Post in evidenza

Elenchi dei Vescovi (e non solo) pro e contro Fiducia Supplicans #fiduciasupplicans #fernández

Pubblichiamo due importanti elenchi. QUI  un elenco coi vescovi contrari, quelli favorevoli e quelli con riserve. QUI  un elenco su  WIKIPED...

lunedì 26 febbraio 2024

"Fiducia supplicans" e l'infiltrazione della lobby omosessuale nella Chiesa #fernández #fiduciasupplicans #francesco

Ancora su Fiducia Supplicans.
Una completa analisi del documento.
"durante i pontificati di Giovanni Paolo II e Benedetto XVI, il Vaticano non si è piegato alle pressioni della lobby omosessuale. Oltre a condannare gli scritti e le attività di Anthony Kosnik, Charles Curran, André Guindon, Robert Nugent e Jeannine Grammick e Marciano Vidal, la Santa Sede ha pubblicato diversi documenti che confermano l'insegnamento cattolico tradizionale, già espresso nel 1975 nella dichiarazione Persona Humana "su alcuni punti di etica sessuale " della Congregazione per la Dottrina della Fede, firmata dal cardinale Franjo Seper. A questa seguì nel 1986 la lettera Homosexualitas Problema, "sulla cura pastorale delle persone omosessuali " , firmata dal nuovo Prefetto della Congregazione per la Dottrina della Fede, l'allora Cardinale Joseph Ratzinger, e nel 1997, Papa Giovanni Paolo II pubblicò il Catechismo della Chiesa Cattolica, in cui si afferma (nn. 2357-2359) che "sulla base della Sacra Scrittura, che li presenta come gravi depravazioni, la Tradizione ha sempre dichiarato che 'gli atti omosessuali sono intrinsecamente disordinati'" e che la tendenza omosessuale da cui derivano è "oggettivamente disordinata"".
Grazie a Michelangelo per la segnalazione e la traduzione.
Ad oggi molti vescovi hanno già dichiarato che non applicheranno il documento vaticano, lo vietano ai loro sacerdoti e rifiutano di impartire le benedizioni indicate dalla Fiducia Supplicans: QUI l'elenco e QUI.
Luigi


Javier Navascués, 21.02.24, InfoCatolica

Intervista con José Antonio Ureta

José Antonio Ureta - coautore del libro "Il processo sinodale: un vaso di Pandora - 100 domande e 100 risposte", con prefazione del cardinale Burke - è uno studioso dell'attualità della Chiesa.
In qualità di ricercatore della Società francese per la difesa della Tradizione, della Famiglia e della Proprietà, ha pubblicato diverse opere con ampia ripercussione internazionale.
Ora, in occasione del clamore suscitato dal documento pontificio "Fiducia supplicans", ci rilascia questa intervista.
***
- Signor Ureta, la recente pubblicazione di "Fiducia Supplicans" ha provocato - e continua a provocare - forti reazioni all'interno della Chiesa, c'era da aspettarselo? Può dirci qualcosa di più al riguardo?

Sì, infatti: "L'agitazione per la "Fiducia Supplicans" era prevedibile", dice il vescovo di Kansas City Joseph Naumann: "Gli attivisti per i diritti degli omosessuali, all'interno e all'esterno della Chiesa, hanno chiesto la benedizione ecclesiastica delle unioni tra persone dello stesso sesso come passo necessario affinché la Chiesa si adattasse finalmente alla cultura [contemporanea] e accettasse il matrimonio omosessuale".


Ci si riferisce alla Dichiarazione pubblicata dal Dicastero per la Dottrina della Fede il 18 dicembre scorso, firmata dal suo prefetto, il cardinale Victor Manuel Fernandez. 2 La Dichiarazione afferma, in effetti, che "la possibilità di benedizioni di coppie in situazione irregolare e di coppie dello stesso sesso, la cui forma non dovrebbe essere fissata ritualmente dalle autorità ecclesiastiche, per non creare confusione con la benedizione propria del sacramento del matrimonio" (n. 31).

Come presunto segno di questa differenza, il testo fa una precisazione: "questa benedizione non deve mai essere fatta contemporaneamente ai riti civili dell'unione, né in connessione con essi. Nemmeno con gli abiti, i gesti o le parole proprie del matrimonio" (n. 39), e deve essere chiesta spontaneamente, "sia nei pellegrinaggi, sia nei santuari e anche per strada quando si incontra un sacerdote" (n. 28).

