello Spirtito Santo.....Vescovi e non omuncoli!
    Matteo Dellanoce

    RispondiElimina
  6. Non prendiamola come una vittoria: ognuno professa secondo la propria coscienza ma siamo tutti figli di Dio. (Intanto rallegriamoci per questa nomina!).

    RispondiElimina
  7. Questo commento è stato eliminato da un amministratore del blog.

    RispondiElimina
  8. Già Repubblica con il Card Martini e Rai 3 con il Card Tettamanzi, hanno inaugurato la stagione dell'ingerenza politica sinistrorsa a mezzo stampa sulla pastorale ufficiale della Chiesa. Ora L'Unità assolda "Pietro Micca" don Di Giacomo per colpire un obbiettivo "politico" forte: condizionare una parte di opinione pubblica cattolica per ottenere nomine curiali gradite ed utili nei posti che contano. Per fortuna non siamo più negli anni 60! BXVI è vaccinato contro queste cose. A proposito, ricordiamo a don Di Giacomo che l'Aquila non è Linz e che recentemente 498 religiosi spagnoli uccisi da suoi amici comunisti sono stati beatificati da BXVI.
    MAZZARINO DA ALMA PREX

    RispondiElimina
  9. Anonimo ha detto...

    Polemiche? passeranno! La consacrazione episcopale invece non passerà. In eterno.

    21 novembre 2009 13.33
    Se è valida ed efficace.

    21 novembre 2009 17.13
    Senza contare che don Giovanni d'ercole, avrà in comune con Mons. LEFEBVRE, il contatto con alcuni mistici.

    RispondiElimina
  10. Prima del terremoto a L'Aqulia la forma straordinaria era stata ignorata. Che cosa succederà adesso?

    RispondiElimina
  11. Che non sarà più ignorata e non ci saranno più terremoti? Mmmmm, la vedo dura. Ma speriamo l'una e l'altra cosa.

    RispondiElimina
  12. Per carità, non voglio nemmeno adombrare il sospetto che vi sia relazione tra la mancata concessione della forma straordinaria ed il terremoto ... Sta di fatto che a me, nell'estate del 2008, turista che dal Nord scendeva in Abruzzo, fu impossibile trovare una S. Messa tridentina. Un monsignore della cattedrale, interrogato da me al proposito, rispose con la solita manfrina melensa di se e di ma, da cui si capiva chiaramente che il Vescovo era decisamente contrario, senza celare un certo imbarazzo.
    Speriamo che ora le cose cambino in questa povera e martoriata terra: chi disprezza apertamente il rito santo della Tradizione certamente non muove forze benefiche!

    RispondiElimina
  13. DANTE PASTORELLI21 novembre 2009 20:31

    Non conosco il vescovo nominato se non per diversi suoi interventi televisivi.
    M'è sempre parso equilibrato, corretto, profondamente "cattolico", coraggioso nell'esporre senza infingimenti la dottrina della Chiesa.
    Preghiamo perché sia un buon vescovo.

    RispondiElimina
  14. Spero che il nuovo vescovo dell'Aquila abbia il coraggio di celebrare un Pontificale more antiquo come ha già fatto Mgr. Oliveri.

    RispondiElimina

L'inserimento senza moderazione dei commenti è limitato ai soli post usciti nella medesima giornata di inserimento e nel giorno precedente. Per i post più vecchi, i commenti saranno sottoposti a moderazione.
Qualora fosse attiva la moderazione, possono passare anche alcuni giorni prima del controllo da parte della Redazione.