Post in evidenza

La Messa proteiforme: a modest proposal. Risposta e proposta al Prof. Grillo

Il Prof. Grillo ha voluto gentilmente confrontarsi (v. qui ) con il nostro commento critico alla sua intervista (in cui, lo ricordiamo, el...

venerdì 15 ottobre 2010

Il terzo convegno sul motu proprio a maggio prossimo

L’Associazione “Giovani e Tradizione” e il Sodalizio “Amicizia Sacerdotale Summorum Pontificum” comunicano ufficialmente la data del III Convegno sul Motu Proprio “Summorum Pontificum” di S.S. Benedetto XVI:

Roma, Angelicum ,13-15 maggio 2011.

Titolo: Il Summorum Pontificum, una speranza per la Chiesa.

Nel pomeriggio di venerdì 13 maggio si inizierà con il pre-convegno riservato ai soli sacerdoti, religiosi e candidati al sacerdozio.

Sabato 14 maggio il convegno prevede due sessioni, una mattutina e una pomeridiana.

Il convegno si concluderà con la Santa Messa Pontificale nella Basilica di San Pietro all’Altare della Cattedra, domenica 15 maggio 2011 celebrata da Sua Eminenza Reverendissima il Signor Cardinale Antonio Canizares Llovera, Prefetto della Congregazione per il Culto Divino e la Disciplina dei Sacramenti.

Dopo la Santa Messa i convegnisti parteciperanno all’Angelus del Santo Padre Benedetto XVI alle ore 12,00 in Piazza San Pietro.

Ulteriori informazioni verranno date in seguito: http://www.giovanietradizione.org/

95 commenti:

  1. Ottimo! A Dio piacendo, ci sarò!

    RispondiElimina
  2. Padre Vincenzo Nuara sei grande!!!

    Se il Signore vuole, ci sarò anch'io!

    Con la stima di sempre,

    Alessandro

    RispondiElimina
  3. In questo convegno spero si parlerà della famosa riforma della riforma, nelle parrocchie c'è bisogno urgente di restaurare un culto migliore. Si possono fare celebrazioni novus ordo con le accortezze e il cerimoniale della messa antica, o si rischia di fare l'ennesimo atto di abuso liturgico? Ad esempio durante il Kyrie cantato si potrebbe incensare l'altare, oppure si potrebbe lecitamente cassare la preghiera dei fedeli, si potrebbe iniziare con l'asperges, si potrebbe fare l'atto peniteziale ai piedi dell'altare e, solo dopo il quale, salire a baciarlo???? Insomma si potrebbe iniziare a prendere qualche iniziativa per la messa in italiano ??'

    RispondiElimina
  4. Scusate, giorni fa leggevo essere possibile anche una certa "reciprocità" tra i due Ordo, sempre nell'intento di una feconda disseminatio tra VO e NO, così come nelle intenzioni di Benedetto XVI nel Motu Proprio. In questa direzione potrebbe andare la proclamazione in italiano del Vangelo e delle letture. Qualcuno sa dirmi di Messe VO che applichino tale aspetto della riforma? Grazie, complimenti per il quotidiano pungolo di questo blog.

    RispondiElimina
  5. Ecco la situazione aggiornata della cristianità in medio oriente, mentre a Roma si svolge il sinodo dei vescovi:
    Turchia: dal 20 % allo 0,2 % di cristiani sulla popolazione totale
    Libano: dal 55 % al 30 % di cristiani sulla popolazione totale
    Giordania: dal 18 % al 2% di cristiani sulla popolazione totale
    Egitto: dal 20% al 10 % di cristiani sulla popolazione totale
    Territori palestinesi: dal 20 % allo 0,8 % di cristiani sulla popolazione totale
    Iraq: dal 7 % al 3 % di cristiani sulla popolazione totale
    Siria: dal 30 % al 4,5 % di cristiani sulla popolazione totale
    L'unico paese in cui i cristiani sono aumentati di numero è Israele. Nel resto del medio oriente, la cristianità sta morendo.
    di Giulio Meotti

    RispondiElimina
  6. credo che l'islamità radicale sia meno devastante degli scempi liturgici che sono stati adombrati da novatori curiali del sinodo, per i quali sono più importanti questi che la sorte dei cristiani in Medio Oriente
    Speriamo che i nostri fratelli mediorientali siano più illuminati e più capaci di noi di resistere... già non hanno abbastanza problemi!

    RispondiElimina
  7. in Israele i cristiani sono aumentati, in paret per lavoratori immigrati, in parte perché ci sono due grossi centi neocatecumenali
    <span>Guardate, digitando in inglese su google "chiesa cattolica in terra santa" cosa vien fuori come primo risultato e con quanta inesattezza e improntitudine un movimento (che non riconosce di essere un movimento ma ha ben altra identità) si inserisce tra gli Istituti di vita consacrata in quel contesto.</span>

    RispondiElimina
  8. <span>Vi inserisco, nei link di seguito, alcuni dei nostri interventi sul rischio delle comunità di più antica tradizione a causa dell'indiscriminato e aggressivo proliferare del Cammino NC: [vedi ] - [vedi] - [vedi]</span>

    RispondiElimina
  9. Sì, mic, c`è da sperare che i cattolici di Tradizione orientale, sapranno resistere e  fare ciò che noi non abbiamo fatto e cioè fare rispettare la loro divina Liturgia e la loro Tradizione.
    Sono molto stupita dal cambiamento dei custodi della Liturgia, i vescovi di Terra Santa <span> che solo qualche tempo fa avevano avvertito il cnc di rispettare le Tradizioni orientali.</span>
    <p>Che cosa è successo?
    </p><p>Quali sirene hanno suggestionato i vescovi di Terra Santa?
    <span>Ciò che sta succedendo è grave, spero che il pesante velo del silenzio e dell`indifferenza non ricoprino questa realtà, come è successo e sta succedendo nelle nostre diocesi e parrocchie.</span></p>

    RispondiElimina
  10. <span>
    <span>Sì, mic, c`è da sperare che i cattolici di Tradizione orientale, sapranno resistere e  fare ciò che noi non abbiamo fatto e cioè fare rispettare la loro divina Liturgia e la loro Tradizione.  
    Sono molto stupita dal cambiamento dei custodi della Liturgia, i vescovi di Terra Santa <span> che solo qualche tempo fa avevano avvertito il cnc di rispettare le Tradizioni orientali.</span>  


    Che cosa è successo?
    Quali sirene hanno suggestionato i vescovi di Terra Santa?  
    <span>Ciò che sta succedendo è grave, spero che il pesante velo del silenzio e dell`indifferenza non ricoprino questa realtà, come è successo e sta succedendo nelle nostre diocesi e parrocchie.</span>
    </span></span>

    RispondiElimina
  11. ehhhhhhh! E che ce ne facciamo di una liturgia intatta ed intonsa se i partecipanti sono tutti sotto due metri di terra?
    Ma vi rendete di quello che state dicendo? La verità senza l'uomo!
    Mamma mia ...
    MD

