Post in evidenza

Ora puoi... aiutare MiL

Se volete aiutare e sostenere MiL, potete fare una donazione anche piccola.   Ricordiamo ai nostri lettori infatti che MiL si sostiene solo ...

mercoledì 28 dicembre 2022

Caso Rupnik: analisi di un importante canonista, accuse pesantissime

Pubblichiamo di seguito la traduzione dei due articoli di Diane Montagna su Catholic Herald (QUI e QUIcon un'intervista al canonista P. Gerald Murray:
«Qualunque cosa sia accaduta, in che modo P. Rupnik "abbia receduto dalla contumacia"? Quale riparazione ha promesso di fare per lo scandalo e il danno che ha causato? (È impossibile che sia stata fatta una riparazione adeguata alla vittima nel tempo trascorso tra l'emissione della dichiarazione della CDF e la revoca della scomunica). La CDF e il preposito generale dei Gesuiti dovrebbero, nell'interesse di un'equa amministrazione della giustizia e in risposta alla ragionevole aspettativa del pubblico di responsabilità e trasparenza in materia di abusi sessuali clericali, fornire un resoconto completo di ciò che è accaduto. Questo includerebbe rivelare se la remissione della pena di scomunica è stata fatta da Papa Francesco stesso, o dalla CDF, da sola o su indicazione papale. [...] P. Sosa dovrà decidere da solo se continuare a servire come Generale dei Gesuiti dopo la rivelazione delle sue dichiarazioni fuorvianti. [...] Questo scandalo non farà altro che aggravarsi e gettare discredito sulla Chiesa se non verranno date risposte a domande importanti. [...] Lo scandalo Rupnik rivela che, nonostante le assicurazioni di trasparenza e responsabilità da parte delle autorità ecclesiastiche, la pratica di nascondere i casi di grave cattiva condotta sessuale da parte dei sacerdoti continua. P. Rupnik dovrebbe essere processato e, se riconosciuto colpevole di abusi sessuali nei confronti delle religiose in Slovenia, dovrebbe essere rimosso dal sacerdozio».
QUI i post pubblicati sul caso Rupnik da MiL.
Questa traduzione è stata realizzata grazie alle donazioni dei lettori di MiL.
Luigi

PRIMA PARTE:
Lo scandalo Rupnik: Un canonista di spicco analizza la gestione di un caso eclatante
Diane Montagna, Catholic Herald27 dicembre 2022, ore 10:42

(ROMA)
Da quando, all'inizio del mese, è scoppiato lo scandalo di Padre Rupnik - secondo cui l'artista gesuita sloveno avrebbe abusato gravemente delle religiose di una comunità che aveva contribuito a fondare - ci si è chiesti come sia stato gestito e se il Vaticano e i Gesuiti abbiano reagito con la trasparenza e la responsabilità che entrambe le istituzioni affermano di sostenere.
P. Marko Ivan Rupnik, SJ, è stato accusato di aver abusato gravemente di metà della comunità religiosa femminile di Loyola ed è stato temporaneamente scomunicato nel 2020 per il reato di aver usato il confessionale per assolvere una donna con cui aveva avuto rapporti sessuali.
Fino a che punto i Gesuiti e il Vaticano non hanno rispettato gli standard che professano? Per scoprirlo, ho parlato con P. Gerald Murray, parroco e avvocato canonico dell'arcidiocesi di New York, che si è fatto conoscere come un commentatore solido, affidabile e autorevole sugli affari della Chiesa.

Attingendo alla sua esperienza di canonista, nella prima parte di questa intervista in due parti, discutiamo della scomunica temporanea di P. Rupnik, delle varie richieste di dimissioni del capo dei Gesuiti e di come mai il Vaticano abbia deciso di non perseguire P. Rupnik per abusi seriali quando solo due anni prima era stato condannato per uno dei crimini più gravi della Chiesa.

Ecco quindi la prima parte della mia intervista con P. Gerald Murray.

