Post in evidenza

Elenchi dei Vescovi (e non solo) pro e contro Fiducia Supplicans #fiduciasupplicans #fernández

Pubblichiamo due importanti elenchi. QUI  un elenco coi vescovi contrari, quelli favorevoli e quelli con riserve. QUI  un elenco su  WIKIPED...

mercoledì 20 marzo 2024

Unica paura, dispiacere a Cristo. Intervista a don Joachim Heimerl

Grazie a Marco Tosatti per questa bella intervista a don Joachim Heimerl.
QUI i post di MiL sul sacerdote austriaco.
Luigi C.

16 Marzo 2024 

Cari amici e nemici di Stilum Curiae, offriamo alla vostra attenzione, nella nostra traduzione, questa intervista che Maike Hickson, che ringraziamo di cuore, ha realizzato con padre Joachim Heimerl, per che i lettori di Stilum Curiae, già conoscono per Life Site News. Buona lettura e diffusione.
§§§

Nelle ultime settimane, LifeSiteNews ha pubblicato una serie di commenti sulla crisi della Chiesa e sul programma di riforma di Papa Francesco da parte di padre Joachim Heimerl, sacerdote incardinato nell’arcidiocesi di Vienna, in Austria.
Non potendo esercitare il suo ministero sacerdotale a causa di problemi di salute, padre Heimerl scrive da qualche anno saggi su questioni ecclesiali. Di recente è diventato sempre più critico nei confronti di Papa Francesco, del Sinodo sulla sinodalità e ha anche firmato il recente appello filiale del 2 febbraio contro il documento Fiducia Supplicans di Francesco che permetteva la benedizione delle “coppie” omosessuali.

Come collaboratore del mensile austriaco Der Dreizehnte, ho potuto intervistare padre Heimerl per il numero di marzo, per aiutare i lettori a conoscerlo un po’ di più. Egli si mostra come un uomo di forte convinzione, coraggio e fede, e ci ricorda che noi cattolici dobbiamo rimanere saldi e “aggrapparci alla fede tradizionale”.

Per dare un ulteriore contesto a un pubblico di lingua inglese, vale la pena notare che p. Heimerl, che ha conseguito un dottorato, appartiene a una famiglia dell’antica nobiltà austriaca, il che comporta una profonda comprensione della tradizione.

Sono lieto di presentare la mia intervista con p. Heimerl in inglese, per condividere un’altra voce di resistenza fedele.

L’intervista completa è la seguente:

Hickson: Lei scrive articoli su questioni ecclesiali da alcuni anni, ma negli ultimi mesi le sue critiche alla politica di riforma del Papa sembrano essere aumentate. Può descriverci come si è arrivati a questo?

Heimerl: Nei miei testi seguo gli sviluppi attuali della Chiesa. Mi interessa analizzare i problemi. La critica non è l’obiettivo principale.

Hickson: Ci parli un po’ di lei: dove è sacerdote, da quanto tempo lo è e come è nata questa scelta?

Heimerl: Ho sempre voluto diventare sacerdote, ma prima ho studiato tedesco e storia e ho lavorato in questo campo dopo aver conseguito il dottorato. Quando mi sono ammalato gravemente, si è presentata l’opportunità di diventare sacerdote. Sono stato ordinato a Vienna nel 2019. La famiglia Heimerl von Heimthal è un’antica famiglia viennese. È stata quindi una doppia gioia. Per motivi di salute, tuttavia, non ho più un ruolo sacerdotale permanente.

Hickson: Può dirci quali sono le sue principali critiche all’attuale pontificato?

Heimerl: Questo pontificato segna una rottura con l’insegnamento precedente. Non solo ha causato confusione, ma ha anche scatenato una “guerra civile nella Chiesa” (Marco Politi). A ciò si aggiunge il trattamento duro del Papa nei confronti dei cattolici tradizionali e la sua inclinazione a snobbare i sacerdoti nei discorsi. Anche il trattamento riservato ai critici più solidi (il cardinale Burke, il vescovo Strickland, ecc.) e la concezione autocratica del suo ufficio sono problematici. Peter Kwasniewski ha giustamente definito questo “iperpapalismo”.