Si dà il caso che, nel marzo 2021, la Congregazione per la Dottrina della Fede, allora guidata dal cardinale spagnolo Luis Ladaria, avesse condannato perentoriamente tali benedizioni, sotto forma di risposta al dubium di un vescovo, che chiedeva: "La Chiesa ha il potere di impartire la benedizione alle unioni omosessuali?". Il Responsum affermava con enfasi che "quando si invoca una benedizione su alcune relazioni umane è necessario - al di là della retta intenzione delle persone coinvolte - che ciò che viene benedetto sia oggettivamente e positivamente ordinato a ricevere ed esprimere la grazia, in accordo con i disegni di Dio inscritti nella Creazione e pienamente rivelati da Cristo Signore".

Ha quindi concluso che "la Chiesa non ha e non può avere il potere di benedire le unioni omosessuali", poiché "non è lecito impartire una benedizione a relazioni, o anche a coppie stabili, che comportino una prassi sessuale al di fuori del matrimonio (cioè al di fuori dell'unione indissolubile di un uomo e una donna aperta, di per sé, alla trasmissione della vita), come nel caso delle unioni omosessuali". Da notare che il comunicato ufficiale contiene il seguente paragrafo finale: "Il Sommo Pontefice Francesco, nel corso dell'Udienza concessa al sottoscritto Segretario di questa Congregazione, è stato informato e ha dato il suo assenso alla pubblicazione del suddetto Responsum ad dubium, con l'allegata Nota esplicativa". 3

Come è possibile che, solo due anni e mezzo dopo, il Prefetto di questo stesso dicastero, con la firma di Papa Francesco, dica esattamente il contrario?
Quali sono gli argomenti addotti nella Dichiarazione "Fiducia Supplicans" per giustificare la benedizione di coppie irregolari e omosessuali?

Pur riconoscendo esplicitamente che l'insegnamento tradizionale permette di benedire solo "cose, luoghi o circostanze che non contraddicono la norma o lo spirito del Vangelo" (Fiducia Supplicans, n. 10, che cita il rituale romano), la Dichiarazione del cardinale Fernandez utilizza quattro sotterfugi fallaci per aggirare il suddetto Responsum:

In primo luogo, pretende che Papa Francesco abbia ampliato il concetto teologico-pastorale di benedizione, creando una nuova categoria che ha chiamato "benedizione pastorale", che non richiederebbe, come le "benedizioni liturgiche", una "previa perfezione morale" di chi la richiede. L'errore sta nel fatto che, per impartire le benedizioni tradizionali, la Chiesa non ha mai richiesto la perfezione morale e nemmeno lo stato di grazia (ad esempio, alla fine della messa il sacerdote benedice tutti i presenti, alcuni dei quali possono essere in peccato mortale). Inoltre, le benedizioni rientrano nella categoria teologica dei sacramentali; tutti i trattati di Teologia Morale insegnano che i sacramentali, come le ceneri o l'acqua santa, possono essere dati anche ai non cattolici, se li chiedono in buona fede.

In secondo luogo, la Fiducia Supplicans sostiene che, benedicendo le coppie irregolari e omosessuali, non si benedirebbero le unioni peccaminose, perché "non si intende legittimare nulla" (n. 40). L'errore sta nel pretendere di distinguere la coppia dall'unione, perché quello che fa di una coppia una coppia è proprio ciò che la unisce, in questo caso la comunione di vita. Questo diventa ancora più chiaro nel terzo sotterfugio, in cui si parla esplicitamente di "relazione".

In terzo luogo, il documento insinua che ciò che la coppia irregolare o omosessuale chiede è che vengano benedetti solo gli aspetti "positivi" della loro unione: "[essi] non rivendicano la legittimità del proprio status, ma pregano che tutto ciò che è vero, buono e umanamente valido nella loro vita e nelle loro relazioni venga investito, santificato ed elevato dalla presenza dello Spirito Santo" (n. 31). L'errore sta nel pretendere che, in una relazione che si dichiara coniugale, i diversi aspetti della comunità di vita possano essere separati in compartimenti stagni, alcuni positivi e altri negativi. In realtà, anche ciò che alcuni potrebbero considerare positivo (affetto, fedeltà, sostegno reciproco, ecc.) contribuisce al mantenimento della relazione peccaminosa e rende difficile la conversione e quindi la rottura della relazione. Quanto più questi aspetti appaiono "positivi", tanto più costituiscono occasioni prossime di peccato, o anche come fondamento della struttura peccaminosa a cui queste due persone sono legate.

