Post in evidenza

Clamoroso: il Pellegrinaggio a Chartres in diretta TV (olte che su YouTube) #NDC2024 #pentecoste2024 #pentecoste

SEGUI LA DIRETTA Qui sul canale YouTube di Notre Dame de Chretienté tutte le varie dirette.  - sabato 18 maggio a partire dalle ore 6:00 la...

giovedì 26 agosto 2010

Cattolici, all'armi! Adunata per difendere il Bianco Padre dagli "attacchi".

Il libro dei A. Tornielli e P. Rodari, prefato da M. Introvigne che lo definisce, a ragione, eccellente lavoro di giornalismo e cronaca, è ottimo.
E come ogni opera di denuncia obiettiva e ben fatta, brucia. Brucia troppo. Ha riaperto ferite profonde nell'animo di tutti noi. Ha spalancato, sbattendola come una folata di tempesta, la finestra su fatti tremendi, sulle pessime notizie a tutti note. Ha soffiato sulla brace su cui si strazia il cuore di tutti i cattolici di buona volontà. Ha squarciato con un boato il silenzio dei nostri ricordi assopiti. Ha ravvivato, rafforzato e confermato la consapevolezza di un fenomeno che si era intuito o temuto (cui forse non si voleva credere): uno scellerato intento (più o meno implicito) per recare danno e oltraggio al Papa.
Il libro, infatti, con un accurato metodo e al termine di un obiettivo lavoro analitico ha unito, studiato, sviscerato e presentato gli "attacchi a Ratzinger" che si son seguiti con malvagia e perfida costanza negli anni del suo pontificato, quasi in esecuzione di medesimo e diabolico disegno criminoso (laddove "diabolico" non è casuale).
Il libro ci ha commossi, ci ha rattristati. E' stato come uno schiaffo. "Cosa facciamo noi, in difesa del Papa? Come reagiamo noi mentre altri si permettono di attaccare e screditare il dolce Cristo in terra?"
.
Mossi forse da sentimenti troppo impulsivi ma onesti e genuini (ed essendo riusciti a omettere gli insulti e il torpiloquio all'indirizzo dei più o meno noti istigatori e determinatori di questa ignominiosa quanto mai scandalosa politica di diffamazione e di attacco contro il Sovrano Pontefice), ci siamo trovati a battere sulla tastiera per scrivere quanto stiamo provando. Nel nostro piccolo, intendiamo esprimere al Papa i voti del nostro umile sostegno, della nostra commossa deferenza, della nostra ossequiosa obbedienza e del nostra accresciuta stima nei suoi confronti. Per quel poco che può significare.
.
"Santo Padre, per quel che valiamo, ci siamo noi, insieme con milioni di cattolici (italiani e non) che Vi stimano, Vi apprezzano, Vi difendon, Vi ringraziano e pregano per Voi. Intendiamo rinnovarVi la nostra filiale obbedienza, e ci mettiamo a Vostra disposizione, ripetendo a squarcia gola alcuni versi dell'Inno dell'Azione Cattolica, che sembra quanto mai appropriato, opportuno e attuabile: "in ognun di noi confida - su noi tutti puoi contar: - siamo arditi della fede, - siamo araldi della Croce, - al Tuo cenno, alla Tua voce, - un esercito all'altar! ogni figlio è pronta alla sua guerra, votato al sacrificio e all'amor".
Non dubitate, Santo Padre, un Vostro cenno e saremo a milioni, con Voi e per Voi."

Ai Vostri detrattori, infami, perchè sanno quello che fanno, diciamo: ora basta! Siete scoperti! E verrà un giorno!!"



Bianco Padre - Inno dell'Azione Cattolica

Qual falange di Cristo Redentore
la gioventù cattolica in cammino
la sua forza è lo Spirito Divino,
origine di sempre nuovo ardor
ed ogni cuore affronta il suo destino
votato al sacrificio ed all'amor.

- Bianco Padre che da Roma
ci sei meta luce e guida,
in ognun di noi confida
su noi tutti puoi contar:
siamo arditi della fede,
siamo araldi della Croce,
al tuo cenno, alla tua voce,
un esercito all'altar!

