Post in evidenza

Elenchi dei Vescovi (e non solo) pro e contro Fiducia Supplicans #fiduciasupplicans #fernández

Pubblichiamo due importanti elenchi. QUI  un elenco coi vescovi contrari, quelli favorevoli e quelli con riserve. QUI  un elenco su  WIKIPED...

martedì 6 febbraio 2024

Duomo di Modena da Patti Smith a San Geminiano: perchè tale commistione?

Il concerto della cantante israeliana Noa in Duomo di Modena non ha avuto nulla di religioso, e sulla stessa scia si pone quello di Patti Smith.
Titto ciò vietato inoltre dalle norme della S. Sede.
Sarebbe utile, per i nostri lettori, farlo notare S. Ecc. Rev. Mons. Erio Castellucci: segreteriaarcivescovile@modena.chiesacattolica.it
Luigi C.



La Pressa, 1-2-24

Egregio direttore,
Anche quest'anno abbiamo tributato i giusti onori al caro San Geminiano.
Non vorrei rovinare la giornata con anatemi e critiche da salotto, tuttavia fare finta di niente rischierebbe di allargare la macchia.
Il concerto della cantante israeliana Noa in Duomo non ha avuto nulla di religioso, e sulla stessa scia si pone quello di Patti Smith. Tra i tanti locali che la Curia ha a disposizione era proprio necessario destinare la Cattedrale a un tale uso?
È sorprendente constatare come gli stessi decisori oscillino con disinvoltura tra iniziative mondane e religiose, inspiegabilmente programmate nello stesso luogo.
Senza alcun confine tra il lecito e l'illecito, una Chiesa di tal fatta potrà - forse - far sentire taluni più accolti, ma non riesce a far capire qual è la marcia in più che ha il messaggio cristiano. E così non c'è più nessun orizzonte a cui tendere, ma solo un piatto conformismo che lascia la bocca sempre asciutta.
Fossi in chi è capo dell'arcidiocesi, mi preoccuperei della progressiva, spesso studiata perdita dell'enorme patrimonio spirituale di città e provincia.
Che San Geminiano possa aiutarci a sanare queste ferite.
Adele Visconti

Nessun commento:

Posta un commento

AVVISO AI LETTORI: Visto il continuo infiltrarsi di lettori "ostili" che si divertono solo a scrivere "insulti" e a fare polemiche inutili, AVVISIAMO CHE ORA NON SARANNO PIU' PUBBLICATI COMMENTI INFANTILI o PEDANTI. Continueremo certamente a pubblicare le critiche ma solo quelle serie, costruttive e rispettose.
La Redazione