Post in evidenza

Clamoroso: il Pellegrinaggio a Chartres in diretta TV (olte che su YouTube) #NDC2024 #pentecoste2024 #pentecoste

SEGUI LA DIRETTA Qui sul canale YouTube di Notre Dame de Chretienté tutte le varie dirette.  - sabato 18 maggio a partire dalle ore 6:00 la...

giovedì 24 agosto 2023

#Rupnik: niente mosaici nuovi sulle facciate del Santuario di N.S. di Aparecida (Brasile)

Qualcosa si sta muovendo! Il muro attorno a don Rupnik si sta sempre più crepando? Ecco un’altra buona notizia di ieri, segnalataci (e tradotta) dall’amico Michelangelo che ringraziamo. 
Ora attendiamo una simile  decisione in Europa (Lourdes e Fatima). 
Qui gli altri nostri post sul caso Rupnik.
Roberto 

InfoCatólica, 23/8/2023

QUELLO GIÀ INSTALLATO NON SARÀ RIMOSSO
Il Santuario di Nostra Signora di Aparecida non avrà più i mosaici di Rupnik
Dopo un periodo di riflessione, la Chiesa brasiliana ha deciso che le quattro facciate principali del Santuario nazionale di Nostra Signora di Aparecida non saranno adornate con i mosaici di Marko Ivan Rupnik, espulso dalla Compagnia di Gesù dopo essere stato considerato l'autore di abusi sessuali su suore che avrebbe commesso per molti anni.
Inaugurato l'anno scorso, il primo dei mosaici del santuario copre 43.000 metri quadrati. I lavori su un'altra facciata stanno procedendo, mentre per le altre si attende ancora l'inizio dei lavori, fermati dopo che sono venuti alla luce i casi di abusi dell'ex sacerdote gesuita.
In linea di principio, la decisione non riguarderà il primo mosaico, che non verrà rimosso. Nel santuario di Lourdes, in particolare, non è ancora stata presa una decisione su cosa fare dei mosaici del sacerdote sloveno.

5 commenti:

  1. Non saprei... È vero che è accusato di gravi crimini ma è anche vero che diversi artisti nel corso dei secoli hanno prodotto arte ecclesiastica pur conducendo una vita immorale. Sono d'accordissimo che non debba più andare avanti a produrre ma sono in dubbio sull'eliminazione circa ciò che è già stato fatto...

    RispondiElimina
  2. Fornicava "a imitazione della Santissima Trinità" e faceva spogliare le suore per ritrarle nei suoi quadri, dicendo che erano modello di "femminilità spirituale". La sua non è arte, è abominio di desolazione.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Proponi di rimuovere e sostituire tutte le opere, ovviamente a spese tue. Così abbiamo risolto il problema, visto che ti sta tanto a cuore la vicenda.

      (Ma questi nick assurdi?)

      Elimina
  3. Secondo me bisogna separare il gesuita dall'artista se si vuol intervenire con rigore senza farsi del male.Le sue opere già pronte vanno conservate al loro posto cancellando solo il nome .Quelle non ancora pronte devono essere annullate per sempre.Lui deve essere giudicato con la massima severità.Non tanto per quello che ha fatto ma essenzialmente per come e con chi.Veramente disgustoso!

    RispondiElimina

AVVISO AI LETTORI: Visto il continuo infiltrarsi di lettori "ostili" che si divertono solo a scrivere "insulti" e a fare polemiche inutili, AVVISIAMO CHE ORA NON SARANNO PIU' PUBBLICATI COMMENTI INFANTILI o PEDANTI. Continueremo certamente a pubblicare le critiche ma solo quelle serie, costruttive e rispettose.
La Redazione