Balde e salde s'allineano le schiere
che la gran Madre dal suo sen disserra,
la più santa Famiglia della Terra,
innalza al cielo i cuori e la Bandiera:
ed ogni figlio è pronto alla sua guerra,
votato al sacrificio ed all'amor.

- Bianco Padre che da Roma.....


Il brano è tratto dal CD "Inni e Canti" Coro S.Veronica Parrocchia di S. Maria Nascente in Bonemerse (CR)
Multimedia san Paolo


complimenti ad una nostra lettrice, Caterina63, di cui abbiamo scoperto essere l'ottimo lavoro con cui è stato confezionato, montato e arrangiato il video.

29 commenti:

  1. Mi unisco alla REDAZIONE nell'esprimere e confermare i miei sentimenti di stima ,amore e filiale obbedienza al Santo Padre ,successore di Pietro, dolce Cristo in terra !

    RispondiElimina
  2. <span>Il libro dei A. Tornielli e P. Rodari, prefato da M. Introvigne che lo definisce, a ragione, eccellente lavoro di giornalismo e cronaca, è ottimo. </span><span>E come ogni opera di denuncia obiettiva e ben fatta, brucia. Brucia troppo. Ha riaperto ferite profonde nell'animo di tutti noi. Ha spalancato, sbattendola come una folata di tempesta, la finestra su fatti tremendi, sulle pessime notizie a tutti note. Ha soffiato sulla brace su cui si strazia il cuore di tutti i cattolici di buona volontà. Ha ravvivato, rafforzato e confermato la consapevolezza di un fenomeno che si era intuito o temuto (cui forse non si voleva credere): uno scellerato intento (più o meno implicito) per recare danno e oltraggio al Papa. </span>
    Sì, ma ripeto quanto già scritto nel thread precedente: nel libro prefato da Introvigne c'è una vistosa omissione.Cercherò di essere più chiaro: non risultano elencati tra coloro che dal 2006 perseguono lo scellerato intento di recare danno e oltraggio al nostro amato Papa, i fratelli maggiori di Giovanni Paolo II e cioè i giudei.Non riesco a spiegarmelo.
    <span>"Santo Padre, per quel che valiamo, ci siamo qua noi: milioni di cattolici (italiani e non) a stimarVi, ad apprezzarVi, e pregare per Voi. Rinnoviamo la nostra filiale obbedienza, e ci mettiamo al Vostro servizio, ripetendo a squarcia gola alcuni versi dell'Inno dell'Azione Cattolica, che sembra quanto mai appropriatissima: "</span>in ognun di noi confida - su noi tutti puoi contar: - siamo arditi della fede, - siamo araldi della Croce, - al Tuo cenno, alla Tua voce, - un esercito all'altar! ogni figlio è pronta alla sua guerra, votato al sacrificio e all'amor".

    Non dubitate, Santo Padre, ad un suo cenno e saremo a milioni con Voi."

    Sottoscrivo tutto e aggiungo: non solo ripetendo a squarcia gola i versi dell'Inno dell'Azione Cattolica, ma ciascuno pronto a dare la propria vita.

    RispondiElimina
  3. Bello vedere che chi ha coniato l'espressione "Dolce Cristo in terra" fu la grandissima Santa Caterina da Siena scelta dal Signore per convincere i titubanti Pontefici a far ritorno a Roma dalla cattività avignonese.....
    e noi tutti preghiamo e offriamo la Vita perchè la Chiesa faccia ritorno alla Tradizione dopo la cattività del post concilio.....
    (Naturalmente la vera Chiesa non si è mai allontanata dalla Tradizione, lo hanno fatto solo quei pastori e quei fedeli neomodernisti che hanno cercato di fondare dopo il VatII una "nuova" chiesa che di nuovo non ha proprio nulla perchè hanno cercato di riportare in auge tutte le vecchie eresie).
    Preghiamo per il Papa con l'amore e la passione per la Chiesa che animò Santa Caterina da Siena.
    Preghiamo perchè il Papa sia veramente il Papa, il dolce Cristo in terra a cui tutti devono obbedire.
    don bernardo

