Post in evidenza

Clamoroso: il Pellegrinaggio a Chartres in diretta TV (olte che su YouTube) #NDC2024 #pentecoste2024 #pentecoste

SEGUI LA DIRETTA Qui sul canale YouTube di Notre Dame de Chretienté tutte le varie dirette.  - sabato 18 maggio a partire dalle ore 6:00 la...

giovedì 21 aprile 2011

Petriolo : Processione Eucaristica









Come da tradizione secolare la sera del Martedì della Settimana Santa ( quest’anno il 19 aprile) a conclusione delle Solenni Quarantore nel Santuario della Madonna della Misericordia di Petriolo ( foto dell’antico simulacro quattrocentesco venerato nell’altar maggiore) , provincia di Macerata, Arcidiocesi di Fermo, nel Centro Storico del Paese si snoda la processione Eucaristica .
Quest’anno le solenni Quarantore sono state predicate, con grandissima affluenza dei fedeli, anche per le confessioni, dal Padre Fernando Olivieri Chierici Regolari Minori (Caracciolini C.R.M.)
Le Quarantore sono sempre state considerate una pratica particolarmente importante, alla quale i fedeli rispondevano con devozione ed impegno.
Dal 1863, inoltre, le Processioni hanno potuto contare sull’appoggio e la partecipazione di numerose Confraternite dei paesi limitrofi.
Col passare degli anni le tradizioni non sono state scalfite: attualmente, infatti, ci sono molte Confraternite che partecipano per accrescere maggiormente la fede e la solennità della processione eucaristica.
Da notare la maestosità e la solennità con cui si svolge la Processione: il Santissimo Sacramento viene, infatti, trasportato su un carro addobbato con i fiori che vengono offerti da tutti i bambini del paese.
All’arrivo nella piazza, l'Ostensorio viene esposto sul palco dove, come sfondo, si può ammirare una riproduzione dell’Ultima Cena di Leonardo.
Dopo la predica viene cantato il Tantum Ergo, accompagnato alla Banda, e viene impartita la Benedizione Eucaristica.
Petriolo è uno dei pochi paesi ancora fortemente legato alle antiche tradizioni avendo una storia alle spalle significativa ed importante.
Il giorno della festa della Madonna del Rosario, detta della Vittoria, si venera un quadro della Santa Vergine che ha ai suoi piedi gli infedeli sbaragliati a Lepanto ( foto ).
Continuare a ripercorrere le orme del passato è qualcosa che tutti dovrebbero fare al fine di conservare nel migliore dei modi la fede, la devozione e la solennità dimostrata fino ad oggi, e che possa essere da esempio per le generazioni future, con la speranza che non perdano mai il rispetto e il credo per queste pratiche religiose.
Ai Confratelli di Petriolo dunque la riconoscenza per aver mantenuto intatte tutte le tradizioni devozionali dei loro padri che si svolgono nello splendido Santuario della Madonna della Misericordia, di loro proprietà.
Con gesto assai significativo, a conclusione dell’allestimento del Museo dei Legni processionali, nei locali del Santuario, il Presidente della Repubblica, Giorgio Napolitano ha insignito nel 2009 del titolo di Cavaliere della Repubblica il Confratello Mariano Mercuri, instancabile animatore della vita religiosa e culturale del paese.
Il 15 febbraio 2009 il Santuario ed il Museo sono stati visitati dal Prefetto del Supremo Tribunale della Segnatura Apostolica Cardinale Raimond Leo Burke.

Negli anni bui ’60-70 quando si buttavano alle ortiche le testimonianze artistiche e devozionali del nostro glorioso passato, i Confratelli di Petriolo riuscirono a conservarle gelosamente attendendo tempi migliori.
Il Museo dei Legni Processionali di Petriolo è un vanto per l’intera Regione è da prendere da esempio per come salvaguardare e conservare un patrimonio di fede e di arte lasciati in prestito dalla devozione dei nostri padri.

A.C.

Su youtube alcune immagini della processione dello scorso anno : http://www.youtube.com/watch?v=sQ1ANvqfXwA

Nessun commento:

Posta un commento

AVVISO AI LETTORI: Visto il continuo infiltrarsi di lettori "ostili" che si divertono solo a scrivere "insulti" e a fare polemiche inutili, AVVISIAMO CHE ORA NON SARANNO PIU' PUBBLICATI COMMENTI INFANTILI o PEDANTI. Continueremo certamente a pubblicare le critiche ma solo quelle serie, costruttive e rispettose.
La Redazione