Post in evidenza

Ora puoi... aiutare MiL

Se volete aiutare e sostenere MiL, potete fare una donazione anche piccola.   Ricordiamo ai nostri lettori infatti che MiL si sostiene solo ...

lunedì 23 gennaio 2023

NOSTRE INFORMAZIONI di mons. Eleuterio Favella: la Bolla «Cum cyclo liturgico»

Per quanto l’attività di S.E.R. Mons. Eleuterio Favella si svolga elettivamente nell’Urbe, abbiamo ricevuto per via diplomatica attraverso il Cancelliere Don Pietro Zecchini la seguente informazione ex Aedibus, che coinvolge precipuamente le istituzioni romagnole.
La comunicazione odierna segue alle fotografie del solenne ingresso nella Diocesi di Rimini e della presa di possesso canonico del ministero di Vescovo di mons. Nicolò Anselmi, ed in particolare del saluto del Sindaco di Rimini Jamil Sadegholvaad, che ha regalato una bici bianca e rossa «per sperimentare le nostre piste ciclabili» (QUI).
Sempre devotamente grati a Sua Eccellenza Reverendissima per il rinnovato privilegio della sua considerazione nel volerci segnalare alcuni documenti che altrimenti passerebbero inosservati o non verrebbero evidenziati come dovrebbero.

L.V.

NOSTRE INFORMAZIONI

La Sacra Congregazione Concistoriale, con nota diramata stamane dalla Sala Stampa della S. Sede, ha comunicato che il S. Padre, ai sensi della Bolla «Cum cyclo liturgico» emanata ai tempi del faustissimo possesso canonico dell’arcidiocesi panormitana da parte di S.E.R. mons. Corrado Lorefice, ha parimenti approvato il cattedratico presentato dal Sindaco di Rimini, a nome di quella Università, al presule eletto S.E.R. mons. Nicolò Anselmi, in occasione della cerimonia di possesso canonico della diocesi riminese, avvenuta nei giorni scorsi.

AGGIORNAMENTO:

La S. Congregazione Cerimoniale ha approvato previamente l’abito corale di S.E.R. Nicolò Anselmi, con il Decr. «Ruralis rusticaeque necnon graezzae» approvato ieri «ex audientia».


Nessun commento:

Posta un commento

AVVISO AI LETTORI: Visto il continuo infiltrarsi di lettori "ostili" che si divertono solo a scrivere "insulti" e a fare polemiche inutili, AVVISIAMO CHE ORA NON SARANNO PIU' PUBBLICATI COMMENTI INFANTILI o PEDANTI. Continueremo certamente a pubblicare le critiche ma solo quelle serie, costruttive e rispettose.
La Redazione