Hickson: Cosa pensa della Traditionis Custodes e dell’attacco alla “vecchia” Messa?

Heimerl: Si tratta di una battaglia ideologica e di una rottura con la comprensione della Messa. Tuttavia, questo danneggia anche la credibilità della Chiesa: “Ciò che era sacro e grande nelle generazioni precedenti (…) non può improvvisamente essere dannoso o completamente proibito”. Questo è esattamente ciò da cui Benedetto XVI ha messo in guardia. Inoltre, l’affermazione contenuta nella Traditionis Custodes secondo cui la “nuova” Messa è l’unica espressione del rito romano è storicamente e teologicamente falsa e priva di qualsiasi logica.

Hickson: Qual è la sua posizione sul Sinodo sulla sinodalità?

Heimerl: Poiché i laici partecipano a questo Sinodo dei vescovi con diritto di voto, non può più essere un “Sinodo dei vescovi” nel vero senso della parola. Si tratta quindi di altro: questo Sinodo vuole portare avanti delle riforme e rivendica l’opera dello Spirito Santo per farlo. Questo è il trucco. Non dobbiamo dimenticare che un sinodo è solo un organo consultivo senza autorità. Allo stesso tempo, però, si suppone che dia ulteriore legittimità al programma di riforma del Papa. È tutto un bluff e tutti lo sanno.

Hickson: Lei ha parlato anche del celibato e dell’idea di abolirlo. Potrebbe riassumere la sua posizione in merito?

Heimerl: Il celibato è l’unico stile di vita adatto ai sacerdoti, perché è lo stile di vita di Gesù e risale agli apostoli. Solo la Chiesa latina lo ha conservato e la dice lunga il fatto che la sua crescente apostasia sia legata al desiderio di limitare il celibato, cioè di eliminarlo.

Hickson: Ultimo ma non meno importante: Cosa pensa dell’idea di introdurre donne diacono o addirittura donne prete?

Heimerl: Entrambe non sono possibili e contraddicono l’insegnamento infallibile della Chiesa. Chiunque sostenga il contrario ha abbandonato la fede cattolica. Nemmeno il Papa può cambiare le cose.

Hickson: Lei ha firmato l’Appello filiale contro la Fiducia Supplicans, che è stato sottoscritto il 2 febbraio, prima da 90 e poi da 500 ecclesiastici e studiosi e autori. Può dirci perché lo ha firmato?

Heimerl: Questo documento, come ha dimostrato il cardinale Müller, porta dritto all’eresia, ha diviso profondamente la Chiesa e ha messo fine all’ecumenismo con l’ortodossia. Il Papa deve ritirarlo; non c’è altro modo. È una questione d’onore per ogni sacerdote e per ogni cattolico difendere chiaramente l’insegnamento della Sacra Scrittura e della Chiesa.

Hickson: Non teme conseguenze per le sue dichiarazioni?

Heimerl: “Di che cosa dovremmo avere paura se non del pensiero di dispiacere a Cristo?” – Questa frase tratta da “La canzone del patibolo” di Le Fort mi ha sempre colpito e la vivo come meglio posso. Non voglio essere uno dei tanti opportunisti del clero che oggi proclamano il contrario di ciò che ieri ritenevano irrevocabile, solo perché il vento è cambiato a Roma. A parte questo: una Chiesa che non rispetta la libertà di espressione e perseguita coloro che professano la fede precedente non avrebbe – giustamente – alcuna possibilità di sopravvivere.

Hickson: Come vede la via d’uscita da questa crisi, cosa possono fare i semplici credenti di fronte alla rivoluzione nella Chiesa?

La mia guida spirituale una volta mi ha consigliato: “Guarda a Dio e non a destra e a sinistra”. Lo consiglio a tutti. Restiamo cattolici e manteniamo la fede tradizionale. Questa è la strada giusta. Non dobbiamo prestare attenzione a nient’altro; non viene da Dio.