Post in evidenza

Clamoroso: il Pellegrinaggio a Chartres in diretta TV (olte che su YouTube) #NDC2024 #pentecoste2024 #pentecoste

SEGUI LA DIRETTA Qui sul canale YouTube di Notre Dame de Chretienté tutte le varie dirette.  - sabato 18 maggio a partire dalle ore 6:00 la...

domenica 19 dicembre 2010

La messa delle Giovani Marmotte


Il baffuto celebrante patanudo è P. Ortmann, gesuita polacco. Bello l'altare 'al popolo'




Manca qualcosa in quella 'messa'? Certo: la schitarrata del grattacorde del gruppo. Provvediamo noi:

80 commenti:

  1. E i trionfi di casa nostra: http://sacrissolemniis.blogspot.com/2010/12/arrivano-le-nuove-fontane-da-chiesa.html

    RispondiElimina
  2. Cuarcosa (o cuarcuno...) mmè dice che vvè conviene smette ddè aribbate sulle chitare.
    Potrebbe arrivà cuarche smentita come ppè a comunione ssù a mano.
    E nun ce fareste (come nun ce avete fatto!) nà bella figura........
    Salute a tutti voi!

    RispondiElimina
  3. Scrivi qui il tuo nome...19 dicembre 2010 alle ore 16:48

    la fatica è tanta vero ' tripparolo ?????? ......... n' manco voja de di la MESSA in piedi .............................. ma camina va !!!!!!!!!!!!!! 

    RispondiElimina
  4. La fatica è tanta !!!!!!! .... vero TRIPPAROLO ???<span> </span>......

    .......... non c'ha manco voja de dì la MESSA 'n piedi !!!!!!!!  ........... ma camina va !!!!!!!!!!!!!!!!!!!

    RispondiElimina
  5. E' proprio il caso di chiosare:" Si cum Jesu itis, non vadite cum Jesuitis" !

    RispondiElimina
  6. su dai, non stracciamoci le vesti, NON è una Messa questa...

    RispondiElimina
  7. se non è una MESSA allora cosa sta facendo ??????? ......... ancora so distinguere ........

    ........ ci  rifacciamo come col focaccione di LINZ ????????? 

    RispondiElimina
  8. Se questa gente era candida d'animo, in Grazia di Dio ed ansiosa di poter partecipare al Divino Sacrificio e non aveva altre possibilità, credo che bene abbia fatto a celebrare in cotesto modo; 
    si è semplicemente "inventata" una possibilità di partecipare al Sacro Banchetto.

    RispondiElimina
  9. non capisco una cosa.
    Queste foto sono altrettante prove di lampanti violazioni del diritto canonico.
    Perchè l'ordinario non prende i provvedimenti conseguenti? E' discrezionale l'applicazione del Codex?

    RispondiElimina
  10. Eminenza ......... parla quando  pisciano le galline !!!!!!!  ...

    ........  chi mi deve prendere per i fondelli deve ancora nascere ...............  sempre che IO non glie lo consenta ........  !!!!!!!!!!!

    .......... (alla berlusca ) ...... mi consenta !!!!!!!!!!! ........ 

    RispondiElimina
  11. e ne vuoi troppe .........

    RispondiElimina
  12. eeeeeh ne vuoi troppe !!!!!!! ........

    RispondiElimina
  13. Non ite cum Iesuitis...

    RispondiElimina
  14. Non aspettiamoci interventi da parte delle autorità ecclesiastiche.
    Fino a che i Papi si comporteranno come Luigi Filippo...

    RispondiElimina
  15. Voglio sperare che quel signore non stesse celebrando una Messa, ma soltanto parlando ai giovani per aiutarli a meditare. Se per disgrazia avesse voluto celebrare qualcosa di simile a una messa, il falo' posto in mezzo ai presenti, avrebbe dovuto ammonirlo su quale poteva essere il suo destino, e farlo desistere (se crede all'inferno , ma tanto i modernisti non ci credono).