    RispondiElimina
  4. <span>Santo Padre, per quel che valiamo, ci siamo noi! Insieme con milioni di cattolici (italiani e non) che Vi stimano, Vi apprezzano, Vi ringraziano e pregano per Voi.</span>
    <span></span>
    <span>**********************</span>
    <span></span>
    <span>cara Redazione, ringraziandoti per aver scoperto il mio "punto debole" , aggiungo che, tale "punto debole"  è  AMARE!!! ;) </span>
    <span>AMIAMO IL "DOLCE VICARIO DI CRISTO IN TERRA"...non temiamo di usare questo termine... </span>
    <span>dobbiamo INNAMORARCI!!! Amare la Chiesa, amare il "Babbo mio dolce" , saggiare qui su questa terra questa passione che fa soffrire, senza dubbio, ma proprio per questo appassiona....</span>
    <span>Se non si AMA, diventa difficile comprendere la sofferenza che proviamo quando leggiamo tutto ciò che si muove contro la Chiesa, contro il Papa...</span>
    <span>Dobbiamo testimoniare questa passione, dobbiamo testimoniare questo AMORE e giammai temere....</span>
    <span>Questo non toglie nulla poi alle critiche, alle discussioni, agli approfondimenti che si fanno anche sulle azioni che un Papa compie.... anzi, più si ama d'Amore vero e puro, quello del CRISTO stesso, più ci è lecito allora parlare anche come hanno parlato i Santi, in particolare si, santa Caterina da Siena...per sollecitare (con la Preghiera ) la Missione stessa del Sommo Pontefice...</span>
    <span></span>
    <span>Amiamo il Santo Padre, amiamo la Chiesa.....lo dico ai sacerdoti: innamoratevi di questa Sposa, fateci vedere quanto ne siete innamorati! gli Uomini del nostro tempo hanno bisogno di testimoni veri, abbiamo bisogno di toccare con mano queste emozioni....solitamente le rivoluzioni scoppiano quando si muore di fame, quando il popolo è schiacciato dalla tirannia, noi cattolici siamo segno di contraddizione, facciamo le rivoluzioni quando i cuori scoppiano D'AMORE.... :) </span>
    <span>se non facciamo nulla è perchè non si ama affatto...</span>
    <span>Chiunque ha tentato di separare Cristo dalla Sposa e la Sposa dal Vicario di Cristo, non ha mai agito per amore vero, ma per tornaconto delle proprie idee....</span>
    <span>è davvero L'AMORE=CARITAS che fa muovere il tutto....</span>
    <span>Si obbedisce perchè SI AMA, altrimenti diventa freddo calcolo contro il quale alla fine si muove guerra!</span>
    <span></span>
    <span>Viva la Chiesa Cattolica! Viva il Sommo Pontefice!</span>
    <span>Laudetur Jesus Christus et Maria Immaculata</span>

    RispondiElimina
  5. Cara caterina: complimenti! bel video e belle foto.
    L'inno è stupendo, il testo commovente!
    Grazie alla Redazione! Mi unisco !!!
    W il Papa e cerchiamo di difenderlo!!! ma come farci sentire, noi poveri fedeli non famosi?

    RispondiElimina
  6. Bella iniziativa di Messainlatino, che come sempre si conferma essere il miglior sito cattolico italiano. Complimenti altresì alla nostra instancabile Caterina63.

    RispondiElimina
  7. Io avrei utilizzato altre foto

    RispondiElimina
  8. <p><span>concordo: come copertina di un così bel video a sostegno e conforto del Vicario di Cristo e del suo attuale martirio, causato soprattutto dalla volontà di restaurazione della Tradizione e quindi della Chiesa perenne, io avrei scelto ad es. le foto di S. Pio X e Pio XII  !</span>
    </p><p><span>Cara Caterina, questo tuo omaggio è un segno meraviglioso di unità nella<span> </span>fede cattolica di sempre, che conforta tutti noi che amiamo il Santo Padre e vogliamo sostenerlo innanzitutto con la preghiera, ma le foto iniziali sono poco rappresentative del dramma epocale che la Chiesa sta attraversando, o meglio....indicano proprio il periodo di <span>caos e buio</span> dal quale vogliamo uscire al più presto, a Dio piacendo, per riprendere il retto cammino della Chiesa imperitura, quella che fioriva rigogliosa di Fede vissuta e di santità fino al 1962 !</span>
    </p><p> 
    </p>

    RispondiElimina
  9. Capisco il senso di questo intervento e un po' lo condivido: Va bene far proclami, va bene tirarci su il morale con immagini e musica ma alle (tante) parole facciamo seguire una azione concreta....