    RispondiElimina
  12. <span>
    <span>Sì, mic, c`è da sperare che i cattolici di Tradizione orientale, sapranno resistere e  fare ciò che noi non abbiamo fatto e cioè fare rispettare la loro divina Liturgia e la loro Tradizione.  
    Sono molto stupita dal cambiamento dei custodi della Liturgia, i vescovi di Terra Santa <span> che solo qualche tempo fa avevano avvertito il cnc di rispettare le Tradizioni orientali.</span>  


    Che cosa è successo?
    Quali sirene hanno suggestionato i vescovi di Terra Santa?  
    <span>Ciò che sta succedendo è grave, spero che il pesante velo del silenzio e dell`indifferenza non ricoprino questa realtà, come è successo e sta succedendo nelle nostre diocesi e parrocchie.</span>
    </span></span>

    RispondiElimina
  13. <span>
    <span>Sì, mic, c`è da sperare che i cattolici di Tradizione orientale, sapranno resistere e  fare ciò che noi non abbiamo fatto e cioè fare rispettare la loro divina Liturgia e la loro Tradizione.    
    Sono molto stupita dal cambiamento dei custodi della Liturgia, i vescovi di Terra Santa <span> che solo qualche tempo fa avevano avvertito il cnc di rispettare le Tradizioni orientali.</span>    </span></span>
    <span><span>Che cosa è successo?  
    Quali sirene hanno suggestionato i vescovi di Terra Santa?    
    <span>Ciò che sta succedendo è grave, spero che il pesante velo del silenzio e dell`indifferenza non ricoprino questa realtà, come è successo e sta succedendo nelle nostre diocesi e parrocchie.</span>  </span></span>

    RispondiElimina
  14. Van bene i convegni, ma...

    RICORDO:

    domani, sabato 16 ottobre 2010, Pellegrinaggio dei fedeli dell'Emilia Romagna al santuario della Beata Vergine di San Luca - Bologna.

    RispondiElimina
  15. La Verità salva l'uomo, la menzogna lo uccide.
    Lei non si rende conto di cosa significa perpetuare lo scempio della Liturgia che è il vero culto a Dio, che rappresenta e da cui scaturisce il cuore dlela nostra Fede: il Sacrificio di Cristo Signore (scusi se è poco!) e le Grazie escatologiche che ne scaturiscono per noi e per il mondo intero.
    Il Sinodo non deve occuparsi di politica, anche se è logico che ne parli, e chieda interventi a salvaguardia delle vite, ma oltre al dialogo con interlocutori tosti come islamici ed ebrei, deve pur occuparsi di salvaguardare la Fede insieme alle vite, che senza la vera fede che vite sono?

    RispondiElimina
  16. invece, di cosa si occupano i riformatori, invece di alimentare il dialogo? Di continuare a deturpare la liturgia... sono note molto stonate quello del card Rylko e di Carballo, in quell'assise.
    Se il papa accetterà di nominare una Commissione liturgica di specialisti (quali specialisti?), con i propositi anche pastorali letti negli interventi, possiamo dare un addio alle comunità più antiche che cuustodivano il cristianesimo fin dalle origini, Rimarranno di nome, ma non di fatto, così come buona parte della nostra Chiesa, oggi, non può più dirsi cattolcia: ne porta solo l'etichetta, ma non usa più neanche quella...

    RispondiElimina
  17. Pregate, Cesare, che ce n'è molto bisogno!

    RispondiElimina
  18. volesse il cielo che al santo Padre piacesse di assistere a questa santa Messa!!! ma, ahimè, è solo un bel sogno... oppure no??

    RispondiElimina
  19. Domani a San Nicola in Carcere, in Via Teatro di Marcello, alle 17,30, riprendono i sabati di Santo Rosario Benedizione Eucaristica e Santa Messa  VO

    RispondiElimina
  20. MIC Lei ha scritto:
    <span>credo che l'islamità radicale sia meno devastante degli scempi liturgici </span>
    <span>Islamità radicale = dodicenni e tredicenni stuprate</span>
    <span>Donne violentate e lapidate</span>
    <span>Uomini crocefissi</span>
    <span>Uomini incarcerati ed ammazzati</span>
    <span>Uccisione di sacerdoti e Vescovi</span>
    <span>Distruzione di chiese e tempi ( i monasteri in Kosovo)</span>
    <span>Ma si rende conto che Lei sta dicendo che la sua liturgia vale più di una vita umana? Quando si AMMAZZA un uomo si AMMAZZA la Verità cara la mia signora o non lo ha ancora capito! </span>
    <span>Incredibile! A che punto si arriva! Fine, sono disgustato da questa sua frase!</span>
    <span>MD</span>
    <span></span>

    RispondiElimina
  21. Il Convegno avverrà subito dopo la Festa di Santa Caterina da Siena e di san Pio V..... affidiamo fin da oggi ad Essi le sorti di questo Convegno, i suoi aspiranti , partecipanti ed organizzatori, nonchè i frutti succulenti che ne potrebbero derivare.... :)

    RispondiElimina
  22. <span>Il Convegno avverrà subito dopo la Festa di Santa Caterina da Siena e di san Pio V...e nel pieno del Mese del Rosario con la Supplica alla Beata Vergine del Rosario... affidiamo fin da oggi ad Essi e a Maria Santissima, le sorti di questo Convegno, i suoi aspiranti , partecipanti ed organizzatori, nonchè i frutti succulenti che ne potrebbero derivare.... :) </span>

    RispondiElimina
  23. Caterina ... ma non ti scandalizzi per quello che ha detto MIC?
    MD

    RispondiElimina
  24. sottolineo che il pontificale del card. Canizares avverrà all'altare della cattedra. Ma quale?

    RispondiElimina
  25. L'anno scorso fu un bellissimo convegno. Bellissimi interventi, sorprese (tra cui la presentazione degli esiti del sondaggio doxa fatto da Messainlatino... per noi lettori era meno sorpresa...), contatti.

    RispondiElimina
  26. Bartimeo, l'Islam non avrà bisogno di mettere i cristiani due metri sottoterra. Se verranno introdotte nei venerandi riti orientali le stesse modifiche e aggiornamenti che hanno devastato la liturgia romana,i Cristiani del mediooriente si convertiranno tutti all'Islam, almeno è più serio!

    RispondiElimina
  27. ......e' ora di chiaccherare meno......altrimenti saranno solo belle parole e solo parole!!!!!

    RispondiElimina
  28. meno chiacchere.........

