Post in evidenza

Nuove speranze o nuove turbolenze a Saint-Germain-en-Laye? Intervista a Germain de Paris

Vi proponiamo – in nostra traduzione – la lettera numero 939 pubblicata da Paix Liturgique il 31 maggio 2023, in cui  si aggiorna sulla  ev...

venerdì 21 aprile 2023

Un massone anglicano (divorziato e risposato) celebra "Messa" nella Cattedrale del Papa! Dove siamo arrivati?

A proposito della notizia che abbiamo dato ieri sera, circa la illegittima celebrazione di "preti" anglicani nell'Arcibasilica di San Giovanni in Laterano (il 18 aprile scorso), precisiamo che il loro "vescovo" Baker che ha "presieduto" il servizio in rito anglicano, è un prelato massone, divorziato e risposato (si veda anche foto sotto). Inutile dire che l'indomani (cioè mercoledì 19) la felice congrega anglicana è stata ricevuta dal Santo Padre. 
A questo punto ci aspettiamo direttamente, oltre ai riti pagani della Pacha Mama, anche un bel rito massonico in Vaticano, e abbiamo fatto il pieno! 
Per la Giansoldati (il Messaggero ieri 20.4.23)  “Vescovo anglicano dice messa al Laterano e siede sullo scranno del Papa, l'equivoco che imbarazza anche Bergoglio. Una cosa mai vista (e peraltro pare vietatissima). Non si è però trattato di un semplice testa coda ecumenico, piuttosto quello che appare come uno sfregio in realtà è solo un clamoroso equivoco dai contorni quasi comici, verificatosi per le falle evidenti nella catena di comunicazioni tra Londra e Roma”
Qui LifeSiteNews sulla medesima vicenda.
Questa traduzione è stata realizzata grazie alle donazioni dei lettori di MiL.
Luigi

Jules Gomes, Church Militant, 19/04/2023

Un vescovo anglicano ha suscitato indignazione dopo aver celebrato la Messa in Rito romano nell'Arcibasilica di San Giovanni in Laterano, sede ecclesiastica ufficiale del papa in qualità di vescovo di Roma. Il vescovo Jonathan Baker, vescovo suffraganeo della diocesi di Londra, ha concelebrato la liturgia martedì in quella che è conosciuta come la "madre di tutte le chiese di Roma e del mondo" con oltre 30 sacerdoti anglicani dell'area episcopale di Fulham.

Il Papa incontra i prelati anglicani

San Giovanni in Laterano sostituisce la Basilica di San Pietro nel primato, e nonostante la grandiosità di San Pietro (designata "basilica" rispetto alla "arcibasilica" lateranense), San Giovanni rimane la chiesa cattedrale del romano pontefice. I chierici di Fulham, un gruppo anglo-cattolico tradizionalista che rifiuta l'ordinazione delle donne, sono a Roma a Villa Palazzola per la loro conferenza del clero – un evento che si tiene una volta ogni tre anni.

Mercoledì mattina, Papa Francesco ha incontrato il vescovo Baker e il vescovo Glyn Webster, ex vescovo di Beverly, dopo l'udienza papale in Piazza San Pietro. I chierici hanno anche visitato il Collegio Inglese e sono stati invitati a cena e a un incontro dopo cena con il cardinale Gerhard Müller, ex prefetto della Congregazione per la Dottrina della Fede.

Vescovo massone

Baker ha scatenato polemiche nella Chiesa d'Inghilterra dopo essere stato nominato vescovo di Ebbsfleet nel 2011, nonostante fosse un massone attivo e anziano. Mentre era studente all'Università di Oxford, Baker si unì alla Apollo University Lodge, una loggia massonica associata all'università, e servì come suo "Maestro venerabile". Ha ricoperto la posizione di vice-cappellano nella Gran Loggia Unita d'Inghilterra.

La cerimonia di iniziazione massonica di Baker prevedeva il giuramento di mantenere i "segreti della Massoneria", essere bendati, indossare un cappio da boia ed essere avvertiti che coloro che infrangono i giuramenti di fedeltà avranno la gola tagliata e le loro lingue strappate prima di essere sepolte nella sabbia. Di fronte alla sua appartenenza massonica, Baker rispose:

"Per molti anni sono stato un membro attivo e continuo a esserlo. Questo è emerso in discussione con Rowan [Williams, l'arcivescovo di Canterbury], ma non ha causato un problema per me in nessuna fase del mio ministero, e non causerà un problema adesso".

