Post in evidenza

MiL ha bisogno di voi lettori: DONAZIONI

A sx (nella versione per pc) e su palmare (voce " Donazione ") troverete la possibiltà di donare. Vi speghiamo il perchè.  Potrete...

giovedì 17 febbraio 2022

Principi di base per la creazione di un altare cattolico domestico che imita più da vicino il suo omonimo ecclesiale (e tradizionale) - prima parte

Abbiamo letto sulla pagina Facebook The Home Oratory un interessante contributo sull’«altare domestico», corredato da belle immagini esplicative: un piccolo angolo di preghiera nelle nostre case dove possiamo dire il rosario, offrire preghiere mattutine o notturne, e accendere una candela ogni tanto.
Dopo la lunga chiusura delle chiese nell’inverno-primavera 2020 e con il motu proprio Traditionis custodes che aleggia minaccioso sui coetus fidelium tradizionali in tutto il mondo, traiamo spunto da queste indicazioni ed immagini, per ricreare un angolo di cattolica serenità nelle nostre famiglie.
Vi proponiamo la nostra traduzione del post, che annuncia una continuazione.

L.V.

È una tradizione delle famiglie cattoliche romane designare un luogo sacro nella loro casa dove possono pregare o stare in silenzio alla presenza di Dio. Questo è comunemente noto come «altare domestico». Il termine «altare domestico» può sembrare intimidatorio, ma in realtà non è altro che uno spazio di preghiera dedicato alla vostra casa.

«Mentre naturalmente non possiamo offrire la Messa o altri riti in questi spazi sacri (come fanno i nostri sacerdoti e vescovi in edifici sacri), ci si aspetta comunque che ci uniamo a questi riti nello spirito, fino al punto di rendere le nostre case un’estensione spirituale e persino fisica delle nostre parrocchie nel mondo secolare» (L’altare domestico attraverso l’anno liturgico, FSSP).

La Sacrosanctum Concilium ci dice che «nella liturgia terrena (cioè la Santa Messa) prendiamo parte ad un assaggio di quella liturgia celeste che si celebra nella città santa di Gerusalemme verso la quale andiamo come pellegrini» (SC 8). Se è così, allora possiamo dedurre che la logica conseguenza è che partecipiamo a un’anticipazione della sacra liturgia celebrata nelle nostre parrocchie locali e ci uniamo spiritualmente ad essa estendendola alle nostre case (la chiesa domestica) con l’uso di uno spazio di preghiera dedicato.

E se è vero che non c’è una formula rigorosa per allestire un altare domestico, è importante che facciamo attenzione nel progettarlo e nello scegliere come decorarlo. Si può dire che fare un altare domestico è un atto sacro, e quindi dovrebbe essere affrontato con un certo grado di riverenza. Inoltre, è una buona pratica aspirare a che questi spazi sacri nelle case siano più simili al loro tradizionale omonimo ecclesiale, e non solo uno spazio di stoccaggio statico per i nostri rosari e libri di preghiera.

In definitiva, un altare domestico è uno spazio fisico che favorisce la preghiera e ci ricorda la presenza di Dio ogni volta che lo si vede o ci si passa davanti. Se desiderate creare uno spazio sacro in casa che funzioni non solo come luogo fisico per invitarvi e incoraggiarvi a pregare, ma che serva anche come potente strumento di insegnamento per farvi apprezzare la sacra liturgia nel comfort delle vostre case ben oltre il tempo in cui siete presenti a Messa, allora ecco alcune idee per iniziare:

1. Stabilite l’oggetto principale del vostro spazio di preghiera: il tavolo dell’altare.


L’oggetto principale del vostro spazio di preghiera è l’altare da tavolo, che, per comodità, chiameremo in seguito «finta mensa».

Una nota importante:

È corretto trattare i nostri altari domestici solo se sono rappresentazioni degli altari reali nei santuari delle nostre chiese, che rappresentano Cristo stesso.



Di conseguenza, se si costruisce un altare domestico su misura (ad esempio, sopra un televisore, un tavolo o un mobile) e una volta che lo si è stabilito come spazio di preghiera, sarebbe improprio usarlo per qualsiasi altro scopo. Non dovrebbe essere un posto dove mettere il telefono, il portafoglio, le monete di ricambio, le chiavi della macchina o altri oggetti non religiosi in casa – dovrebbe essere uno spazio di preghiera e niente di più.