    RispondiElimina
  29. MD,
    io ho replicato al suo messaggio che inseriva qualcosa sull'islamità radicale dopo la segnalazione di Luisa sui pesanti interventi dei "Riformatori" incalliti che hanno rifondato e stanno continuando a sfigurare la Chiesa, durante il sinodo per il MO...
    ebbene, ho parlato per iperbole, semplicemente mossa dal suo evidente sviamento di discorso: è stato lei il primo non dico a mettere in relazione la Liturgia all'islam radicale, che non ne hanno nessuna, ma quanto meno a introdurre un 'diversivo' che sviava un discorso che evidentemente non le va a genio
    conosco bene la situazione delle comunità cristiane nei paesi islamici, e anche in Terra Santa (se non altro perché ho vosto come vanno le cose da vivo sia a Betlemme che a Gerusalemme; così come non sottovaluto i drammi delle altre comunità di tutte le altre terre dove l'l'Islam radicale", purtroppo la fa da padrone.
    E poi ho detto anche altre cose... Si tenga pure il suo disgusto... io sono sconcertata dalle sue 'sceneggiate' poco edificanti

    RispondiElimina
  30. :-D  perchè vuoi provocarmi?
    dovresti sapere come la penso, ma se posso evitare di espandere le MIE opinioni per un battibecco, lo evito volentieri.... mi soffermo di più se posso dare un contributo con voci dal Magistero ma non interpretate, pure e linde e bimillenarie... ;)
    dal canto mio, sulla questione del Sinodo che si sta sviluppando, ho detto cosa ne penso du Fides et Forma qui:
    http://fidesetforma.blogspot.com/2010/10/riformatori-al-lavoro-nel-sinodo-delle.html 
    attendo il testo finale prima di pronunciarmi.... e sono ancora in attesa del testo finale, mai uscito, sulla Sacra Scrittura...

    RispondiElimina
  31. L'Islam (dire radicale è pleonastico) uccide, dice lei, e stupra e devasta. 
    Quello che produce lo stravolgimento della liturgia l'abbiamo sotto i n ostri occhi,perdita del senso del sacro e progressivo indebolimento della fede cattolica e del senso religioso in generale, la religione stessa intesa come attività filantropica...E allora. chi è da temere di più, chi ammazza il corpo o chi può ivece portare alla perdizione dell'anima?

    RispondiElimina
  32. inserisco qui un link alla Relazione su quel convegno
    E' stato unico... e sono sicura che il prossimo costituirà un'altra tappa di maggiore consapevolezza: il Signore sta proteggendo e accompagnando la Sua "Fortezza" in crescita, con Lui... 

    RispondiElimina
  33. <span>inserisco qui un link alla Relazione su quel convegno  
    E' stato unico... e sono sicura che il prossimo costituirà un'altra tappa di maggiore Grazia e consapevolezza: il Signore sta proteggendo e accompagnando la Sua "Fortezza" in crescita, con Lui... </span>

    RispondiElimina
  34. Un dono per una Buona Domenica :)

    RispondiElimina
  35. Grazie, ma quelli di Avvenire han detto NO.

    RispondiElimina
  36. Cara mic, hai già detto tutto ciò che c`era da dire, è palese che ci sono argomenti che scottano ma in profondità, alla superficie li si evita e si fa in modo che siano subito sommersi in diversi modi, si cerca ad esempio di gettare subito acqua, si devia il discorso, si annacqua, e via dicendo.    
    Purtroppo in Occidente possiamo solo constatare l`opera distruttrice dei vari novatores, di coloro che il card. Rylko cita come esempi e modelli positivi, osa perfino parlare di  "itinerari pedagogici di straordinaria efficacia per la formazione umana e cristiana dei giovani e degli adulti" , sapendo  che si riferisce al suo amato cnc, incurante che quel gruppo farà in Medio Oriente, anzi, già lo sta facendo, ciò che ha fatto e fa in Occidente  e cioè stravolgere la Liturgia e la Dottrina, schernire Tradizione e devozioni popolari, incurante anche dei metodi che aggrediscono il foro interno delle persone, incurante infine che di quegli "itinerari pedagogici" non abbiamo i testi.  
    Voi avete già visto una  formazione di cui non si conoscono i  testi, il fondamento pedagogico? Una formazione in cui regna il segreto e in cui si impone quel segreto agli allievi, arcano svelato poi a tappe ma mantenuto verso l`esterno?   
    E questo succede nella Chiesa cattolica,  purtroppo,  se i vescovi di Terra Santa lasciano fare, quella sarà la sorte dei cattolici di Rito orientale, della loro Liturgia, della loro Tradizione.  

    RispondiElimina
  37. <span>credo che l'islamità radicale sia meno devastante degli scempi liturgici </span>
    <span>Questo è quanto Lei ha scritto! Punto!</span>
    <span>Si vergogni!</span>
    <span>MD</span>

    RispondiElimina
  38. Vai a vivere in Iran o in Iraq, in indonesia o inPakistan ... vai la!
    Poi quando torni e SE torni fai un post!
    MD

    RispondiElimina
  39. Scusi ma lei è cristiano? Chi salverà il mondo: il Signore e noi in Lui con Lui e per Lui o la politica o, per caso, il dialogo inter-religioso? O per caso qualche 'metodo' di cosiddetta iniziazione cattolica che invece del Sacrificio di Cristo (che è l'unica Fonte di Salvezza anche nei confronti dell'islam radicale, o no?) celebra la Pasqua ebraica e segue prassi giudeo luterano gnostiche che sta imponendo a tutte le diocesi e ora esporta anche dove non dovrebbe mai?

    RispondiElimina
  40. Credo che l'islamità radicale sia meno devastante degli scempi liturgici...
    Si vergogni! Se ne ha il coraggio! ed eviti di giudicare gli altri! Non prima di aver riflettuto su quanto ha scritto.
    Matteo dellanoce

    RispondiElimina
  41. o forse quei teologi modernisti, tra i quali un certo Schoeborn che sostengono che la Liturgia è dialogo e molte altre amenità antropocentriche, secondo le quali la Chiesa fabbrica i suoi riti secondo la nuova concezione che ha di se stessa e l'Actio Chisti non si sa neppure più cos'è?
    O forse quei vescovi che pensano che il Signore con la sua morte in Croce ha voltuto solo darci un segno di grande solidarietà?
    Risparmio la lunga sfilza, delle altre attestazioni di cosiddetta 'continuità', perché la conosciamo tutti...

    RispondiElimina
  42. <span>Credo che l'islamità radicale sia meno devastante degli scempi liturgici...  
    Si vergogni! Se ne ha il coraggio! ed eviti di giudicare gli altri! Non prima di aver riflettuto su quanto ha scritto.  
    Matteo dellanoce</span> PS Si vergogni e la smetta di arrampicarsi sugli specchi! Chieda scusa. Il fedele che viene ha contatto con certi scem-born ha gli strumenti e la possibilità per ravvedersi e discernere gli altri che vengono a contatto con l'islam radicale No! Si Vergogni! ammesso che ne abbia il coraggio! Si vergogni per quello che ha scritto!

