Post in evidenza

La Messa proteiforme: a modest proposal. Risposta e proposta al Prof. Grillo

Il Prof. Grillo ha voluto gentilmente confrontarsi (v. qui ) con il nostro commento critico alla sua intervista (in cui, lo ricordiamo, el...

sabato 3 giugno 2023

Benedizione Coppie Omo. Vescovo belga: il Papa (personalmente) non si è opposto, quindi…

Grazie a Marco Tosatti per questa traduzione dell'articolo di Edward Pentin.
Se fosse vero il Papa avrebbe approvato un'azione in palese contrasto con documento...da lui approvato.
Luigi

26 Maggio 2023, Marco Tosatti

Carissimi StilumCuriali, offriamo alla vostra attenzione, nella nostra traduzione, questo articolo del National Catholic Register, che ringraziamo per la cortesia. Buona lettura e condivisione.
§§§

Il vescovo di Anversa, in Belgio, ha affermato che, poiché Papa Francesco non ha espresso la sua opposizione specifica alla decisione dei vescovi fiamminghi di benedire le unioni omosessuali, l’ha interpretata come una tacita approvazione della loro azione.
Il vescovo Johan Bonny ha dichiarato in un’intervista del 17 maggio a Katholisch.de di aver avuto “due conversazioni” con Francesco, dalle quali ha dedotto che sapeva che lui e i suoi confratelli vescovi “non stavano andando contro il Papa”.

L’ordinario fiammingo ha detto che non gli è stato permesso di condividere il contenuto preciso di quelle conversazioni, ma ha sottolineato che conoscere la posizione del Papa è “molto importante per me e per gli altri vescovi delle Fiandre”.
Il vescovo Bonny e gli altri vescovi fiamminghi del Belgio hanno introdotto una benedizione per le coppie dello stesso sesso nel settembre 2022, pubblicando un opuscolo contenente una liturgia e delle preghiere suggerite e basando la loro argomentazione sull’esortazione apostolica di Papa Francesco del 2016 sul Sinodo sulla famiglia del 2014-2015, Amoris Laetitia.
Alla domanda se intraprendere le benedizioni per le persone dello stesso sesso gli creasse un conflitto di coscienza, in quanto andava contro la sentenza definitiva del Vaticano del 2021, secondo cui la Chiesa non ha il potere di benedire le unioni omosessuali, il vescovo Bonny ha risposto: “No, perché si tratta del Papa. Non tutti gli uomini di Roma sono papabili”.
“Dalle mie conversazioni, so com’è il mio rapporto con Papa Francesco”, ha continuato, aggiungendo: “Parliamo ‘cum petro et sub petro’ – con e sotto Pietro – ma non tutto il Vaticano è ‘cum petro et sub petro'”. Ha detto che il Vaticano ha “posizioni e sviluppi diversi” e ci sono “facoltà teologiche a Roma che appartengono anche al Vaticano e alla Chiesa cattolica”, ma ha aggiunto: “Roma non è solo un documento o un cardinale. No, Roma è anche unità nella diversità”.
Il Register ha chiesto al portavoce vaticano Matteo Bruni se il Vaticano avrebbe risposto alle affermazioni del vescovo Bonny sull’apparente tacito sostegno papale alle benedizioni omosessuali, ma non ha risposto entro l’ora di stampa.
Anche la diocesi di Anversa non ha risposto alle richieste di ulteriori chiarimenti. Bonny fa bollire la pentolaLo scorso marzo, il vescovo Bonny, che da tempo preme per una maggiore accettazione delle relazioni omosessuali all’interno della Chiesa cattolica, ha dichiarato all’assemblea sinodale del Cammino sinodale della Chiesa tedesca che, durante la visita ad limina dei vescovi fiamminghi lo scorso novembre, il Papa non ha né approvato né negato tali benedizioni, ma ha detto che si trattava di un ambito pastorale di competenza dei vescovi fiamminghi, purché fossero tutti uniti.
Durante l’intervista di questa settimana, Mons. Bonny ha detto che lui e i suoi confratelli vescovi “parlano con una sola voce; non ci sono divisioni o sottogruppi su questo argomento”.