    RispondiElimina
  16. Messa probabilmente invalida

    RispondiElimina
  17. http://www.youtube.com/watch?v=vJ-Ionq0pMI

    RispondiElimina
  18. peggio mi sento .....

    allora questo è educare le nuove leve al paganesimo ........... magari fossero atei buon per loro !!!!!!!!! 

    RispondiElimina
  19. Gent. Sig. Tripparolo
    La smentita della Comunione sulla mano, come lei la chiama e come bene sa, è un indulto. Nella fattispecie un indulto concesso in Italia nel 1989. Come tutti gli indulti rappresenta un ECCEZIONE ad una REGOLA. Eccezione che, se concessa, nel caso particolare implica un ATTENTISSIMO CONTROLLO NELL'AMMINISTRAZIONE E NEL CONSUMO DELLE SACRE SPECIE. Questa è la legge. Poi, se vogliamo cavillare come a lei tanto piace, si potrebbe dire che il M.P. "Ecclesia Dei" concendeva un indulto su altro e noto argomento. Indulto che doveva essere " generosamente e ampliamente concesso" (sic). Questo per farle capire e come si fa presto a fare figli e figliastri sull'applicazione delle regole e delle leggi nella vostra Chiesa post-conciliare e come la RICCA FIGURA DA DISONESTI sia stata fata da qualcun altro. Pensi che se fosse stato debitamente e ONESTAMENTE ( non dico come l'indulto della Comunione sulla mano...noooo...sarebbe stato troppo per qualcuno) applicato l' Ecclesia Dei probabilmente non sarebbe stato necessario emanare il Summorum Pontificum. Che rappresenta ben altro schiaffo per qualcuno...ma lo sappiamo...
    MA la prego...lo faccia presente nei Sacri Palazzi (dove forse lei risiede?...) o negli ambientini che bazzica...le brutte figure sono tipiche e risiedono da quelle parti e là hanno il loro domicilio in questi ultimi tempi. Noi lo sappiamo bene... Sa, solo che come Cattolici e focosi amanti di Santa Madre Chiesa tendiamo ad incavolarci un po' di più quando queste figure peregrine saltano fuori...tutto li...

    RispondiElimina
  20. A me ricordano tanto quelle Messe celebrate dall'allora Don Karol Wojtyla quando andava sui mondi a fare Canoa con i suoi ragazzi!
    Belle immagini! Che poi si possa fare di meglio è vero! Ma ben vengano preti che tirano fuori l'OSTIA in quei momenti! A differenza di chi è pronto a scomunicare ogni tre per due!
    MD

    RispondiElimina
  21. Stiamo freschi se il Card. Schonborn si mette a mandare sms mentre celebra...Poveri catechisti che dicono ancora ai ragazzi di spegnere il telefonino quando entrano in chiesa! Per il resto del filmato non ci sono parole, ma confermano che se questi sono i nostri pastori, il popolo dei fedeli segue a ruota...

    RispondiElimina
  22. d' accordo BARTIME .. ma c' è modo e modo ............

    ......... e poi l' educazione come fonte di rispetto verso chi viene avanti in questo schifo di mondo , queste  giovan generazioni ......... eeeeeeeh dico !!!!!!!!!

    ....... n' va piu' de moda ??? se fosse vero qui siamo a livello delinquenziale .....

     altro che scomuniche ogni due per tre ........ la galera !!!!!!! 

    RispondiElimina
  23. abbiamo bisogno di preti. signore, ma di preti fatti sul tuo stampo,non vogliamo sgorbi non vogliamo" occasionali,ma preti autentici che ci trasmettono te senza mezzi termini senza ristrettezze e paure. vogliamo preti a tempo pieno che consacrino ostie ma sopratutto anime trasformate in te,preti che parlano con la vita piu che con la parola. sai bene signore che l uomo della strada non e molto cambiato da quello dei tuoi tempi, ha ancora fame e sete di te che solo tu puoi appagare: allora dona sacerdoti stracolmi di te come il curato d ars.a noi signore bastano preti dal  cuore aperto dalle mani forate dallo sguardo limpido preti che sappiamo pregare piu che organizzare ,che sappiano parlare con te .donaci o signore ,preti dalle ginocchia robuste ,che sappia sostare davanti te,preti che sappiano adorare impetrare,espiare;preti che non abbiano recapito che il tuo tabernacolo.  e dimenticavo ,rendici degni di avere tali preti.             

