Post in evidenza

La Messa proteiforme: a modest proposal. Risposta e proposta al Prof. Grillo

Il Prof. Grillo ha voluto gentilmente confrontarsi (v. qui ) con il nostro commento critico alla sua intervista (in cui, lo ricordiamo, el...

giovedì 17 agosto 2023

Un nuovo sito: "Fiori di modestia"

Riceviamo e pubblichiamo.
QUI la pagina Fabebook.
QUI Instagram.
Luigi


Siamo un gruppo di giovani donne che non si piegano alle mode del mondo.

Oramai é consuetudine paragonare i concetti di 𝒑𝒖𝒓𝒆𝒛𝒛𝒂 e 𝒎𝒐𝒅𝒆𝒔𝒕𝒊𝒂 all’essere bigotte e retrograde. Se oggigiorno una ragazza decide di indossare una gonna che arrivi fin sotto le ginocchia, oppure una maglia senza trasparenze e che copra tutto il busto, verrà immediatamente etichettata come “bigotta” perché non mostra il suo corpo. Ma perché la società odierna ci impone di mostrare ogni singola parte del corpo? Probabilmente perché mostrarlo é più facile che custodirlo. Ebbene sì, perché non si tratta di nascondere bensì di custodire: custodire un dono che é trascendente, destinato a qualcosa di più alto di ciò che il mondo impone.
Un tempio nel quale l’anima deve innalzarsi a Dio. 
Il corpo di una donna, di una vera Donna, é strumento di grazia da cui nasce una nuova vita. 
É fonte di scandalo se usato male, ma inestimabile é il suo valore se non lo si usa ma lo si rispetta.
Ecco perché custodirlo e non ostentarlo. 

Ci proponiamo di essere "luce in un mondo di tenebre", di riportare la figura della donna ai suoi più alti livelli, di scegliere di indossare le vesti della modestia, della femminilità e dell'eleganza pura della vita cristiana ad imitazione di Colei che è il capolavoro di tutte le virtù e a cui le donne con stupore si rivolgono, non come meta irraggiungibile, per quanto irraggiungibile sia, ma come la più grande Bellezza a cui guardare e a cui assomigliare. Lei, la Santissima Vergine Maria, capolavoro dell'Altissimo, a cui affidiamo quest'opera e tutte le anime che se ne serviranno .

In corde Matris nunc et semper