L'ultimo sotterfugio consiste nel tentativo di separare l'azione pastorale della Chiesa dalla sua dottrina, come se obbedissero a due logiche indipendenti e contraddittorie: "Anche la Chiesa deve evitare di fondare la sua prassi pastorale sulla rigidità di certi schemi dottrinali o disciplinari" (n. 25). L'"abbraccio misericordioso di Dio e la maternità della Chiesa" (n. 19) devono tenere conto del fatto che "per Dio siamo più importanti di tutti i peccati che possiamo fare" (n. 27). Questa sottovalutazione del male del peccato e delle sue conseguenze - che possono essere eterne! - Perché, allora, Gesù è morto sulla croce per redimerci? Perché ha detto alla donna adultera: "Va' e non peccare più" (Gv 8,11)?

Perché, secondo lei, la Dichiarazione di Fiducia Supplicans segna una rottura con l'insegnamento tradizionale della Chiesa?

Questa Dichiarazione di Fiducia Supplicans rappresenta chiaramente una rottura con l'insegnamento tradizionale della Chiesa sul sesto comandamento della Legge di Dio, sulla natura intrinsecamente peccaminosa di qualsiasi uso della sessualità al di fuori del matrimonio e sullo scandalo che le unioni prematrimoniali, le unioni adulterine e le unioni omosessuali rappresentano per i fedeli e per la società.

Il prefetto emerito della Congregazione per la Dottrina della Fede, il cardinale Gerhard Müller, si è affrettato a diramare una nota in cui afferma che si tratta di un "salto dottrinale" perché "non si trovano testi biblici o testi dei padri o dei dottori della Chiesa o precedenti documenti del Magistero a sostegno delle conclusioni di F[iducia] S[upplicans]". Se la Chiesa può aggiungere nuovi sacramentali a quelli esistenti, non può "cambiare il loro significato in modo tale da banalizzare il peccato". La benedizione, dice il cardinale, "ha una sua oggettività, e non può essere ridefinita per conformarsi a un'intenzione soggettiva contraria all'essenza di una benedizione", trasformandola in una creazione ad hoc "per benedire situazioni contrarie alla norma o allo spirito del Vangelo". E conclude in modo tassativo: "La benedizione di una realtà che si oppone alla creazione non solo non è possibile, ma costituisce una bestemmia".4 In effetti, "benedire" (benedicere) una relazione peccaminosa in nome di Dio è rendere vano il suo santo Nome.

Perché è logico che ciò provochi scandalo e incomprensione nella maggior parte dei credenti di buon senso?

Il cardinale Daniel Sturla di Montevideo, nelle dichiarazioni rilasciate al più importante quotidiano uruguaiano, ha detto che "è una questione controversa e che sta dividendo le acque all'interno della Chiesa", perché "è chiaro che un sacerdote benedice tutte le persone", ma "è un'altra cosa benedire una coppia omosessuale..." e "tutta la tradizione della Chiesa, anche un documento di due anni fa dice che non è possibile farlo". E ha ribadito: "Non si possono benedire unioni che la Chiesa stessa dice non essere conformi al disegno di Dio". 5

Da parte sua, il cardinale Robert Sarah, prefetto emerito della Congregazione per il Culto Divino, in un messaggio natalizio, ha invitato le conferenze episcopali e i singoli vescovi a opporsi alla Fiducia Supplicans, perché questo non significa opporsi a Papa Francesco, ma "un'eresia che mina gravemente la Chiesa, il Corpo di Cristo, perché è contraria alla fede e alla tradizione cattolica". 6

Il suo messaggio fa eco a 15 dichiarazioni di conferenze episcopali africane e a una lettera del presidente del Simposio delle Conferenze episcopali di Africa e Madagascar, il cardinale congolese Fridolin Ambongo Besungu, arcivescovo di Kinshasa, che respinge l'applicazione della Dichiarazione nel continente. Atteggiamenti simili sono stati adottati dalle conferenze episcopali di Ucraina (rito latino e greco-cattolico), Polonia, Ungheria, Haiti e Indie Occidentali, oltre che da molti vescovi diocesani. In Brasile, poco dopo la pubblicazione del documento, il vescovo Adair José Guimarães ha annunciato che "nella diocesi di Formosa queste richieste e suggerimenti della Sacra Congregazione per la Dottrina della Fede non saranno osservati", perché i sacerdoti della diocesi e i responsabili laici consultati ritenevano che "avrebbero causato scandalo e incomprensione". 7

Al momento di andare in stampa, la maggior parte dei vescovi e delle conferenze episcopali non si erano ancora pronunciati e solo una minoranza di vescovi tedeschi, delle Fiandre e del Portogallo ha espresso un caloroso sostegno 8, alcuni dei quali deplorano le restrizioni imposte dal documento vaticano e chiedono un cambiamento della dottrina della Chiesa affinché le unioni omosessuali possano essere riconosciute come buone e ufficialmente benedette. 9

In questo contesto, quali sono state le reazioni dei gruppi di pressione LGBT alla dichiarazione vaticana?