    RispondiElimina
  24. ........ sacerdoti NON preti .............

    RispondiElimina
  25. io ho preparato diverse messe da campo che ha differenza di questa, sembravano celebrazioni pontificali. Pure in montagna il sacerdote ci teneva ad avere tuttto, vi assicuro che un dignitoso camice, una pianeta con stola, un calice con velo e borsa, una bella croce con due candele, tovaglia ecc, ci sta tutta in uno zaino normalissimo. Per me era un onore portare lo zaino con l'occorrente della S.Messa, anche erchè mi ero ingengnato per poter avere cose belle che pesassero poco. Ah dimenticavo che da quando anni fa ho scoperto in sacrestia una specie di corporale con reliquia e frammento di pietra, da allora non manca neanche l'antimension sull'altare da campo che non è mai una ammucchiata di zaini. L'unico sconto che faccio nelle messe da campo in montagna è non adornare con i fiori, per quello ci pensa la natura. Basta la volontà e la cura che anche una messa da campo può diventare una celebrazione solenne e non una pagliacciata. Ho letto due settimane fa sulla pagina di dicembre del calendario degli scout, un aneddoto di una signora ( non ricordo il nome...) che dice che grazie al Concilio, gli scout hanno regalato alla Chiesa le messe da campo. Ma per favore! le messe da campo le facevano già i cappellani in guerra, e quelle si che erano messe da campo, dove magari rischiavi la pelle, non le buffonate che si vedono in giro adesso!

    RispondiElimina
  26. certamente condivido ..........  avere come cattedrale una foresta di abeti e mille occhi che di guardano di nascosto ....... dico !!!!!!!!!

    ......... non è roba di tutti i giorni !!!!!!!!!!!!

    RispondiElimina
  27. Magari avessi avuto io Messe così quando ero nell'Agesci ( Messe come quelle di grazie). Invece le Messe erano messe davvero male.

    RispondiElimina
  28. Guarda, se abbiamo messe così è grazie al sacerdote che ci tiene e mi lascia fare con sua grande gioia perchè sa che trova una cosa dignitosa e ben fatta. E non è un sacerdote di  95 anni, ma un 50enne. Posso raccontarvi ancora un aneddoto sulle "nostre" messe da campo: l'anno scorso eravamo in una nota località della valle d'Aosta in luglio  con i ragazzi delle settimane estive. C'era un altare all'aperto ( un blocco di pietra con a fianco una croce in legno, e una serie di panche) . Arriviamo poco prima delle 11, e si doveva celebrare la Messa. C'era già un'altro gruppo estivo, la situazione era la seguente: stoletta verde su maglietta e pantaloncini,  micro set da viaggio, con tovaglietta ovviamente senza corporale ecc. Finiscono loro e tocca a noi: i due sacerdoti si incontrano e scambiano due parole di circostanza di conoscenza ( il nostro però aveva il colletto)...sempre per cortesia l'altro sacerdote chiede: avete bisogno di qualcosa per la messa o siete a posto? al che il mio caro don Donato ironicamente fa: oh ma io sono abitutato a viaggiare come il Papa, ho il mio cerimoniere  privato dietro con tutto! Mentre parlavano io avevo già impiantanto la tovaglia con l'antimension, la croce con quattro candele, leggio con messale, calice, velo, pisside, ampolline, campanello...non vi dico la faccia dell'altro prete quando ha visto che tiravo fuori un camice con amitto e piccolo tramezzo, pianeta verde, stola ecc! Vi assicuro che il tutto stava in un semplice zaino, che in 10 minuti si prepara e si smonta tutto. Come già detto basta un po di amore e di buon senso...

