Post in evidenza

La Messa proteiforme: a modest proposal. Risposta e proposta al Prof. Grillo

Il Prof. Grillo ha voluto gentilmente confrontarsi (v. qui ) con il nostro commento critico alla sua intervista (in cui, lo ricordiamo, el...

mercoledì 30 agosto 2023

Miracolo in Argentina: 14º pellegrinaggio a Nuestra Señora de Luján in un santuario che non permette più la Santa Messa per tutti i «todos»

Vi proponiamo – in nostra traduzione – la lettera numero 954 pubblicata da Paix Liturgique il 28 agosto 2023, in cui – sotto forma di intervista – Arnaldo Bilat racconta l’entusiasmante avventura del pellegrinaggio tradizionale di Nuestra Señora de la Cristiandad a Luján (Argentina), giunto quest’anno alla sua 14ª edizione con il coinvolgimento di più di tremila pellegrini provenienti dall’Argentina, dalla Bolivia, dal Brasile, dal Perù, dal Venezuela, dalla Colombia e dal Paraguay, oltre ad una trentina di sacerdoti, soprattutto diocesani (QUI su MiL).
Innanzi a questa moltitudine di giovani cattolici, resta il rammarico di non aver potuto celebrare – per la seconda volta in quattordici anni (anche lo scorso anno) – la Santa Messa tradizionale conclusiva nella Basílica de Nuestra Señora de Luján, ma è forte «la speranza che il prossimo anno la Basílica de Nuestra Señora de Luján apra le sue porte alla celebrazione della Santa Messa tradizionale, perché, come ci ha ricordato papa Francesco a Lisbona durante la Giornata mondiale della Gioventù, nella Chiesa “c’è posto per tutti, tutti, tutti”».
Come per i pellegrinaggi tradizionali di Francia (Chartres) e Spagna (Covadonga), oltre che per il contenuto, la lettera è pregevole per il ricco materiale fotografico, che ben rende l’idea di tanti adolescenti, giovani, giovani famiglie e giovani sacerdoti.

L.V.


Iniziato nel 2010 da pellegrini di Chartres – Nicolás Stier Laxague e alcuni amici, che volevano riprodurre il miracolo di Nostra Signora della Cristianità in Argentina – il pellegrinaggio a Nuestra Señora de Luján si è svolto per la quattordicesima volta quest’anno dal 19 al 21 agosto 2023. Abbiamo chiesto al nostro amico Arnaldo Bilat di presentare ai nostri lettori questa straordinaria testimonianza di fedeltà e cattolicità che si svolge dall’altra parte del mondo.

Paix Liturgique - Per iniziare questa intervista, caro Arnaldo, il pellegrinaggio si svolge non solo agli antipodi geografici ma anche agli antipodi stagionali?

Arnaldo Bilat - Assolutamente sì, perché mentre per voi il mese di agosto è piena estate, per noi dell’emisfero australe è la fine dell’inverno… cioè in condizioni climatiche molto diverse e a volte difficili – le foto che illustrano questa intervista mostreranno ai vostri lettori che il clima non è sempre piacevole – ma bisogna aggiungere che in piena estate farebbe troppo caldo, rendendo impossibile questo pellegrinaggio. Ma aggiungiamo che in agosto in Argentina il 17 è giorno festivo (anniversario della morte del generale José de San Martin), ma viene sempre trasposto al lunedì più vicino a quella data, il che ha aiutato molto la disponibilità dei pellegrini e delle loro famiglie. Di conseguenza, per alcune edizioni del pellegrinaggio, giunto alla 14º edizione, abbiamo avuto la gioia di poter celebrare la Santa Messa dell’Assunta.


Paix Liturgique - Ma se ho capito bene, faceva un po’ freddo…

Arnaldo Bilat - Soprattutto al bivacco alle ore 5 del mattino, quando i pellegrini vengono svegliati dal classico «Alzatevi e splendete, pellegrini!». E poi quest’anno non c’è stata pioggia: un motivo in più per ringraziare Dio.


Paix Liturgique - Perché un pellegrinaggio alla Nuestra Señora de Luján?