    RispondiElimina
  43. <span><span>Credo che l'islamità radicale sia meno devastante degli scempi liturgici...    
    Si vergogni! Se ne ha il coraggio! ed eviti di giudicare gli altri! Non prima di aver riflettuto su quanto ha scritto.    
    Matteo dellanoce</span> PS Si vergogni e la smetta di arrampicarsi sugli specchi! Chieda scusa. Il fedele che viene  a contatto con certi scem-born ha gli strumenti e la possibilità per ravvedersi e discernere gli altri che vengono a contatto con l'islam radicale No! non possono nemmeno più respirare! Sono martirizzati. Vada a fare un blog in Iran! Vada!  Si Vergogni! ammesso che ne abbia il coraggio! Si vergogni per quello che ha scritto. Si vergogni per l'odio che diffonde! Si vergogni!</span>

    RispondiElimina
  44. Bene Eminenza, andiamo a evangelizzare, movimenti e NON ... ma sotto quale catechismo?

    RispondiElimina
  45. si rende conto che secondo lei dovrei vergognarmi di Cristo Signore?
    Non ho fatto altro che parlare di Lui anche rispetto all'islam radicale o non è abbastanza ecclesially correct?

    RispondiElimina
  46. Quello di Pinco Para Pallino o della Chiesa Cattolica?
    Se è con il primo ... meglio che ce ne stiamo a casa!

    RispondiElimina
  47. ma sig.Bartimeo, scusi, di che cosa si dovrebbe vergognare Mic, visto che già le ha detto due volte "si vergogni" ? ? di aver detto la verità, per caso ?
     beh, se lei Bartimeo, prova questa vergogna oggi, della Verità detta da pochissimi onestamente, a viso aperto e senza rispetto umano, di certo si trova in folta e spesso altolocata compagnia; e le toccherà allora, a suo tempo (se non si ravvede) quello che Nostro Signore ha detto a tutti gli uomini di tutti i tempi:<span></span>
    <span>      "Chi si vergognerà di me e delle mie parole davanti a questa generazione adultera e peccatrice, anche il Figlio dell'uomo si vergognerà di lui, quando verrà nella gloria del Padre suo con gli angeli santi". (Mc 8: 38).</span>
    Dunque rifletta<span> lei,</span> e stia bene attento a ciò che dice, quando inveisce a sproposito contro chi le risponde confutando le sue affermazioni civilmente, dicendo nient'altro che la VERITA'  !

    RispondiElimina
  48. <span>Credo che l'islamità radicale sia meno devastante degli scempi liturgici...  
    Questo ha lei scritto! Questo non è ecclesially correct! Questo è culturalmente delinquenziale! Lei è disposta a sacrificare ed ad immolare quanti Agnelli per mantenere intatta la sua Liturgia? Quanti? e di che razza, etnia e religione? Quanti? Faccia un numero o una cifra?lei preferisci la dhimmitudine alla Verità che ci fa liberi?</span>
    <span>Lasci perdere è meglio! Rischia soltanto di affogare nel fango che sparge!</span>
    <span>Buona notte a Lei ed a quanti la hanno sostenuta, senza scandalizzarsi per le sue parole!</span>
    <span>Gliele ricordo</span>
    <span></span><span><span><span>Credo che l'islamità radicale sia meno devastante degli scempi liturgici...  </span></span></span>
    <span><span>Matteo Dellanoce</span></span>
    <span><span>Un criptomodernista che crede che prima di tutto in questo mondo venga la Vita perchè senza vita non c'è Via ne verità!</span></span>
    <span><span><span>
    </span></span></span>

    <span></span>

    RispondiElimina
  49. <img></img>

    <img></img> <span>viva la Verità</span><span></span><img></img>
    <span>ma sig.Bartimeo, scusi, di che cosa si dovrebbe vergognare Mic, visto che già le ha detto due volte "si vergogni" ? ? di aver detto la verità, per caso ?  
     beh, se lei Bartimeo, prova questa vergogna oggi, della Verità detta da pochissimi onestamente, a viso aperto e senza rispetto umano, di certo si trova in folta e spesso altolocata compagnia; e le toccherà allora, a suo tempo (se non si ravvede) quello che Nostro Signore ha detto a tutti gli uomini di tutti i tempi:<span></span>  
    <span>      "Chi si vergognerà di me e delle mie parole davanti a questa generazione adultera e peccatrice, anche il Figlio dell'uomo si vergognerà di lui, quando verrà nella gloria del Padre suo con gli angeli santi". (Mc 8: 38).</span>  
    Dunque rifletta<span> lei,</span> e stia bene attento a ciò che dice, quando inveisce a sproposito contro chi le risponde confutando le sue affermazioni civilmente, dicendo nient'altro che la VERITA'  !</span>

    RispondiElimina
  50. Cara Mic, il signor Dellanoce sta aggredendoti, si sta aggrappando ad una tua frase, nel tentativo maldestro di discreditarti e di sviare il corso della discussione su ciò che sta succedendo al Sinodo, sulle manovre che sembrano aver luogo per imporre ai vescovi di Terra Santa la presenza del cammino neocatecumenale, con tutto ciò che implicherà e cioè l`inquinamento delle loro Liturgie e Tradizioni.
    Tu ed io conosciamo queste manovre, ne abbiamo osservato parecchie, sempre le stesse, e non ci lasciamo ingannare, certi "si vergogni" dovrebbero innazitutto fare arrossire chi li esprime.
    Non temere, il signor Dellanoce non riuscirà di certo a scalfire la stima e il rispetto che chi scrive su questo blog ti porta, potrà continuare a tuonare con i suoi isterici punti esclamativi, sappiamo perchè lo fa.

    RispondiElimina
  51. ma la smetta lei, piuttosto, di falsificare completamente ciò che dicono i bloggers: come si permette di parlare di odio a proposito dei discorsi di Mic  ? lei sta perseguendo il solo scopo di zittire l'interlocutore, che evidentemente è diventato scomodo, perchè dice cose VERISSIME !
    Mic non ha nulla di cui vergognarsi, lei invece vuole imbavagliare i dialoganti quando toccano tasti dolenti della Chiesa attuale, di cui è ora che tutti prendano coscienza.
    Ma lei Bartimeo è incapace di ascoltare le ragioni degli altri e, quando ha TORTO palese, strepita e accusa a vanvera di odio coloro che dicono il vero: ciò è grottesco e anche incivile, da parte di chiunque lo faccia, e lei lo fa più di ogni altro, in maniera eclatante e tenace, cercando in tutti i modi di zittire l'avversario, con accuse inaudite !

    RispondiElimina
  52. Primo ... ma dove c'è vita c'è speranza! Dove c'è morte che speranza c'è?
    Qui in gioco non è un culto, una Chiesa o un merletto qui in gioco c'è il Tempio! L'uomo e la sua vita!
    Qui non è questione di dialogo, di liturgia, di politica e di verittà, qui è in gioco il contenitore della verità, il tempio appunto, l'Uomo!
    Se il tradizionalismo è questo, beh! Alla larga!
    L'unità liturgica è fondamentale per l'unità politica e non viceversa! Solo se in quelle aree i Cristiani saranno uniti avranno una speranza! Ma va da sè di fronte al purismo tautologico della religione fatta ideologia l'uomo è negato!
    Incredibile ... e parlate di verità!
    Andate avanti ad idolatrarla.
    MD
    PS si vergognerà  Chi ha salvato la forma o la sostanza? chi ha salvato la creatura o le scartoffie? Chi cerca di garantire ai portatori di verità la possibuilità di farlo o chi al diavolo il media e sia salvo il messaggio dimenticando che per il cristianesimo media e messaggio coincidono? Crediamo prima di tutto nell'Incarnazione che ricordiamo nell'Angelus è da lì che partiamo ... ma senza uomo niente incarnazione!

