lunedì 27 marzo 2017

Finto vescovo "celebra messa" in una chiesa cattolica. Chi lo ha permesso?

Riportiamo una segnalazione di un grave fatto che se confermato, sarebbe inaudito e avrebbe recato grave offesa a Dio e danno ai fedeli. 
Nella chiesa cattolica di S. Maria delle Grazie a S. Nicandro Garganico (Puglia) sarebbe stato commesso un attentato all'Eucarestia da parte di un sedicente vescovo, appartenente ad una semplice associazione soprannominata "Prelatura Episcopale autonoma d'Europa" costituita in Italia tramite statuto.  Pur non avendo scopi politici, si prefigge scopi e caratteri propriamente religiosi, e la si può certamente definire come setta.
Una cosa è certa: essa non è un istituto religioso cattolico e i suoi "preti" non sono consacrati. Non riconoscono nemmeno la Chiesa Cattolica, nè la dottrina nè il Papa.
Ma allora... come hanno fatto a "celebrare" Messa (che Messa, quindi, non era) in una Chiesa Cattolica? Chi ha invitato questo fantomatico "vescovo" (con insegne episcopali tipicamente cattoliche, forse per ingannare meglio gli ingnari fedeli?)? Chi ha permesso una simile profanazione di una chiesa cattolica? 
Chiediamo conto a chi dovere, e inviamo una mail alla Diocesi: info@diocesisansevero.it
Vi faremo sapere di un'eventuale risposta. 
Roberto

Atto di profazione nella Parrocchia Santa Maria delle Grazie,

                         in San Nicandro Garganico-Diocesi di San Severo.

 

E’ accaduto lo scorso 22 marzo 2017, nella suddetta Parrocchia, gestita ancora per via temporanea dai Frati Minori di Puglia e Molise, che da quasi un anno hanno decretato la chiusura del Convento, e consegna della suddetta Parrocchia alla Diocesi, (passaggio non ancora avvenuto); nonostante la comunità dei Frati non esiste più, viene inviato un frate per le celebrazioni e le attività parrocchiali dal vicino convento di San Matteo e Stignano appartenenti all’arcidiocesi di Foggia-Bovino.
Prima di questo episodio, (alcuni mesi fa) i frati tentarono di svuotare il convento portando via, argenterie, statue, quadri, mobili, cucina, ecc… ecc… per smistarli nei vari conventi; e furono bloccati dall’intera popolazione, richiedendo il repentino intervento del Vescovo che riuscì a bloccare il tutto.
Nella serata del 22 marzo 2017, a "celebrare" la Messa, è stato il Gino Collica membro di una setta sedicente “Chiesa Cristiana Ecumenica” facente parte del “Patriarcato Episcopale autonome D’Europa”, accompagnato da una Suora siro ortodossa Hatune Dogan, in cerca di fondi per le missioni, accompagnati da uno dei frati che si occupano della Parrocchia, e ospiti in un loro convento.
Tale setta non è assolutamente riconosciuta dalla Santa Sede, basta fare una piccola ricerca su Internet per scoprire come… i suddetti appartenenti in alcune Diocesi di Italia siano scomunicati e bloccati dai leggittimi Vescovi Cattolici. La suddetta setta… autoproclama e "ordina" propri "sacerdoti" e "Vescovi" in maniera autonoma e ovviamente invalida, e come si leggono in molti articoli http://www.ilcapoluogo.it/2016/04/12/lgbt-film-festival-a-laquila-anche-la-chiesa-in-prima-fila/ tali appartenenti non riconoscono l’autorità del Papa, sono a favore della legge Cirinnà, benedicono unioni civili, sono a favore delle adozioni delle coppie di fatto, ecc… ecc…
Non hanno chiese, o Parrocchie, ma hanno dietro di se una piccola scia di fedeli, e le loro celebrazioni sono svolte in case private, in quanto non gli è concesso fare nulla.
L’essere arrivati a celebrare in una Chiesa, a mettere mani sul Santissimo, e Consacrare, ha qualcosa di gravissimo e di incredibile! Si sa non essendo sacerdoti, quella loro consacrazione non è valida, ma resta pur sempre l’atto di profanazione su un altare consacrato, aver messo mani nel Tabernacolo, e mischiato il Santissimo, con quello fatto da loro.
Del clero locale, nessuno sapeva nulla, sono venuti a conoscenza su alcune domande fatte da fedeli che hanno visto circolare su fb foto di questa Messa da parte di parrocchiani, poi misteriosamente cancellate, soprattutto nel vedere due Vescovi a celebrare, uno con pastorale, croce pettorale, e mitria, l’altro con croce pettorale e mitria.
Capita la gravità dei fatti, prontamente sono stati avvisati i Vescovi del circondario, i quali hanno preso provvedimenti, invitando a non dare nessun tipo di ospitalità; ma sembra che alcuni frati non vogliano ammettere questa cosa, pubblicando e difendendo sulle loro pagine fb, il suddetto prelato.
Per quanto riguarda la Suora invece, sembra che anch’essa non sia un membro della comunità siro ortodossa; la notizia è stata nuovamente diffusa, lo scorso gennaio 2017 https://www.orientecristiano.it/all-news/notizie-generali/12762-siria-il-patriarcato-siro-ortodosso-sconfessa-la-hatune-foundation-non-ci-rappresenta-in-alcun-modo.html
Ora non resta che pregare, e fare un atto di riparazione per il grave atto di profanazione avuto in un luogo di culto cattolico.