Ovviamente, la dichiarazione del cardinale Victor Manuel Fernandez è stata accolta con un applauso dalle principali organizzazioni della lobby LGBT e dai loro portavoce più importanti.

Ad esempio, Matuba Mahlatjie, direttore delle comunicazioni e delle relazioni con i media di Out Right, una ONG con status consultivo presso le Nazioni Unite, ha sottolineato che questa è la giusta direzione per il pieno riconoscimento dei diritti delle persone queer e ha evidenziato che il Vaticano, in qualità di osservatore delle Nazioni Unite, dovrebbe utilizzare la sua dichiarazione per promuovere i diritti delle persone LGBTIQ nella sfera internazionale, come reazione a una narrazione che, secondo lui, utilizza la religione per criminalizzare e discriminare le persone queer. 10

A livello latinoamericano, il presidente del gruppo cileno MOVILH, il principale gruppo di pressione dietro l'approvazione del cosiddetto "matrimonio egualitario" nel 2021 nel Paese andino, ha dichiarato che, nonostante i suoi limiti, l'autorizzazione alle benedizioni per le coppie irregolari e omosessuali "potrebbe aiutare a diminuire la discriminazione all'interno della Chiesa stessa" e che "potrebbe essere un contributo alla realtà LGBTIQ+ in quei Paesi prevalentemente cattolici in cui non esistono le unioni civili per le coppie dello stesso sesso". 11

Queste dichiarazioni confermano quelle del Vescovo del Kansas, citate all'inizio di questo articolo. Infatti, Mons. Joseph Naumann è stato molto lucido nello spiegare che, in una prima fase, "gli attivisti per i diritti gay spingeranno per una nuova unione civile per le coppie dello stesso sesso".
Ma in una fase successiva, "questi stessi attivisti chiederanno anche alla Chiesa di benedire le unioni omosessuali come affermazione della giustezza della loro attività sessuale e come eventuale passo per ottenere il riconoscimento matrimoniale delle loro relazioni". 12


Infine, la lobby LGBT vuole che la società accetti il peccato di sodomia. È questo l'obiettivo finale?

Esattamente. Più di 20 anni fa, Paul Varnell, un pioniere del giornalismo pro-omosessuali, scriveva già sul Chicago Free Press che la controversia fondamentale "non è la discriminazione, i crimini d'odio o le unioni domestiche", ma "la condanna morale di fondo", perché "se si convince la gente che l'omosessualità è pienamente morale, allora tutta la loro inclinazione a discriminare, a impegnarsi nel gay-bashing o a opporsi al matrimonio gay scompare". Conclude: "Pertanto, il movimento omosessuale, che lo si riconosca o meno, non è un movimento per i diritti civili, e nemmeno un movimento di liberazione sessuale, ma una rivoluzione morale che cerca di cambiare il punto di vista delle persone sull'omosessualità". 13

Per raggiungere questo obiettivo, la lobby omosessuale ha inizialmente lottato per rimuovere il reato di sodomia dai codici penali e per far sì che l'Associazione Psichiatrica Americana rimuovesse l'omosessualità dall'elenco dei disturbi psichiatrici del suo Manuale Diagnostico e Statistico (DSM-III), cosa che è avvenuta nel 1973.

Ma questo è stato considerato insufficiente. La sodomia doveva essere accettata dalle varie religioni e, in particolare, dal cristianesimo. Dagli anni '70, la lobby LGBT ha creato diverse associazioni appositamente per questo scopo. Una delle più attive oggi è Soulforce, che anni fa descriveva la sua missione come segue:

"Crediamo che la religione sia diventata la principale fonte di informazioni false e provocatorie sulle persone lesbiche, gay, bisessuali e transgender. I cristiani fondamentalisti insegnano che siamo 'malati' e 'peccatori'. [La maggior parte delle denominazioni conservatrici e liberali rifiutano di sposarci o di ordinarci come ministri. La Chiesa cattolica insegna che il nostro orientamento è "oggettivamente disordinato" e che i nostri atti di intimità sono "intrinsecamente malvagi" [...] Crediamo che questi insegnamenti portino alla discriminazione, alla sofferenza e alla morte. Il nostro obiettivo è quello di affrontare queste tragiche falsità e di sostituirle con la verità che anche noi siamo figli di Dio, creati, amati e accettati da Dio esattamente come siamo". 14

È proprio questa "sostituzione" della verità rivelata che sta iniziando a diventare realtà nella Chiesa cattolica, con l'autorizzazione senza precedenti dei sacerdoti a benedire coppie irregolari e omosessuali.