Arnaldo Bilat - Innanzitutto perché Nuestra Señora de Luján, che è una vergine miracolosa, è la patrona dell’Argentina… ma anche perché da oltre un secolo questo santuario è uno dei più famosi del continente sudamericano, motivo per cui molti dei nostri amici non argentini sono felici di partecipare con noi. Nuestra Señora de Luján è anche la patrona dell’Uruguay e del Paraguay…


Paix Liturgique - Cosa può dire di questo 14º pellegrinaggio?

Arnaldo Bilat - Come siamo stati inondati di grazia! Pensate, un pellegrinaggio che è iniziato con una decina di pellegrini nel 2010 e che miracolosamente ha raccolto 1.000 pellegrini nel 2022, nonostante i molti ostacoli religiosi. Quest’anno ha visto una crescita che solo il buon Dio, suo figlio e la Madonna di Lujan potevano permettere, con oltre 1.600 pellegrini iscritti, a cui vanno aggiunti i tanti pellegrini dell’ultimo minuto…


Paix Liturgique - Quindi c’è stato un aumento significativo?

Arnaldo Bilat - Sì, e per questo ringraziamo Dio.


Paix Liturgique - Ma come fate a far venire tutta questa gente? Avete dei vettori mediatici potenti?

Arnaldo Bilat - Niente affatto! Nuestra Señora de la Cristianidad in Argentina ha un sito web abbastanza modesto, che potete visitare per saperne di più (nscristiandad.com). Ma la maggior parte della promozione avviene attraverso il passaparola, il più delle volte da parte di ex pellegrini desiderosi di condividere il loro entusiasmo… di persona o attraverso i loro blog o social network… Ma a parte questo abbiamo pochissime risorse e tutto ciò che viene fatto è opera di volontari.


Paix Liturgique - Come funziona il pellegrinaggio?

Arnaldo Bilat - Direi in modo abbastanza ordinario, percorrendo i 100 chilometri che separano la città di Rawson dalla Basílica de Nuestra Señora de Luján, organizzati in capitoli e passando le notti in bivacchi…


Paix Liturgique - Avete rapporti con le autorità locali?

Arnaldo Bilat - Sì, e sono eccellenti! Il sindaco della città di Suipacha, che comprende il villaggio di General Rivas, una delle tappe del pellegrinaggio, ha addirittura emesso un decreto che dichiara il pellegrinaggio di interesse comunale! Eccone una copia.



Paix Liturgique - Qual è stato il tema del pellegrinaggio di quest’anno?

Arnaldo Bilat - Un bel programma, «San Miguel, defiénde nos en la batalla». Immaginiamo un campo di battaglia spirituale dove gli spiriti ribelli bestemmiano e gridano Non serviam, mentre gli angeli buoni difendono la potenza di Dio e l’onore della sua Madre Immacolata, guidati da San Michele che lancia il grido di battaglia: Quis ut Deus? I pellegrini hanno risposto «sì» alla chiamata di Nuestra Señora de Luján e, attraverso questa battaglia spirituale di cui il pellegrinaggio è un’immagine, vogliono obbedire a Dio che ha preparato per loro i luoghi lasciati vuoti dopo la caduta degli angeli cattivi. Tre meditazioni quotidiane hanno scandito la giornata, concentrandosi su questa lotta in cui si combatte non solo contro la carne ma anche contro gli spiriti di questo mondo. Ed è la Vergine Immacolata, Regina degli Angeli, a schiacciare la testa del serpente.


Pace liturgica - Torniamo ai pellegrini… Giovani? Famiglie?

Arnaldo Bilat - Come si può immaginare, una parte molto consistente dei pellegrini era costituita da giovani studenti o allievi delle scuole secondarie, e molte erano le famiglie con i loro figli. Ma c’erano anche adulti, in particolare il capitolo dell’Apostolo San Giacomo – stavo per dire «anziani», con un’età media di circa 45 anni! Un capitolo che ha fatto una forte impressione ai pellegrini stessi.


Paix Liturgique - Il vostro pellegrinaggio ha un carattere internazionale?