36 commenti:

  1. Addirittura il sedicente vescovo principale indossa sopra la casula il pallio da Arcivescovo Metropolita e i responsabili ecclesiastici non si erano insospettiti?!? Che ignoranza crassa!
    TEOFILATTO

    RispondiElimina
  2. I ducetti mitrati sono solo intenti ad impedire la celebrazione della Messa millenaria tradizionale e non vedono ( o fanno finta di)le oscenità che si inventano per il NO. Ma quel buffone, forse solo un povero paranoico, non avrebbe dovuto mostrare il ' celebret'?

    RispondiElimina
  3. I vescovi dovrebbero avere sotto mano l'Annuario Pontificio per verificare l'identità di chi si presenta per celebrare. Con l'immigrazione disordinata alla quale inneggiano felici quanti clandestini si presentano come sacerdoti o santoni a confondere il popolo di Dio da loro abbandonato e indifeso nella propria fede?

    RispondiElimina
  4. Chi darà ora conforto e le dovute spiegazioni ai poveri fedeli raggirati e confusi da queste situazioni? Spero che le Alte Cariche o chi di dovere faccia chiarezza per il rispetto di tutta la comunità Parrocchiale di San Nicandro Garganico .

    RispondiElimina
  5. A quanto pare... nessuno ne in Diocesi, e ne nelle vicine Diocesi sapevano nulla di tutto ciò... Sarei curioso di vedere ora cosa accadrà; ma dubito saranno presi provvedimenti come capita il più delle volte. Se non erro in quella Diocesi l'attuale Vescovo è dimissionario e sta per arrivare il nuovo Vescovo.
    Non vorrei sbagliare, ma uno dei due vestito da Vescovo è uno dei Frati che si occupa della Parrocchia; viene da domandarsi da dove o come è entrato in posesso di tali vestiture? Non è che pure lui faccia parte di questa "setta"?

    RispondiElimina
  6. Riferiscono che uno dei celebranti, quello che indossa mitria e croce pettorale, è un frate che si occupa della Parrocchia in questione!!!!! Spero che la Provincia di Puglia e Molise dei minori prenda i dovuti provvedimenti!!!!

    RispondiElimina
  7. Signore benedetto!!! Io ho partecipato alla messa di questo vescovo. Scusate ma uno dei due celebranti sembra l'ARCIVESCOVO S.E. FRANCESCO CACUCCI. Si si è proprio lui. Cosa ci fa in questa celebrazione? Io ero presente alla celebrazione a Sannicandro Garganico ma non era presente il vescovo. Era solo presente uno l'altro no

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Se quel che Anonimo di poco fa ha scritto fosse vero la cosa andrebbe approfondita.Forse la foto era di "repertorio".

      Elimina
    2. Non è cacucci, è lo pseudoviceparroco.

      Elimina
    3. NON è l'arcivescovo Cacucci è quel tizio che si spaccia per vescovo, l'altro non so chi sia.

      Elimina
    4. Un frate vice-paroco che indossa le insegne vescovili? Carnevale è finito...