    RispondiElimina
  53. in effetti il Papa ha indetto un sinodo non per difendere i cristiani in quelle terre martoriate ma per permettere a Kiko e c. di inquinare le tradizioni!!!! Ci voleva l'intelligence tradizionalista per svelare questo segreto!
    prima di fare certe affermazioni leggetevi il discorso del Papa sul terrorismo, ricollegatevi a Ratisbona, fate la conte dei morti e del resto e poi parlate!
    Incredibile!Realmente senza Vergogna!
    Lasciamo perdere! Quando la vita non vale più nulla figurati cosa conta Dio!
    Buona notte!
    MD

    RispondiElimina
  54. Zittire con accuse inaudite?
    Lo ho scritto io quello che è stato postato di sopra?
    Buona notte!
    PS ribadisco. nel ventunesimo secolo nessuno zittisce nessuno ... e ciò vale anche al contrario!

    RispondiElimina
  55. Ah! Dimenticavo!
    Redazione adesso mi autobanno per un pezzo! Per la gioia di qualcuno senza vergogna così potrà andare avanti indisturbato a scrivere oscenità di quel tipo! Sono disposti ad allearsi al "nemico" che li odia pur di far fuori il loro amico ( perchè comunque nel bene o nel male fino a prova contraria i movimenti sono nella Chiesa).
    Ciao enrico! Buon lavoro e buon ritorno!
    MD

    RispondiElimina
  56. <span>purismo tautologico della religione fatta ideologia l'uomo è negato!   </span>
    eeehhhhh  ?
    e quale sarebbe la religione fatta ideologia ?
    quella del lupo che rimprovera l'agnello di inquinare l'acqua, in basso ? (la solita storia)
    ma per favore....
    lei continua ad alzare il solito polverone negli occhi dei lettori sprovveduti: ma non potrà continuare questo giochetto a lungo, sig. Bartimeo ! ricordi il dott. Manson ne La cittadella: "A Dio non la si fa..."
    e vale per lei come per chiunque crede di  calpestare per anni e anni la Verità, confondendo le coscienze dei SEMPLICI, per i propri loschi fini o giochi di potere: presto o tardi, il rendiconto arriva !

    RispondiElimina
  57. ;) ...la virilità di un uomo o la femminilità per una donna, non si manifestano con il coraggio che tu intendi - mi riferisco alle tue battute e al tuo punto esclamitivo nel delineare e giudicare il mio "coraggio" -, ascoltando l'apostolo ci insegna che ci sono anche contese da evitare e discussioni inutili, ciò che tu proponi sarebbe dunque una forma di coraggio? suvvia!
    Don Alfredo stamani nell'altro Thread a suggerito come esprimere certa virilità... la preferisco... :-D

    RispondiElimina
  58. <span> ;) ...la virilità di un uomo o la femminilità per una donna, non si manifestano con il coraggio che tu intendi - mi riferisco alle tue battute e al tuo punto esclamitivo nel delineare e giudicare il mio "coraggio" -, ascoltando l'apostolo ci insegna che ci sono anche contese da evitare e discussioni inutili, ciò che tu proponi sarebbe dunque una forma di coraggio? suvvia!  
    Don Alfredo stamani nell'altro Thread ha suggerito come esprimere certa virilità... la preferisco... :-D   
    </span>

    RispondiElimina
  59. <span><span>purismo tautologico della religione fatta ideologia l'uomo è negato!   </span>  
    eeehhhhh  ?  
    e quale sarebbe la religione fatta ideologia ?  
    quella del lupo che rimprovera l'agnello di inquinare l'acqua,<span> dal basso</span> ? (la solita storia)  
    ma per favore....  
    lei continua ad alzare il solito polverone negli occhi dei lettori sprovveduti: ma non potrà continuare questo giochetto a lungo, sig. Bartimeo ! ricordi il dott. Manson ne La cittadella: "A Dio non la si fa..."  
    e vale per lei come per chiunque crede di  calpestare per anni e anni la Verità, confondendo le coscienze dei SEMPLICI, per i propri loschi fini o giochi di potere: presto o tardi, il rendiconto arriva !</span>

    RispondiElimina
  60. :-D :-D :-D  "Redazione adesso mi autobanno per un pezzo! "

    Ero piccino e lo dicevi già da un pezzo! :-D :-D :-D
    Suvvìa basta una camomilla calda calda e una bella dormita. ;)

    RispondiElimina
  61. Per chi avesse ancora un dubbio sull`avanzata devastante del cnc in Terra Santa metterò l`intervento al Sinodo di un presbitero neocatecumenale, direttore della Domus Galileae, la cittadella neocat in Israele.
    Ma come, i cristiani stanno scomparendo in Terra Santa e ovunque  e voi venite a parlarci di Liturgia?
    Ma come,la famiglia e la morale sono sotto attacco e voi venite a parlarci di Liturgia?
    E così ponendosi come gli alfieri della famiglia (ci sarebbe molto da dire sulla verità di questa affermazione, ma transit), e della morale, con i loro potenti e persuasivi mezzi e protezioni, i ncn hanno acquistato l`amicizia e la simpatia di molti vescovi e cardinali, ingenui o perfettamente al corrente della realtà che quella facciata nascondeva, e nasconde.
    E così la "chiesa di Kiko" si sta impiantando e diffondendo, e con lei le sue prassi, colui che ha rifiutato la Liturgia cattolica perchè sarebbe stata una catastrofe per le sue comunità (!), sta impiantando la SUA "liturgia", i suoi segni  e simboli, la sua "pseudoteologia liturgica" che viene a sostituire la teologia liturgica cattolica, dietro la loro facciata e i loro numeri, coloro che insistono sulla morale e sulla famiglia stanno fagocitando le nostre parrocchie e imponendo le loro prassi e la loro struttura.
    Questo sta succedendo anche presso i cristiani d’Oriente che si trovano a casa propria fin dalla notte dei tempi, testimoni dei primi tempi del cristianesimo, "la ricchezza del loro patrimonio spirituale e liturgico è inestimabile." come ricordava ieri al Sinodo S. E. R. Mons. Joseph KHOURY, Vescovo di Saint-Maron de Montréal dei Maroniti (CANADA).
    LEX ORAMDI,LEX CREDENDI.
    Siamo noi laici a doverlo ricordare ai notri pastori?