Arnaldo Bilat - Assolutamente sì: è normale che la maggior parte dei pellegrini sia argentina e provenga da tutto il Paese. Ma il fenomeno di internazionalizzazione che abbiamo visto l’anno scorso si è ampliato notevolmente e quest’anno il pellegrinaggio di Lujan ha accolto pellegrini provenienti da molti Paesi del Sud America.


Paix Liturgique - Davvero?

Arnaldo Bilat - Sì, pellegrini dalla Bolivia, dal Brasile, dal Perù, dal Venezuela e dalla Colombia, e sono sicuro di dimenticarne qualcuno, così come un grande contingente di giovani dal Paraguay, e non dimentichiamo i pellegrini francesi e spagnoli!


Paix Liturgique - E i sacerdoti?

Arnaldo Bilat - C’erano una trentina di sacerdoti, la maggior parte dei quali erano sacerdoti diocesani argentini, con alcuni altri provenienti dal Brasile, dagli Stati Uniti e persino dalla Francia! E anche, per la prima volta, un sacerdote della Fraternità sacerdotale San Pietro!


Paix Liturgique - Per quale tipo di celebrazione?

Arnaldo Bilat - La liturgia del pellegrinaggio è stata esclusivamente quella dell’usus antiquior, che è stata celebrata durante i tre giorni.


Paix Liturgique - E qual è il vostro rapporto con le autorità religiose?

Arnaldo Bilat - Prima della pubblicazione del motu proprio Traditionis custodes, la Santa Messa di partenza veniva celebrata davanti alla chiesa parrocchiale, perché i pellegrini erano troppi per entrare in chiesa. Il secondo giorno, la Santa Messa veniva celebrata all’aperto nel bivacco e quella di chiusura nella Basílica de Nuestra Señora de Luján. Tuttavia, dall’estate del 2021 non abbiamo più il permesso di celebrare la liturgia tradizionale nella Basílica de Nuestra Señora de Luján.


Paix Liturgique - Non è più gradita?

Arnaldo Bilat - Così abbiamo celebrato la nostra Santa Messa conclusiva a Jauregui, a 8 chilometri dalla Basílica de Nuestra Señora de Luján, e poi siamo andati a concludere il nostro pellegrinaggio con l’adorazione del Santissimo Sacramento e la recita del rosario nel santuario nazionale.


Paix Liturgique - Quindi non eravamo del tutto indifferenti…

Arnaldo Bilat - Nessuno è indifferente al fenomeno del pellegrinaggio della Cristianidad… Sappiamo da un amico sacerdote che la realtà del pellegrinaggio è stata oggetto di molte discussioni anche all’interno del Seminario di Lujan…

Paix Liturgique - Quindi niente «todos» per voi?

Arnaldo Bilat - In ogni caso, è stato un «todos» minimalista, visto che ad accoglierci è stato il rettore della Basílica de Nuestra Señora de Luján e a impartire la benedizione finale è stato un altro dei sacerdoti della basilica. Ma questo non impedirà al pellegrinaggio di crescere, perché abbiamo una missione da compiere come laici, e la compiremo! Dopo il rosario e la benedizione del Santissimo Sacramento all’interno della basilica, uno dei sacerdoti che ci ha accompagnato nei tre giorni di cammino ha preso il microfono e ci ha incoraggiato a invitare un amico a partecipare al prossimo pellegrinaggio. Allo stesso tempo, ha espresso la speranza che il prossimo anno la Basílica de Nuestra Señora de Luján apra le sue porte alla celebrazione della Santa Messa tradizionale, perché, come ci ha ricordato papa Francesco a Lisbona durante la Giornata mondiale della Gioventù, nella Chiesa «c’è posto per tutti, tutti, tutti».


Paix Liturgique - Certo che continuerete…

Arnaldo Bilat - Senza esitazione, in onore di Cristo Re! I nostri cuori e le nostre preghiere si stanno già preparando per il pellegrinaggio del 2024.

2 commenti:

  1. Miraaaaaacolooooooo!!!!!!

    RispondiElimina
  2. Le facce, guardate sempre le facce!
    Ce ne fosse uno che sorride. Mamma mia! Con gente così non ci prenderei nemmeno un caffè.
    Poveri quei bambini.

    RispondiElimina