Sotto pressione poco prima della sua consacrazione a vescovo, Baker disse che avrebbe smesso di essere un membro della loggia, in modo da potersi concentrare sul suo ministero episcopale: "Desidero che nulla possa distrarre dall'inaugurazione di quel ministero". Nel 2014, Baker ha scritto al proprio clero, informandolo che gli era stato dato il permesso da Richard Chartres, vescovo di Londra, e Justin Welby, arcivescovo di Canterbury, di risposarsi dopo il divorzio.

Vescovo divorziato e risposato

Nella primavera del 2015, Baker ha sposato la sua seconda moglie in una cerimonia civile privata, "seguita da una Messa celebrata dal vescovo di Londra, con preghiere di dedicazione e ringraziamento" presso la Guild Church di St. Dunstan-in-the-West.

"Promuovere i vescovi divorziati è una questione molto più seria di promuovere i vescovi omosessuali, perché mina uno degli insegnamenti fondamentali della Scrittura", ha dichiarato l'ex sacerdote anglo-cattolico padre Geoffrey Kirk. Kirk, che in seguito è stato ordinato sacerdote cattolico nell'Ordinariato, aggiunge: "O Gesù ha detto quello che ha detto riguardo al divorzio e al matrimonio, oppure no. Se permetti a te stesso di non prestare attenzione a queste parole, puoi permetterti di osservare qualsiasi altra cosa Egli ha insegnato?"

Convertiti indignati

I cattolici tradizionalisti e gli anglicani convertiti al Cattolicesimo hanno reagito con indignazione alle fotografie del servizio pubblicate sui social media e hanno criticato la Santa Sede per aver permesso agli anglicani di celebrare la liturgia nell'Arcibasilica. Padre Ed Tomlinson, un ex sacerdote anglicano che si è convertito al Cattolicesimo ed è ora un sacerdote cattolico dell'Ordinariato anglicano, ha twittato:

"Strano come il clero anglo-cattolico, che ha rifiutato la gentile offerta dell'Ordinariato di rimanere in un corpo protestante liberalizzato, sia su tutti i social media – come studentesse ridacchianti – solo perché ha celebrato una "Messa" non cattolica a San Giovanni in Laterano. Sembra dissonanza cognitiva."

Il diacono anglicano e presentatore televisivo Calvin Robinson ha risposto:

"No, Padre. Hanno postato una foto del loro ritiro e della Messa, come fanno sempre. Non c'è stato alcun ridacchiare: è disonesto! Ciò che è interessante è l'abuso al vetriolo che hanno ricevuto da ex convertiti anglicani a Roma. La mancanza di carità è incredibilmente triste da vedere dall'esterno".

Padre Mark Elliott Smith, un altro anglicano convertito al Cattolicesimo e sacerdote dell'Ordinariato, ha chiesto: "Che dire dei fedeli laici cattolici che per caso erano presenti? Come possono sapere che ciò che viene celebrato su un altare cattolico in una basilica cattolica usando un messale cattolico è in realtà un'Eucaristia anglicana celebrata da ministri anglicani?"

Su Facebook, l'autore cattolico Peter Kwasniewski ha osservato come sia stato "assolutamente inappropriato per il papa (o chiunque agisce con sua autorizzazione) concedere il permesso agli anglicani di 'celebrare Messa' nella Basilica Lateranense", quando "il venerabile Rito di Roma è stato cacciato dalle chiese e cacciato dagli altari laterali di San Pietro".

Una fonte anglicana, tuttavia, ha rivelato a Church Militant che il clero anglicano aveva "celebrato la comunione usando il Rito romano com'è pratica comune nella maggior parte delle parrocchie anglo-cattoliche nelle isole britanniche". Un'altra questione a portata di mano è che un certo numero di vescovi e sacerdoti anglo-cattolici hanno ordini cattolici validi ma irregolari – essendo stati ordinati da vescovi scismatici o vescovi ortodossi orientali o orientali che sono stati validamente consacrati vescovi. Il Vaticano potrebbe aver scagionato Baker per questo motivo.