      Elimina
  8. LA COSA E' DAVVERO PAZZOIDE. MI CHIEDO SE ESISTE QUALCUNO CHE DOVREBBE CONTROLLA SIMILI COSE. MA COSA FA IL VESCOVO DI SAN SEVERO E LA CURIA DORMONO? MA POI CHI SONO QUESTI DELLA CHIESA CATTOLICA ECUMENICA DI CRISTO CHE HANNO DETTO SUL TG REGIONALE?

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Questo commento è stato eliminato da un amministratore del blog.

      Elimina
    2. Si va bé, buonanotte!!!

      Elimina
    3. "Cattolici" solo perchè indossano le insegne cattoliche! VERGOGNATI falso cattolico delle 15:28 che hai scritto quel commento!

      Elimina
    4. Questo commento è stato eliminato da un amministratore del blog.

      Elimina
    5. Non hanno discedenza episcopale e diffondono eresie. Sono invalidi tutti i sacramenti! Leggetevi la storia di questa "chiesa" omosessuale!

      Elimina
    6. Sono tutti scomunicati dalla Santa Sede !!! Sei un falso e sai di dire falsità!

      Elimina
    7. Anonimo delle 15.23; la chiesa cattolica ecumenica di cristo, è nata in america, da parte di un vescovo cattolico scissionista; tipo lefebvre; le loro ordinazioni sono valide, ma illecite.

      Elimina
  9. Questo commento è stato eliminato da un amministratore del blog.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Andarsi a curare presto !!!!! Costui delle 15:38 è folle !!!

      Elimina
  10. Ma come si sarà procurato il pallio?

    RispondiElimina
  11. Questo commento è stato eliminato da un amministratore del blog.

    RispondiElimina
  12. L'importante che sia andato via e che non inganni altri preti...

    RispondiElimina
  13. Attenzione, vorrei fare un po di chiarimenti nei vari post letti fin ora. Appartengo alla Diocesi di San Severo, e sono venuto a conoscenza dei fatti.
    1) La Chiesa Cristiana Ecumenica in questione, non ha nulla a che vedere con quella americana; infatti gli americani hanno pubblicamente ripetuto più e più volte, che quella fantomatica setta italiana non ha nulla a che fare con loro.... bastava leggere l'articolo iniziale in cui si viene riportati al loro sito, e al loro statuto; per rendersi conto che non ha nulla a che fare con quella americana.
    2)l'arcivescovo di Foggia, è Pelvi...Cacucci è quello di Bari.
    3) Se cercate su internet, troverete oltre ai link messi negli articoli, anche il decreto che il vescovo di Teramo, Mons. Seccia ha diramato in tutta la sua Diocesi con pubblica lettura in ogni messa, e affissione in ogni Parrocchia e Rettoria, sull'applicare il codice di diritto canonico, e relativa scomunica ai sedicenti appartenenti a tale setta italiana, e ai relativi fedeli che partecipano alle loro funzioni.
    4) Il presunto celebrante in questione, è Gino Collica, l'altro è il frate che si occupa della parrocchia, lo possono testimoniare i parrocchiani che conoscono il suddetto frate, c'è da chiedersi come sia entrato in possesso delle vestiture; se il Collica dalla Germania abbia già pianificato il tutto portando doppie vestiture, o se il frate sia anche lui appartenente a tale setta e nominato vescovo da tale setta; nonostante sia un ministro regolarmante ordinato dalla Chiesa Cattolica.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. No! Anonimo 19:37! Sta scrivendo il falso sapendo di mentire per danneggiare un frate francescano. Affermando difatti il falso cioè che - l'altro è il frate che si occupa della parrocchia - il religioso viene diffamato .
      La calunnia non viene da Dio ....

      Elimina
    2. Non ci sono solo queste foto; ma anche altre, e sono sicuro che in Curia saranno arrivate tutte le foto, pure quelle non pubblicate su facebook; tempo ci vorrà, ma questo Vescovo prima di lasciare il suo posto al nuovo successore prenderà i dovuti provvedimenti, come sta già facendo per altre questioni non riguardanti questo caso. Per cui senza che continui a scrivere che è falso sulla questione che non centra il frate; se dovesse insistere; sono certo che queste foto compariranno in breve tempo sul web. Per cui la finisca di dire cose non veritiere e di cercare di difendere quello che lei ritiene falso. Un esempio è già nella foto, dove compaiono di due vescovi e un gruppo di fedeli. Io so il nome del frate, e se volessi aggravere la sua posizione, scriverei il suo nome e il suo cognome, con relativo profilo facebook dimostrandone che lo pseudovescovo e il frate sono la stessa persona.