Diane Montagna (DM): La scorsa settimana il preposito generale della Compagnia di Gesù, Padre Arturo Sosa, ha ammesso ai giornalisti che la Congregazione per la Dottrina della Fede (CDF) aveva dichiarato scomunicato P. Rupnik al termine del processo canonico 2019-2020 per il reato di aver assolto un complice in confessione. P. Sosa ha detto che P. Rupnik ha riconosciuto il crimine e si è pentito, e quindi la scomunica è stata revocata. P. Murray, è questo il processo per la revoca di una scomunica automatica? Chi ha l'autorità di revocarla? E Papa Francesco avrebbe dovuto essere coinvolto?

P. Gerald Murray (GM): La remissione, o la revoca, di una pena di scomunica automatica (latae sententiae) per l'assoluzione di un partner in un peccato contro il sesto comandamento (canoni 977 e 1384) è riservata alla Sede Apostolica, cioè al Papa stesso o alla Congregazione per la Dottrina della Fede (CDF). P. Rupnik è stato dichiarato dalla CDF essere incorso in questa pena automatica a seguito di un'indagine sull'accusa di aver commesso questo crimine canonico.

Il canone 1347 recita: "§ 1. Non si può imporre validamente una censura se prima il trasgressore non ha ricevuto almeno un ammonimento di recedere dalla contumacia e non gli è stato concesso un tempo adeguato per farlo. § 2. Si dice che il colpevole abbia receduto dalla contumacia se si è veramente pentito dell'offesa e ha riparato adeguatamente allo scandalo e al danno, o almeno ha promesso seriamente di farlo".

Dato che la pena è stata dichiarata dalla CDF come essere stata automaticamente incorsa, il che è simile a una pena non automatica inflitta dalla CDF, è probabile che P. Rupnik non abbia ammesso la colpa del crimine, "recedendo dalla contumacia", il che significa abbandonare il suo contumace e ostinato rifiuto di fare tale ammissione. Se avesse "receduto dalla contumacia", avrebbe contemporaneamente chiesto alla CDF di revocare la scomunica automatica, che avrebbe riconosciuto essere stata incorsa da lui nel momento in cui ha dato l'assoluzione illegale. Non sarebbe stata necessaria alcuna dichiarazione della pena di scomunica, in quanto egli era pentito, e la pena sarebbe stata rimessa in conformità al canone 1358. Le dichiarazioni di pene automatiche vengono fatte per indurre il colpevole a smettere di essere contumace e a pentirsi, e anche per avvertire i fedeli del crimine commesso dal colpevole.

P. Sosa, il preposito generale dei Gesuiti, ha dichiarato ad AP che P. Rupnik si è pentito. Se dobbiamo credere a un articolo pubblicato su Messainlatino.com, la scomunica è stata revocata da Papa Francesco il giorno stesso della dichiarazione. È improbabile, ma non impossibile, che a poche ore dall'emissione della dichiarazione di scomunica automatica, la CDF di sua iniziativa abbia revocato la sanzione. Questo scenario presuppone che la CDF sia stata in comunicazione con P. Rupnik, che ha fatto un'ammissione di colpa, ha manifestato il suo pentimento e ha reso nota la sua intenzione di riparare, e che la CDF abbia ritenuto che questo fosse un motivo sufficiente per revocare così rapidamente la pena della scomunica.

Qualunque cosa sia accaduta, in che modo P. Rupnik "abbia receduto dalla contumacia"? Quale riparazione ha promesso di fare per lo scandalo e il danno che ha causato? (È impossibile che sia stata fatta una riparazione adeguata alla vittima nel tempo trascorso tra l'emissione della dichiarazione della CDF e la revoca della scomunica). La CDF e il preposito generale dei Gesuiti dovrebbero, nell'interesse di un'equa amministrazione della giustizia e in risposta alla ragionevole aspettativa del pubblico di responsabilità e trasparenza in materia di abusi sessuali clericali, fornire un resoconto completo di ciò che è accaduto. Questo includerebbe rivelare se la remissione della pena di scomunica è stata fatta da Papa Francesco stesso, o dalla CDF, da sola o su indicazione papale.

