Post in evidenza

Ennesima intemerata (trita e ritrita) di Papa Francesco: «Mi sono arrabbiato con una signora molto ricca che ha convertito due ragazzi: noi non facciamo proselitismo!»

Ieri mattina, in occasi one dell’udienza con i Chierici Regolari di San Paolo, papa Francesco è ritornato su uno dei suoi «cavalli di battag...

lunedì 27 marzo 2017

Opera Familia Christi a Ferrara: cresce in età, grazia e virtù!



Se in Puglia girano loschi individui appartenenti a sette religiose che, spacciandosi per vescovi, attentano alla S. Messa in chiese cattoliche a offesa di Dio e danno per le anime, fortunatamente in Emilia prolifica la benemerita Opera Familia Christi, chiamata a Ferrara dal Vescovo (ora in pensione) Mons. Negri a gestire una importante parrocchia cittadina.
Un plauso a don Riccardo, don Matteo, don Lorenzo, don Emanuele, e ai molti ragazzi (tra cui 14 tra sacerdoti e seminaristi) che curano con il rito antico le anime di Ferrara loro affidate, e hanno fatto rinascere una parrocchia che stava andando in declino.
Ad Multos Annos! 
E grazie al lungimirante e granitico Mons. Negri.
Roberto

7 commenti:

  1. Don Claudio? Non c'è alcun don Claudio in Familia Christi..

    RispondiElimina
  2. Nessuno sa nulla del caso Grassi che è scoppiato nella Chiesa Cattolica Argentina?

    Unum

    RispondiElimina
  3. Dove c'è verità, fioriscono vocazioni e risplende la Fede.
    Dove c'è errore, menzogna, c'è il deserto, come in Germania per via di Marx e Kasper.

    RispondiElimina
  4. Attendiamo il nuovo vescovo eletto da Bergoglio cattocomunista per vederli commissariati e spariti in un istante....

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Mah...ora hanno due piedi in due scarpe diverse... sono istituto diocesana ma anche sotto l'Ecclesia Dei

      Elimina

AVVISO AI LETTORI: Visto il continuo infiltrarsi di lettori "ostili" che si divertono solo a scrivere "insulti" e a fare polemiche inutili, AVVISIAMO CHE ORA NON SARANNO PIU' PUBBLICATI COMMENTI INFANTILI o PEDANTI. Continueremo certamente a pubblicare le critiche ma solo quelle serie, costruttive e rispettose.
La Redazione