Post in evidenza

Ora puoi... aiutare MiL

Se volete aiutare e sostenere MiL, potete fare una donazione anche piccola.   Ricordiamo ai nostri lettori infatti che MiL si sostiene solo ...

sabato 21 gennaio 2023

Suor Albertine Debacker è un’influencer religiosa?

Vi proponiamo – in nostra traduzione – la lettera numero 914 pubblicata da Paix Liturgique il 16 gennaio 2023, in cui si racconta della nuova giovane pseudo-star dei social network suor Albertine Debacker, della Comunità Chemin Neuf.
Al pubblico propone le solite provocazioni moderniste (che ormai sanno di «vecchio»): femminismo, società patriarcale, maschilismo della Chiesa, sacerdozio femminile, rifiuto del cosiddetto proselitismo, intimismo religioso e, ovviamente, apertura all’ideologia LGBT.
Ma pare essere una realtà più acclamata dai mass-media (e sostenuta dalla Comunità Chemin Neuf, influente centro di lobbying francese) che realmente sostenuta dal pubblico: i finti cattolici che ammorbano la rete con i loro vaneggiamenti eretici stanno iniziando ad annoiare?

L.V.


Dopo padre Matthieu Jasseron a Joigny, che moltiplica le provocazioni e le falsità, negando l’inferno, affermando che l’omosessualità non è un peccato – al punto che i fedeli hanno lanciato un sito web, perematthieu.com per rimettere la Chiesa al centro del villaggio – è ora una suora della Comunità Chemin Neuf, a Lione, ad essere la beniamina dei social network e degli pseudo-media cattolici per affermare, tra l’altro, che la Chiesa è misogina, non abbastanza accogliente per le persone LGBT, troppo proselitista, e che sarebbe meglio con leader femminili, lei ad esempio…

Fare clic QUI per vedere il video.

Migliaia di follower. Quanti sono i convertiti?

Considerata da alcuni come l’araldo dell’evangelizzazione su TikTok, suor Albertine Debacker è suora… solo dal gennaio 2020, nella Comunità Chemin Neuf, a Lione. Dopo la maturità scientifica a Compiègne, gli studi alla Scuola di contabilità e revisione (ENOES) dal 2014 al 2017 – si tratta di una scuola di economia, poi un diploma superiore in contabilità e gestione nella stessa scuola (2017-2019) – per altri 7.500 euro, ha lavorato come revisore dei conti presso Crowe HAF (Levallois-Perret) nel 2017-2018 e poi nel dipartimento finanziario di Smart Wood l’anno successivo, prima di entrare nella Comunità Chemin Neuf… a cui si lega anche il suo servizio civile nel 2013-2014 per l’organizzazione di un festival, Welcome to paradise... che la Comunità Chemin Neuf organizza ogni anno dal 1993.

È lei stessa a spiegare la sua conversione ai media – un resoconto conciso ma vuoto che ben si adatta al nulla globalizzato di TikTok: «Albertine Debacker è originaria di Lille ed è cresciuta in una famiglia cristiana. Se nulla l’ha predestinata a questo percorso religioso, ha avuto un innesco, più di dieci anni fa. “In realtà, mi sono semplicemente innamorato di Dio. Ho capito che c’era un rapporto personale, non era solo qualcosa per occupare gli anziani la domenica mattina”, spiega in un video».

Ha iniziato a realizzare video sui social network nel settembre 2021, quando è stata nominata cappellana del liceo di Lione: «Nel settembre 2021, sono arrivata a Lione in un liceo e mi sono chiesta come parlare ai giovani. L’anno prima vivevo in un’abbazia e non avevo un telefono cellulare. Non avevo affatto i codici?! Un poster sui muri della scuola, nessuno lo guarda e nessuno se ne preoccupa. Ben presto ho notato che la soluzione on-camera funzionava bene. Il momento in cui è decollato è stato quando ho pubblicato il video “Una suora, che senso ha??”».