2. Potresti voler allestire un «gradino».


Un gradino è una sporgenza o una mensola sul retro di un altare (costruito con una serie di gradini bassi) su cui vengono posti il crocifisso, i candelabri, le statue, i fiori e i reliquiari.

3. Scegliete uno sfondo per il vostro altare da tavola e il gradino.

Il tuo altare domestico può avere come sfondo un dipinto o un ricco drappo appeso di arazzo. Tieni presente che lo sfondo è solo un accessorio del tuo altare domestico, e quindi non deve essere così ornato da distrarre dalla maggiore importanza dell’altare da tavola.

Molto spesso un pezzo di stoffa (un dossal) è appeso al muro, formando uno sfondo per l’altare.
Questo drappo può essere cambiato per corrispondere al sole del giorno (secondo il calendario liturgico) o può rimanere di un solo colore.

4. Mettere un crocifisso (non una croce nuda)

Il crocifisso è l’oggetto più importante del tuo altare domestico. Dovrebbe portare l’immagine del Cristo crocifisso (corpus). Il crocifisso ci ricorda che non c’è risurrezione senza la croce. «Noi proclamiamo Cristo crocifisso, pietra d’inciampo per i Giudei e stoltezza per i Gentili» (1 Cor 1, 23).

Il crocifisso potrebbe essere dello stesso materiale dei candelabri per i giorni di festa, e di disegni meno ornati nelle stagioni penitenziali, il Venerdì Santo e il giorno dei morti.


Posizionamento del Crocifisso

Il Crocifisso dovrebbe stare sul gradino (o sulla finta mensa se si preferisce non avere un gradino) al centro, e se possibile, in linea con i candelabri.


5. Scegliere i candelieri giusti.

Se volete implementare un look più tradizionale sul vostro altare domestico, allora i candelieri che usate devono essere singoli, non staffe attaccate al muro o candelabri. Per quanto possibile, dovrebbero avere una forma tradizionale, avendo una base, uno stelo con il suo nodo e un portacandele in cima.

Tipo di candelieri

Se possibile, i candelieri dovrebbero corrispondere al Crocifisso nel materiale e nello stile, in modo da formare con esso un unico insieme.
I candelieri usati con candele non sbiancate dovrebbero essere scuri, quando possibile. Questo tipo di candelieri deve essere usato il Venerdì Santo e il Giorno dei morti.

Disposizione dei candelieri

I candelieri possono essere disposti in ordine crescente, il più alto essendo più vicino al crocifisso, o possono essere di uguale altezza. [Il vecchio requisito che i candelieri debbano essere di altezza graduata, il più alto vicino al Crocifisso, sembra essere caduto in disuso, e oggi, i sei candelieri (o «alti») sono quasi sempre di altezza uniforme e su un unico livello - E. Ryan, Le candele nel Rito Romano, 1934]

Colore delle candele

Normalmente si usano candele «sbiancate» o bianche. Tuttavia, si raccomanda di usare candele non sbiancate o di colore giallo per il giorno dei morti, quando si prega la Tenebra nelle proprie case, e il Venerdì Santo.

Numero di candele

Se desiderate che il vostro altare domestico abbia un aspetto più tradizionale ed esteticamente gradevole, allora ci dovrebbero essere almeno quattro candele sul vostro altare da tavolo (sei dovrebbe essere la disposizione più tradizionale). Tuttavia, se questo allestimento è troppo costoso, allora un minimo di due sarebbe sufficiente.


6. La tovaglia d’altare


La tua finta mensa dovrebbe essere coperta da una tovaglia d’altare (preferibilmente di lino).
La tovaglia d’altare è un simbolo per il sudario di Gesù Cristo: «E prendendolo giù, lo avvolse in lino fine e lo pose in un sepolcro di pietra, dove non era mai stato deposto nessun uomo» (Luca 23, 53).

6.1 - I tessuti dell’altare domestico


A seconda delle vostre risorse e preferenze personali per il vostro altare domestico, potete scegliere di avere uno o entrambi questi:
1) un vesperale, o
2) un paliotto (frontale)

Vesperale

Nel contesto del suo utilizzo per i vostri altari domestici, il vesperale è una copertura che può essere posta sopra la vostra finta mensa per proteggerla dalle gocce di candela e dalla polvere. Il colore del vostro vesperale può dipendere dal periodo liturgico appropriato (o dalla festa).