    RispondiElimina
  62. <span>Per chi avesse ancora un dubbio sull`avanzata devastante del cnc in Terra Santa metterò l`intervento al Sinodo di un presbitero neocatecumenale, direttore della Domus Galileae, la cittadella neocat in Israele.  
    Ma come, i cristiani stanno scomparendo in Terra Santa e ovunque  e voi venite a parlarci di Liturgia?  
    Ma come, la famiglia e la morale sono sotto attacco e voi venite a parlarci di Liturgia?  
    E così ponendosi come gli alfieri della famiglia (ci sarebbe molto da dire sulla verità di questa affermazione, ma transit), e della morale, con i loro potenti e persuasivi mezzi e protezioni, i ncn hanno acquistato l`amicizia e la simpatia di molti vescovi e cardinali, ingenui o perfettamente al corrente della realtà che quella facciata nascondeva, e nasconde.  
    E così la "chiesa di Kiko" si sta impiantando e diffondendo, e con lei le sue prassi, colui che ha rifiutato la Liturgia cattolica perchè sarebbe stata una catastrofe per le sue comunità (!), sta impiantando la SUA "liturgia", i suoi segni  e simboli, la sua "pseudoteologia liturgica" che viene a sostituire la teologia liturgica cattolica, dietro la loro facciata e i loro numeri, coloro che insistono sulla morale e sulla famiglia stanno fagocitando le nostre parrocchie e imponendo le loro prassi e la loro struttura.  
    Questo sta succedendo anche presso i cristiani d’Oriente che si trovano a casa propria fin dalla notte dei tempi, testimoni dei primi tempi del cristianesimo, "la ricchezza del loro patrimonio spirituale e liturgico è inestimabile." come ricordava ieri al Sinodo S. E. R. Mons. Joseph KHOURY, Vescovo di Saint-Maron de Montréal dei Maroniti (CANADA).  
    LEX ORANDI, LEX CREDENDI.  
    Siamo noi laici a doverlo ricordare ai notri pastori?</span>

    RispondiElimina
  63. A questo link, chi è interessato, troverà il discorso del direttore della domus Galileae:

    http://www.vatican.va/news_services/press/sinodo/documents/bollettino_24_speciale-medio-oriente-2010/01_italiano/b13_01.html

    Leggerà i soliti argomenti, il solito discorso neocatecumenale, vedrà come gli ebrei si sentono a casa loro in quella Domus, farcita di segni e simboli ebraici, e saprà come i ncn fondano e presentanol`unicità del loro cammino:
    " I Padri orientali nei primi secoli di fronte alle sfide del loro tempo, in un mondo pagano, hanno elaborato un itinerario di iniziazione cristiana: il Catecumenato. La Chiesa come una madre, in un percorso lento con tappe, gestava nei suoi figli la Vita Eterna. Oggi è necessario offrire ai nostri cristiani un catecumenato adattato alla loro condizione di battezzati.
    I pastori della Terra Santa sono coscienti delle sfide che ci attendono oggi e lo posso testimoniare anche con l'iniziativa del Patriarca Latino di Gerusalemme, che in comunione con gli arcivescovi Greco-Melchita e Maronita, ha aperto un seminario missionario Redemptoris Mater, per preparare presbiteri missionari per la Nuova Evangelizzazione.
    "
    E così la "chiesa di Kiko" si diffonderà, e si dffonde già, anche in quei luoghi santi, verrà a sostituire il patrimonio spirituale e liturgico, le tradizioni, di quel popolo già martoriato.
    E noi possiamo solo assistere impotenti e affranti a questo nuovo scempio in atto.

    RispondiElimina
  64. Vallo a dire  a Mons. padovese, a Mons. Santoro ...
    MD

    RispondiElimina
  65. credo che l'islamità radicale sia meno devastante degli scempi liturgici16 ottobre 2010 alle ore 09:40

    È quello cristiano il gruppo religioso più perseguitato nel mondo. Su 100 morti per crimini legati alla religione, 75 sono di fede cristiana. Il numero totale di credenti discriminanti è di circa 100 milioni di persone. Si stima che siano stati martirizzati più cristiani nel ventesimo secolo che in tutti i 1.900 anni precedenti.

    I dati sono emersi nel corso della conferenza sulla Persecuzione contro i cristiani che si è tenuta nella sede del Parlamento europeo a Bruxelles, promossa dalla Comece (Commissione episcopati Unione europea), dai Gruppi dei conservatori e riformisti europei e del partito popolare europeo (Epp) all’Europarlamento, in collaborazione con Aiuto alla Chiesa che Soffre e Open Doors International. Mons. Sako, arcivescovo dei Caldei in Iraq, ha lanciato l’ennesimo drammatico appello: «In Iraq il numero dei cristiani continua a diminuire. Forse essi scompariranno a causa delle continue persecuzioni, minacce e violenze».

    «Dal 2003 ad oggi – ha reso noto – sono state assalite 51 chiese; rapiti e uccisi un vescovo e tre preti; circa 900 cristiani innocenti uccisi e centinaia di migliaia obbligati a lasciare le proprie case in cerca di un luogo sicuro». Gli ha fatto eco mons. Kussala, vescovo del Sudan, un altro Paese dove i cristiani subiscono forti persecuzioni. «Questa conferenza – ha detto Kussala – può suggerire all’Ue di fare pressione sulle Nazioni Unite affinché rafforzino la loro legislazione a difesa dei diritti delle minoranze e specialmente dei cristiani?». Dal presule anche le richieste che all’interno dell’Onu si costituisca una Commissione sulla libertà religiosa internazionale e che anche “atrocità” come “omicidi e persecuzioni” a sfondo religioso vengano perseguite dal Tribunale penale internazionale, presieduto da Mario Mauro (capogruppo Pdl/Ppe) e dal polacco Konrad Szymansky (dei conservatori europei Ecr).

    La conferenza si è conclusa con la presentazione di una dichiarazione, sulla quale sono state raccolte firme di parlamentari di tutti gli schieramenti, in cui si chiede al “ministro degli esteri” della Ue Catherine Ashton di difendere la libertà di culto, aggiungendo a tutti gli accordi con Paesi esterni alla Ue una clausola vincolante di rispetto di tale diritto fondamentale.

    «La libertà religiosa è la condizione attraverso la quale passano tutte le altre libertà: libertà di esprimere e professare la religione in cui si crede vuol dire sottrarsi agli abusi del potere», ha affermato Mauro aprendo la Conferenza. «Il potere politico – ha osservato l’europarlamentare italiano – è consapevole che distruggendo la libertà religiosa viene eliminata la libertà tout court, prendendo di conseguenza il controllo assoluto della società» (“Avvenire”, 6 ottobre 2010).