    RispondiElimina
  29. il fuoco è segno dello Spirito
    Sono venuto a portare il fuoco sulla terra; e come vorrei che fosse già acceso! (Lc 12,49)

    RispondiElimina
  30. più che preti dalla mani forate oggi abbiamo preti (non tutti per grazia di Dio) con le mani bucate...
    soldi soldi soldi...

    RispondiElimina
  31. <p><span><span>Prete: latino Presbyter (e più tardi Previter), viene dal greco Presbytes il più anziano, chi esercita funzioni di Ministro.</span></span>
    </p><p><span><span>Sacerdote: latino Sacerdotem, colui che offre un sacrificio… da sacer (sacro - separato) e dot-eos (fare). Nel mondo ebraico il sacerdote era colui che offriva i sacrifici degli animali a Dio. Nel cattolicesimo è il prete che offre – fa la Messa.</span></span>
    </p><p><span>(Dizionario etimologico)</span></p>

    RispondiElimina
  32. chi le fa male in chiesa le fa male in campagna.
    Per celebrare  una messa da campo non sono necessarie tutte le cose che non devono mancare in chiesa. Basta l'essenziale (e non il nulla) e soprattutto ci vuole la disposizione del cuore e la consapevolezza di ciò che si va a celebrare.

    RispondiElimina
  33. dire prete ........ puo' ANCHE  essere dispregiativo ............ è n' prete ... n' ciabattone , un ozioso .......... . come si dice popolarmente .........

    l' essere sacerdote E' una dignita' , oggi  sconosciuta ai vari manager di oggi che ne sono investiti ...........

    .......... implica SEMPRE !!!!!!!!!! .........rispetto quando la si pronuncia ,,,,,,, !!!!!!!! 

    RispondiElimina
  34. hai scoperto l' acqua calda !!!!!!! 

    RispondiElimina
  35. dire prete PUO' ANCHE essere dispregiativo ......... è n' prete , n' ciabattone , un ozioso , come si dice popolarmente .......

    il sacerdozio E' una dignita ' ,  sconosciuta ai vari manager di oggi che ne sono investiti ..........

    ... implica  ....... SEMPRE  !!!!!!!!!!!! ........ rispetto quando la si pronuncia !!!!!!!!!!!!!!!

    RispondiElimina
  36. <span>Badiamo all'essenziale: è più importante celebrare il Divino Sacrificio che fermarsi alle apparenze.</span>
    E' più importante che il popolo partecipi anzichè dover rinunciare alla Santa Messa perchè mancano alcuni "ammenicoli" non indispensabili.
    Ringrazio poi tale "VITTORIO" che ieri, alle ore 18,08 mi ha molto signorilmente invitato a:
    PARLARE QUANDO PISCIANO LE GALLINE

    RispondiElimina
  37. Proprio così, Grazie! I reduci degli alpini ricordavano ancora con grande commozione le Messe da campo celebrate dal Beato don Carlo Gnocchi sul fronte russo, tra la neve e con il timore che i cecchini sparassero qualche fucilata...

    RispondiElimina
  38. Signori lo scoutismo cattolico - AGESCI e FSE- è ancora, in Italia, uno dei pochi percorsi educativi (okkio: non "cammini" ...) che ha la costanza e il coraggio di proporre ai giovani fino ai 21 anni un sereno quanto serio confronto con una scelta di fede vissuta e testimoniata. Questa testimonianza abbisogna di Assistenti Ecclesiastici entusiasti (non casuali/saltuari) e di Capi disposti al sacrificio di un servizio quotidiano ai ragazzi e alle ragazze di oggi: che questo servizio sincero passi anche per celebrazioni quali quella qui riportata o attraverso S.Messe celebrate di tutto punto, quel che conta è che la forza dell'Eucarestia giunga all'anima dei ragazzi, li coinvolga col suo Amore e porti magari frutti di santità. Al riguardo, lo scoutismo cattolico ancor oggi porta salde vocazioni sacerdotali e religiose, certo non abbondanti quanto i NC o quelle di Econe, ma sempre fruttuose per il loro contatto autentico con i problemi e le ansie dei giovani.

