Post in evidenza

Clamoroso: il Pellegrinaggio a Chartres in diretta TV (olte che su YouTube) #NDC2024 #pentecoste2024 #pentecoste

SEGUI LA DIRETTA Qui sul canale YouTube di Notre Dame de Chretienté tutte le varie dirette.  - sabato 18 maggio a partire dalle ore 6:00 la...

venerdì 10 marzo 2023

Mons. Paprocki: “un cardinale che insegna eresie è scomunicato e non dovrebbe votare in un conclave”


Pesantissime parole del Vescovo di Springfield.
Luigi

Sabina Righetti, Informazione Cattolica, 3-3-23

IL VESCOVO THOMAS PAPROCKI DI SPRINGFIELD (ILLINOIS) SOLLEVA LA PROSPETTIVA SCONVENIENTE DI UN CARDINALE, SCOMUNICATO LATAE SENTENTIAE PER ERESIA, CHE VOTI IN UN CONCLAVE PAPALE

Il vescovo Thomas Paprocki di Springfield, Illinois, ha pubblicato martedì 28 febbraio un saggio in cui cita, senza nominarlo, le parole del cardinale Robert McElroy di San Diego come uno dei due “esempi” di opinioni contrarie a una “verità che deve essere creduta” e, quindi, eretica. E ha ricordato che la pena per l’eresia è la scomunica automatica.
Nel saggio pubblicato su “First Things”, mons. Paprocki, canonista e avvocato civilista, ha criticato le parole sull’idoneità a ricevere la Santa Comunione, riferendosi indirettamente anche a “un cardinale della Chiesa cattolica che ha dichiarato pubblicamente che gli atti omosessuali non sono peccaminosi e che le unioni omosessuali dovrebbero essere benedette dalla Chiesa. Fino a poco tempo fa, sarebbe stato difficile immaginare un successore degli apostoli che facesse affermazioni così poco ortodosse. Sfortunatamente, oggi non è raro sentire i leader cattolici affermare punti di vista eterodossi che, non molto tempo fa, sarebbero stati sposati solo dagli eretici”, ha scritto il vescovo, che è presidente eletto del Church Government and Canonical Affairs Committee della Conferenza dei Vescovi degli Stati Uniti.

Sebbene il vescovo Paprocki non abbia nominato direttamente il cardinale McElroy, ha citato nel suo paragrafo iniziale un recente saggio di quest’ultimo pubblicato sulla rivista “America” relativo all’ “inclusione radicale” di coloro che si identificano come LGBT e altro nella Chiesa.

In quel saggio, il Card. McElroy ha chiesto “una teologia eucaristica che inviti effettivamente tutti i battezzati alla mensa del Signore, piuttosto che una teologia della coerenza eucaristica che moltiplichi le barriere alla grazia e al dono dell’Eucaristia”.

La questione centrale dello scritto di Paprocki è l’apparente rifiuto di McElroy dell’insegnamento della Chiesa, contenuto nel Catechismo della Chiesa Cattolica, secondo cui “chi vuole ricevere Cristo nella Comunione eucaristica deve essere in stato di grazia. Se uno è consapevole di aver peccato mortalmente, non deve accostarsi all’Eucaristia senza prima aver ricevuto l’assoluzione nel sacramento della Penitenza” (n. 1415). Secondo Paprocki, le affermazioni di McElroy sull’Eucaristia sono “contrarie a una verità che deve essere creduta per fede divina e cattolica”.

“La verità sulla coerenza eucaristica che deve essere creduta dalla fede divina e cattolica è stata articolata da San Paolo nella sua Prima Lettera ai Corinzi: ‘chiunque in modo indegno mangia il pane o beve il calice del Signore, sarà reo del corpo e del sangue del Signore. Ciascuno, pertanto, esamini se stesso e poi mangi di questo pane e beva di questo calice; perché chi mangia e beve senza riconoscere il corpo del Signore, mangia e beve la propria condanna’ (1 Cor 11,27-29). Questo è stato l’insegnamento coerente della Chiesa negli ultimi duemila anni”, ha scritto mons. Paprocki. “È profondamente preoccupante considerare la possibilità che i prelati che ricoprono l’ufficio di vescovo diocesano nella Chiesa cattolica possano essere separati o non in piena comunione a causa dell’eresia. Tuttavia, entrambi i casi menzionati implicherebbero di fatto l’eresia”.

Il canone 751 del Codice di Diritto Canonico spiega che “viene detta eresia, l’ostinata negazione, dopo aver ricevuto il battesimo, di una qualche verità che si deve credere per fede divina e cattolica, o il dubbio ostinato su di essa; apostasia, il ripudio totale della fede cristiana; scisma, il rifiuto della sottomissione al Sommo Pontefice o della comunione con i membri della Chiesa a lui soggetti”.

In una dichiarazione di mercoledì 1 marzo Paprocki ha affermato che il suo saggio non intendeva essere un atto d’accusa contro un particolare cardinale. “Intenzionalmente non ho fatto nomi perché non voglio che questo riguardi le personalità coinvolte, ma gli insegnamenti cattolici che vengono negati”, ha detto Paprocki. “Non è contrario alla fede cattolica e quindi all’eresia dire che i peccati sessuali non sono una cosa seria? Non è contrario alla fede cattolica e, quindi, è un’eresia dire che si può ricevere la Comunione pur avendo commesso un grave peccato senza pentimento? Se sì, quali sono le implicazioni canoniche di tali eresie?”, ha spiegato. “Per questo il saggio si intitola ‘Immaginiamo un cardinale eretico’ e non ‘Accusiamo un cardinale eretico’”.

Nel caso di una persona che ha opinioni eretiche, quella persona si è “de facto separata ontologicamente – in realtà – dalla comunione della Chiesa”, ha scritto Paprocki nel suo saggio. “Così, eretici, apostati e scismatici si infliggono la pena della scomunica. Un cardinale della Chiesa cattolica, come qualsiasi altro cattolico che nega la dottrina cattolica stabilita, abbraccia l’eresia, il cui risultato è la scomunica automatica dalla Chiesa cattolica. Solo il Papa può rimuovere un cardinale o rimuoverlo dallo stato clericale in caso di eresia o altri gravi delitti. In caso contrario, si solleva la prospettiva sconveniente di un cardinale, scomunicato latae sententiae per eresia, che voti in un conclave papale”.