Post in evidenza

Clamoroso: il Pellegrinaggio a Chartres in diretta TV (olte che su YouTube) #NDC2024 #pentecoste2024 #pentecoste

SEGUI LA DIRETTA Qui sul canale YouTube di Notre Dame de Chretienté tutte le varie dirette.  - sabato 18 maggio a partire dalle ore 6:00 la...

lunedì 16 maggio 2011

Messa Extraordinaria in Cattedrale a Bologna

Sabato 4 giugno ore 12.00

Cattedrale Metropolitana di San Pietro

Bologna



Mons. Massimo Mingardi


Vicario giudiziale del Tribunale Ecclesiastico Regionale

Convisitatore di S. Visita Pastorale

Canonico della Metropolitana


celebrerà la S. Messa Cantata nella Forma Extraordinaria


La S. Messa si terrà in occasione delle celebrazioni per l'annuale discesa in città della venerata Immagine della Madonna di san Luca dal santuario sul colle della Guardia (dove abitualmente si trova): l'Immagine sarà presente in Cattedrale dal 28 maggio al 5 giugno. In quei giorni, alle solite condizioni (Confessione, Comunione, preghiera secondo le intenzioni del Santo Padre) e visitando la cattedrale di San Pietro (ove la venerata Immagine sarà custodita), sarà possibile ottenere l'indulgenza plenaria, applicabile a sé o in suffragio di fedeli defunti (una sola indulgenza plenaria al giorno).



Grande soddisfazione sarà, per il sacerdote e popolo, poter rivolgere insieme lo sguardo verso il Crocifisso, l'Altare maggiore, il Tabernacolo e la venerata immagine della beata Vergine di San Luca. Possiamo vedere, nella foto qui sopra, il meraviglioso altare realizzato dall'architetto Alfonso Torreggiani (1682-1764).


Ecco alcune altre immagini dell'antico Altare maggiore:




Nel filmato sottostante, alcune curiosità circa le celebrazioni in onore della Beata Vergine di San Luca.



15 commenti:

  1. Ma la Cattedrale di Bologna non è San Petronio?

    RispondiElimina
  2. Sbagliatissimo è San Pietro in Via Indipendenza !!!!!!!!!!!!!!!
    San Petronio è Basilica

    RispondiElimina
  3. Che gioia per Nostra Gloriosa Patrona !!!!!!!!!!
    Qual Festa in Cielo dopo 40 anni in cui la Cattedrale è stata saturata di tossine e veleni conciliari lercariani

    RispondiElimina
  4. bella notizia! Piano, piano.....

    RispondiElimina
  5. Don Alfredo Morselli16 maggio 2011 alle ore 18:09

    Francescane Immacolata + cenacolo Rimini + locali

    RispondiElimina
  6. Ottimissima Notizia la Messa di Sempre in Cattedrale
    Paccato che a coprire quella grandissima grazia ci arà davanti quell'osceno altare moderno che assieme a quella orrenda cattedra episcopale sembrano l'arredo di un tempio massonico.
    Spriamo che la Santissima Vergine FACCIA LA GRAZIA di farlo crollare è un OBBROBRIOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOO !!!!!!!!!!!!!!!!!!!!

    Tra i tanti frutti perversi del concilio in diocesi di Bologna c'è stata una squallidissima commissione diocesana di arte sacra di In copetenti con a capo Mons. Giuseppe Stanzani, che hanno deturpato un'infinatà di bellime chiese. VERGOGNA!!!!!!!!!!!!!

    RispondiElimina
  7. L'altare nuovo è soprannominato "il cofanetto di caramelle sperlari"

    RispondiElimina
  8. Che bella notizia! Non mancherò di certo!

    RispondiElimina
  9. La BV di S.Luca accolse, due anni fa, l'antica liturgia sul Colle nel suo Santuario. L'8 giugno la terrà per mano accompagnadola in città.  Un grazie di cuore a sua Eminenza e ai tanti bravi canonici della Cattedrale.
    Vi saranno libretti latino italiano ma si richiede comunque la massima presenza di fedeli che già conoscono il rito straordinario per guidare la partecipazione di chi (e potrebbero essere i più) vi assiste per la prima volta.

    RispondiElimina
  10. Non so chi ha annunciato diversamente, ma posso assicurare che la Santa Messa verrà celebrata sull'altare attualmente in uso e canonicamente consacrato. Sempre lo stesso giorno, alle 14, avrà luogo - e sempre sul medesimo altare - la Divina Liturgia Pontificale in rito bizantino, presieduta dal Visitatore Apostolico degli Ucraini. Nell'uno come nell'altro rito, il celebrante sarà rivolto ad orientem.

    RispondiElimina
  11. quindi celebrano sull'altare nuovo?

    RispondiElimina
  12. E' quindi d'obbligo cantare l'inno della Beata Vergine di San Luca.

    E un solenne NOI VOGLIAM DIO come venne cantato lo scorso 16 ottobre in occasione del pellegrinaggio su al santuario di San Luca

    RispondiElimina
  13. Però su quell'obbrobrio, che mi continuo a chiedere come abbia fatto una degna persona come il card Biffi a lasciarlo costruire e a consacrarlo poi, mettete almene un paliotto !!!!!!!

    A distanza di anni è ancora inguardabile: "il cofanetto di caramelle Sperlari"
    AHHHHHHHHHHHHHHHHHAAAAAAAAHHHHHHHHHHHHHH

    RispondiElimina

AVVISO AI LETTORI: Visto il continuo infiltrarsi di lettori "ostili" che si divertono solo a scrivere "insulti" e a fare polemiche inutili, AVVISIAMO CHE ORA NON SARANNO PIU' PUBBLICATI COMMENTI INFANTILI o PEDANTI. Continueremo certamente a pubblicare le critiche ma solo quelle serie, costruttive e rispettose.
La Redazione