(DM): La sentenza di scomunica avrebbe dovuto essere pubblicata dalla Congregazione per la Dottrina della Fede per il bene dei fedeli e della vittima, anche se è stata revocata?

(GM): La pubblicazione della dichiarazione della pena di scomunica automatica, in concomitanza con la pronuncia della CDF, sarebbe servita a difendere le rivendicazioni della vittima di P. Rupnik e a mettere in guardia i fedeli dalle gravi offese commesse da un sacerdote molto conosciuto e visibile. Forse questo era previsto, ma non è avvenuto in seguito alla remissione della pena. Tuttavia, i Gesuiti hanno imposto delle restrizioni alle attività sacerdotali di P. Rupnik, che egli ha ignorato. Il pubblico non è stato informato di queste restrizioni, e queste evidentemente non sono state applicate dai superiori dei Gesuiti, il che ha permesso a P. Rupnik di continuare a svolgere varie attività limitate con partecipanti ignari che non sapevano nulla del potenziale pericolo rappresentato da lui.

(DM): Perché il reato di assolvere un complice in confessione è considerato dalla Chiesa così grave da comportare la scomunica?

(GM): Questo crimine è particolarmente odioso e costituisce un grave abuso del sacramento della penitenza, in quanto il sacerdote colpevole si avvale del suo potere sacerdotale per indurre qualcuno a commettere un grave peccato con la promessa che assolverà la persona che ha peccato con lui, cercando così di vincere ogni possibile resistenza al suo malvagio intento. Il sacerdote si sta prendendo gioco del sacramento, demoralizzando e scandalizzando ulteriormente la persona con cui sta peccando gravemente.

(DM): Abbiamo appreso dall'ammissione di P. Sosa ai giornalisti che le restrizioni a P. Rupnik sono state imposte alla conclusione del processo canonico del 2019 e non, come precedentemente sostenuto, dopo le accuse di abusi alle religiose slovene del 2021, caso che non è stato perseguito a causa della prescrizione. Ora si chiede che P. Sosa si dimetta per la sua mancanza di trasparenza sul caso Rupnik. Pensa che dovrebbe dimettersi?

(GM): P. Sosa ha rilasciato un'intervista al sito web in lingua portoghese 7 Margens, pubblicata il 7 dicembre, una settimana prima della sua ammissione all'AP che P. Rupnik era stato scomunicato per un precedente reato di abuso sessuale. Nell'intervista ha dichiarato: "Non nascondiamo nulla". Gli è stato chiesto se l'allontanamento di P. Rupnik dalla direzione del Centro Aletti fosse una delle misure prese contro di lui in seguito alle accuse del 2021. P. Sosa ha risposto: "È successo molto prima. Ha lasciato il Centro Aletti più di un anno fa per motivi interni all'organizzazione del centro, perché era già da tempo al lavoro e aveva già molti obblighi con il suo lavoro artistico".

In realtà, in questa intervista P. Sosa ha nascosto il fatto che P. Rupnik era stato scomunicato nel caso del 2020, che riguardava abusi sessuali su una novizia religiosa. Anche le accuse del 2021 riguardavano abusi sessuali su religiose. È inoltre difficile credere che l'abbandono della direzione del Centro Aletti da parte di P. Rupnik sia dovuto semplicemente al fatto che era lì da molto tempo e ai suoi impegni, e non al fatto che era stato scomunicato per una grave violazione del diritto canonico che riguardava l'abuso sessuale di una religiosa novizia. Il sito web del centro lo indica ancora come direttore dell'Atelier di Arte Spirituale e dell'Atelier di Teologia.

P. Sosa ha anche affermato che, una volta ricevute le accuse del 2021, la Compagnia di Gesù "ha immediatamente preso provvedimenti proporzionati ai fatti". A P. Marko Rupnik è stato proibito di ascoltare le confessioni, di dirigere gli esercizi spirituali, di dare direzione spirituale e di fare qualsiasi dichiarazione pubblica, insegnamento e qualsiasi attività di questo tipo che doveva essere autorizzata dal suo superiore locale". P. Sosa ha dichiarato all'AP una settimana dopo che in realtà le restrizioni erano state imposte a P. Rupnik in seguito al caso del 2020 e non erano quindi in risposta ai casi del 2021.