    RispondiElimina
  66. credo che l'islamità radicale sia meno devastante degli scempi liturgici16 ottobre 2010 alle ore 09:54

    Buona lettura a tutti!
    unitamente ad un buon Sabato ed ad una buona Domenica.
    Ut in omnibus glorificetur Deus
    Matteo Dellanoce

    RispondiElimina
  67. Cari amici

    credo che la spam di MD in tutti i punti in cui si parla di inquinamenti della nostra Fede sia più eloquente di qualunque considerazione io possa fare qui
    Chi vuole, può riconoscere, sia pure con fatica (il che è evidentemente VOLUTO), le notizie che riguardano lo scempio che attraverso il Sinodo del MO si vuol fare della nostra Chiesa, inquinando anche le comunità oreintali, nelle quali è la culla della nostra Fede.
    Inviterei la Redazione ad un thred apposito su questi rischi REALI che il Sinodo in corso sta prefigurando. Oltretutto è argomento attuale e scotttante...
    Francamente parlare di Bugnini è interessante. Ma qui ci sono molti Bugnini (e anche peggio) all'opera OGGI e forse si potrebbe essere in tempo a fermarli, con l'aiuto del Signore... anche se il potere (umano) è nelle loro mani, mentre quello Divino si serve di noi, che per quanto piccoli, potremmo servire non solo con la nostra preghiera, ma anche col nostro 'allarme', consapevole e purtroppo molto serio 

    RispondiElimina
  68. <span>Cari amici  
     credo che lo spam di MD in tutti i punti in cui si parla di inquinamenti della nostra Fede sia più eloquente di qualunque considerazione io possa fare qui  
    Chi vuole, può riconoscere, sia pure con fatica (il che è evidentemente VOLUTO), le notizie che riguardano lo scempio che attraverso il Sinodo del MO si vuol fare della nostra Chiesa, inquinando anche le comunità oreintali, nelle quali è la culla della nostra Fede.  
    Inviterei la Redazione ad un thread apposito su questi rischi REALI che il Sinodo in corso sta prefigurando. Oltretutto è argomento attuale e scotttante...  
    Francamente parlare di Bugnini è interessante. Ma qui ci sono molti Bugnini (e anche peggio) all'opera OGGI e forse si potrebbe essere in tempo a fermarli, con l'aiuto del Signore... anche se il potere (umano) è nelle loro mani, mentre quello Divino normalmente si serve di noi che, per quanto piccoli, potremmo servire non solo con la nostra preghiera, ma anche col nostro 'allarme', consapevole e purtroppo molto serio </span>

    RispondiElimina
  69. Il signor Dellanoce, il campione dell`autobannaggio più corto e più isterico, conferma di essere anche il campione fallito dello sviamento di discussioni, dopo aver insultato, offeso e schernito certe persone di questo blog affibbiando loro diversi nomignoli,  da ieri si scaglia contro mic, uno dei suoi bersagli preferiti, come un avvoltoio sulla sua preda non lascia il morso.
    Può mettere cento commenti e link, sta solo  sfondando delle porte aperte, noi tutti conosciamo la situazione drammatica dei cristiani perseguitati e in modo particolare in Medio Oriente, personalmente non ho bisogno di M.D. per essere informata,  conosco quel dramma attraverso persone che hanno lasciato la loro terra e hanno ancora laggiù la loro famiglia, sono loro ad avermi descritto la loro vita , nessun bisogno dunque dei proclami di M.D.
    Descrivere lo scempio che si sta attuando anche in quelle terre ad opera del cammino neocatecumenale che sta inquinando il patrimonio liturgico e spirituale di quelle popolazioni, NON significa occultare le persecuzioni di cui sono l`oggetto e non solo da parte musulmana.
    Ma ciò che sta avvenendo con la diffusione delle prassi neocatecumenali, e il loro corteggio di anomalie, distorsioni e anche eresie, "porte atteinte" , colpisce la salute spirituale di quelle anime.
    Dove i cristiani non ci sono più  arrivano i ncn e impiantano la loro "chieesa di kiko", dove esistono ancora comunità cattoliche,  i ncn si infiltrano e le inquinano per poi fagocitarle imponendo le loro prassi.
    Tutto questo è documentato e Roma sta a guardare applaude e avalla.

    LEX ORANDI, LEX CREDENDI.

    RispondiElimina
  70. credo che l'islamità radicale sia meno devastante degli scempi liturgici16 ottobre 2010 alle ore 11:00

    <span>E ha aggiunto: «Quel che chiedo ai responsabili politici, e in modo speciale a quelli israeliani, è aiutarci ad avere una vita normale, a potere andare a lavorare, a potere, come parroci, andare con i nostri parrocchiani a visitare i luoghi santi». I leader impegnati nelle trattative «facciano dunque passi coraggiosi». I «muri di separazione», innalzati a dividere Israele dai Territori dell’autonomia palestinese sono, ha detto Twal, il «segno visibile del muro che è nel cuore dell’uomo, della paura, dell’ignoranza, dell’indifferenza dell’altro».
    «Questo è il muro che innanzitutto deve cadere», ha sottolineato il patriarca. Twal ha ribadito i suoi ringraziamenti alla Chiesa italiana per l’aiuto fornito alle comunità cristiane di Terra Santa, anche attraverso i pellegrinaggi che sono un sostegno alla presenza cristiana e consentono anche di aiutare l’economia della zona. Gli ha fatto eco, nel suo intervento in aula, il vescovo di Arezzo-Cortona-Sansepolcro, Riccardo Fontana, membro sinodale di nomina pontificia, che ha sottolineato l’«attenzione veramente grande nelle nostre Chiese italiane verso i luoghi santi», evidenziando come «nei soli primi sei mesi del 2010 sono partiti 1.600.000 pellegrini diretti in Terra Santa».
    Un altro argomento che è stato più volte toccato in queste giornate da non pochi padri sinodali riguarda l’assistenza spirituale ai cattolici mediorientali della diaspora (che costituiscono buona parte dei circa sette milioni di cristiani originari di quelle terre sparsi nel mondo). In pratica viene chiesto, come ha spiegato l’esarca per i cattolici di rito bizantino in Grecia, il giurista Dimitrios Salachas, di «salvaguardare e garantire a questi fedeli l’osservanza del proprio rito, cioè la propria liturgia e disciplina canonica, e provvedere a creare quelle strutture ecclesiali canoniche previste anche dal Codice latino come, ad esempio, l’erezione di parrocchie personali». D’altra parte il rappresentante della Chiesa siro-malabarese, Bosco Puthur, vescovo ausiliare di Ernakulam-Angamaly in India, ha chiesto che i fedeli del suo rito, ormai numerosi (430mila) nella Penisola arabica, possano essere seguiti direttamente da sacerdoti della propria Chiesa sui iuris, superando un "rescritto" della Santa Sede che finora lo ha impedito. </span>

    RispondiElimina
  71. credo che l'islamità radicale sia meno devastante degli scempi liturgici16 ottobre 2010 alle ore 11:01

    <span>Un chiaro esempio ci viene proprio dal Medio Oriente dove storicamente la comunità dei cristiani è stata una risorsa culturale ed educativa che è andata a vantaggio dell’intera società e degli stessi musulmani. Come ha riconosciuto il consigliere del Gran Muftì del Libano, «conservare questa presenza è un dovere non solo dei cristiani ma anche di noi islamici». Una breccia nel muro dell’intolleranza che spalanca a un Medio Oriente dove i cristiani si sentono nuovamente a casa propria.</span>