    RispondiElimina
  39. ECCO UN ALTRO BEL CONTRIBUTO DEGNO DEI BUONI NOVATORES CHE HANNO RESO IL CULTO PIU' 'DIGERIBILE' :-[ AI GGGGGGGGGIOVANI....

    http://www.youtube.com/v/LjR4ThHcx0o" type="application/x-shockwave-flash" width="200" height="165

    RispondiElimina
  40. finalmente anche un po' di buon senso...sembra sempre che tutte le questioni debbano essere affrontate come crociate contro cio' che non ci piace (vedi il baldanzoso e pessimista VITTORIO testè citato). Grazie.

    RispondiElimina
  41. e te lo ridico ancora ....
    ma come si fa davanti a tanta '' sciatteria  ,, delinquenziale a scrivere un giudizio come hai fatto tu ieri . spiegamelo !!!!

    ........ che esempio si da hai giovani co che mezzi ........ ma sono esseri umani o maiali da allevamento  , gli individui !!!!!! ..........

    ........... ma dove vuoi arrivare piuttosto ......... o ci fai o ci sei !!!!!!!! scusa ma me le tiri fuori con le tenaglie !!!!!!!

    RispondiElimina
  42. non pensare mai , che io sia DON CHISCIOTTE ........ è un lusso che il presente di oggi non mi concede !!!!!!!!!!! .....

    RispondiElimina
  43. Si, ma il fuoco della fede e del cimento, non quello della rostinciana!

    RispondiElimina
  44. Caro Cardinale Attiglio, ha ragione quando definisce "Ammenicoli" non indispensabili, e invita a badare all'essenziale, per cui vorrei chiedergli: cos'è  per lei la S. Messa? Il sacrificio eucaristico, un memoriale della santa cena o un raduno di filantropi che sono in pace e vanno d'amore e d'accordo tra di loro ricordanto un episodio riportato da certe scritture 2000 anni fa? L'importante è stare assieme felici in buona compagnia. E se anche non ci crediamo più di tanto nella transustanziazione...l'importante è assecondare i gusti le mode che i fedeli (in particolar modo se giovani), ci chiedono. Questa è la Chiesa d'oggi, altro che Mater et Magistra ... tutta roba superata 

    RispondiElimina
  45. Ci vuole soprattutto il rispetto per quello che si fa. E ci vuole meno civetteria.

    RispondiElimina
  46. Me lo sono sempre chiesto, ma non ho mai avuto il coraggio di chiedere. Approfittando dell'anonimato del blog vorrei togliermi il dubbio: ma le galline pisciano?

    RispondiElimina
  47. AH AH AH AH AH !!!!!!!!!!!! ...... si !!!!!!!!! ........ quando  ''PASQUA VIEN DI MAGGIO ,, ................!!!!!!!!!!!!!!!!!

    RispondiElimina
  48. Non intendevo certamente giustificare una sconcezza simile. Ma come cavolo fanno certi preti a celebrare il Divino Sacrificio mentre c'è gente che balla, mangia, beve, fuma o peggio?
    Ma sono preti costoro? Nel video sopra mancano soltanto (ma forse solo non si vedono) ragazzi, uomini e donne che hanno rapporti sessuali. Che schifo!!!!!!!

    RispondiElimina
  49. Io mi sono sempre domandato: questi benedetti preti che si arrogano di stravolgere tutta la liturgia, inventandosi mille modi di essere attraenti ai fedeli con manifestazioni circense da tutte le parti, sono proprio sicuri che i fedeli che ascoltano la (messa) sono motivati ad assistervi per il prurito delle novità? Non sarebbe meglio organizzarsi diversamente per far ridere le persone, magari con un telone da circo in piazza?