Come cappellana del Liceo Sainte-Marie durante la settimana, beneficia di un’alta visibilità mediatica – un’équipe del canale televisivo Télévision française 1 (TF1) l’ha persino seguita per un servizio – e di una certa notorietà sui social network: «Ogni settimana, su TikTok o Instagram, colei che vuole “raggiungere i giovani dove sono”, parla con i codici della sua comunità per rispondere a varie domande sulla sua vocazione e sulla sua vita quotidiana […]. Con 57.000 iscritti su TikTok e più di 35.000 su Instagram, possiamo dire che ha trovato il suo pubblico, che non è necessariamente cattolico, e ne è felice», si infervora Aleteia, lasciando da parte ogni spirito critico.

Tuttavia, questo clamore mediatico nasconde (malamente) un livello di entusiasmo reale molto basso. Così, sul sito Tipeee, che le permette di raccogliere donazioni per finanziare le sue attrezzature e i suoi video, non c’è molta folla… tre mance che contribuiscono… 75 euro al mese. Per quanto riguarda i commenti su uno dei forum giovanili più famosi in Francia, JVC, non sono molto favorevoli a lei – la natura eterodossa dei suoi messaggi si rivela molto rapidamente.

Il femminismo come priorità

In diversi video, suor Debacker condivide ampiamente le sue opinioni femministe – e poiché queste risuonano con la propaganda dei media, ogni suo sfogo sull’argomento è garantito da un’ampia copertura mediatica, accentuando l’effetto lente d’ingrandimento dei media.

Ma anche gli algoritmi della maggior parte dei social network che, con il pretesto di collocare i propri utenti in «spazi sicuri», forniscono loro solo contenuti vicini a ciò che piace loro o con cui la doxa mediatica è d’accordo. Addio pensiero critico, viva la vendita di «spazio cerebrale disponibile». I contenuti che si avvicinano alla doxa dei media hanno maggiori probabilità di essere evidenziati e di accumulare «mi piace» sui social network, ma riflettono una reale popolarità? Non è certo…

Per beneficiare di un’attenzione mediatica ancora maggiore, e quindi di nuovi follower che daranno vita a nuovi articoli – e, incidentalmente, di una migliore monetizzazione dei video sulle piattaforme – suor Debacker, come il suo alter ego maschile padre Matthieu Jasseron, ha bisogno di moltiplicare le sue provocazioni ed eresie.

In un video intitolato «gerarchia di genere», pubblicato su TikTok il 22 ottobre 2022: «Viviamo in una società di origine patriarcale basata sulla gerarchia di genere. Le conseguenze sono ancora oggi molto presenti e in particolare nella Chiesa […] che l’esercizio delle responsabilità e della predicazione siano ancora legate all’ordinazione e quindi al genere mi sembra semplicemente aberrante».

E, più avanti, afferma: «L’errore è credere che il sesso non sia buono, sia peccaminoso e che saremo più vicini a Dio senza di esso. Quindi è no, no, no! Dio ha creato il sesso e tutto ciò che crea è buono e bello […] ci vuole un po’ più di creatività per imparare a darsi piacere in modo casto. Può sembrare difficile o addirittura disumano, ma posso dirvi che sono felice di potermi donare in questo modo».

Sul femminismo intracattolico, nella sua intervista alla Tribune de Lyon: «Non mi parlava, per me la religione sarebbe morta con la generazione di mia nonna?! C’è stato un momento di conversione, in cui questa fede è diventata personale e importante. Mi sono spaventata quando mi sono trovata di fronte a tutte le mie idee preconcette sulla vita consacrata: una suora è inutile, e spesso è brutta, vecchia, claustrale… E poi con il posto delle donne nella Chiesa, mi sono detta che la mia vita sarebbe servita solo a stirare le camicie dei preti, e questo era fuori questione».

Suor Albertine aspira al sacerdozio e alle responsabilità, e lo dimostra: «C’è già un grande capitolo sulla governance: aprire alle donne posizioni di responsabilità, ad esempio in Vaticano. Per me questo è il primo passo, che deve essere fatto molto rapidamente». Anche se questo significa prendersi delle libertà con la verità.

