Post in evidenza

Ora puoi... aiutare MiL

Se volete aiutare e sostenere MiL, potete fare una donazione anche piccola.   Ricordiamo ai nostri lettori infatti che MiL si sostiene solo ...

sabato 7 gennaio 2023

Caso Rupnik: i gesuiti sloveni chiedono perdono alle vittime di padre Rupnik

E dal Vaticano (e S. Marta) ancora nulla.
QUI il Comunicato ufficiale.
QUI i post pubblicati sul caso Rupnik da MiL.
Luigi

6-1-23
(R.C. - a cura Redazione "Il sismografo") Oggi i gesuiti sloveni hanno pubblicato un comunicato sugli abusi di padre Marko Ivan Rupnik in cui chiedono perdono alle vittime del loro confratello. In particolare chiedono perdono ai membri attuali e agli ex membri della Comunità di Loyola. Inoltre aggiungono: chiunque abbia informazioni su abusi sessuali è invitato a denunciarli alle istituzioni competenti.
I gesuiti sloveni assicurano anche di accettare e condividere “l'indignazione, la rabbia e la delusione delle vittime e dei loro cari”, poiché - precisano - è chiaro che “come Provincia in passato non abbiamo saputo ascoltare le vittime e prendere le opportune azioni per chiarire le cose e porre fine alle sofferenze”.
Il Comunicato sottolinea che Rupnik lavora a Roma dal 1993 e quindi la direzione dell'ordine dei gesuiti a Roma è direttamente responsabile per lui e di lui. I gesuiti sloveni quindi, osservano: "non abbiamo informazioni dirette sul procedimento contro il suddetto confratello e le nostre possibilità di azione sono limitate".

Sostengono che le accuse siano indagate

Tuttavia chiedono che si indaghi sulle accuse contro Rupnik e invitano tutte le vittime a partecipare ai procedimenti contro gli autori di abusi sessuali. Aggiungono di essere consapevoli della difficoltà e della lunghezza dei procedimenti giudiziari ma se le vittime non vogliono parlare pubblicamente, possono presentare la domanda direttamente alle istituzioni competenti.
Allo stesso tempo, i gesuiti sloveni dichiarano di voler impegnarsi a sostenere le vittime e tutti i feriti e a collaborare con le istituzioni competenti in Slovenia e all'estero riguardo a questo e altri casi di abuso e accettano anche suggerimenti pubblici e privati ​​riguardo ulteriori passi da intraprendere.
Il documento sottolinea che padre Rupnik abbia commesso diversi abusi sessuali contro le suore della comunità di Loyola a Lubiana tre decenni fa. Le accuse contro il sacerdote, spiegano nella dichiarazione, erano state depositate lo scorso anno, ma l'organo ecclesiastico competente le ha ritenute prescritte, quindi il caso è stato archiviato.
La stampa slovena ricorda che il Vaticano ha preso provvedimenti contro Rupnik, e che già nel 2019 lo aveva scomunicato perché aveva assolto in confessione una donna che aveva avuto rapporti sessuali con lui. Come confermato dal capo dell'ordine mondiale dei gesuiti, Arturo Sosa , la misura della scomunica è stata successivamente revocata perché Rupnik ha confessato il suo peccato e se ne è pentito. Per la rimozione di tale scomunica nella Chiesa esiste solo l'autorità del Papa. (agenzie STA, APK)