    RispondiElimina
  50. naturalmente il CONCILIONE  , BARACCONE , SAPUTONE ........ tutto questo non lo prevedeva a suo tempo !!!!!! ........

    ......... e giu' a fasse n' piantarello !!!!!!!!!!!!

    RispondiElimina
  51. ahi! ahi!...don Chisciotte è rimsto a piedi...

    RispondiElimina
  52. vado a cavallo e i conosco come pochi ......

    RispondiElimina
  53. vado a cavallo e li conosco come pochi .........

    RispondiElimina
  54. Queste "messe" non sono valide e chi le "celebra" cade automaticamente in apostasia. Stop

    RispondiElimina
  55. Le dimensioni di questo altarolo sono perfette e dovrebbero essere adottate in tutte le chiese moderniste dell'orbe cattolico: basta una pedata per ribaltare l'osceno parallelepipedo, e se si ha buona mira si riesce pure a prendere dritto in faccia il polacco...

    RispondiElimina
  56. un po' di cautela nell'emettere giudizi cosi' pesanti non guasterebbe...ricordi quando c'è stato chi ha avuto il coraggio di affermare che la comunione fatta nei campi di concentramento con le fettine (o le buccie) di patata non era valida...?

    RispondiElimina
  57. Sono trasecolato (ma forse ho capito male): si riteneva valida la comunione fatta con le fettine o le bucce delle patate??

    RispondiElimina
  58. Forse gli allegri campeggiatori si trovano in stato di necessità? Il codice di diritto canonico è tutto fuor che dubbioso 

    RispondiElimina
  59. Questa e' la messa dell'anticristo !!

    RispondiElimina
  60. si...se non era possibile reperire il pane perchè non c'era...nei campi di concentramento i panifici erano spesso chiusi...c'erano aperti di forni ma servivano ad altri scopi...

    RispondiElimina
  61. nella terza immagine si nota che la chitarra della giovane marmotta è pericolosamente vicina al fuoco...

    RispondiElimina
  62. Caro Renzo T. non c'è bisogno che ci insegni che cosa è la Messa. Lo sappiamo benissimio e forse proprio per questo che si fanno certi distinguo...
    Un consiglio: prova a frequentare una buona parrocchia e te ne renderai conto. Infatti non è tutto come la vedi tu la questione, te lo assicuro!

    RispondiElimina
  63. video già visto e analizzato in questo stesso blog.... se non erro si era arrivati a capire che era qualcosa di falso

    RispondiElimina
  64. Caro Multinik, non voglio insegnare a nessuno cos'è la S. Messa, purtroppo, per il tipo di servizio che svolgo, frequento diverse parrocchie, compresa una chiesa dove ci sono alcuni francescani (una dozzina) che vedo celebrare in modi diversi. Pertanto questo tipo di servizio svolto mi offre la possibilità di un osservatorio vasto per una valutazione complessiva sulla "triste faccenda". So benissimo che ci sono preti in alcune parrocchie che celebrano correttamente e con fede, ma sono una minoranza e, dal mio osservatorio, posso garantire che questa minoranza è costituita da preti giovani. Il disastro liturgico che abbiamo sotto gli occhi, è dato, nella maggioranza dei casi, dai preti tra i 50 e i gli ottant'anni, i famosi primi frutti del Concilio. Dico questo senza acrimonia e senza superbia di insegnare nulla a nessuno, ma solo per dare testimonianza di tante celebrazioni fatte da decine e decine di preti diversi.
    Prova a frequentare anche tu parrocchie diverse e ti renderai conto che la situazione generale non è così felice come nella tua parrocchia.