      Elimina
    3. State tutti dicendo il Falso... Non è la Chiesa che ti rende degno di Celebrare, non è la Chiesa che ti ordina e consacra, dovreste sapere tutti che è lo Spirito Santo. La Chiesa non è detentrice di fede... forse voi cattolici vi siete dimenticati il grande scisma.

      Elimina
    4. Anonimo delle 21.11, le mi sa che non ha ben chiare molte cose; lei viene in un post prettamente cattolico, che difende la Santa Chiesa Cattolica Apostolica Romana, che si basa sulla successione apostolica, sui dogmi di fede.... e ci viene a parlare di scismi e blasfemie pure?... La Chiesa Cattolica ha le sue regole, e tali regole esistono da quando il suo primo successore è stato l'apostolo Pietro... sono più di 2000 anni che esiste.... se non le sta bene... si aggreghi agli scismatici... diventi protestante... diventi quello che vuole... createvi i vostri luoghi di culto, e lasciate in pace gli edifici di culto cattolici, e sopratutto non ingannate la gente, e non truffateli chiedendo soldi! La fede cattolica si basa oltre alle sacre scritture, anche al codice di diritto canonico, alla supremazia del papa, all'unione dell'uomo e della donna; chi non ammette una sola di queste cose è fuori la chiesa cattolica, per tanto se lei vuole difendere queste sue teorie... lo vada a fare da qualche altra parte... o faccia come hanno fatto questa setta, e altre presenti, si crei un associazione legalmente riconosciuta, si crei un gruppo di fedeli, e faccia tutto quello che vuole. Ma fuori dalle 4 mura della Chiesa Cattolica;... provi con i protestanti,se non le va bene provi con gli ortodossi, se non le va bene, provi con gli ebrei, se non le va bene provi con i musulmani, se non le va bene provi con i buddisti, ma dubito che l'accolgano, visto che pure loro non ammettono matrimoni dello stesso sesso; come questa setta di prelatura autonoma fa!

      Elimina
  14. Buonasera; io scrivo da San Nicandro; vorrei rispondere al messaggio di anonimo delle 15.24. Oltre ad essere parrocchiano della Chiesa in questione, ero presente come buona parte dei fedeli alla celebrazione. Posso confermarle che l'altro vescovo era uno dei frati che si occupa della Parrocchia. Non voglio fare il nome... Visto che non se ne è parlato fin ora è ne tanto meno se ne è parlato nell'articolo. Ci troviamo ora in un caos più totale...sia io che molti altri fedeli...non sappiamo più a cosa credere...se andare nelle altre 3 parrocchie...dove già molti sono andati a chiedere consigli e confessarsi...o aspettare che il Vescovo venga a fare chiarezza.

    RispondiElimina
  15. Quelli nella foto sono Gino Collica e Hatune Dogan

    RispondiElimina
  16. Quelli nella foto sono Gino Collica e Hatune Dogan

    RispondiElimina
  17. Quelli nella foto sono Gino Collica e Hatune Dogan

    RispondiElimina
  18. i due vescovi hanno detto messa anche nella chiesa di san Matteo di Stignano e le foto lo diostrano

    RispondiElimina
  19. Solo Sannicantro Garganico e San Matteo Di Stignano? E il solenne pontificale nella caserma dei Carabinieri "Eugenio Frate di Campobasso con quei sontuosi paramenti? https://www.facebook.com/photo.php?fbid=1129322653773927&set=pb.100000886103834.-2207520000.1492148217.&type=3&theater Così come è dimostrato dalle diverse foto pubbliche qui dimostrate.
    chi è il vescovo che gli sta accanto e che si intravede appena? sempre lo stesso? Il cappellano e il comandante dei carabinieri sapevano tutto questo? Chi lo ha invitato? Che Dio ci perdoni.

    RispondiElimina

L'inserimento senza moderazione dei commenti è limitato ai soli post usciti nella medesima giornata di inserimento e nel giorno precedente. Per i post più vecchi, i commenti saranno sottoposti a moderazione.
Qualora fosse attiva la moderazione, possono passare anche alcuni giorni prima del controllo da parte della Redazione.