Come si è radicato nella Chiesa questo processo di relativismo morale che ci ha portato a questo punto?

Ma un cambiamento così gigantesco nella pastorale e nella dottrina della Chiesa cattolica non poteva avvenire da un giorno all'altro. Infatti, è stato preparato, da un lato, dall'invasione clandestina della sodomia in numerosi seminari e noviziati e, dall'altro, dall'infiltrazione del relativismo morale e dell'ideologia omosessuale nei circoli cattolici negli anni Sessanta.

Un osservatore diretto e ben posizionato di questa infiltrazione è stato padre Joseph Ratzinger, poi cardinale e Papa Benedetto XVI. Dopo le sue dimissioni, quando scoppiò lo scandalo degli abusi sessuali e la collusione del Vaticano con il caso dell'ex cardinale McCarrick, pubblicò sul mensile bavarese Klerusblatt uno studio approfondito in cui attribuiva la crisi degli abusi nella Chiesa prevalentemente alla rivoluzione sessuale e al "crollo" della formazione dei seminaristi. Secondo Ratzinger, il deterioramento della formazione sacerdotale è arrivato al punto che un vescovo, che in precedenza era stato rettore di un seminario, faceva vedere ai seminaristi film pornografici con l'intento di renderli refrattari a comportamenti contrari alla fede! Inoltre, "in diversi seminari si costituirono gruppi di omosessuali che agivano più o meno apertamente". Questo relativismo morale si sviluppò, secondo Ratzinger, perché fino a quel momento la teologia morale si basava in gran parte sulla legge naturale, ma "nella lotta del Concilio per una nuova comprensione della Rivelazione... fu richiesta una teologia morale basata interamente sulla Bibbia". Non poteva più esistere "nulla che costituisse un bene assoluto, né nulla che fosse fondamentalmente un male". 15 Senza citarlo direttamente, l'ex Prefetto della Congregazione per la Dottrina della Fede indicava il suo connazionale e collega all'Università di Tubinga, il redentorista Bernard Häring, che con il suo manuale La legge di Cristo aveva rivoluzionato la Teologia morale in senso personalista negli anni precedenti il Vaticano II.

Influenzati da questa nuova prospettiva, in brevissimo tempo figure accademiche di spicco della Teologia Morale passarono dal contestare l'enciclica Humanae Vitae, che vietava la contraccezione artificiale, ad approvare apertamente le relazioni extraconiugali e omosessuali.

Negli Stati Uniti, padre Charles Curran, professore di teologia all'Università Cattolica d'America (Washington), dichiarò nel 1971 che gli atti omosessuali, nel contesto di una relazione seria, erano inferiori all'ideale, ma dovevano essere considerati buoni per gli omosessuali. A lui seguirono, nel 1975, padre Robert Nugent, con la pubblicazione di Homosexuality: A Guide for Catholics; un anno dopo, il gesuita John McNeill, che pubblicò, con il permesso dei suoi superiori, il libro The Church and Homosexuals; e padre André Guindon, decano della Facoltà di Teologia dell'Università Saint Paul (Ottawa, Canada), con la sua opera The Sexual Language. Saggio di teologia morale. Nel 1977, la Catholic Theological Society of America incaricò padre Anthony Kosnik di dirigere un'opera collettiva sulla sessualità umana: New Directions in American Catholic Thought. Questa offensiva accademica è sfociata nel New Dictionary of Theology, pubblicato negli Stati Uniti nel 1987, in cui si afferma che la Bibbia non condanna l'attività omosessuale, tranne quando si tratta di stupro, quando ha una connotazione idolatrica o quando viola gli imperativi dell'ospitalità .....

E cosa ci può dire della situazione in Europa in quegli anni?