    RispondiElimina
  65. Posso dire che in mancanza di Sacre Suppellettili i detenuti dei campi di concetramento, a turno, usavano le palme delle mani come patena e, piegate a conchetta, come calice.
    Ma paragonare questi casi con la "messa" del gesuita di cui sopra è semplicemente un INSULTO,IN PRIMIS A NOSTRO SIGNORE, IN SECONDO LUOGO AGLI STESSI INTERNATI DI CUI STAVAMO PARLANDO.
    Scusi la franchezza dubbioso ma credo fermamente che quei prigionieri, dopo quello che hanno passato, sarebbero i primi a prendere a sberle sia il gesuita che gli scout; ma come? io che non avevo manco di che sfamarmi o vestirmi posso capire...ma questi? a passeggiar nel bosco con telefonini et similia? Si spellano le mani o le spalle per portarsi dietro l'occorrente per una Celebrazione degna? o si spellano i piedi a raggiugere la prima cappelletta utile proprio nelle loro comode scarpette da passeggio?

    RispondiElimina
  66. Traduci! Il vin brulè probabilmente non era scaldato a sufficienza!
    MD

    RispondiElimina
  67. E poi...Visto e considerato che molto spesso i novatores ( modernisti, criptodemagoghi o pseudopauperisti che siano) riprendono molto spesso noi Cattolici Tradizionalisti, o meglio compatiscono, su una presunta povertà biblica nel rito o nelle nostre teste a favore di certi trionfalismi o baroccherie. Dicevo, si provino un po' a rileggersi l'Esodo o il Levitico...
    MA un popolo di ex mattonai in pieno deserto del Sinai dove cavolo andavano a cercare bisso (mai capito se si intendesse la varietà di lino o la seta di mare..comunque...),porpora,giacinto, oro, legno di Setim ( varietà di acacia), dodici tipi di pietre preziose differenti ecc ecc...
    Poi legno e fornaci per fondere, telai per filare, martelli per battere e lucidare l'oro ecc. ecc...
    Eppure così fecero...IN PIENO DESERTO...SENZA FISSA DIMORA...e NOI? che abbiamo il Signore VERO E PRESENTE DAVANTI NELLE SACRE SPECIE cosa dovremmo mai fare? Penso che davanti a questo il gesuita delle foto dovrebbe un attimino riflettere...

    RispondiElimina
  68. qualcosa di falso? in che senso?

    RispondiElimina
  69. caro SIMONE 

    ....... in verita' , trovo che la MESSA TRADIZIONALE  , riveli nel suo complesso tante affinita' e radici con la religione ebraica ......... 

    RispondiElimina
  70. dovrebbero portarsi dietro un altare intero?...con tovaglie e vasi di fiori?...sono in un bosco (mi pare)...la situazione è da boyscouts...

    RispondiElimina
  71. è ovvio che le situazioni (bosco e campo di concentramento) sono inconfrontabili...volevo solo focalizzare l'attenzione che a volte si sparano giudizi (anche pesanti...apostasia addirittura) basandosi solo su una foto (boyscouts) o un'affermazione (Comunione fatta con le fettine di patate) senza pero' essere dentro le situazioni: il diritto canonico non è una legge assoluta e perfetta...

    RispondiElimina
  72. Redazione di Messainlatino.it21 dicembre 2010 alle ore 18:45

    La prego di non scrivere tutto in caratteri maiuscoli.

    Francesco

    RispondiElimina
  73. Mi scuso, ma stavo allattando e non riuscivo ad usare entrambe le mani, così ho pensato di ovviare alle maiuscole scrivendo in maiuscolo.

    RispondiElimina
  74. Il bisso di cui parla la Scrittura è quello ricavato da un bivalve, ed è tuttora prodotto artigianalmente in Sardegna...

    RispondiElimina
  75. Infatti era quello che temevo...Allora è propio la seta di mare dai riflessi dorati tratta dal pedicello della Pinna Nobilis... il mollusco che citaci tu Baronius

    RispondiElimina

AVVISO AI LETTORI: Visto il continuo infiltrarsi di lettori "ostili" che si divertono solo a scrivere "insulti" e a fare polemiche inutili, AVVISIAMO CHE ORA NON SARANNO PIU' PUBBLICATI COMMENTI INFANTILI o PEDANTI. Continueremo certamente a pubblicare le critiche ma solo quelle serie, costruttive e rispettose.
La Redazione