P. Sosa dovrà decidere da solo se continuare a servire come Generale dei Gesuiti dopo la rivelazione delle sue dichiarazioni fuorvianti.

(DM): Ritiene che P. Sosa abbia violato il motu proprio di Papa Francesco del 2019, Vos Estis, che ha stabilito norme per garantire che i vescovi e i superiori religiosi siano ritenuti responsabili per come gestiscono i casi di abuso sessuale?

(GM): Vos Estis afferma all'articolo 1 che, in quanto capo della Compagnia di Gesù, P. Sosa è tenuto a evitare "azioni o omissioni volte a interferire o evitare indagini civili o indagini canoniche, sia amministrative che penali, contro un chierico o un religioso in merito ai delitti di cui alla lettera (a) del presente paragrafo". Per delitto si intende un crimine canonico, che comprende "costringere qualcuno, con violenza o minaccia o con abuso di autorità, a compiere o a sottomettersi ad atti sessuali; compiere atti sessuali con un minore o una persona vulnerabile".

P. Sosa, per quanto ne sappiamo da ciò che è stato riportato, non ha fatto nulla per interferire con le indagini civili o canoniche. Le sue risposte incomplete all'inizio su ciò di cui P. Rupnik era accusato sono state fuorvianti, ma non costituiscono un crimine canonico di interferenza.

(DM): Secondo Il Messaggero, il reato di P. Rupnik di aver usato il confessionale per assolvere una donna con cui aveva avuto rapporti sessuali è avvenuto nel 2015. Dobbiamo credere che la CDF abbia effettivamente accantonato le accuse del 2021  riguardanti le suore slovene perché risalivano agli anni '90 e non potevano essere perseguite a causa della prescrizione, quando invece è emerso che i presunti crimini e abusi di P. Rupnik si estendono per più di 25 anni?

(GM): La decisione della CDF di non rinunciare alla prescrizione per perseguire le accuse del 2021 è sconcertante, dato che la CDF era a conoscenza della sua precedente condanna canonica. La causa della giustizia sarebbe stata servita perseguendo nel 2021 queste gravi accuse che, data la fedina penale canonica di P. Rupnik, godevano di un'alta presunzione di veridicità. Un processo canonico avrebbe anche forse incoraggiato altre persone che potrebbero essere state oggetto delle depredazioni di P. Rupnik a farsi avanti. È molto probabile che il comportamento abusivo di P. Rupnik non fosse limitato alle vittime conosciute.

Le religiose slovene meritano di avere il loro giorno in tribunale. Se le loro affermazioni saranno giudicate veritiere, saranno sostenute dalla Santa Sede e non saranno lasciate nella posizione di vedersi negare lo stesso accesso al sistema di giustizia penale della Chiesa che è stato concesso ad altri accusatori per i quali la prescrizione è stata annullata.

La CDF ha il potere di rinunciare alla prescrizione e di riavviare il processo intentato dalle suore slovene contro P. Rupnik. Considerando ciò che sappiamo ora della sua turpitudine morale, ciò dovrebbe avvenire immediatamente.

SECONDA PARTE:
Scandalo Rupnik: il gesuita deve essere processato, dice il canonista di New York
Diane Montagna, Catholic Herald, 28 dicembre 2022, ore 13:55

(ROMA)
Padre Marko Ivan Rupnik dovrebbe essere processato e qualsiasi coinvolgimento di Papa Francesco nel dare istruzioni al Vaticano o ai Gesuiti su come gestire il caso dovrebbe essere reso noto "prima e non dopo", ha detto il canonista Gerald Murray.

In questa seconda parte dell'intervista in due parti del Catholic Herald (per la prima parte, vedi qui) con il sacerdote newyorkese, discutiamo della scioccante intervista che una presunta vittima di P. Rupnik ha recentemente rilasciato ai media italiani, della versione dei Gesuiti sugli eventi che hanno portato alla scomunica del sacerdote sloveno e del potenziale coinvolgimento di Papa Francesco nello scandalo Rupnik.