In Europa, il cappuccino olandese Antonius Herman van de Spijker fece i primi tentativi esegetici in questa direzione nel 1968, nel suo libro Same-sex attraction: Homotropy: Homosexuality, Homoeroticism, Homophilia and Catholic Moral Theology, mentre il suo connazionale francescano J. Gottschalk contribuì come teologo all'opera collettiva ecumenica The Church and Homosexuality, pubblicata nel 1973. Da parte sua, lo psicoanalista e sacerdote francese Marc Oraison, due delle cui opere erano state incluse nell'Indice dei libri proibiti, pubblicò il suo libro La questione omosessuale nel 1975. In Irlanda, il redentorista Ralph Gallagher scrisse nel 1979 un articolo per la rivista The Furrow intitolato "Understanding the Homosexual". Nello stesso anno, il Consiglio cattolico per la Chiesa e la Società, un organo ufficiale della gerarchia olandese, pubblicò un documento, Homosexual Persons in Society, per promuovere la discussione nelle parrocchie e nei gruppi cattolici dei Paesi Bassi. Nel 1981, il redentorista spagnolo Marciano Vidal guidò la pubblicazione di un'opera collettiva intitolata Omosessualità: scienza e coscienza.

In Brasile, già nel 1967, la rivista Vozes, edita dai francescani di Petrópolis, pubblicò un articolo del redentorista olandese Jaime Snoek, che viveva in Brasile, intitolato They too are of our lineage: considerations on homophilia. In questo articolo affermava che, nella misura in cui la pratica omosessuale promuoveva l'amore oblativo nelle persone coinvolte, non poteva a priori essere qualificata come immorale o contraria alla natura. Nel 1985, le Ediciones Loyola dei gesuiti hanno pubblicato una traduzione del libro curata da Marciano Vial, mentre Vozes ha pubblicato Sexualidad, Liberación y Fe: por una erótica cristiana, della teologa femminista e della liberazione Rose Marie Muraro, discepola di Dom Helder Câmara e Leonardo Boff, che nel 2005 è stata insignita dal Congresso nazionale del titolo di "Matrona del Feminismo Brasileño". Un'altra rivista legata ai gesuiti, Perspectiva Teológica, ha pubblicato nel 1988 un articolo intitolato "Gli omosessuali e l'etica della liberazione", di Bernardino Leers, un francescano olandese che vive in Brasile, mentre la casa editrice legata al Santuario di Aparecida ha pubblicato due anni dopo, in formato libretto, l'articolo "Capire l'omosessuale", del già citato redentorista irlandese Raphael Gallagher.
Quali pensa siano le conseguenze di queste manifestazioni teologiche a sostegno della causa omosessuale?

Direi che questa quinta colonna teologica nei ranghi del cattolicesimo è servita da incentivo per la creazione di gruppi, per lo più guidati da sacerdoti e suore, per promuovere la causa omosessuale all'interno della Chiesa con il pretesto della cura pastorale degli omosessuali.

L'11 febbraio 1971, padre Patrick Nidorf, sacerdote e psicologo agostiniano di San Diego, avviò incontri mensili di auto-aiuto per gay e lesbiche nel seminterrato della chiesa di San Brendan a Los Angeles e chiamò il gruppo Dignity. L'arcivescovo locale ha criticato l'iniziativa perché il gruppo celebrava l'"identità" omosessuale e sosteneva che "l'omosessualità è una variazione naturale nell'uso del sesso. Non implica malattia o immoralità". 16 Padre Nidorf affidò quindi la guida ai laici. Fu il primo gruppo di questo tipo nella Chiesa cattolica degli Stati Uniti.

Robert Nugent e suor Jeannine Gramick assunsero il ruolo di cappellani di Dignity. Senza lasciare i loro incarichi, tre anni dopo i due hanno co-fondato un gruppo simile chiamato New Ways Ministry, ispirato da una frase contenuta nella lettera pastorale del vescovo Francis J. Mugavero ai suoi diocesani di Brooklyn, New York, intitolata Sexuality: A Gift of God (Sessualità: un dono di Dio), in cui assicurava la volontà della gerarchia di cercare di trovare "nuove vie" di evangelizzazione per liberare gli omosessuali dalla discriminazione.

Gruppi simili, alcuni dei quali si dichiarano cattolici e altri ecumenici, sono spuntati come funghi in diversi Paesi. Tra questi, David & Jonathan (Francia, 1972), Acceptance (Australia, 1972), Quest (Regno Unito, 1973), Communauté du Christ libérateur (Belgio, 1974) e Homosexuelle und Kirche (Germania, 1977). In Italia, è sorta una pletora di piccoli gruppi locali, ma nessuno di essi ha acquisito il carattere federativo della grande associazione laica Arcigay.

In Brasile, il primo gruppo organizzato di persone che si identificano come "cattolici LGBT" è sorto nel 2007, a Rio de Janeiro, e ha adottato il nome di Diversità Cattolica. Ha ispirato la fondazione di diversi gruppi simili in tutto il Paese. Nel 2014 è stata creata la Rete nazionale dei gruppi cattolici LGBT, ora composta da più di 20 gruppi, che fa parte della Rete globale dei cattolici arcobaleno (GNRC), una rete globale di "cattolici arcobaleno" di tutto il mondo, creata a Roma durante la settimana inaugurale del Sinodo sulla famiglia nell'ottobre 2015.

