Post in evidenza

La Messa proteiforme: a modest proposal. Risposta e proposta al Prof. Grillo

Il Prof. Grillo ha voluto gentilmente confrontarsi (v. qui ) con il nostro commento critico alla sua intervista (in cui, lo ricordiamo, el...

venerdì 5 luglio 2024

Quest’estate la Veglia per la pace liturgica si riunirà davanti alla Cathédrale Notre-Dame di Parigi per la 150ª settimana: ha bisogno del vostro aiuto!

Vi proponiamo – in nostra traduzione – la lettera numero 1062 pubblicata da Paix Liturgique il 3 luglio, in cui, attraverso l’intervista a Christian Marquant, si ripercorre la storia delle Veglie di preghiera che da quasi tre anni – ininterrottamente – si svolgono davanti agli uffici dell’Arcidiocesi di Parigi per chiedere la pace liturgica: una «azione orante e simbolica» che «continuerà finché la liturgia tradizionale sarà perseguitata a Parigi e altrove».

L.V.


Per partecipare, inviateci un messaggio a contact@veilleurs-paris.fr

Paix Liturgique: Può parlarci di questa iniziativa della Veglia?

Christian Marquant: È nata il 17 luglio 2021, all’indomani della promulgazione della lettera apostolica in forma di «motu proprio» Traditionis custodes sull’uso della liturgia romana anteriore alla riforma del 1970, che intendeva porre fine al ritorno alla pace liturgica all’interno della Chiesa romana di rito latino, così come era stata in parte ripristinata dalla saggia decisione di Papa Benedetto XVI, che il 7 luglio 2007 ha pubblicato la sua magnifica lettera apostolica «motu proprio data» Summorum Pontificum, che passerà alla storia della Chiesa come un grande momento di intelligenza e carità.

Paix Liturgique: Cosa significa?

Christian Marquant: La lettera apostolica «motu proprio data» Summorum Pontificum segna il desiderio di tornare alla pace liturgica. Quando guardiamo agli eventi riguardanti la liturgia dopo il Concilio Vaticano II, vediamo spesso con sgomento come le autorità abbiano alimentato i conflitti, come se cercassero di provocare rotture, «scismi», mentre erano loro ad allontanarsi dalla Tradizione. Le decisioni di Papa Benedetto XVI sono state un raro tentativo di risolvere pacificamente un problema prima che fosse troppo tardi. Affermando che la liturgia «straordinaria» era legittima e confermando che aveva il diritto di cittadinanza, l’obiettivo di fondo di Papa Benedetto XVI era quello di rimettere in carreggiata la liturgia «ordinaria».

Paix Liturgique: E contro il ritorno alla guerra liturgica da parte della lettera apostolica in forma di «motu proprio» Traditionis custodes sono nati i veglianti?

Christian Marquant: Assolutamente sì; non si trattava di «mostrare la nostra rabbia», come potremmo fare nel contesto della democrazia odierna, ma di testimoniare nella Chiesa di Cristo, attraverso la preghiera, il nostro rammarico per il fatto che la pace liturgica viene minata e di pregare per un ritorno alla carità.

Paix Liturgique: Come è nata questa iniziativa?

Christian Marquant: Semplicemente recitando un rosario davanti agli uffici della Nunziatura apostolica a Parigi.

Paix Liturgique: Eravate in molti?

Christian Marquant: Eravamo una decina… ma questa preghiera si è radicata ed è continuata per due anni.

Paix Liturgique: E poi si è fermata?

Christian Marquant: Per niente! Si è evoluta perché, a partire dal settembre 2021, ogni «mezzogiorno», ovvero tra le ore 13 e le ore 13:30, davanti alla casa diocesana dell’Arcivescovado di Parigi (rue du Cloître Notre-Dame, 10, di fatto all’ombra della Cathédrale Notre-Dame), si sono installate delle sentinelle, poiché mons. Michel Christian Alain Aupetit, seguito da mons. Laurent Bernard Marie Ulrich, aveva deciso di applicare con la scure le decisioni della lettera apostolica in forma di «motu proprio» Traditionis custodes, eliminando un numero significativo di Sante Messe tradizionali celebrate in pace dai sacerdoti diocesani e all’interno delle Parrocchie nei settori più modesti dell’Arcidiocesi di Parigi.

Paix Lturgique: Perché le Sante Messe tradizionali domenicali sono state abolite?