Così, afferma sul Tribune de Lyon: «Tutto è legato alla questione del posto del sacerdote, che oggi può essere solo un uomo. E per avere autorità e un posto nel governo, bisogna essere sacerdoti. Questo non ha senso, nemmeno a livello teologico, e crea una struttura malsana. Il rapporto della Commissione indipendente sugli abusi sessuali nella Chiesa (CIASE) parla molto chiaramente di questo: molti abusi, non necessariamente sessuali ma anche di potere, sono legati a questo. Non c’è istituzione che sia così misogina nel 2023 e nessuno si scandalizza?! È aberrante».

Se non fosse che la CIASE, nel suo rapporto, aveva stabilito una tipologia di autori di abusi sessuali e pubblicato testimonianze anonime di vittime, tra cui una rara testimonianza di stupro lesbico: «Da pagina 205, la CIASE stabilisce una tipologia di sacerdoti autori di abusi sessuali che la commissione ha potuto intervistare. A pagina 207, una precisazione cruciale: “poco più della metà dei sacerdoti intervistati si sono dichiarati omosessuali, alcuni dei quali hanno indicato di aver avuto rapporti con adulti della loro età, prima o dopo l’ordinazione”. A pagina 210, nuova precisazione a fondo pagina: “in quasi la metà dei casi, gli abusatori sessuali di minori si sono dichiarati omosessuali (oltre l’80% di quelli che hanno abusato di vittime maschili)”».

Paix Liturgique (lettera 899) analizza questi dati: «[le vittime], per definizione, sono anche uomini – anche se alcune testimonianze ricevute dalla CIASE parlano anche di abusi in congregazioni religiose femminili su convittori femminili – il problema rimane quello dell’omosessualità – anzi, del lesbismo – che è ancora più deliberatamente ignorato dell’omosessualità maschile.

La stessa CIASE ha menzionato nel suo rapporto (pagina 122) che la natura “prevalentemente omosessuale” degli stupri era un ostacolo alla liberazione della voce delle vittime».

Non «si vergogna» di essere cristiana, ma rifiuta di fare proselitismo

Se suor Debacker ha imparato dai suoi studi di finanza che qualsiasi discorso commerciale può essere inghiottito tanto più facilmente se viene ripreso, ripetuto e affermato con convinzione, dovrà tornare al tavolo da disegno per coerenza.

In uno dei suoi video pubblicati su Instagram all’inizio di novembre, afferma: «Guardando la telecamera, parla della Croce che porta come ciondolo: “Mi piace indossare questa Croce che dice la mia identità di figlia di Dio”. E sfida i suoi abbonati: “Ma come potete aspettarvi che la gente creda che stiamo proclamando la buona novella se noi stessi ci vergogniamo di essere chiamati Cristiani? […] La prima cosa che si impara quando si è Cattolici è essere bravi a celebrare la Messa, è molto semplice ma credo sia rivelatore. Non ci viene insegnato ad essere testimoni appassionati di Dio, ma ad essere persone gentili ed educate”».

Eppure, al Tribune de Lyon, rifiuta qualsiasi proselitismo: «Condivido solo la mia gioia di essere cristiana e se qualcuno non vuole ascoltarmi, può andarsene. Non mi preoccupa affatto. Il mio obiettivo non è quello di fare conversioni. […] L’obiettivo è piuttosto quello di dare accesso alla conoscenza della religione. Per me non si tratta di proselitismo, in quanto non è questo l’obiettivo primario».

Ancora nei suoi voti: «Nel 2023 […] il Cristianesimo non sarà più un’affermazione identitaria che si chiude in se stessa, ma una relazione intima con Dio […] tutto questo è la mia preghiera, e non dobbiamo credere che si farà gridando ai vescovi (beh, non solo)».

Ancora sul Tribune de Lyon: «I miei impegni sociali e politici alimentano la mia fede. Tutto ciò che tocca l’ingiustizia mi parla molto, l’esclusione dei disabili, degli omosessuali… Mi rivolgo quando ricevo il messaggio di una coppia di lesbiche a cui viene rifiutato il battesimo del loro bambino».

Nelle sue quattro priorità per la Chiesa nel 2023 – fermezza di tono, storytelling, punchlines e altre ricette di marketing sono di rigore, soprattutto se si dice un’eresia alla seconda: «Abbiamo molte sfide davanti a noi, come l’accoglienza della comunità LGBT o dei migranti […] nel 2023 cammineremo, come ha fatto Gesù, con le persone del nostro tempo e abbatteremo le barriere del pregiudizio».