Quando il vesperale è posto sulla tua finta mensa, indica simbolicamente che il tuo spazio di preghiera è a riposo; quindi, devi toglierlo prima di iniziare le tue preghiere (e rimetterlo a posto una volta che hai finito).


Paliotto


Puoi anche usare un paliotto per indicare il cambiamento delle stagioni dell’anno liturgico nel tuo spazio sacro. Un paliotto è un appendino per la parte anteriore del vostro altare da tavola. Può essere fatto di qualsiasi tessuto prezioso, come la seta o il damasco.

Per motivi estetici, è meglio che il paliotto sia ornato con fasce di broccato, trecce o frange.


Se possibile, il colore del vesperale o del paliotto dovrebbe essere quello della festa del giorno. Il bianco può essere usato per tutti i colori, tranne il viola o il nero. L’oro può essere usato nelle occasioni più solenni. Il giorno dei morti si usa il nero (il viola può essere un sostituto).


La spogliazione dell’altare domestico


La sera del Giovedì Santo, si dovrebbe spogliare il proprio altare domestico del vesperale e/o del paliotto, e di altri ornamenti, in modo che non rimanga altro che il crocifisso e i candelabri con le candele spente.


Come detto in precedenza, gli altari nelle nostre chiese rappresentano Cristo, e se i nostri altari domestici servono come un collegamento tangibile e visibile con le nostre parrocchie, allora la «cerimonia» di spogliazione dei vostri spazi di preghiera ci ricorda che Egli fu spogliato delle sue vesti quando cadde nelle mani dei Giudei e fu esposto nudo ai loro insulti.

7. Statue e reliquie

Reliquie e statue sono raccomandate per essere collocate per le feste maggiori.


7.1 - Statue / Statuette

Le statue possono essere in resina o in legno di dimensioni adeguate. Devono rappresentare persone canonizzate o beatificate.


Una nota importante:

Quando sono collocate sull’altare da tavola, le statue non possono rappresentare aureole o altri segni di santità coloro che non sono canonizzati o almeno beatificati. Non devono essere strane, dogmaticamente errate, irrispettose o fonte di errore per gli ignoranti.


7.1 - Statue / Statuette

Alcune statue possono rimanere lì tutto l’anno – (ad esempio, il santo patrono a cui è dedicato il vostro altare domestico), ma è sempre una buona pratica che le altre siano ruotate all’inizio di ogni mese (a seconda del calendario santorale), o che siano poste sull’altare da tavola solo nel giorno della festa effettiva del santo.
Quando arriva la festa di ogni santo, l’immagine appropriata può essere spostata al centro dell’altare da tavolo e una candela votiva posta davanti ad essa.

Nel giorno di Passione

Dalla mattina del sabato che precede la domenica di Passione (cioè la quinta domenica di Quaresima) fino alla domenica di Pasqua, le statue e le immagini di Nostro Signore e dei santi (e soprattutto il crocifisso) devono essere coperte con un velo viola (o devono essere tenute nascoste).


Il giorno di Ognissanti

Nella Veglia di Ognissanti, ogni singola statua (e reliquiario) deve essere posta sull’altare di casa.


7.2 - Reliquiari

Il reliquiario appropriato può essere spostato al centro dell’altare della tavola e almeno due candele devono bruciare davanti a loro il giorno della festa del santo.


8 - Fiori

I fiori possono essere usati sull’altare da tavola come ornamento, ma non devono sminuire l’altare da tavola stesso o i suoi elementi essenziali. Dovrebbero essere limitati per le feste più importanti.


Preferibilmente, i fiori dovrebbero essere posti sul gradino; altrimenti, possono essere posti sull’altare da tavola vero e proprio. Dovrebbero essere collocati tra i candelabri, e questo spazio dovrebbe essere sufficiente. Non possono essere collocati davanti al crocifisso.


Restrizioni sull’uso dei fiori:

Durante le stagioni penitenziali, il giorno dei morti e i giorni della settimana santa (dal lunedì santo al sabato santo), non si devono usare fiori sull’altare domestico (eccetto le domeniche Gaudete e Laetare, la veglia di Natale e Pasqua).


- DA CONTINUARE -

Nessun commento:

Posta un commento

L'inserimento senza moderazione dei commenti è limitato ai soli post usciti nella medesima giornata di inserimento e nel giorno precedente. Per i post più vecchi, i commenti saranno sottoposti a moderazione.
Qualora fosse attiva la moderazione, possono passare anche alcuni giorni prima del controllo da parte della Redazione.