Christian Marquant: Certo! Non meno di sei Sante Messe tradizionali feriali e tre Sante Messe tradizionali domenicali sono state cancellate, e sei luoghi di culto sono stati cancellati dalla mappa. Ciò significa che l’Arcidiocesi di Parigi detiene il record mondiale di luoghi di culto chiusi a causa della lettera apostolica in forma di «motu proprio» Traditionis custodes! In particolare, sono scomparse la Santa Messa tradizionale del lunedì nella Basilique Sainte-Clotilde-et-Sainte-Valère (7º arrondissement Palais-Bourbon), la Santa Messa tradizionale del mercoledì per gli studenti nella Église Saint-François-Xavier (7º arrondissement Palais-Bourbon) e la Santa Messa tradizionale mensile della domenica pomeriggio per gli scout e le guide, tenuta da un sacerdote della Fraternità sacerdotale di San Pietro, la Santa Messa tradizionale del venerdì nella cappella del Monastère de la Visitation (14º arrondissement Observatoire), la Santa Messa tradizionale del mercoledì nella Église Notre-Dame-de-l’Assomption di Passy (16º arrondissement Passy), le Sante Messe tradizionali del mercoledì e del giovedì nella Église Saint-Georges di La Villette (19º arrondissement Buttes-Chaumont); la Santa Messa tradizionale della domenica mattina nella Église Saint-Georges di La Villette (19º arrondissement Buttes-Chaumont) e la Santa Messa tradizionale serale nella Église Notre-Dame-du-Travail (14º arrondissement Observatoire).

Paix Liturgique: Da allora, le vostre sentinelle recitano il Santo Rosario davanti agli uffici dell’Arcidiocesi di Parigi.

Christian Marquant: Esattamente; dal lunedì al venerdì per quasi 150 settimane.

Paix Liturgique: Senza interruzioni?

Christian Marquant: Senza interruzioni dal 1º gennaio al 31 dicembre per quasi tre anni.

Paix Liturgique: Difficile?

Christian Marquant: Non troppo difficile in generale… I momenti più difficili sono quando piove o fa freddo, ma anche durante i mesi estivi di luglio e agosto. Per questo chiedo aiuto a tutti coloro che leggono la nostra newsletter e che possono fare almeno una veglia durante l’estate.

Paix Liturgique: Cosa potrebbero fare?

Christian Marquant: Potrebbero inviare un messaggio a contact@veilleurs-paris.fr per coordinarsi con noi.

Paix Liturgique: Ma le vostre veglie provocano reazioni?

Christian Marquant: Certo, perché in questo luogo e a quest’ora del giorno va e viene il personale dell’Arcidiocesi di Parigi, naturalmente, ma anche quello della Questura e un gran numero di turisti, sia invernali che estivi.

Paix Liturgique: Le riservano un’accoglienza calorosa?

Christian Marquant: La maggior parte delle persone si stupisce nel vedere uno o più veglianti che recitano il Santo Rosario per strada, ma le critiche sono rare e si discute molto.

Paix Liturgique: Di che tipo?

Christian Marquant: Molte domande: chi siamo? Dove siamo? Cosa vogliamo?

Paix Liturgique: Qualche discussione?

Christian Marquant: La maggior parte di coloro che ci parlano sono persone moderne che non capiscono perché siamo perseguitati e che, anche se non condividono le nostre scelte, sono quasi sempre a favore della libertà dei fedeli.

Paix Liturgique: E alcuni sono d’accordo con voi?

Christian Marquant: Molto spesso. È molto commovente vedere un asiatico, un africano, una famiglia inglese o degli studenti polacchi che ci dimostrano la loro solidarietà, a volte partecipando con noi alla recita di una dozzina di Santi Rosari. Un giorno si è unito a noi anche un sacerdote.

Paix Liturgique: Avete intenzione di continuare?

Christian Marquant: La nostra azione è orante e simbolica… E se Dio vuole che siamo aiutati da persone di buona volontà, continuerà finché la liturgia tradizionale sarà perseguitata a Parigi e altrove. Per questo abbiamo bisogno di voi almeno una sera di questa estate – per iscrivervi, inviateci un messaggio a contact@veilleurs-paris.fr.

5 commenti:

  1. Nessun aiuto a chi strumentalizza in modo blasfemo una preghiera per protestare contro i legittimi pastori della Chiesa!

    RispondiElimina
  2. Il tempo si è fatto breve ,diceva S.Paolo ai Corinzi......

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Eppure, di secoli ne sono passati parecchi.

      Elimina
    2. e durante tutti quei secoli tanti eretici e tiranni che hanno perseguitato la Chiesa hanno tirato le cuoia.Di loro non resta nulla :silenzio e tenebra quando non un focherello....

      Elimina
    3. Mi sa che non hai capito il senso dell’intervento.

      Elimina