Carta bianca da parte della Comunità Chemin Neuf

Praticando in gran parte l’attività di lobbying – la Comunità Chemin Neuf ha così collocato due suoi rappresentanti tra i sette giovani scelti dalla Conferenza episcopale francese per essere inviati al «pre-sinodo dei giovani» nel 2018, un suo rappresentante alla guida del servizio nazionale per l’unità dei Cristiani, padre Miguel Desjardins, nel 2021 alla CEF, Chemin Neuf rimane una comunità numericamente debole, con 2.000 membri in 30 Paesi nel 2020. Tuttavia, con tre o cinque ordinazioni di sacerdoti all’anno (quattro nel 2022, e altri cinque diaconi), Chemin Neuf è alla pari con le poche diocesi più produttive, come Tolone, Vannes o Versailles.

Tuttavia, le sono state affidate 16 parrocchie – tra cui importanti unità cittadine, come Saint-Donatien a Nantes o Saint-Denis de la Chapelle a Parigi – e 17 ostelli per studenti in Francia – da notare che per la Comunità Chemin Neuf, Guadalupa e Reunion sono all’estero – sette abbazie – tra cui quella di Hautecombe, ci sono anche 12 case di accoglienza, molto spesso conventi che i loro ordini non erano più in grado di mantenere in vita dopo mezzo secolo di «primavera conciliare», come la Trappe de Melleray, in Bretagna, o proprietà diocesane.

Al Tribune de Lyon, suor Albertine ha spiegato di essere sostenuta dalla sua comunità: «Abbiamo piuttosto paura di mettere una persona sotto i riflettori e di diventare una “star”. Io sono la prima?! La mia parola impegna la comunità, che mi piaccia o no. Non c’è nessuna verifica, ma quando ho un dubbio su un argomento più delicato, lo invio a loro prima della pubblicazione […] Scelgo il 100 per cento dei miei argomenti, ed è al 100 per cento la mia opinione. Non ho una squadra alle spalle e ho carta bianca dalla mia comunità, che si fida di me».

Lo scorso settembre, per il canale televisivo BFM TV, ha affermato di non essere quasi monitorata: «La sua comunità religiosa è comunque ben consapevole delle sue pubblicazioni sui social network. “Non controllano tutti i video, non li invio prima della pubblicazione. Si fidano comunque di me”, ha detto. […] Si rallegrano, mi incoraggiano, mi accompagnano».

2 commenti:

  1. Si può non essere d'accordo su alcuni punti ma mi sembra una persona per bene che cerca di guardare le cose con gli occhi dell'anima, non è attratta dalla gerarchia come piace ai cani ( la piramide del branco)e che come i cani si danno a pratiche impure di ogni tipo. L'abominio delle pratiche sessuali impure di molti del clero è legata al comportarsi come cani che cercano il padrone e la gerarchia con il collare al collo. Ma il cane non ragiona va per affezione e può fare danni. Se non si ha la nascita umana non si può fare vita spirituale, il ragionamento è importante come la libertà dei figli di Dio. Se si ha un corpo umano ma ci si comporta come cani è un disastro totale e infatti la gente non fa figli ma prende i cani e abbiamo questo schifo e puzza per le strade che allontana angeli e benedizioni. Il clero deve essere esempio di dignità e non di perversione. Se attaccano le femmine perché sono omosessuali o maschilisti è una vergogna.

    RispondiElimina
  2. Sono convinto che se è problematica la decadenza nel clero, nelle congregazioni femminili (soprattutto di cd vita attiva) è grandissima. E i numeri, al.solito, sono un impietoso termine di paragone.

    RispondiElimina

AVVISO AI LETTORI: Visto il continuo infiltrarsi di lettori "ostili" che si divertono solo a scrivere "insulti" e a fare polemiche inutili, AVVISIAMO CHE ORA NON SARANNO PIU' PUBBLICATI COMMENTI INFANTILI o PEDANTI. Continueremo certamente a pubblicare le critiche ma solo quelle serie, costruttive e rispettose.
La Redazione