Post in evidenza

Intervista di MiL al prof. Andrea Grillo sulla liturgia tradizionale: "La Chiesa non è un club di notai o di avvocati"

Durante la Tre Giorni su don Primo Mazzolari (vedere foto sotto) che si tiene ogni anno in Diocesi di Cremona, a Bozzolo, il Vostro ha inco...

domenica 19 febbraio 2023

Vuoi sapere perché la liturgia deve essere piena di bellezza e splendore? Leggi la vita di Carlo Magno!

Un bellissimo pensiero di don Calvet.
Luigi


Nel suo La santa liturgia, don Gérard Calvet riporta questo episodio:
Un giorno Carlo Magno domandò ad Alcuino, suo ministro e consigliere: “Che cos’è la liturgia?”.
Alcuino rispose come se fosse stata la domanda più semplice: “La liturgia è la gioia di Dio!”.

Infatti è così: la liturgia è la gioia di Dio, perché è con essa che il Signore viene pienamente glorificato.
E poi Calvet aggiunge: “Questa gioia, che sia un’eco o che sia un’anticipazione del soggiorno beato, si esprime liricamente, soprattutto attraverso il canto, la luce, i paramenti bianchi, la processione.”
Da qui -aggiungiamo noi- l’obbligo di rendere la liturgia bella e piena di splendore.