Diane Montagna (DM): P. Murray, una delle presunte vittime di P. Rupnik, un'ex religiosa della comunità Loyola, ha parlato in una nuova intervista ai media italiani descrivendo nei dettagli gli abusi sessuali, psicologici e spirituali subiti. Secondo le sue accuse, gli abusi sono iniziati un anno dopo l'ordinazione di P. Rupnik.

Padre Gerald Murray (GM): La testimonianza dell'ex religiosa sulle azioni di P. Rupnik è profondamente preoccupante. Le accuse che la religiosa rivolge a P. Rupnik di grave turpitudine morale, di empia manipolazione della sua coscienza e di persistente coercizione a partecipare ad atti gravemente immorali sotto una veste pseudo-religiosa avrebbero dovuto chiaramente meritare l'annullamento della prescrizione da parte della Congregazione per la Dottrina della Fede (CDF). Ora dovrebbe essere perseguito.

(DM): In seguito alle crescenti pressioni per una maggiore trasparenza, il 18 dicembre i Gesuiti hanno pubblicato una cronologia degli eventi relativi al processo canonico che ha portato alla scomunica temporanea di P. Rupnik. Secondo la cronologia, nel gennaio 2020 i giudici hanno giudicato all'unanimità P. Rupnik colpevole del reato di aver assolto un complice in confessione. Tuttavia, solo nel maggio 2020 la CDF ha dichiarato che P. Rupnik "era nello stato di scomunica latae sententiae". Secondo la cronologia dei Gesuiti, la scomunica è stata revocata da un decreto della CDF "più tardi nello stesso mese". Ciononostante, il 6 marzo 2020 P. Rupnik - che a quel punto era stato condannato per un reato molto grave - ha tenuto una riflessione spirituale quaresimale televisiva nel Palazzo Apostolico per i funzionari della Curia romana. Come è possibile?

(GM): Sono sconcertato e sbalordito dal ritardo di 4-5 mesi tra l'accertamento della colpevolezza di P. Rupnik da parte della giuria e la dichiarazione della CDF che P. Rupnik è incorso nella scomunica automatica. Quale possibile interesse della giustizia è stato servito da questo ritardo? È stato riconosciuto colpevole del doppio crimine canonico di aver avuto rapporti sessuali con una religiosa e di averle dato l'assoluzione; eppure è stato lasciato libero per tutto questo tempo di commettere gli stessi crimini. La decisione dei giudici è stata certamente comunicata ai vertici della CDF a gennaio, eppure P. Rupnik è stato invitato a predicare una riflessione spirituale ai membri della Curia romana a marzo. Il Cardinale Ladaria era presente? Ha trascurato di informare Papa Francesco della decisione unanime dei giudici non appena ne è venuto a conoscenza a gennaio? Ha discusso di questo deplorevole invito con qualcuno, prima o dopo lo svolgimento dell'evento? A queste e ad altre gravi domande occorre dare una risposta.

La cronologia dei Gesuiti rivela anche che, nel caso delle accuse del giugno 2021, i Gesuiti hanno commissionato un'indagine indipendente nel luglio 2021. Gli investigatori sono giunti alla conclusione, nel gennaio 2022, che le accuse mosse a P. Rupnik dovevano essere perseguite e hanno informato la CDF. La CDF ha poi impiegato tra i nove e i dieci mesi per emettere la decisione di non perseguire il caso a causa della prescrizione. Perché questo lungo ritardo? Data la punizione di P. Rupnik da parte della CDF un anno e mezzo prima, in che modo la giustizia è stata servita da un procedimento così dilatorio e da una decisione di non procedere dovuta a un cavillo legale che avrebbe potuto essere facilmente annullato?

(DM): A metà dicembre la Associate Press ha chiesto a P. Sosa, il preposito generale dei Gesuiti, che cosa sapesse Papa Francesco del caso Rupnik o se fosse intervenuto. Padre Sosa ha risposto che "potrebbe immaginare" che il Cardinale Ladaria, in qualità di prefetto della CDF, avrebbe informato il Papa di una tale decisione. Cosa ne pensate?