Questi gruppi a favore dell'omosessualità, che si identificano come cattolici o cristiani, fungono da compagni di viaggio per le grandi organizzazioni laiche LGBT, che peraltro non fanno mistero del loro odio per la Chiesa, la Bibbia e la morale del Vangelo e non esitano a usare il ricatto per intimidire le autorità ecclesiastiche.

Può darci maggiori dettagli sul ricatto di cui parla?

Storicamente, il ricatto ha assunto due forme. Da un lato, denunciando la presunta ipocrisia della Chiesa cattolica che predica contro l'omosessualità mentre molti prelati frequentano bar e saune che fungono da bordelli per omosessuali. Il caso più chiacchierato è quello del libro Sodoma di Frédéric Martel, con l'affermazione che "il Vaticano ha una delle più grandi comunità omosessuali del mondo e dubito che anche nel Castro di San Francisco, quell'emblematico quartiere gay, ora più misto, ci siano così tanti omosessuali". 17 Tali accuse portano talvolta alle dimissioni di coloro che sono costretti, contro la loro volontà, a "uscire dall'armadio", come è accaduto negli Stati Uniti nel 2002 con l'arcivescovo di Milwaukee Rembert Weakland dopo che è stato rivelato che aveva usato 450.000 dollari di fondi dell'arcidiocesi per risolvere una causa che lo accusava di molestie sessuali. O con il cardinale Hans Hermann Cardinal Groer, arcivescovo di Vienna, destituito da Papa Giovanni Paolo II per abusi sessuali su seminaristi. Nel febbraio 2013, il cardinale Keith O'Brien, leader della Chiesa cattolica in Scozia, è stato costretto a dimettersi da arcivescovo tre mesi prima del limite di età a causa di accuse di atti inappropriati con quattro sacerdoti negli anni '80 e oltre.

L'altra forma di ricatto è stata che alcuni gruppi e leader della nebulosa omosessuale hanno iniziato a fare pressione sui prelati affinché dissentissero pubblicamente dai documenti e dalle sanzioni del Vaticano. Il caso forse più paradigmatico è quello del cardinale Basil Hume, che nell'aprile 1995 subì le pressioni di Peter Tatchell, leader di OutRage, un'associazione che aveva fatto "uscire dall'armadio" diversi anglicani di alto rango, affinché si correggesse in pubblico. Ecco come padre Richard John Neuhaus, fondatore della nota rivista First Things, ha raccontato quanto accaduto al cardinale inglese quasi 30 anni fa:

"Anche il cardinale Basil Hume di Westminster è stato coinvolto nel fuoco incrociato generato dalla guerriglia di OutRage. Tatchell aveva chiesto a Hume di ritrattare la definizione di Roma degli atti omosessuali come "oggettivamente disordinati". La richiesta è diventata a volte violenta, con l'interruzione della processione della Domenica delle Palme nella Cattedrale di Westminster. In quella che è stata vista come una risposta alle pressioni, il cardinale ha pubblicato una lettera in cui afferma che l'amicizia omosessuale può essere "un modo di amare" e dichiara che "l'omofobia non dovrebbe avere posto tra i cattolici". I giornali hanno prevedibilmente liquidato la lettera come una "capitolazione" del cardinale nei confronti della lobby gay. Persino il conservatore Telegraph ha titolato in prima pagina: "Il cardinale Hume dà la benedizione della Chiesa all'amore omosessuale". Tatchell ha dichiarato, forse a ragione: "Stiamo definendo l'agenda"".18

Questa influenza della lobby LGBT è specifica del pontificato di Francesco o aveva già contaminato i pontificati precedenti?

No, anzi, durante i pontificati di Giovanni Paolo II e Benedetto XVI, il Vaticano non si è piegato alle pressioni della lobby omosessuale. Oltre a condannare gli scritti e le attività di Anthony Kosnik19 , Charles Curran20 , André Guindon21 , Robert Nugent e Jeannine Grammick22 e Marciano Vidal23 , la Santa Sede ha pubblicato diversi documenti che confermano l'insegnamento cattolico tradizionale, già espresso nel 1975 nella dichiarazione Persona Humana "su alcuni punti di etica sessuale "24 della Congregazione per la Dottrina della Fede, firmata dal cardinale Franjo Seper. A questa seguì nel 1986 la lettera Homosexualitas Problema, "sulla cura pastorale delle persone omosessuali "25 , firmata dal nuovo Prefetto della Congregazione per la Dottrina della Fede, l'allora Cardinale Joseph Ratzinger, e nel 1997, Papa Giovanni Paolo II pubblicò il Catechismo della Chiesa Cattolica, in cui si afferma (nn. 2357-2359) che "sulla base della Sacra Scrittura, che li presenta come gravi depravazioni, la Tradizione ha sempre dichiarato che 'gli atti omosessuali sono intrinsecamente disordinati'" e che la tendenza omosessuale da cui derivano è "oggettivamente disordinata".