    RispondiElimina
  72. Cara Luisa,

    la Redazione se ne infischia. Evidentemente l'argomento non suscita interesse né allarme... resta solo il Signore, ma davvero Lui solo sa quanto la Chiesa dovrà ancora soffrire e perché

    RispondiElimina
  73. Di certo mi risommergerà, ma lo riscrivo per qualcuno di buona volontà:

    <span>Cari amici    
     credo che lo spam di MD in tutti i punti in cui si parla di inquinamenti della nostra Fede sia più eloquente di qualunque considerazione io possa fare qui    
    Chi vuole, può riconoscere, sia pure con fatica (il che è evidentemente VOLUTO), le notizie che riguardano lo scempio che attraverso il Sinodo del MO si vuol fare della nostra Chiesa, inquinando anche le comunità orientali, nelle quali è la culla della nostra Fede.    
    Inviterei la Redazione ad un thread apposito su questi rischi REALI che il Sinodo in corso sta prefigurando. Oltretutto è argomento attuale e scottante...    e, se possibile, a cancellare l'abominevole SPAM
    Francamente parlare di Bugnini è interessante. Ma qui ci sono molti Bugnini (e anche peggio) all'opera OGGI e forse si potrebbe essere in tempo a fermarli, con l'aiuto del Signore... anche se il potere (umano) è nelle loro mani, mentre quello Divino normalmente si serve di noi che, per quanto piccoli, potremmo servire non solo con la nostra preghiera, ma anche col nostro 'allarme', consapevole e purtroppo molto serio </span>

    RispondiElimina
  74. Effettivamente l`assenza di reazione della REDAZIONE è sorprendente. Permette che persone fedeli a questo blog al quale partecipano con serietà, lealtà, sincerità e correttezza vengano derise e schernite da chi è su questo blog UNICAMENTE per gettare fango su chi è fedele alla Tradizione cattolica.
    Apparentemente i proclami e la logorrea agressiva e irrispettosa di M.D. trovano indulgenza e tolleranza, e questo è difficilmente spiegabile.

    RispondiElimina
  75. Dunque, dopo aver devastato il Rito Romano, ora si vuol distruggere la tradizione liturgica orientale. Spero molto, allora, nella resistenza degli Ortdossi!

    RispondiElimina
  76. Cosa è successo? Si son mondamizzati.Non voglion cambiar il mondo, ma adeguarvisi.

    RispondiElimina
  77. Mentre a Roma si chiacchiera...

    RispondiElimina
  78. Comunque, ricordiamoci che "ad ogni persecuzione risorgeremo più numerosi, perché il sangue dei cristiani è semenza", mentre lo scempio della liturgia è sradicamento della Fede.

    RispondiElimina
  79. <span>

    Mic, Luisa e gli altri amici non se la prendano troppo, tanto sappiamo bene che quella di Bartimeo è una vecchia tattica - il classico 'depistaggio', insomma - che può ingannare solo gli sprovveduti. A Bartimeo ricordo - ammesso che gli interessi…- che non dobbiamo temere coloro che uccidono il corpo e poi non possono fare più nulla, bensì Colui che ha il potere di gettare sia l'anima che il corpo nella Gehenna di fuoco (qualcosa del genere dovrebbe essere scritto da qualche parte nel Vangelo, o no?). Quello che vogliono fare i 'capoccia' della Gerarchia conciliare è esattamente mettere a rischio la salvezza delle anime dei poveri cristiani orientali, già tanto provati per le continue persecuzioni, islamiche e non. Dati in pasto ai leoni, i cristiani possono pur sempre salvare la propria anima: dati in pasto ai neocat, invece, quell'anima la perderanno, assieme alla Fede cattolica.
    In ogni caso, giorno dopo giorno, si fa sempre più evidente la causa fondamentale di tutto questo disastro attuale nella Chiesa: vale a dire l'ideologia teilhardiana ed evoluzionista della nouvelle théologie - di cui anche Papa Ratzinger è sempre stato un esponente di spicco - la quale, tra i tanti altri virus, ha il 'merito' di aver diffuso anche quello neocat nel Corpo Mistico di Cristo. Carthago (il Superconcilio) delenda est...
    Mons. Lefebvre, da vero uomo di Dio, aveva capito fin dall'inizio dove erano diretti i 'conciliari'... Rendo un immenso grazie a Dio per questo santo Vescovo e per la FSSPX.
    </span>

    RispondiElimina
  80. Enrico è in vacanza.

    RispondiElimina
  81. <span>Appare ovvio che, tramite il documento in questione, si stia presentando il lineamento teorico d' una cura davvero radicale: quella di risolvere i vari problemi dati dalla coesistenza delle Chiese orientali con la maggioranza miscredente dei Paesi ove si trovano ad operare, inducendole praticamente ad autodissolversi, nel giro di pochissime generazioni; questo, sul modello di quanto già occorso in Occidente, dopo le riforme liturgiche postconciliari. Evidentemente la "medicina della misericordia" opera anche per via eutanasica ... più semplice di così ...</span>

    RispondiElimina
  82. Lex orandi statuat lex credendi, deinde de hoc nihil innovetur!

    RispondiElimina
  83. <span>Lex orandi statuat lex credendi, deinde de hoc nihil lecite innovetur!</span>

    RispondiElimina
  84. <span><span>Lex orandi statuat lex credendi, deinde de hoc nihil licite innovetur!</span></span>

    RispondiElimina
  85. <span>Cosa è successo? Si son mondanizzati.Non voglion cambiar il mondo, ma adeguarvisi.</span>

    RispondiElimina
  86. Manca un accusativo.

    RispondiElimina
  87. Qual è il soggetto e qual è il complemento oggetto retto dal verbo statuat?

    RispondiElimina
  88. Hai perfettamente ragione (come latinista sono davvero arrugginito), dunque: Lex orandi statuat legem credendi, deinde de hoc nihil innovetur!

    RispondiElimina
  89. <span>Hai perfettamente ragione (come latinista sono davvero arrugginito), dunque: Lex orandi statuat legem credendi, deinde de hoc nihil licite innovetur!</span>

    RispondiElimina
  90. Quest'oggi ho avuto modo di conoscere la splendida persona che è p.Nuara.
    Mi ha confermato che il pontificale all'altare della Cattedra sarà secondo il Messale di Pio V...era così felice nel confermarmi questo!

    RispondiElimina
  91. <span>Quest'oggi ho avuto modo di conoscere la splendida persona che è p.Nuara.  
    Mi ha confermato che il pontificale all'altare della Cattedra sarà secondo il Messale di Pio V...era così felice nel confermarmi questo!</span>

    RispondiElimina
  92. Chi più chi meno, salvo continuo esercizio, arrugginiti siamo in parecchi.

    RispondiElimina
  93. Nel nuovo rito non ha alcun senso compiuto di incensare l'altare al Kyrie! L'incensazione dell'altare è un gesto d'ossequio che si tributa all'altare la prima volta cui ci si accosta. Nel rito tradizionale si incensa prima della lettura dell'Introito poiché è in quel momento che ci si reca al suo cospetto. 

    RispondiElimina