Ha anche detto che i vescovi fiamminghi non hanno le stesse tensioni con Roma che caratterizzano la Chiesa in Germania – un fatto che ha attribuito alla loro unità interna sulle “grandi questioni” e al fatto di essere una piccola conferenza episcopale di soli otto vescovi.
“Non siamo una grande minaccia per Roma”, ha detto. Sempre nell’intervista, ha affermato di ritenere che la tensione tra la Germania e Roma “non sia utile” e che Roma dovrebbe “ascoltare meglio” e “non essere così critica, perché questo non aiuta nessuno”.
Ha anche affermato che nella discussione ci sono “più pregiudizi che giudizi” e ha attribuito alcuni dei motivi della controversia alla diversa mentalità germanica e italiana.
Alcuni ritengono che il vescovo Bonny abbia influenzato la riunione del Cammino sinodale tedesco di marzo a consentire le benedizioni per le persone dello stesso sesso. Egli ha minimizzato il suggerimento, ma ha detto che “qualcosa doveva essere fatto, e anche a Roma sanno che le cose non possono rimanere così”. Ritiene che “una soluzione alla questione dell’omosessualità” debba essere trovata se la Chiesa vuole essere missionaria. “Non è così in Africa – non ancora – e non è così nemmeno in Asia”, ha detto, ma è convinto che “avverrà certamente” e che la soluzione dovrebbe essere “basata sulla scienza umana e sulla Bibbia, oltre che sulla teologia morale e sulle considerazioni pastorali”.
“Anche il Papa lo sa”, ha detto. “Deve essere pastore o padre di tutti. Non deve sempre dire Sì o No ad ogni domanda. Il papato non è lì per dire Sì o No a ogni domanda come nel Medioevo, ma per essere un buon pastore, un buon padre per tutta la comunità, per tenere insieme la comunità”.
“È un ministero di unità nella Chiesa, unità nella diversità”, ha detto, aggiungendo che “un Papa senza diversità nella Chiesa non ha scopo né missione”. I vescovi, ha aggiunto, “sono incaricati di creare diversità. Non solo dobbiamo creare unità, ma dobbiamo anche creare diversità e portare questa diversità a Roma, nella casa del Padre, del Papa”.
Cosa dice il Vaticano
Nella risposta del 15 marzo 2021 alla domanda se la Chiesa avesse il potere di benedire le unioni omosessuali, la Congregazione per la Dottrina della Fede ha sottolineato che le benedizioni sono sacramentali e hanno “un’importanza singolare” nella liturgia della Chiesa.
Come tali, possono essere impartite solo su ciò che è conforme alla natura dei sacramentali. Dio, ha detto la CDF, “non benedice e non può benedire il peccato”.
La dichiarazione continuava dicendo che il suo chiarimento non voleva essere “una forma di ingiusta discriminazione”, ma piuttosto un “richiamo alla verità del rito liturgico e alla natura stessa dei sacramentali, come la Chiesa li intende”.
Il vescovo Bonny ha fortemente criticato la sentenza della CDF, affermando all’epoca che era contraria alla “dinamica” del Sinodo sulla famiglia del 2015 e che minava la “credibilità del ‘percorso sinodale’ sostenuto da Papa Francesco”.

7 commenti:

  1. E' lo stesso atteggiamento della Comunione sulla mano introdotta da... e tollerata da...per cui era provvisoria ed e' diventata obbligatoria?

    RispondiElimina
  2. L'omosessualità è il vostro chiodo fisso, e i chiodi fissi su un argomento non sono un buon segno, potrebbero indicare qualche conflitto inconscio/tentativo di auto-repressione irrisolto.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ahahaha ma sei serio??
      A noi sembra che sia il chiodo fisso di molta parte del clero cattolico, che vuole a tutti i costi sdoganare il peccato di sodomia. Noi siamo costretti a parlarne perchè la gerarchia continua a parlarne.
      E comunque, caro il mio "anonimo", dovresti ormai sapere che a noi non interessa l'omosessualità in sè, ci mancherebbe. Caso mai ci preoccupano i molteplici sforzi che da qualche anno a questa parte si stanno facendo (all'interno della Chiesa) per far cambiare la dottrina della Chiesa (nonostante il catechismo e i documenti della S. Sede siano chiari, immutati e vietino le benedizioni delle coppie gay).
      Ecco, è questo che ci preccupa.

      Elimina
  3. Concordo pienamente con 17:24.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Problemi suoi.
      Ammesso che abbiate ragione, provate a rispondere: forse è meglio essere "repressi" (come dite voi) ma non peccare, oppure non farsi problemi, commettere atti omosesusali, e dannarsi l'anima?

      Elimina
  4. Erètico e bestemmiatore. Bisogna dimetterlo dalla carica di vescovo diocesano e di trasferirlo alla sede titolare(in partibus) di Sodoma.

    RispondiElimina
  5. Nel momento in cui i vescovi belgi e tedeschi benediranno le coppie gay saranno da considerarsi eretici e scomunicati di fatto. (Se il Papa li appoggiasse lo sarebbe anche lui). Io penso che mi rifiuterei di partecipare a una Messa in quei Paesi e ricevere l'Eucaristia nelle diocesi o parrocchie dove avvengono tali benedizioni.
    Sebbene le parole di questi lupi vestiti da agnelli siano tutte melliflue: vogliono scardinare l'insegnamento della Chiesa e tra poco - perchè la reazione c'è e non solo in Africa o Asia - si troveranno a creare uno scisma di portata ingestibile e a macchia di leopardo nella Chiesa. Non mi dispero perchè questo cataclisma porterà al rinnovamento della Chiesa e al trionfo del Cuore Immacolato di Maria!

    RispondiElimina