    RispondiElimina
  10. Grazie alla Redazione.
    La stragrande maggioranza dei fedeli cattolici è sempre col Santo Padre,lo ama e lo segue,venera e ascolta il successore di Pietro.
    Chi rema contro?Sono per la maggior parte gli ecclesiastici...sacerdoti,vescovi,monsignori e cardinali,superbi,ignoranti,corrotti,trafficchini,pieni d'odio contro la Tradizione,dei veri guappi:la Chiesa è un albero marcio per colpa loro!

    RispondiElimina
  11. Splende la Bianca Veste del Santo Padre...luminoso il Suo Magistero.
    Ma da cinque anni gli fanno la guerra...tristi figuri che hanno la veste nera,come la loro anima e rossa come il loro volto, pieno di vergogna.Tettamanzi in primis docet...

    RispondiElimina
  12. Il popolo cristiano malgrado tutti i cattivi esempi venuti sempre dalle gerarchie ecclesiastiche è rimasto sostanzialmente fedele...quel sensus fidei permane ancora .
    Pensate che Paolo VI e la CEI pesi dal cupio dissolvi del Vaticano II abolirono tutte le feste più care alla pietà cristiana a cominciare dal Corpus Domini,l'Ascensione,San Giuseppe,San Pietro...e volevano abolire anche  l'Epifania!
    Per confessione esplicita dell'allora presidente del Consiglio Giulio Andreotti sappiamo che fu la gerarchia che insistette per l'abolizione...
    Ebbene abolite le feste ecclesiastiche durante tutto l'anno,in particolare d'estate, assistiamo ad un proliferare di feste di partiti e non.
    Hanno detronizzato Cristo ...per adorare gli idoli.Più suicidio di così!
    Povera Chiesa governata per cinquant'anni da fannulloni incapaci.

    RispondiElimina
  13. <span>Ci sono strumenti di pressione e di dissidenza molto efficaci. Di oggi la notizia che L'OTTO PER MILLE E' STATO APERTO AD ALTRE CONFESSIONI E RELIGIONI, TRA CUI I CRISTIANI ORTODOSSI. Una buona occasione per stornare un po' di quattrini e dirottarli a chi i riti li fa in modo degno.</span>

    RispondiElimina
  14. :-D  non avevo dubbi....e ti comprendo...lo avrei fatto se non fosse per il fatto (scusa il giro di parole) che era necessario una sorta di filo conduttore con non tanto dottrinale quanto di nomine sul soglio Pontificio.... ;)

    RispondiElimina
  15. magari si potesse ma non si può....il Concordato prevede che l'8x1000 destinato dai fedeli alla Chiesa, vada alla CEI la quale si occupa dell'usufrutto.... chi non firma per la Chiesa Cattolica, destina questa somma allo Stato il quale, a seconda degli accordi dietro le quinte POTREBBERO ANDARE ANCHE AD ALTRI non cattolici....ergo, mi tappo il naso e firmo sulla Chiesa Cattolica....molti sacerdoti anziani vengono approvigionati con qu questa somme...

    c'è invece il 5x1000 che possiamo destinarlo a chiunque lo chieda, quest'anno l'ho dato all'Istituto Frati dell'Immacolata.... ;)

    RispondiElimina
  16. Te lucis ante terminum27 agosto 2010 alle ore 10:48

    Grazie. Forza Santo Padre, siamo con voi e non tema di perseverare: si sa che"I figli delle tenebre sono più scaltri dei Figli della Luce" , ma c'è Chi vede tutto e giudica tutto secondo giustizia...

    RispondiElimina
  17. No, Caterina63: chi non firma nè per la Chiesa Cattolica nè per altre Confessioni nè per lo Stato il suo 8 x 1000 viene ripartito in base alle scelte espresse, cioè la parte del leone la fa la C.E.I. (non la Chiesa Cattolica) poichè così è stato disposto con la revisione del Concordato nel 1984. Siccome i nostri preti e vescovi sono tremendamente imborghesiti (ad Alessandria, ad esempio, non s'è trovatyo un prete italiano disposto a fare il cappellano in ospedale e così ne hanno fatto arrivare uno dalla ... Polonia) io dal prossimo anno firmerò o per lo Stato o per la Chiesa ortodossa. Quest'anno non ho firmato per l'8 x 1000  ma è come se avessi firmato per la C.E.I. e me ne dispiace

    RispondiElimina
  18. Qualcuno qualcosa lo fa. E gli altri?27 agosto 2010 alle ore 12:18

    Oltre ai proclami, la redazione fa tanto! Secondo la propria natura, il proprio carisma e il proprio ordine.
    Andiamo a tirare le orecchie ai preti "che fanno orecchie da mercante" per ignavia e facilona comodità. E ai fedeli che si accontentano e fingono di son sentire o vedere.