(GM): È difficile immaginare che il Cardinale Ladaria non abbia informato Papa Francesco della dichiarazione da parte della CDF della scomunica automatica subita da P. Rupnik, dato l'approccio pratico di Papa Francesco alle questioni del personale e i rapporti manifestamente amichevoli con P. Rupnik-CWS riporta che "nel 2016 Papa Francesco ha celebrato la Messa al Centro Aletti per celebrare il 25° anniversario del centro. Nel 2020, P. Rupnik ha preso il posto del Cardinale Raniero Cantalamessa, predicatore della casa pontificia, nel pronunciare una predica del venerdì di Quaresima al Papa e ai membri della Curia romana. Padre Sosa, in qualità di generale dei Gesuiti, ne è venuto a conoscenza. Papa Francesco non ne è stato informato dal Cardinale Ladaria? Spetta al Cardinale Ladaria rispondere a questa domanda, nell'interesse di spiegare come si è arrivati alla remissione della pena di scomunica in tempi che sembrano record.

(DM): E se il silenzio dei Gesuiti e della CDF fosse finalizzato a proteggere Papa Francesco?

(GM): È inevitabile che Papa Francesco venga interpellato su questo caso, sia in un'intervista individuale da parte di un giornalista, che ha concesso spesso durante il suo pontificato, sia durante la conferenza stampa di bordo al suo ritorno a Roma dal viaggio apostolico nella Repubblica Democratica del Congo e nel Sud Sudan, previsto dal 31 gennaio al 5 febbraio 2023. Sarebbe un vantaggio per tutti coloro che sono turbati dalle rivelazioni riguardanti P. Rupnik sentire al più presto da Papa Francesco qualsiasi coinvolgimento che egli possa aver avuto nel dirigere la CDF o i Gesuiti su come dovevano essere gestite le varie questioni. Se Papa Francesco non è stato coinvolto, allora il Prefetto della CDF, il Cardinale Ladaria, dovrebbe spiegare cosa ha fatto la CDF e perché l'ha fatto. Lo stesso vale per la leadership dei Gesuiti.

(DM): Cosa crede che debba accadere da qui in poi?

(GM): Come ho detto, la CDF deve spiegare perché non ha rinunciato alla prescrizione, come ha il potere di fare, per quanto riguarda le accuse del 2021. I reati sarebbero stati commessi negli anni Ottanta. Dato che la CDF era a conoscenza del fatto che P. Rupnik era stato giudicato colpevole di abusi sessuali su una novizia nel periodo successivo alla sua partenza dalla Slovenia e al suo trasferimento in Italia, tale rinuncia sarebbe stata una pratica normale secondo il modus operandi seguito dalla CDF in casi simili. Le esigenze della giustizia sarebbero state ben servite se le richieste delle religiose slovene fossero state esaminate con diligenza, tenendo conto della storia dimostrata di P. Rupnik di abusi sessuali su una religiosa sotto la sua influenza spirituale. Questo scandalo non farà altro che aggravarsi e gettare discredito sulla Chiesa se non verranno date risposte a domande importanti.

(DM): Qualche considerazione finale?

(GM): Lo scandalo Rupnik rivela che, nonostante le assicurazioni di trasparenza e responsabilità da parte delle autorità ecclesiastiche, la pratica di nascondere i casi di grave cattiva condotta sessuale da parte dei sacerdoti continua. P. Rupnik dovrebbe essere processato e, se riconosciuto colpevole di abusi sessuali nei confronti delle religiose in Slovenia, dovrebbe essere rimosso dal sacerdozio.

Nessun commento:

Posta un commento

AVVISO AI LETTORI: Visto il continuo infiltrarsi di lettori "ostili" che si divertono solo a scrivere "insulti" e a fare polemiche inutili, AVVISIAMO CHE ORA NON SARANNO PIU' PUBBLICATI COMMENTI INFANTILI o PEDANTI. Continueremo certamente a pubblicare le critiche ma solo quelle serie, costruttive e rispettose.
La Redazione