Post in evidenza

Intervista di MiL al prof. Andrea Grillo sulla liturgia tradizionale: "La Chiesa non è un club di notai o di avvocati"

Durante la Tre Giorni su don Primo Mazzolari (vedere foto sotto) che si tiene ogni anno in Diocesi di Cremona, a Bozzolo, il Vostro ha inco...

venerdì 29 marzo 2024

Venerdì Santo - III vigilia: "Et egressus foras ploravit amare"


Mt. 27, 74-75

"[74]Allora egli cominciò a imprecare e a giurare: «Non conosco quell'uomo!». E subito un gallo cantò. [75]E Pietro si ricordò delle parole dette da Gesù: «Prima che il gallo canti, mi rinnegherai tre volte». E uscito all'aperto, pianse amaramente."

3 commenti:

  1. Il tradimento di Cristo, dall'interno della Chiesa, è rinato tante volte nella storia, non troppe volte seguito dal flevit amare di cui è stato capace Pietro perché nonostante le debolezze aveva una fede nel Maestro che lo ha riscattato. Speriamo che ora avvenga la stessa cosa.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Il problema è che Pietro dimostrò di avere, umanamente, una certa debolezza. Invece Bergoglio e simili tendono verso una direzione che non è cristiana. Pietro avrebbe voluto X ma in certi momenti non ce la fece, mentre il clero di oggi vuole Y: è proprio l'intenzione ad essere diversa, perché lo scopo è un altro. Quella di Bergoglio non è debolezza ma è oggettiva volontà di creare o consolidare una religione che non è quella cattolica. Un conto è la momentanea incapacità di essere cristiani, altro conto è perseguire un obiettivo differente; e ciò è fortemente dirimente, dato che nel primo caso ci si salva, nel secondo caso si va all'inferno.

      Elimina
    2. Quindi Papa Francesco vuole distruggere la religione cattolica per crearne un'altra?

      Elimina

AVVISO AI LETTORI: Visto il continuo infiltrarsi di lettori "ostili" che si divertono solo a scrivere "insulti" e a fare polemiche inutili, AVVISIAMO CHE ORA NON SARANNO PIU' PUBBLICATI COMMENTI INFANTILI o PEDANTI. Continueremo certamente a pubblicare le critiche ma solo quelle serie, costruttive e rispettose.
La Redazione