Post in evidenza

Intervista di MiL al prof. Andrea Grillo sulla liturgia tradizionale: "La Chiesa non è un club di notai o di avvocati"

Durante la Tre Giorni su don Primo Mazzolari (vedere foto sotto) che si tiene ogni anno in Diocesi di Cremona, a Bozzolo, il Vostro ha inco...

venerdì 31 maggio 2024

Subiaco (RM), da giovedì 25 a domenica 28 luglio: Università d’estate «Il mondo che verrà. Uno sguardo sul futuro»

Riceviamo dalla Fondazione Lepanto e condividiamo la notizia dell’Università d’estate.

L.V.

Da giovedì 25 a domenica 28 luglio 2024

Monastero di Santa Scolastica
(Subiaco - piazzale Santa Scolastica, 1)

Università d’estate della Fondazione Lepanto

Il mondo che verrà. Uno sguardo sul futuro

L’Università d’Estate della Fondazione Lepanto avrà quest’anno come tema: Il mondo che verrà. Uno sguardo sul futuro.
Il corso, tenuto da qualificati studiosi, si svolgerà dal pomeriggio di giovedì 25 luglio alla fine della mattinata di domenica 30 luglio e analizzerà, alla luce dei principi dell'ordine naturale e cristiano, i diversi scenari di carattere politico, sociale, culturale, religioso e morale che ci attendono nei prossimi anni.
Chi fosse interessato a partecipare può contattare la Fondazione Lepanto per ottenere le informazioni relative al programma e alle modalità di iscrizione (info@fondazionelepanto.org)

1 commento:

  1. Ragazzi, l'arcobaleno non ha alcuna origine biblica: esisteva miliardi di anni prima che fosse scritta la Bibbia, è un fenomeno ottico dovuto ai raggi solari che passano nelle goccioline d'acqua sospese nell'atmosfera; chi ha scritto quel racconto nella Bibbia aveva visto cosa succede dopo un temporale e ha pensato che dopo aver descritto il Diluvio ci stesse bene l'arcobaleno, ma non l'ha inventato lui, non è un oggetto di proprietà dei cristiani o degli ebrei. Se poi lasciaste liberi di commentare su fb senza bloccare chi vi ribatte qualcosa, non ci sarebbe bisogno di scrivere sotto post che non c'entrano con l'argomento.

    RispondiElimina

AVVISO AI LETTORI: Visto il continuo infiltrarsi di lettori "ostili" che si divertono solo a scrivere "insulti" e a fare polemiche inutili, AVVISIAMO CHE ORA NON SARANNO PIU' PUBBLICATI COMMENTI INFANTILI o PEDANTI. Continueremo certamente a pubblicare le critiche ma solo quelle serie, costruttive e rispettose.
La Redazione