Un documento che ha fatto particolarmente infuriare i nemici della Chiesa è stata la lettera del 2002 della Congregazione per il Culto Divino, firmata dal cardinale Jorge Medina Estévez, in cui si afferma che "l'ordinazione al diaconato e al sacerdozio di uomini omosessuali o con tendenze omosessuali è assolutamente sconsigliabile e imprudente", divieto successivamente ribadito dalla Congregazione per l'Educazione Cattolica, responsabile dei seminari, in un'Istruzione firmata dal cardinale Zenon Grocholewski e pubblicata nel novembre 2005. 27

Dopo la "Fiducia Supplicans", qual è il prossimo passo?

Le organizzazioni vaticane non hanno sanzionato vigorosamente i dissidenti e un atteggiamento di compiacenza e ambiguità dottrinale ha continuato a diffondersi negli ambienti cattolici fino alle dimissioni di Benedetto XVI dal pontificato. L'ascesa di Papa Francesco al soglio pontificio è stata un vero e proprio "fuggi fuggi generale", stimolato dalla sua famosa risposta sul volo di ritorno dalla Giornata Mondiale della Gioventù di Rio de Janeiro: "Se una persona è gay e cerca il Signore e ha buona volontà, chi sono io per giudicare?" 28

A ciò hanno fatto seguito gli incontri amichevoli di Papa Francesco con pseudo-coppie omosessuali29 e transessuali30 , le sue prime scandalose dichiarazioni a favore del riconoscimento legale delle unioni civili omosessuali31 , la nomina del gesuita americano James Martin, promotore della modifica del Catechismo sull'omosessualità, a consulente della Segreteria per la Comunicazione della Santa Sede32 , nonché le lettere elogiative e gli incontri con suor Jeannine Gramick33 .

La porta aperta dal Sommo Pontefice è stata immediatamente varcata dalla corrente progressista dell'episcopato tedesco, che ha intrapreso il disastroso Cammino Sinodale, che ha chiesto ufficialmente una revisione del Catechismo sull'omosessualità, nonché la rimozione degli "atti omosessuali" dall'elenco dei peccati gravi34 , e ha approvato una risoluzione che chiedeva "cerimonie di benedizione per le coppie di innamorati", con 38 vescovi che hanno votato a favore, 9 contrari e 11 astenuti35.

Nel promuovere le fallaci "benedizioni pastorali", la Fiducia Supplicans ha fatto il passo più lungo della gamba, cedendo non solo alla quinta colonna infiltrata nella Chiesa, ma soprattutto al ricatto della lobby pro-omosessuali apertamente anticattolica. Papa Francesco e il cardinale Victor Manuel Fernandez dovranno rispondere a Dio di questa resa e di aver aperto una divisione nella Chiesa cattolica che porterà a uno dei più grandi sconvolgimenti della storia, come aveva profetizzato Plinio Corrêa de Oliveira nel 1994. 36

Note:













13. Paul Varnell, “Defending Our Morality,” Chicago Free Press, Aug. 16, 2000, https://igfculturewatch.com/2000/08/16/defending-our-morality/

14. TFP Commission on American Issues, Defending a Higher Law, 2004, p. 26-27.

















31. Dominique Wolton, Politique et société : Pape François, rencontres avec Dominique Wolton, ed. L’Observatoire, Paris, 2017, pp. 321-322





36. Roberto de Mattei, Plinio Corrêa de Oliveira – Profeta do Reino de Maria, Ed. Artpress, São Paulo, 2015, p. 359.

Nessun commento:

Posta un commento

AVVISO AI LETTORI: Visto il continuo infiltrarsi di lettori "ostili" che si divertono solo a scrivere "insulti" e a fare polemiche inutili, AVVISIAMO CHE ORA NON SARANNO PIU' PUBBLICATI COMMENTI INFANTILI o PEDANTI. Continueremo certamente a pubblicare le critiche ma solo quelle serie, costruttive e rispettose.
La Redazione