Il Dicastero vaticano per il Servizio dell'Unità dei Cristiani ha affermato che i vescovi diocesani possono consentire "a sacerdoti, ministri o comunità non in piena comunione con la Chiesa cattolica" "l'uso di una chiesa" e "anche prestare loro ciò che può essere necessario per i loro servizi" se "non hanno un luogo o gli oggetti liturgici necessari per celebrare degnamente le loro cerimonie religiose".

"Dove c'è una buona relazione ecumenica e comprensione tra le comunità, la proprietà condivisa o l'uso dei locali della chiesa per un lungo periodo di tempo può diventare una questione di interesse pratico", aggiunge il Direttorio per l'applicazione dei principi e delle norme sull'ecumenismo. Roma però ha due chiese anglicane e una cappella presso il Centro Anglicano di Roma, che gode di stretti rapporti con la Santa Sede.



15 commenti:

  1. Roche e Cantalamessa applaudono

    RispondiElimina
    Risposte
    1. D'altronde tra la neochiesa e questi anglicani non ci sono sostanziali differenze! Le vere differenze
      ci sono tra la neochiesa e la chiesa della Tradizione, come Roche e Cantalamessa hanno ben dichiarato!

      Elimina
  2. Quando hanno visto che era massone, hanno pensato fosse in piena comunione.

    RispondiElimina
  3. Scusate, ma quello non è l'altare papale! Da come avevate scritto sembrava avesse celebrato sull'altare papale..

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Anonimo21 aprile 2023 alle ore 08:21
      E infatti AVEVAMO scritto. Ora ABBIAMO corretto. Anche noi leggendo "altar maggiore" nel comunicato del Capitolo avevamo pensato che fosse l'altare della Confessione. Invece si vede che per altar maggiore intendono l'altare della cattedra, e l'altare papale lo chiamano o così o altare della Confessione (appunto). ...
      commento, come tanti altri, inutile.

      Elimina
    2. Se quello era stato "commento, come tanti altri, inutile" perchè non chiudete del tutto i commenti? Lo spirito sinodale di Papa Francesco indica che non ci sono dei commenti "inutili" ma tutto concorre alla gloria di Dio.

      Elimina
    3. Spirito sinodale a parole ed autocrazia nei fatti.

      Elimina
  4. Condivido lo sconcerto e lo scandalo. Ma mi chiedo se sia un segno del cielo. Un segno che Nostro Signore stia volgendo lo sguardo altrove

    RispondiElimina
  5. Il Dicastero vaticano per il Servizio dell'Unità dei Cristiani ha affermato che i vescovi diocesani possono consentire "a sacerdoti, ministri o comunità non in piena comunione con la Chiesa cattolica" "l'uso di una chiesa" e "anche prestare loro ciò che può essere necessario per i loro servizi" se "non hanno un luogo o gli oggetti liturgici necessari per celebrare degnamente le loro cerimonie religiose". Ecco perchè un Vescovo di provincia dopo aver cacciato i fedeli dell'ex Summorum Pontificum ha concesso una chiesa ai lefebvriani della FSSPX per la messa tradizionale.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Tutto spiegato dunque.
      Anche se, purtroppo, apre una porta pure alle concessioni ai lefebvriani.

      Elimina
  6. Episodio programmato a tavolino? Se non saltano le teste dobbiamo temere di sì

    RispondiElimina
  7. Non capisco questo stupore.Sono i frutti del cv2 c'è poco da stupirsi.

    RispondiElimina
  8. State sempre a giudicare. È massone e pure risposato.

    RispondiElimina
  9. Di che meravigliarsi è la fotografia di una chiesa di uomini allo sbando, che non cercano la gloria di Dio.
    In cambio il problema sono solo i fedeli che desiderano assistere alla Messa tridentina e i sacerdoti che la celebrano.

    RispondiElimina

AVVISO AI LETTORI: Visto il continuo infiltrarsi di lettori "ostili" che si divertono solo a scrivere "insulti" e a fare polemiche inutili, AVVISIAMO CHE ORA NON SARANNO PIU' PUBBLICATI COMMENTI INFANTILI o PEDANTI. Continueremo certamente a pubblicare le critiche ma solo quelle serie, costruttive e rispettose.
La Redazione