    RispondiElimina
  19. Il buon giornalista racconta i fatti. e cerca di comprenderne le dinamiche e coglierne gli intrecci, le connessioni e i rapporti.
    Il PERCHE' nudo e crudo, non è dato a noi saperlo. Nemmeno ai giornalisti, eh! Mica erano nelle teste delle persone.

    RispondiElimina
  20. <span>Il consigliere di Sarkozy contro il Papa ed altri 82 milioni di tedeschi</span> Alain Minc, consigliere ombra di Nicolas Sarkozy, <span>ritiene</span> che Benedetto XVI, <span>domenica scorsa</span>, non avesse il diritto di criticare le misure adottate dal governo francese contro i rom, perché "tutti possono dire la loro sull'argomento, ma non un papa tedesco: Benedetto XVI, come tutti i tedeschi, è un erede del nazismo".
    Chissà se in Vaticano qualcuno reagirà a dovere? o si continuerà a dormicchiare

    RispondiElimina
  21. ....E poi,anche loro,"tengono famiglia"! ;)

    RispondiElimina
  22. QuestoMinc è nato in Francia ma è un polaccuzzo,vanitoso,tronfio,arrogante,inconcludente come la maggior parte dei polacchi.
    Nel momento in cui un cardinale viene eletto Vescovo di Roma,Vicario di Cristo,successore di Pietro diventa per se stesso romano...quindi l'offesa è contro Roma e il Vicario di Cristo.
    Del resto sembra che  questi francesi siano di mano lesta e abituati a schiaffeggiare...vedi Nogaret con Bonifacio VIII!

    RispondiElimina
  23. Redazione di Messainlatino.it27 agosto 2010 alle ore 17:11

    Moderiamo i toni.

    Il Moderatore
    Sebastiano P.

    RispondiElimina
  24. se volete ascoltare l inno, radio maria lo propone verso le 12 e 20 12 e 30 di ogni mercoledi prima di mandare in onda il discorso del santo padre.Dobbiamo sempre più curare la formazione per riuscire a controbattere ai nemici della chiesa e del papa

    RispondiElimina
  25. Cattolico, e fiero di esserlo27 agosto 2010 alle ore 19:38

    Comunque quell'inno è probabilmente coperto da copyright.. Pertanto sarebbe bene rimuoverlo.

    RispondiElimina
  26. Inno dell'Azione Cattolica... Mi vien spontaneo chiedermi: "Ci credono ancora a quest'inno le "squadre della morte liturgica" agli ordini dei Vescovi progressisti?"

    RispondiElimina
  27. ma c'è li vedete voi28 agosto 2010 alle ore 10:08

    i monaci del waka waka o i chierichetti a torso nudo a messa o le"chierichette" in minigonna a rischiare non dico la vita, ma anche solo un rimprovero, per amore del Papa? Ma vi dico di più: ci vedete i tradizionalisti che non possono andare ala Messa Tridentina più spesso, perché debbono accompagnare la suocera (magari pure divorziata ed utente di tanga e perizomi) al mare? li vedete a rischiare non dico la vita, ma una sgridata della moglie?

    RispondiElimina
  28. Caterina63, complimenti per l'ottimo lavoro fatto!! E grazie....  ciao!!

    RispondiElimina

AVVISO AI LETTORI: Visto il continuo infiltrarsi di lettori "ostili" che si divertono solo a scrivere "insulti" e a fare polemiche inutili, AVVISIAMO CHE ORA NON SARANNO PIU' PUBBLICATI COMMENTI INFANTILI o PEDANTI. Continueremo certamente a pubblicare le critiche ma solo quelle serie, costruttive e rispettose.
La Redazione